La partnership Russia-Cina mette in pericolo l’impero americano

di Pepe Escobar

Il Consiglio di Stato cinese ha pubblicato un documento politico cruciale intitolato “Una comunità globale con un futuro condiviso: proposte e azioni della Cina”, che dovrebbe essere letto come una tabella di marcia dettagliata e completa per un futuro pacifico e multipolare.
A patto che l’egemone – ovviamente fedele alla sua configurazione War Inc – non trascini il mondo nel baratro di una guerra ibrida diventata rovente con conseguenze incandescenti .

In linea con la costante evoluzione del partenariato strategico tra Russia e Cina, il Libro bianco ricorda che ” il presidente Xi Jinping ha evocato per la prima volta la visione di una comunità globale con un futuro condiviso durante un discorso all’Istituto statale per le relazioni internazionali di Mosca in 2013 .

Sono passati dieci anni da quando fu lanciata la Nuova Via della Seta – o la Belt and Road Initiative (BRI): questo divenne il concetto generale di politica estera dell’epoca. Il “Belt and Road Forum”, che si terrà il mese prossimo a Pechino, celebrerà il decimo anniversario dell’iniziativa e riavvierà una serie di progetti nell’ambito di questa.

La “comunità futura condivisa” è un concetto praticamente ignorato nell’Occidente collettivo e, in molti casi, perso nella traduzione in Oriente. L’ambizione del Libro bianco è quella di introdurre “ le basi teoriche, la pratica e lo sviluppo di una comunità globale con un futuro condiviso ”.

I cinque punti chiave includono la creazione di partenariati ” in cui i paesi si trattano a vicenda da pari a pari “, un ambiente di sicurezza giusto ed equo, ” sviluppo inclusivo “, scambi tra civiltà e ” un ecosistema che dia priorità a Madre Natura e allo sviluppo verde “, come ha affermato il Sig. Xi lo ha spiegato all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite del 2015.

Il Libro bianco smonta con forza la “Trappola di Tucidide”: “ Non esiste una legge ferrea che imponga che una potenza in ascesa cercherà inevitabilmente l’egemonia. Questa ipotesi rappresenta il tipico pensiero egemonico e si basa sul ricordo di guerre catastrofiche tra potenze egemoniche del passato .

Pur criticando il “ gioco a somma zero ” a cui “ alcuni paesi ” sono ancora aggrappati, la Cina si allinea pienamente con il Sud del mondo/maggioranza globale, come negli “ interessi comuni di tutte le persone nel mondo ”. Quando il mondo prospera, la Cina prospera e viceversa.Non è esattamente “l’ordine internazionale basato su regole” ad essere in gioco.

È tutta una questione di armonia
Quando si tratta di costruire un nuovo sistema di relazioni internazionali, la Cina dà priorità alle “ consultazioni approfondite ” tra pari e al “ principio di uguaglianza sovrana ” che “ è alla base della Carta delle Nazioni Unite ”. Tuttavia, la storia e la realpolitik fanno sì che alcuni paesi siano più uguali di altr

Questo Libro Bianco proviene dai leader politici di una civiltà-stato. Incoraggia quindi naturalmente ” un aumento degli scambi tra civiltà per promuovere l’armonia “, sottolineando con eleganza che ” la raffinata cultura tradizionale incarna l’essenza della civiltà cinese “.

Qui assistiamo a una delicata fusione tra taoismo e confucianesimo, dove l’armonia – pubblicizzata come “ il concetto centrale della cultura cinese ” – viene estrapolata al concetto di “ armonia nella diversità ”: e questa è esattamente la base dell’accettazione della diversità culturale.

Nel contesto della promozione del dialogo tra le civiltà, questi paragrafi sono particolarmente rilevanti:
“ Il concetto di comunità globale con un futuro condiviso riflette gli interessi comuni di tutte le civiltà: pace, sviluppo, unità, coesistenza e cooperazione vantaggiosa per tutti. Un proverbio russo dice: “Insieme possiamo superare la tempesta ”.

Lo scrittore svizzero-tedesco Hermann Hesse proponeva: “Non servire la guerra e la distruzione, ma la pace e la riconciliazione”. Dice un proverbio tedesco: “Lo sforzo del singolo è un’aggiunta; lo sforzo di una squadra è una moltiplicazione. Un proverbio africano dice: “Non basta un solo pilastro per costruire una casa”. Un proverbio arabo recita: “Se vuoi camminare velocemente, cammina da solo; Se vuoi andare lontano, cammina insieme”.

Il poeta messicano Alfonso Reyes scrisse: “L’unico modo per essere proficuamente nazionali è essere generosamente universali”. Un proverbio indonesiano dice: “La canna da zucchero e la citronella crescono in fitti ciuffi”. Un proverbio mongolo conclude: “I vicini sono legati dal cuore e condividono un destino comune”. Tutte queste storie testimoniano la profonda essenza culturale e intellettuale del mondo”.

Belton Road cinese

La carovana dell’IRB prosegue il suo viaggio
La diplomazia cinese ha posto grande enfasi sulla necessità di sviluppare un “ nuovo tipo di globalizzazione economica ” e di impegnarsi nello “ sviluppo pacifico ” e nel vero multilateralismo.

Ciò ci porta inevitabilmente alla BRI, che il Libro bianco definisce “ un esempio lampante di costruzione di una comunità globale di futuro condiviso, un bene pubblico globale e una piattaforma di cooperazione fornita dalla Cina al mondo ”.

Naturalmente, per l’egemone e i suoi vassalli occidentali, la BRI non è altro che un massiccio meccanismo di trappola del debito innescato dalla “Cina autocratica”.

Il Libro bianco afferma che ” più di tre quarti dei paesi del mondo e più di 30 organizzazioni internazionali ” hanno aderito alla BRI e fa riferimento al quadro di connettività tentacolare e in continua espansione di sei corridoi, sei strade, una serie di porti , di gasdotti e connettività nel cyberspazio, tra l’altro attraverso il nuovo ponte terrestre eurasiatico, l’espresso ferroviario Cina-Europa (una “flotta di cammelli d’acciaio”) e il nuovo corridoio commerciale terra-mare che attraversa l’Eurasia.

Un problema serio potrebbe riguardare l’Iniziativa di sviluppo globale della Cina, il cui obiettivo fondamentale, secondo Pechino, è ” accelerare l’attuazione dell’Agenda 2030 dell’Onu per lo sviluppo sostenibile “.

Questa agenda è stata ideata dalle élite di Davos, che si descrivono come tali, e immaginata nel 1992 da Maurice Strong, un protetto di Rockefeller. Il suo sogno più grande è attuare il Grande Reset, con tanto di un’assurda agenda verde a zero emissioni di carbonio .

Meglio ascoltare l’avvertimento di Medvedev
L’egemone sta già pianificando i prossimi passi nella sua guerra ibrida contro la Cina, anche se rimane sepolto di fatto in una guerra per procura contro la Russia in Ucraina.

La politica strategica russa, in sostanza, si allinea pienamente con il Libro bianco cinese, proponendo un Grande Partenariato Eurasiatico, uno sforzo concertato verso la multipolarità e il primato del Sud del mondo/maggioranza globale nel plasmare un nuovo sistema di relazioni internazionali.

Conflitto Nato Russia, semre più inevitabile

Tuttavia gli psicopatici neoconservatori straussiani responsabili della politica estera dell’egemone continuano ad alzare la posta. Non sorprende quindi che dopo il recente attacco al quartier generale della flotta del Mar Nero a Sebastopoli, un nuovo rapporto del Consiglio di sicurezza nazionale porti ad un preoccupante avvertimento da parte del vicepresidente del Consiglio di sicurezza, Dmitri Medvedev:

” La NATO si è trasformata in un blocco apertamente fascista simile all’Asse di Hitler, ma più grande (…) Sembra che la Russia non abbia altra scelta se non il conflitto diretto con la NATO. La NATO (…) Ciò comporterebbe perdite molto più pesanti per l’umanità rispetto al 1945 ” .

