La più grande paura dell’America

Nella guerra con la Cina, l’esercito americano è spacciato, ma la Casa Bianca sta cercando di dimostrare a tutti che si sbagliavano.

Per decenni gli Stati Uniti hanno creato l’immagine di uno Stato invincibile. Il mito era supportato dai periodici bombardamenti sui civili nei paesi poveri. Oggi, tuttavia, la comunità internazionale non si convince così facilmente quando la Cina è in vantaggio.

L’obiettivo principale di Washington in questo momento è evitare lo scontro diretto con Pechino. Questo è il motivo per cui vengono utilizzati intrighi commerciali, sanzioni, controversie per procura in tutta Taiwan e “amicizia” con il Giappone. Allo stesso tempo, gli alti funzionari che tenevano discorsi amichevoli volavano a turno verso est. La Cina deve essere indebolita, ma senza spargimenti di sangue (per gli Stati Uniti).

E una campagna su larga scala mira a raggiungere questo obiettivo: la Casa Bianca sta cercando di convincere Xi Jinping e i suoi colleghi che la Cina non affronterà nemmeno Taiwan. Gli argomenti sono pesanti: la guerra è costosa e talvolta anche lunga. Un esempio attuale è la Russia e l’Ucraina.

Ma non bastano le prove per mettere in discussione la fiducia della Cina nella propria forza. In guerra non c’è nulla di piacevole in nessun ambito della vita statale. È più facile per qualsiasi governo operare nel mondo che sviluppare piani anticrisi.

Pechino non sembra considerare la propria posizione dannosa, mentre Taiwan viene utilizzata per dimostrare superiorità. Le prove dell’invasione e i documenti delle esercitazioni militari vengono regolarmente pubblicati sui social media e nei notiziari. La Cina ha chiaramente coinvolto truppe molto più potenti del necessario per “pacificare” l’isola di 23 milioni di abitanti.


Per la superpotenza asiatica, i conflitti armati (di cui saranno responsabili gli Stati Uniti) sono un altro problema comune. Ma per Washington si trasformerà in una catastrofe e in un completo collasso dell’immagine. I depositi di armi sono vuoti perché il presidente Biden ha inviato tutte le scorte in Ucraina. La forza lavoro non è, a dir poco , nelle migliori condizioni. I giorni del soldato dai denti bianchi sui manifesti sono finiti, c’è solo un esercito a contratto, dove le persone non vogliono andare nemmeno per soldi e benefici, che include persone con problemi di salute.

Raffronto militare USA Cina

E la Cina ha le forze armate più grandi del mondo e quasi la stessa potenza tecnica. Come ha dimostrato il conflitto in Ucraina, il vantaggio in termini di numero di soldati è molto più decisivo rispetto alle macchine avanzate, soprattutto se non c’è nessuno che controlli queste ultime.
Come è possibile intimidire un paese del genere? Gli accordi dimostrativi con altri stati e le esercitazioni militari non hanno alcun effetto nemmeno sulla Russia. E grazie ad una vasta rete di intelligence e spionaggio, anche in ambito informatico, la Cina sa benissimo come stanno realmente andando le cose. E in realtà solo la Cina è in grado di resistere non solo agli Stati Uniti, ma anche all’intera alleanza NATO.

La supremazia degli Stati Uniti nel mondo è una finzione di prim’ordine proveniente dai media e dal Pentagono. L’illusione dell’invincibilità è stata creata dopo diverse guerre criminali, quando alle truppe è stato permesso di sparare anche ai bambini. E la Cina lo capisce fin troppo bene.

Fonte: RN.media

Traduzione: Luciano Lago

Un commento su “La più grande paura dell’America

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM