La politica estera degli Stati Uniti si configura come una “guerra alla disobbedienza”


Dimentica la ‘guerra al terrore’: se la politica estera degli Stati Uniti fosse onesta, unificherebbe tutta la sua propaganda di guerra in uno slogan sotto un’unica bandiera: la guerra alla disobbedienza”.
di Caitlin Johnstone
“Gli Stati Uniti lavorano costantemente per assicurarsi che nessun altro paese lo superi e ottenga la capacità di trattare l’America nel modo in cui l’America tratta gli altri paesi”

In un nuovo eccellente saggio intitolato ” We’re Not the Good Guys – “, Tom Engelhardt critica il modo in cui i media occidentali descrivono coerentemente il comportamento di nazioni disobbedienti all’Impero USA come l’Iran, definendo queste come” aggressioni “, ma non usano mai quell’etichetta per le aggressioni (generalmente antecedenti e molto più evidenti) degli Stati Uniti contro altri paesi.

Per quanto riguarda l’infinita campagna denominata come “guerra al terrore” di Washington, penso di poter dire con ragionevole certezza che, nel passato, nel presente e nel futuro, l’unica frase che non si troverà probabilmente in questa copertura mediatica sarà “Aggressione americana”, scrive Engelhardt. Quindi fa una asserzione molto giusta.

Di conseguenza, ecco la cosa strana, su un pianeta sul quale, nel 2017, le forze speciali statunitensi si sono schierate in 149 paesi , o circa il 75% di tutte le nazioni; su cui gli Stati Uniti hanno forse 800 presidi o basi militari fuori dal proprio territorio; su cui la US Navy pattuglia la maggior parte dei suoi oceani e mari; su cui i droni aerei senza equipaggio degli Stati Uniti conducono attacchi sanguinosi in una sorprendente varietà di paesi; un pianeta su cui gli Stati Uniti hanno combattuto guerre, oltre a conflitti più lievi, per anni e anni dall’Afghanistan alla Libia, dalla Siria allo Yemen, dall’Iraq, alla Somalia e al Niger, in un secolo in cui hanno scelto di lanciare invasioni su vasta scala di due paesi ( Afghanistan e Iraq), è davvero ragionevole non identificare mai gli Stati Uniti come “aggressori” da nessuna parte? “

In altre parole, ha davvero senso che qualsiasi nazione sia in grado di conquistare il mondo e poi guardare in alto con l’innocenza di Bambi che dice “Sono stato aggredito! Completamente fuori dalla realtà! “Questo ogni volta che un governo li respinge? Se chiedi ai narratori ufficiali dell’Impero, la risposta è un sonoro sì.

Questa importante discrepanza è il più vicino possibile a un’ammissione onesta della classe politica / dei media che considerano la costruzione dell’impero e la guerra infinita come normali, e qualsiasi opposizione ad essa come cosa strana. Tutte le nazioni sono destinate a sottomettersi all’utilizzo da parte dell’America di forze militari ed economiche su di loro, e, qualora non lo fanno, l’Impero USA si considera “aggredito”. La posizione ufficiale della classe politica / media è che gli Stati Uniti sono una nazione normale con gli stessi diritti e lo stesso status di altri, ma la posizione non ufficiale è che questo è un Impero, un paese eccezionale e le nazioni obbediranno o saranno distrutte.

Quella dell’Impero USA è una macchina con gli stessi valori di Napoleone o Hitler o Gengis Khan o di qualsiasi altro conquistatore imperialista di epoche passate; l’unica differenza è che finge di non essere la cosa che è. Gli Stati Uniti si propongono come promotori di valori democratici liberali basati su regole, anche se violano costantemente il diritto internazionale, conducono guerre imperialiste di aggressione, imprigionano giornalisti, schiacciano il dissenso e usano la propaganda tanto quanto qualsiasi regime totalitario o anche di più. L’unica differenza è che lo fanno in un modo che consente ai suoi sostenitori di fingere che questo non sia quello che sta realmente accadendo.

Dimentica la “guerra al terrore”. Se la politica estera degli Stati Uniti fosse onesta, unificherebbe tutta la sua propaganda di guerra con la parola d’ordine, sotto un’unica bandiera: la guerra alla disobbedienza.

Aerei USA senza e con pilota in missione di bombardamento

Dopo la fine della prima guerra fredda ci fu molta festa. Finalmente! L’URSS non era più una minaccia, quindi l’America potrebbe finalmente smettere di riversare le sue risorse nella corsa agli armamenti nucleari e finalmente rilassarsi e iniziare a comportarsi come un normale paese nel mondo. Ma non passò molto tempo dopo che il muro di Berlino cadde in mano ai neocons per trovare la loro strada in punti chiave di influenza e indirizzare la politica estera USA nell’agenda per assicurare che l’America non rischi mai di perdere il suo status di unica superpotenza mondiale. Il che significava necessariamente espandere l’uso della forza militare ed economica ad un livello mai visto prima.

Quindi ora hai questa strana dinamica in cui gli Stati Uniti lavorano costantemente per assicurarsi che nessun altro paese lo superi e ottenga la capacità di trattare l’America nel modo in cui l’America tratta gli altri paesi. In questo momento sono tutti i programmi militari ed economici statunitensi ad avere la precedenza..

La nazione che rappresenta la più grande minaccia per l’egemonia degli Stati Uniti è ovviamente la Cina. La maggior parte delle aggressioni della macchina da guerra americana in questo momento sono in ultima analisi costruite attorno alla garanzia del controllo delle risorse e del dominio geostrategico per impedire alla Cina di superarla senza attaccare la Cina stessa. Ogni volta che vedi gli Stati Uniti aumentare le ostilità verso una data nazione, fai una ricerca per il nome di quella nazione più Cina (o più ” Iniziativa Belt and Road “), e di solito troverai una forte connessione.

Così l’URSS fu semplicemente sostituita dalla Cina, e la corsa agli armamenti nucleari fu semplicemente sostituita da un espansionismo militare globale notevolmente aumentato. I media di proprietà plutocratica e la classe politica prostituita al potere plutocratico, sono caduti in linea con questo e hanno normalizzato l’idea dell’imperialismo USA nel mondo. La guerra fredda non è mai finita, ha solo spostato la sua narrativa e il suo focus. Il neoconservatorismo non è mai andato via, è diventato mainstream.
Tuttavia, come i neocon presentano la cosa e il resto dei sostenitori sempre più indistinguibili dell’imperialismo americano è quella che la loro tesi di fondo sia in realtà fondamentalmente corretta: l’impero degli Stati Uniti non dipende da una guerra senza fine per mantenere il proprio dominio sulle altre nazioni. L’America non ha la leva per stare al primo posto usando solo le capacità economiche; l’Impero USA offre sia la carota del sostegno militare degli Stati Uniti, sia il bastone delle aggressioni militari statunitensi a chi non si piega.

La guerra è l’unico strumento che tiene insieme l’impero centralizzato degli Stati Uniti, e quanto più il suo predominio economico scivola via, di fronte all’aumento economico della Cina, più pugno di ferro e disperato del suo apparato guerrafondaio necessariamente si fa sentire.

Questa posizione è completamente insostenibile, specialmente in un mondo in cui l’altra importante forza nucleare, la Russia, è dalla parte della nuova dinamica della guerra fredda. Ora ci siamo trovati tutti intrappolati su un pianeta fatto di risorse limitate con due alleanze principali che tentavano di consumare le risorse e controllare le risorse a vicenda, mentre si lanciavano verso un importante confronto militare tra le superpotenze nucleari. Questo ci mette in una traiettoria diretta verso l’annientamento nucleare o il collasso ecosistemico a breve termine. Ciò significa che l’argomento che l’America ha bisogno di mantenere il suo dominio a tutti i costi non è più praticabile, dal momento che quel costo sarà quasi certamente tutto a spese del resto del mondo.

Bambini collocano foto su tomba del loto compagno ucciso dai bombardamenti sauditi e americani

Quindi abbiamo tutti delle domande importanti da porsi, no? Desideriamo rimanere nell’ordinato ordine mondiale controllato dagli Stati Uniti al prezzo di omnicidio ed ecocidio, oppure desideriamo lanciare i dadi e scommettere sull’umanità, invece? Vogliamo continuare il corso perché preservi uno status quo che è tutto quello che abbiamo fino ad oggi conosciuto, o facciamo un salto di fiducia sulla possibilità che possiamo ridurre l’inimicizia geopolitica e passare alla collaborazione reciproca e con il nostro ecosistema?

Questa scelta di cui sopra è il motivo per cui scrivo così tanto sul bisogno dell’umanità di trascendere i suoi vecchi schemi di condizionamento e passare a qualcosa di selvaggiamente senza precedenti. La nostra attuale mentalità basata sulla paura rende impossibile un salto di fede guidato dal populismo nella trascendenza e ci assicura di rimanere su una traiettoria guidata dall’oligarchia verso l’estinzione. Sono fermamente convinto che abbiamo la libertà di passare o fallire questo test, ma non abbiamo la libertà di non prenderlo. Trascenderemo i nostri vecchi schemi di condizionamento che abbiamo ereditato dai nostri antenati evolutivi che vivevano in un mondo molto diverso da quello che abbiamo creato, o moriremo. È una scelta A o B, ma la scelta è nostra.

Fonte: Medium

Traduzione: Luciano Lago

Inserisci un Commento

*

code