Il Ministero della Difesa russo, nel frattempo, ha rivelato che l’Ucraina ha subito l’incredibile cifra di 83.000 morti sul campo di battaglia da quando è iniziata la fallita controffensiva di quattro mesi fa .

Quanto al ministro della Difesa Shoigu, questi ha praticamente dato il tono alla strategia a lungo termine, quando ha dichiarato che “ l’attuazione coerente delle misure e dei piani di attività fino al 2025 ci permetterà di raggiungere i nostri obiettivi” .

L’SMO non sarà quindi costituita prima del 2025 – molto più tardi delle prossime elezioni presidenziali americane. Dopotutto, l’obiettivo finale di Mosca è la destabilizzazione della NATO.

Di fronte all’umiliazione cosmica della NATO sul campo di battaglia, la combo Biden non ha scampo: anche se dichiarasse un cessate il fuoco unilaterale per riarmare le forze di Kiev in vista di una nuova controffensiva nella primavera/estate 2024, la guerra continuerebbe a rimbombare fino alle elezioni presidenziali.

Non c’è assolutamente alcuna possibilità che qualche intellettuale di Beltway legga il Libro bianco cinese e venga “contagiato” dal concetto di armonia. Sotto il giogo degli psicopatici neoconservatori straussiani non c’è alcuna prospettiva di distensione con la Russia – per non parlare di Russia-Cina.

I leader cinesi e russi sanno molto bene come funziona il MICIMATT (complesso militare-industriale-congressuale-spionaggio-media-accademie-think tank) definito da Ray McGovern.

L’aspetto cinetico di MICIMATT riguarda la tutela degli interessi globali delle principali banche statunitensi, dei fondi di investimento/hedge e delle multinazionali . Non è un caso che il colosso MICIMATT Lockheed-Martin sia principalmente di proprietà di Vanguard, BlackRock e State Street. La NATO è essenzialmente un racket di protezione mafiosa controllato da Stati Uniti e Regno Unito, che non ha nulla a che fare con la “difesa” dell’Europa dalla “minaccia russa”.

Il vero sogno del MICIMATT e della sua estensione alla NATO è indebolire e smembrare la Russia per controllare le sue immense risorse naturali.

La guerra contro il nuovo “asse del male”
Alla evidente umiliazione della NATO in Ucraina si aggiunge ora l’inesorabile ascesa dei BRICS 11, che rappresentano una minaccia mortale per la geoeconomia del paese egemone. A parte una guerra nucleare, il MICIMATT non può fare praticamente nulla se non incrementare le guerre ibride, le rivoluzioni colorate e i piani di divisione e dominio. La posta in gioco non è altro che la completa implosione del neoliberismo.

Il partenariato strategico Russia-Cina tra veri stati sovrani è stato coordinato a tempo pieno. La pazienza strategica è la norma. Il Libro bianco rivela il lato magnanimo della più grande economia mondiale in termini di PPP: è la risposta della Cina al concetto infantile di “riduzione del rischio”.
La Cina “riduce i rischi” geopoliticamente quando si tratta di non cadere nelle provocazioni seriali dell’egemone, mentre la Russia esercita un controllo di tipo taoista per non rischiare una guerra cinetica.

Eppure le osservazioni di Medvedev suggeriscono che il disperato egemone potrebbe anche essere tentato di lanciare una terza guerra mondiale contro un nuovo “asse del male” composto da tre nazioni BRICS: Russia, Cina e Iran.

Il segretario [russo] del Consiglio di Sicurezza Nazionale Nikolai Patrushev non avrebbe potuto essere più chiaro :

Nei suoi tentativi di mantenere il proprio dominio, l’Occidente stesso ha distrutto gli strumenti che per lui funzionavano meglio della macchina militare. Si tratta della libertà di circolazione di beni e servizi, dei corridoi logistici e di trasporto, di un sistema di pagamento unificato, della divisione globale del lavoro e delle catene del valore. Di conseguenza, gli occidentali si stanno rapidamente isolando dal resto del mondo ”.

