La politica estera della Russia entra in una nuova fase allineata con la Cina


Mosca sta ridefinendo le sue relazioni con la Germania, l’Europa e il resto del mondo in vista della sua alleanza con Pechino

di MK Bhadrakumar (*)

Non sorprende che la dichiarazione congiunta rilasciata a Mosca l’11 settembre riservi il suo passaggio più potente sulla “raison d’être” dell’alleanza russo-cinese nella situazione internazionale emergente, ricordando la loro storica lotta contro il nazismo e l’imperialismo giapponese:

“L’Unione Sovietica e la Cina sono state le più colpite dal nazismo e dal militarismo e hanno sopportato il peso maggiore della resistenza agli aggressori. Al prezzo di enormi perdite umane, hanno fermato, messo in rotta e distrutto gli occupanti, mostrando in questa lotta un sacrificio e un patriottismo senza precedenti.

“Le nuove generazioni sono profondamente in debito nei confronti di coloro che hanno rinunciato alla propria vita per amore della libertà e dell’indipendenza, e per il trionfo del bene, della giustizia e dell’umanità. Entrando in una nuova era, le attuali relazioni Russia-Cina di partnership globale e cooperazione strategica hanno una caratteristica potente e positiva del vero cameratismo sviluppato sui campi di battaglia della seconda guerra mondiale.
“È un sacro dovere di tutta l’umanità preservare la verità storica su quella guerra. Russia e Cina combatteranno congiuntamente tutti i tentativi di falsificare la storia, glorificare i nazisti, i militaristi ei loro complici e offuscare i vincitori. I nostri paesi non permetteranno a nessuno di rivedere i risultati della seconda guerra mondiale “.

In effetti, l’analogia storica porta profondi echi nella situazione attuale in Europa e nella regione Asia-Pacifico. Il governo tedesco accusa apertamente lo stato russo di avvelenare il politico dell’opposizione Alexei Navalny e minaccia la Russia di sanzioni.

La lingua della Germania nei confronti della Russia è cambiata radicalmente. Non è più frenato da alcun senso di colpa che il sangue di 25 milioni di cittadini sovietici sia sulle sue mani. Parla come se stesse già pianificando la prossima campagna militare contro Mosca.
Soprattutto, come è successo una volta negli anni ’30, altre potenze occidentali, nella loro ossessione di contenere Russia e Cina, non solo chiudono un occhio sul crescente militarismo in Germania e Giappone, ma lo incoraggiano di nascosto.

Russia Cina esercitazioni militari


La diplomazia russa, che ha una gloriosa tradizione nella storia moderna, non fa le sue mosse accidentalmente o impulsivamente. La coscienza storica è intensa. I ricordi del passato e del presente giacciono profondamente radicati, irrimediabilmente impigliati nella coscienza collettiva.
Un fatto poco notato è che la dichiarazione russo-cinese dell’11 settembre è stata rilasciata alla vigilia del 30 ° anniversario del Trattato sull’accordo finale con riguardo alla Germania .

Il cosiddetto “Trattato 2 + 4”, firmato a Mosca il 12 settembre 1990, tra la Repubblica Federale di Germania e la Repubblica Democratica Tedesca – con gli alleati dell’ex Seconda Guerra Mondiale l’URSS, gli USA, la Gran Bretagna e la Francia come co -firmatari – formalizzò l’unificazione della Germania, che era stata una nazione divisa nei quattro decenni e mezzo precedenti.
Senza dubbio, la dichiarazione congiunta rilasciata a Mosca l’11 settembre di quest’anno preannuncia una nuova fase nella politica estera russa nell’era del dopo Guerra Fredda, soprattutto per quanto riguarda le relazioni russo-tedesche e le relazioni della Russia con l’Europa e l’ordine mondiale in generale.

La questione che attira l’attenzione qui è che Mosca ha deciso di intraprendere questo nuovo viaggio tenendo per mano la Cina. Ciò è di grande importanza per la politica europea, eurasiatica e internazionale nel suo complesso.
Due giorni dopo la dichiarazione congiunta, il 13 settembre, il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov è apparso sulla prestigiosa piazza Rossa al Cremlino. E’ stato messo in programma dal canale televisivo statale Rossiya-1, una intervista dove gli è stato chiesto dello spettro delle sanzioni occidentali che ancora una volta perseguitano la Russia all’ombra del “caso Navalny” e del progetto del gasdotto Nord Stream 2 in particolare, con la Germania in testa ruolo.

Il cancellire russo Sergej Lavorv


Lavrov ha riassunto il profondo disincanto della Russia nei confronti dei suoi partner europei con le seguenti parole:
“In linea di principio, la risposta geopolitica in questi anni è consistita nel riconoscere che i nostri partner occidentali erano inaffidabili, inclusi, purtroppo, membri dell’Unione Europea. Avevamo molti piani di vasta portata e ci sono documenti che stabiliscono il percorso per lo sviluppo delle relazioni con l’UE nel settore dell’energia e dell’alta tecnologia e per il rafforzamento della cooperazione economica in generale.

“Condividiamo un unico spazio geopolitico. Considerando la nostra geografia, logistica e infrastrutture condivise in tutto il continente eurasiatico, beneficiamo di un vantaggio comparativo sostanziale.
“Sarebbe certamente un grave errore per noi e l’Unione europea, così come per altri paesi in questo spazio, tra cui SCO, EAEU e ASEAN, che è anche vicina, non utilizzare i nostri vantaggi geopolitici e geoeconomici comparativi in un mondo sempre più competitivo. Sfortunatamente, l’Unione europea ha sacrificato i suoi interessi geoeconomici e strategici per il suo desiderio momentaneo di eguagliare gli Stati Uniti in quella strategia che chiamano “punire la Russia”.

Nord Stream 2 gasdotto fra Russia e Germania boicottato da USA e Polonia

“Noi [Russia] ci siamo abituati a questo. Ora comprendiamo che abbiamo bisogno di una rete di sicurezza in tutti i nostri piani futuri relativi al rilancio del pieno partenariato con l’Unione europea. Ciò significa che dobbiamo procedere in modo tale che, se l’UE si attiene alle sue posizioni negative e distruttive, non dipendiamo dai suoi capricci e potremmo provvedere al nostro sviluppo da soli mentre lavoriamo con coloro che sono pronti a cooperare con noi in un modo uguale e reciprocamente rispettoso “.

La portata dell’amarezza nella mente russa in questo momento può essere messa in prospettiva solo con un riepilogo della storia sviluppatasi dopo l’unificazione della Germania nel 1990, le speranze che l’evento epocale aveva sollevato riguardo alle relazioni russo-tedesche ( che hanno una storia travagliata, per non dire altro) e quello che successivamente si è scoperto nei tre decenni successivi.

È una storia complicata di amnesia e di semplici inganni politici da parte dell’Occidente. Con il beneficio dei materiali d’archivio “declassificati” oggi disponibili – in particolare l’indispensabile diario del politico sovietico Anatoly Chernyaev , aiutante di Mikhail Gorbachev, relativo all’anno 1990 – è possibile ricostruire le tortuose relazioni della Russia con l’Occidente nel post -Era della Guerra Fredda.

Questo articolo è stato prodotto in collaborazione da Indian Punchline e Globetrotter , un progetto dell’Independent Media Institute, che lo ha fornito ad Asia Times. È il quarto articolo di una serie . La parte 5 esaminerà l’ascesa della Germania in Europa .

*MK Bhadrakumar è un ex diplomatico indiano e analista internazionale

Fonte: Asia Times

Traduzione: Luciano Lago

14 Commenti

  • rossi
    2 Ottobre 2020

    e dai… la sterminata Madre Russia per metà orientale e per metà europea ma culturalmente civiltà autonoma e irrepetibile ha ormai scelto, sotto la pressione occidentale, da che parte posizionare il suo baricentro…. in oriente. Grandioso il cuore mi palpita nel petto, a fanculo l’europa accozzaglia di staterelli democratici fasulli….. sventura, povertà e distopia in occidente, prosperità, fratellanza e tradizione in oriente. Si ripeterà la storia? Russi, Cinesi, Indiani, Americani tradizionalisti e Inglesi amanti della libertà contro il nuovo nazismo satanico emanato dal deepstate sionista-finanzamondialista? O da una parte o dall’altra…. io ho già scelto da che parte stare…. il popolo inglese si sveglierà prima di quello italiota… a già ma l’europa non conta più un cazzo è ormai quasi in bancarotta e il suo esercito fa letteralmente cagare….

    • Yanez
      3 Ottobre 2020

      credo che lei si faccia troppe illusioni riguardo a inglesi e americani

      • atlas
        4 Ottobre 2020

        gl’inglesi sono cmq un popolo, gli ameri cani no

  • Farouq
    2 Ottobre 2020

    Sembra che Trump se ne stia andando dal pianeta Terra dopo la dose virale massiccia che gli hanno somministrato

    È la nuova era dei criminali, non hanno più bisogno della figura patetica di un presidente, i loro progetti vanno avanti comunque a gonfie vele

  • giulio
    2 Ottobre 2020

    la germania ha calato la maschera e appare ora per quello che è: uno stato del tutto succube dell’imperialismo Usa. Lo aveva già dimostrato con la questione ucraina in cui si era fatta kapò degli Usa e adesso la questione navaly e nord stream ne sono la riprova!
    Fine dei giochi! La russia finalmente si ritrae da quest’europa di merda e dirige lo sguardo a oriente!
    Prepariamoci al peggio perchè nei prossimi mesi si ballerà parecchio!

    • atlas
      3 Ottobre 2020

      io invito a riflettere su 2 date, non a caso. I massoni giudei non lasciano nulla al caso: 11 Settembre 1973, Cile, 11 Settembre 2001

      quando per strada, per qualsiasi inventato motivo, si vede l’esercito sovrintendere a operazioni di polizia, per il popolo è finita, possono fare di tutto, qualsiasi cosa. Qualsiasi sistema legale è sospeso. Legge marziale come dal Pinochet che fu posto dai democratici. Tutto il mondo avrà il suo Pinochet e la democrazia, questo il disegno prospettivo dell’anticristo giudeo massone

      Tunisia: Kaïs Saïed ordina all’esercito di garantire il rispetto del coprifuoco

      https://www.tunisienumerique.com/tunisie-kais-saied-ordonne-a-larmee-de-veiller-au-respect-du-couvre-feu/

      • giulio
        3 Ottobre 2020

        interessante il fatto di individuare l’anticristo non in una persona particolare ma in uno stato: la sionista israele.

        • atlas
          3 Ottobre 2020

          per la Religione dell’Islam Sunnita il falso messia sarà un giudeo con un occhio solo che cavalcherà un asino bianco. Il riferimento all’ashknenazita è evidente, la dottrina è chiara, basandosi sui Detti di Mohammad

          • atlas
            3 Ottobre 2020

            poi anche i cristiani: ‘padre’ Amorth, ‘padre’ Livio (quanto è odioso…), hanno ammesso che l’anticristo sarà un alto esponente della massoneria

            (quindi giudeo) (o giudeizzato)

          • atlas
            3 Ottobre 2020

            dalla rete:

            ” il CTS, organo inesistente nella costituzione dell’italia,: proroga emergenza come scelta politica, non tecnica. È sempre stata una scelta politica. È stato, ed è tuttora, un colpo di stato permesso da tutte le istituzioni dell’italia: dal quirinale alla magistratura. “

          • giulio
            3 Ottobre 2020

            ma allora si tratta di una persona e non di uno stato oppure di un personaggio alla testa di uno stato! comunque la storia dell’asino bianco mi sembra una cazzata …mai visto un asino bianco! a meno che non si tratti di una metafora!

          • atlas
            3 Ottobre 2020

            osserva le grandi orecchie asinine di Berlusconi

  • eusebio
    3 Ottobre 2020

    Che ci sia un attacco sistematico in corso contro Russia. Cina e Iran è palese, la Cina sta rispondendo ad esempio quasi smettendo di comprare petrolio dai sauditi, cercando di mandarli in bancarotta, Russia e Iran potrebbero rafforzare la loro cooperazione magari oltre che con il massiccio riarmo dell’Iran da parte russa oltre chè cinese anche liquidando l’alleato azero di Israele, in Iran vivono 15 milioni di azeri, lo stesso Kameney è azero, con l’annessione del paese caucasico all’Iran potrebbero avere una frontiera in comune e metterebbero al sicuro il fronte caucasico,
    Ormai è chiaro che gli anglosionisti vogliono portare avanti il piano kivunim spacchettando sia l’Iran che la Russia, vogliono creare una Ucraina e una Bieloruissia separate dalla Russia per lingua e istituzioni, e forse vogliono creare un grande Azerbaigian separando la zona di lingua azera dell’Iran da quella farsi, assieme alle zone curda e baluci.
    La Turchia finirebbe coinvolta in questo schema del divide et impera dei sionisti con la nascita di un grande Kurdistan.
    Un altro step potrebbe essere la separazione del Caucaso islamico dalla Russia, assieme all’area turcofona degli Urali, zona peraltro questa a maggioranza slavo-ortodossa.
    E poi la Cina verrebbe aggredita dal terrorismo islamico o nello Xinjiang oppure in via indiretta in Birmania, dove ci sono giacimenti di gas e petrolio e porti gesti dai cinesi.
    Insomma la fantasia sovversiva dei think tank geopolitici USA a maggioranza sionista non ha mai fine, i cinesi dovrebbero smettere di avere rapporti economici con loro smettendo di comprare petrolio e soia e vendendo i loro titoli di debito.
    Se gli si prosciuga lo stagno gli squali sionisti-wahabiti soffocano.

    • giulio
      3 Ottobre 2020

      sono quasi sicuro che se i cinesi vendessero tutti i titoli di debito americano, i gangster la bombarderebbero mattina e sera! forse è per questo che i cinesi diluiscono le vendite.

Inserisci un Commento

*

code