"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

La nuova sperimentazione militare : la manipolazione del clima

LA PIU’ RECENTE ARMA DI DISTRUZIONE DI MASSA: PADRONEGGIARE IL CLIMA , PER SCOPI MILITARI.

Nel libro, The Ultimate Weapon of Mass Destruction: “Owning the Weather” for Military Use, il Prof. Michel Chossudovsky, economista e autore di undici libri sul terrorismo globale e sulle crisi economiche globali, affronta un argomento scottante quale quello del terrorismo climatico. “Le tecniche per modificare l’ambiente per scopi militari (ENMOD=Enviromental modification techniques) – scrive – costituiscono nell’attuale contesto globale delle guerre, la nuova arma di distruzione di massa.

Raramente riconosciuto nel dibattito globale sul cambiamento climatico, la meteorologia nel mondo oggi può essere modificata grazie ad una nuova generazione di sofisticate armi elettromagnetiche.”

Sia gli USA che la Russia hanno sviluppato le capacità di manipolare il clima per scopi militari. Queste tecniche, atte a modificare l’ambiente, sono state applicate dalle forze armate statunitensi per quasi mezzo secolo.

Il matematico americano John Von Newman, insieme al Dipartimento della difesa iniziò la sua ricerca per la modifica del clima nel 1940, nel periodo più intenso della Guerra Fredda e previde forme di guerra climatica allora ancora inimmaginabili. Durante la guerra in Vietnam, a cominciare dal 1967, venivano usate tecniche per la formazione di nuvole secondo un progetto detto Popeye, il cui obiettivo era quello di prolungare la stagione dei monsoni per bloccare le rotte di rifornimento del nemico lungo le piste di Ho Chi Minh.

Le forze armate degli Stati Uniti d’America hanno sviluppato capacità che permettono loro di alterare i modelli meteorologici. La tecnologia, che inizialmente fu sviluppata negli anni ‘90 secondo il programma di ricerca dell’alta frequenza aurorale attiva (HAARP= High Frequency Active Auroral Research Program), era un’appendice di una iniziativa strategica di difesa detta ‘Star Wars’ , ‘Guerre stellari’.

Da un punto di vista militare, l’HAARP – abolito nel 2014 – è un’arma di distruzione di massa che opera fuori dall’atmosfera ed è capace di destabilizzare i sistemi ecologici e agricoli di tutto il mondo. Ufficialmente il programma Haarp è stato bloccato nella zona dell’Alaska , ma la tecnologia che modifica il clima, pur se coperta dalla segretezza, è ancora attiva. Le modificazioni meteorologiche, secondo il rapporto finale di un documento dell’aviazione militare AF 2025, “offrono al combattente di guerra un’ampia gamma di opzioni possibili per sconfiggere o costringere alla resa l’avversario”.

Tuttavia, pare che queste modifiche abbiano la capacità di estendersi avviando inondazioni, uragani, siccità e terremoti. Se infatti pensiamo a quanti terremoti si sono susseguiti nel giro degli ultimi dieci anni, tutti periodicamente simili, si è portati a credere che dietro questi fenomeni apparentemente naturali, ci sia la mano diabolica dell’uomo. Le modificazioni meteorologiche diventeranno parte della sicurezza nazionale e internazionale e potrebbero essere utilizzate unilateralmente. Potrebbero avere applicazioni offensive e difensive ed essere usate come deterrenti. La capacità di generare precipitazioni, nebbie, tempeste, fanno tutte parte di un insieme integrato di tecnologie militari. Nel 1977, un’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha ratificato una Convenzione internazionale che ha vietato l’uso militare di tecniche di modifica dell’ambiente che hanno effetti diffusi, duraturi e gravi nel tempo.

Il termine “tecniche di modifica ambientale”, si riferisce a qualsiasi tecnica che modifichi, attraverso la manipolazione deliberata dei processi naturali, la dinamica, la composizione o la struttura della Terra, inclusi la sua biosfera, litosfera, idrosfera e atmosfera o del suo spazio esterno. (Convention on the Prohibition of Military or Any Other Hostile Use of Environmental Modification Techniques, (Convenzione sul divieto di uso militare o qualsiasi altro uso ostile di tecniche di modifica dell’ambiente, Nazioni Unite, Ginevra: 18 maggio 1977)

Gli analisti militari e gli scienziati mantengono assoluto riserbo sull’argomento. I meteorologi non stanno studiando la questione e gli ambientalisti si concentrano in gran parte sulle emissioni di gas a effetto serra nel quadro del protocollo di Kyoto. Gli Stati Uniti e i loro alleati portano avanti la guerra contro la Siria e l’Iraq e mirano all’Iran e alla Corea del Nord. E minacciano la Russia e la Cina. Il Pentagono ha stabilito le linee guida di un piano militare globale, una lunga guerra senza frontiere. La guerra meteorologica è l’ultima potente arma che può destabilizzare l’ecosistema di un nemico distruggendo l’agricoltura e disattivando le reti di comunicazione. In altre parole, le tecniche ENMOD possono minare un’intera economia nazionale, impoverire milioni di persone e “uccidere una nazione” senza l’impiego di truppe o hardware militari.

Centrale Haarp in Alaska

Questo saggio è dedicato alla memoria del dottor Rosalie Bertell, che fin dall’inizio ha rivelato la natura diabolica del progetto HAARP, nell’ambito di un programma integrato di armi non convenzionali. “La capacità della HAARP, ovvero, la combinazione Spacelab/razzo, di trasportare grandi quantitativi di energia, paragonabili a una bomba nucleare, in qualsiasi parte della terra tramite laser e fasci di particelle, è spaventosa.” Il progetto è probabilmente “venduto” (spiegato) al pubblico come uno scudo spaziale contro le armi in arrivo, o, ai più ingenui, come un dispositivo per la riparazione dello strato di ozono.
(vedere anche il terremoto in Italia: http://www.segnidalcielo.it/terremoti-haarp-abbiamo-la-conferma-che-il-sisma-e-indotto/ )

La speranza è che si riprenda il dibattito sui pericoli della guerra meteorologica, affinché si possa sempre più avvicinare all’obiettivo più ampio della pace mondiale che richiede l’inesorabile disarmo dell’apparato militare US-NATO.

Fonte: The eventchronicle.com/editors

Traduzione: Elena Quidello

*

code

  1. Pierino 3 settimane fa

    Va bene, ma sono comunque centrali e satelliti raggiungibili da missili.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Alessandro 2 settimane fa

      Forza Kim

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Gian matteo 3 settimane fa

    Mi sembra una grossa grossissima bufala

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. PieroValleregia 2 settimane fa

      … non la è, parlo da ex militare; sono diversi anni, da prima della IIGM, che in diverse nazioni si studia la possibilità di studiare il clima pe rpoi usarlo a scopi militari
      saluti
      Piero e famiglia

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Walter 2 settimane fa

      Pienamente d’accordo con te. Una cosa è studiare una possibilità, un’altra è realizzarla. Il programma HAARP è stato chiuso perché non ha dato alcun risultato significativo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. lister 2 settimane fa

        O è stato chiuso perché ormai obsoleto ed aperto segretamente un altro?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Pierino 2 settimane fa

      Con una grossissima bufala ci si fa una grossa mozzarella, meteo mamipolato permettendo…purtroppo. Se muore la bufala, per siccita indotta o vola via come un aquilone in un uragano provocato, ci toccherà salutare anche la mozzarella.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Mario 2 settimane fa

    Purtroppo nell’articolo è spiegata la VERITA’. Basta leggere articoli ufficiali dei militari ameriCani.
    Leggo anche qui nei commenti, alcuni soggetti che si ostinano a negare. Malafede o ignoranza???

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. lister 2 settimane fa

      Ottusità.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Tania 2 settimane fa

    Nicola Tesla manipolava il clima che il ‘900 doveva ancora arrivare, se uno è ignorante si informi, grazie! E di ignoranti purtroppo vedo in giro il mondo è saturo. Il fatto che i tiggì non dicano che c’è la guerra climatica non vuol dire che non esista…
    ANZI, proprio il fatto che la tivvù non ne fa parola è la prova provata che esiste. 2+2=4 inesorabile.
    Cos’è il MUOS? Risponde il finto tonto Gian Matteo… A seguito l’altro finto tonto Walter… HAARP è obsoleta, oggi abbiamo MUOS. In casa mia gran dibattito, due fronti, quello capeggiato da me dice che il clima è sotto controllo, e con lui logicamente terremoti, tsunami, tornadi, uragani. L’altro capeggiato da mio marito dice che sono molto avanti con i lavori ma non hanno ancora raggiunto la perfezione, errori su errori… Seeeeeeeee. dico io.
    Sarebbero errori se provochi un alluvione e non viene, un terremoto e non viene, un tornado e non viene, ma qui viene tutto!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tania 2 settimane fa

      Era il 1998, siamo in alta montagna vicino a Cortina, torniamo dal giretto serale, prima di andare a letto mio marito va in terrazza, mi chiama “vieni a vedere”, esco e vedo da cima montagna a cima montagna di fronte noi chiusi sotto una croce che si interseca proprio in mezzo alla valle, sopra le nostre teste, siam ostati un ora a cercare fari, o altri ammenicoli in grado di proiettare quelle due linee dritte e bianche che si incrociavano perfettamente che nemmeno un ingegnere…
      Dopo qualche anno in ufficio mi arriva una mail fatta girare proprio da un ingegnere del nostro gruppo che parla di Chemical Trails, io sono la persona più curiosa che esista, arrivo la sera a casa e cerco subito notizie, buonanotte… foto, reportage, descrizioni, e PERICOLI… Dopo qualche anno mi cambiano di settore, finisco dagli impiantisti, non so nulla, scrivo male un nome, Nesla invece che Tesla, maledetta calligrafia degli ingegneri, lavata di testa, non sai nemmeno chi è Tesla, pronto, arrivo a casa la sera e mi butto su Tesla, e ho scoperto un mondo… Solo che i tecnici non sanno niente altro di Tesla che l’invenzione del motore a corrente alternata, questo ho scoperto!
      Tesla ha inventato tutto! Perfino il famigerato Einstein si è appropriato delle sue teorie, e tutti gli altri delle sue invenzioni…
      E Tesla manipolava il clima, tra le (in pratica tutto ciò che ora siamo) cose che inventava e faceva, altro che Leonardo e tutti quelli venuti dopo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Tania 2 settimane fa

        Tanto per essere chiari, il nostro caro Lindbergh che ha trasvolato l’oceano con quell’aeroplanino… se non avesse avuto a bordo una cosetta fatta da un grande ammiratore di Tesla che glielo ha fatto funzionare, addio trasvolata, ma quale benzina… in quell’aeroplanino…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Walter 2 settimane fa

        Veramente Leonardo è “venuto” qualche secolo prima di Tesla.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Tania 2 settimane fa

          Sai benissimo cosa intendo

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Walter 2 settimane fa

      Né finto, né tonto. Spiegami con i numeri e coerentemente con i principi della Fisica come si può manipolare il clima, poi ne riparliamo. Come mai gli americani, padroni e manipolatori del clima, tutti gli anni subiscono miliardi di danni da parte di tifoni e alluvioni? Autolesionismo?
      L’uomo è ben lontano dal poter manipolare il clima del pianeta – per fortuna.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Tania 2 settimane fa

        Non serve spiegare niente se non ti interessa sapere, so benissimo che noi umani non sentiamo e vediamo altro che ciò che vogliamo sentirci dire e vedere, in rete se ti va trovi tutto, sta a te e a me cercare per quanto possibile uscire dalle nostre paturnie e cercare di Vedere e Sentire ciò che è veramente, la verità è sempre e solo una, raccontata in 7 miliardi di maniere diverse, ma sempre una rimane, no? Penso che quello che mi fa unica, o almeno diversa dagli altri, è non aver mai avuto paura della verità, esclusa quella sulla mia salute, che allora preferisco non sapere.
        Tutto dipende da te, sei tu che decidi cosa vuoi essere, no?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Walter 2 settimane fa

          Tania, non dipende tutto da noi. Io potrei, per esempio, voler essere un uccello ma sono un mammifero. Gli oceani sono costituiti da molti miliardi di metri cubi di acqua e per aumentare di 1 grado centigrado la loro temperatura è necessario fornire una certa (enorme) quantità di energia, di gran lunga superiore a quella di mille bombe atomiche; non basta volerlo. L’atmosfera è costituita da molti miliardi di metri cubi di aria e per spostare queste enormi quantità di gas non basta volerlo, ci vuole energia e un modo per impiegarla (per esempio, un enorme ventilatore o un aspiratore che generi differenze di pressione). Tutto ciò è fuori dalla nostra (di noi, esseri umani) portata e le macchinette magiche per far venire i terremoti non esistono. Se ti lanci da una torre convinta di poter volare, il risultato è che la forza di gravità ti spiaccica per terra, indipendentemente da quanto vuoi o sei convinta di poter volare. Non basta volere una cosa o leggerla su qualche sito per fare in modo che quella cosa sia vera. La Fisica ha le sue leggi e i suoi principi, ineludibili. Ma tu sei un ingeniere? O forse ho capito male?

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Renè 2 settimane fa

    Per denigrare la controinformazione, il potere usa la parola “complottisti” o “teorici della cospirazione” che accomuna chi crede al complotto che portò all’assassinio di Giulio Cesare a chi crede alle favole di Roswell, insomma si vuol far passare l’idea che chi crede alle cospirazioni, creda anche a tutte le teorie cospirative, comprese le più bizzarre.
    Ovviamente c’è gente che crede a tutte le teorie “esoteriche/cospirative etc…” e c’è anche chi ci campa propinando a questa massa di dementi le storielle che vogliono sentirsi raccontare.
    I tizi di segnidalcielo.it secondo me fanno parte della seconda ipotesi: campano sulla creduloneria altrui. Per loro tutte le notizie sono vere: dagl’avvistamenti di massa degli UFO, alle “entità angeliche” per non parlare delle previsioni catastrofiste, come quella di maggio di quest’anno che “prevedeva” l’avvicinarsi del Pianeta X (popolato dagli X Man ovviamente) che per l’Agosto scorso avrebbe dovuto portare catastrofi, invasioni di cavallette etc…
    A dare questo ennesimo annuncio di apocalisse planetaria è stato l’amministratore tal Massimo Fratini che non è nuovo a simili annunci ma riesce sempre a trovare vecchi e nuovi boccaloni che gli credono, infatti il nostro “teorico del complotto” avvisò l’Umanità nel 2014 di un imminente scontro planetario e che “la crisi economica, i conflitti dell’ISIS ed il dramma dell’Ebola sarebbero solo scenari fittizi costruiti a tavolino per distrarre la popolazione mondiale” ma l’intrepido Fratini aveva le foto del pianeta in avvicinamento, le mostrò il 12 Ottobre ’14 al pubblco in una conferenza, a pagamento… e poi libri, sito, pubblicità…
    SOLDI, DENARO, de l’argent…
    Dunque l’amministratore del sito “segnali dal cielo” è, a parer mio, una simpatica canaglia che “munge” dei fessi che altrimenti si farebbero fare fessi da qualcun’altro, ognuno si deve guadagnare da vivere ed il Sig.Massimo racconta balle, ma per vivere ha bisogno che ci siano dei fessi che gli credono e non so qui quanti gli credano (a parte la Spett. Redezione… a proposito ragazzi: ho una fontana da vendere a Roma, sareste mica interessati?! …ed una torre un po’ storta a Pisa? …e la foto in escusiva del Pianeta X ci sono anch’io a braccetto con l’Imperatore Galattico Gengis Stalin)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. animaligebbia 2 settimane fa

      Di che fontana si tratta?Ho un gruzzoletto da parte e vorrei fare “o bisiniss”.Scherzi a parte,secondo me il fenomeno esiste ma si rischia di cadere nella piu’ becera creduloneria.Fin da quando ero bambino osservo il cielo perche’ mi affascinae queste scie esistono,per me e’ innegabile e non si tratta di condensazione,quelle spariscono quasi subito.Il fenomeno c’e’ ma il motivo non riesco proprio ad immaginarlo.Campo libero a tutte le ipotesi,tranne quelle troppo ridicole.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Citodacal 2 settimane fa

        Fermo lì! Mi chiamo Decio Cavallo e posso versare pure la caparra per assicurarmi la fontana…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Walter 2 settimane fa

      Ma come, quella torre un pò storta a Pisa non l’avevi già venduta a me?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Tania 2 settimane fa

    Ma chi meglio dei militari ci può dire che cosa sono quelle righe nei cieli? Provate a chiedere a loro, rimarrete stupiti della risposta, sono scie degli aerei di linea, ma quali aerei hanno simili traettorie, cos’è quel macello nel cielo? Fosse vero ogni ora decine di aerei si scontrerebbero, potrebbero dare una spiegazione almeno creativa…
    Che poi basta guardare un aereo di linea, lascia una scia che dopo poco si dissolve, mica si ALLARGA FINO A DIVENTARE UNA VERA E PROPRIA NUVOLA! E avete mai osservato la neve sotto casa? Provate a spalare la neve ora, che mi scappa da ridere. Quando si indurisce non ci vuole la pala e via di braccia come quando ero piccola, ci vuole il martello pneumatico. A me importa meno di un fico secco cosa volete credere, in fondo sono fatti vostri cosa volete credere, la questione è come poi incide sulla vita degli altri, che non è che qui si può decidere di cambiare pianeta come si decide di cambiare paese…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Tania 2 settimane fa

    Una volta su Sky un esperto militare americano, un ciccione, disse che per gli USA le armi atomiche erano ormai obsolete, cioè, se gli USA non usano più un tipo di arma è solo perché ne hanno un altra più efficiente… Mio marito lo dice sempre “la tv ci dice tutto, basta ascoltare bene cosa dice, e non ascoltare a modo nostro”. L’ultima che ha sentito detta in tv è questa, i giapponesi si sono arresi agli USA non per la bomba atomica, che poi non serviva nemmeno la seconda, si erano già arresi alla prima, ma hanno preferito arrendersi al capitalismo americano piuttosto che al comunismo dei russi, gli americani non avevano necessità di sganciare la seconda, ma erano già lì, “siamo qui, ormai ci siamo, dato che ci siamo…”
    Disse uguale quell’orco di Bush figlio, “non ci importa cosa ha Saddam, a questo punto noi abbiamo deciso di intervenire, è tutto pronto, tutto preparato, noi andremo in Iraq qualunque sia l’opinione del mondo”
    Certo per chi crede nella democrazia è un bel colpo al cuore. Ma infatti poi la democrazia chi l’ha davvero mai vista?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tania 2 settimane fa

      Per mio marito è una cagata, inutile gli americani tentino di discolparsi delle porcate assassine che hanno fatto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Tania 2 settimane fa

    Una domanda semplice semplice, come mai nei cieli di tutto il pianeta ci sono le scie chimiche? Adesso anche i registi cionematografici le inquadrano, che sono bei disegni… Aerei civili acrobati…
    Si può stare almeno un anno intero senza vederne una che è una? Per non esistere si devono non vedere.
    Le facciano “trasparenti”… Così le vedono tutti, cioè nessuno, un giorno in autostrada causa incidente fermi per ore, molti fuori dalle auto e dai camion, io guardo il cielo con insistenza, l’ho anche fotografato, era un disegno molto creativo astratto… righe, rombi, losanghe, tutto il cielo pieno, e i dementi attorno a me mi guardavano come dire, ma che ci sarà mai da guardare… Proprio quando non vogliamo vedere non vediamo!

    Ti stai sbagliando chi hai visto non è
    Non è Francesca
    Lei è sempre a casa che aspetta me
    Non è Francesca
    Se era con un uomo poi
    No, non può essere lei

    Francesca non ha mai chiesto di più
    Chi sta sbagliando son certo sei tu
    Francesca non ha mai chiesto di più
    Perchè
    Lei vive per me

    Come quell’altra è bionda, però
    Non è Francesca
    Era vestita di rosso, lo so
    Ma non è Francesca

    Eh già…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. lister 2 settimane fa

      Tania,
      ecco una “pulce nell’orecchio” per i vari “santommasi” tipo Gian Matteo, Walter, ecc.

      http://www.sciechimiche.org/scie_chimiche/index.php?option=com_content&task=view&id=594&Itemid=353#haarp#3

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Walter 2 settimane fa

        Non ho mai aspirato a diventare un santo ma diffidente e scettico si, lo sono. E le numerose e variegate stronzate che si trovano in rete mi rendono ancora più scettico e diffidente. Per me 2 più 2 fa 4 e anche se 7 miliardi e mezzo di idioti dicesse che fa 13, per me e per la Matematica fa sempre 4. Ognuno, poi, creda pure a ciò che vuole.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Renè 2 settimane fa

      Signora Tania le scie di condensazione sono scie di condensazione, ci sono anche a quote basse, ma a 10.000 metri, la quota di crociera degli aerei commerciali, sono più persistenti, perchè c’è pochissima aria ed ovviamente, dato che le leggi della fisica non sono cambiate, dacchè ci sono gli aerei ci sono sempre state e sono in tutto il Mondo perchè gli aerei volano sopra a tutto il Mondo.
      Non stia ad intralciare il traffico terrestre per studiare quello aereo: le scie si intersecano e seguono dei corridoi, o meglio delle rotte, che sono come delle strade ecco perchè lei vede quei “disegni” regolari nei cieli.
      La neve a casa mia è com’è sempre stata: a volte bagnata a volte farinosa e leggerissima.
      La democrazia è un bell’albero che da frutti avvelenati, comunque Platone ne da un giudizio condivisibile, almeno oggi che siamo alla sua fine:”La democrazia prima che nel sangue finisce nel ridicolo”.
      Infine: @Walter restituirò la caparra versata per la storta torre, ciò che è giusto è giusto..
      invece @animaligebbia circa la Fontana, la comprai anni fa da un americano che l’aveva comprata a sua volta da un tal… Totò, forse… ah ah ah
      ..ed alla simpatica, vulcanica Tania che m’ha omaggiato di un inedito testo poetico, ricambio con altrettanta impegnata poesia:

      I dati di cui disponiamo
      Ci dicono che nel futuro
      Le fonti di cibo piu’ scarse saranno
      Per l’uomo che vive nel mondo rotondo
      Che gira, che gira
      Che gira, che gira e che mai si fermera’

      E allora ricorso fara’
      A cio’ che egli secernera’
      E un silos d’amor riempira’

      Serbando
      i capperi, il muco, il bianco della lingua, il catarro, il sudore, lo sporco in
      mezzo alle dita dei piedi

      Il tartaro, il pus, le cacche delle ciglia, la formaggia, il cerume, il mestruo,
      la pipi’ e la pupu’

      E allora cantiamo in coro
      Cantiamo in coro
      Cantiamo in coro

      Voglio un silos si’ lo voglio un silos per riporvi i frutti del mio corpo
      Voglio un silos si’ lo voglio un silos si’ lo voglio per l’umanita’

      Voglio un silos si’ lo voglio un silos per riporvi i frutti del mio corpo
      Voglio un silos si’ lo voglio un silos si’ lo voglio per l’umanita’

      Rispondi Mi piace Non mi piace