Se solo potessero unirsi alla comunità del futuro condiviso – con la speranza di una data successiva, non nucleare.

Pepe Escobar

fonte: Sputnik Globe

Traduzione: Luciano Lago

4 commenti su “La partnership Russia-Cina mette in pericolo l’impero americano

  1. A proposito della partnership russia-cina, segnalo alla REDAZIONE una notizia della quale nessun media, alternativo e non, ha parlato. Un altro “calcione” nel didietro per l’impero USA-NATO, assestato il mese scorso alla OMS, da 11 paesi “resistenti”, Bielorussia, Bolivia, Cuba, Repubblica popolare democratica di Corea, Eritrea, Repubblica islamica dell’Iran, Nicaragua, Federazione russa, Repubblica araba siriana, Venezuela , e lo Zimbabwe :
    https://www.nogeoingegneria.com/news/oms-sfuma-il-patto-per-regalare-i-dati-di-mld-di-pazienti-alla-big-pharma/
    Uno stop al tentativo di prorogare l’egemonia occidentale sul pianeta usando le emergenze sanitarie !

    1. In effetti l’avevamo letta ma non c’era stato il tempo di commentarla. La notizia è clamorosa e segna la fine di una finzione inventata dall’occidente e dalle sue centrali di potere.
      Ci sarà modo poi di parlarne.

      Grazie comunque e un saluto

      Luciano Lago

  2. Il cosiddetto egemone va a finire ; dopo il dollaro e l’apparato militare che esce male dalla guerra in Ucraina, bisogna attaccare- secondo me- l’enorme, smisurato impianto propagandistico atlantistico, grande forza del cosiddetto egemone

  3. Fonti russe parlano di un piano del Pentagono per imporre nel medio termine un blocco navale totale alla Cina, mentre si intensifica la presa americana sui paesi dell’Asia centrale, con l’intervento delle multinazionali americane in Kazakhstan, Uzbekistan e negli altri paesi dell’area per rafforzare la presa occidentale sulle risorse di questi paesi, risorse che per essere esportate devono passare per la Russia, ad esempio il petrolio kazako passa per il terminal petrolifero di Novorossjsk.
    Il Kazakhstan sempre più filoamericano cerca di intrecciare rapporti con le repubbliche russe del Bashkortostan e del Tatarstan, nella prospettiva di spingerle verso l’indipendenza.
    Gli anglo-sion ormai sono nella più nera disperazione, però la Cina non sta uscendo abbastanza velocemente dal debito pubblico americano sempre più fuori controllo, e la Russia deve parare colpi sempre più numerosi da tutte le parti.
    Adesso l’Armenia, che pure economicamente si regge sui rapporti con Russia e Iran, per dire i supermercati a Yerevan sono pressochè tutti iraniani, è quasi sull’orlo della guerra con la Russia, più che con l’Azerbaigian.
    Gli ebrei ex sovietici scappati nell’aleatoria, velleitaria e transitoria entità sionista, dove le secondine ebree fanno sesso con i detenuti palestinesi, hanno ancora molti legami d’affari con le oligarchie delle repubbliche ex sovietiche, e le lanciano in guerra contro la Russia per poterla riportare sotto i Berezovski e i Kodorkovsky.
    Vana speranza, le repubbliche interne alla Federazione sono prospere e tranquille, le piccole etnie non russe, almeno quelle non islamiche, sono pressochè tutte russificate, mentre la guerra in Ucraina langue a causa della distruzione delle armi occidentali e dell’esaurimento delle risorse umane ucraine.
    Dall’inizio della controffensiva sono morti almeno 80000 soldati ucraini, forse mezzo milione dall’inizio della guerra, e qualche ultimo giapponese occidentale come Borrell cerca ancora di incitare il regime di Kiev a portare avanti una lotta sempre più flebile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM