"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

La nuova politica nucleare americana: il mondo è il nostro nemico

Christopher Black

Gravissime affermazioni passate sotto silenzio dai media atlantisti nel documento del Pentagono
I tale documento il Pentagono rifiuta di specificare in quali circostanze utilizzare le armi nucleari (di nuovo) eccetto per dire che si riserva il diritto di farlo anche in un primo attacco.
Il mondo è nostro nemico e ci riserviamo il diritto di distruggere in parte o tutto ciò a nostra discrezione. Questa è l’essenza della Rivista sulla politica nucleare degli Stati Uniti che è stata recentemente pubblicata; un documento di un’impresa criminale incline al dominio del mondo che descrive come l’uso di armi nucleari nuove e “più flessibili” servirà a raggiungere tale dominio.

La chiave delle loro intenzioni è contenuta in una dichiarazione a pagina 22 del documento in cui affermano:

“Per contribuire a preservare la deterrenza e la sicurezza di alleati e partner, gli Stati Uniti non hanno mai adottato una politica di” non uso “e, data l’attuale minaccia, una tale politica non è giustificata oggi. Resta la politica degli Stati Uniti mantenere qualche ambiguità riguardo alle precise circostanze che potrebbero portare a una risposta nucleare negli Stati Uniti “.

In altre parole, stanno dicendo:

“Vi faremo indovinare quando e contro chi li useremo. Manterremo il nostro ruolo come il più grande terrorista di stato mantenendo costantemente la spada nucleare di Damocle sulla testa delle persone del mondo per assicurare che il mondo agisca nel nostro interesse “.

La spada nucleare americana che stanno fabbricando sarà potenziata con armi nucleari utilizzabili su terra, mare e aria più piccole e più sul campo di battaglia. Ma mentre fino ad ora le armi nucleari erano considerate una categoria separata di armi il cui uso significa la morte di decine o centinaia di milioni di persone, considerate sia immorali che illegali dal diritto internazionale, ora sono considerate dagli americani come un tipo di arma convenzionale, una parte dei loro sistemi di armi convenzionali. Ciò solleva il rischio che il loro uso aumenti da una possibilità ad una certezza in quanto minacciano di usarli contro qualsiasi situazione che a loro avviso lo richieda anche se si tratta di uno scenario di guerra convenzionale. Così, se gli americani inscenano un attacco russo contro gli stati baltici e affermano che le loro forze sono troppo deboli per fermare l’attacco, useranno le armi nucleari sui loro veri bersagli per i quali l’attacco graduale è stato il pretesto. Milioni moriranno.
La spada nucleare continua a minacciare pericolosamente i popoli di Russia, Cina, Corea del Nord e Iran, descritti dai fantasisti del Pentagono come “provocatori” degli Stati Uniti quando sono invece gli Stati Uniti a provocarli. La guerra nucleare è minacciata contro tutte e quattro le nazioni semplicemente perché hanno reagito all’aggressione e alle minacce americane e stanno cercando di difendersi.

La visione americana del loro ruolo nel Trattato di non proliferazione nucleare, come espresso in questa nuova Politica alla fine del documento, in una breve sezione riservata agli utili idioti che cercano la pace, è come il poliziotto mondiale ha avuto il permesso per l’uso di armi nucleari da parte di qualche diritto divino, negandolo a tutti gli altri.

Ripetono le bugie che la Russia ha violato vari trattati di armi nucleari e hanno commesso atti di aggressione e che la Corea del Nord viola il Trattato di non proliferazione nucleare quando la Corea del Nord non è più parte di essa. La Cina è accusata di simili violazioni e aggressioni nel Mar Cinese Meridionale mentre l’Iran è accusato di essere sul punto di violare i propri impegni di non costruire armi nucleari. Tutte queste nazioni sono descritte come “revisionisti” “aggressori” “minacce all’ordine mondiale” o, quando qualche onestà si insinua, una minaccia agli interessi americani, il che significa una minaccia alla tirannia americana nel mondo. Ma gli stati nazionali non sono i soli fattori scatenanti possibili della loro “soluzione finale”.

Si spingono fino al punto di dichiarare la loro intenzione di usare armi nucleari su qualsiasi stato che fornisca un’arma nucleare a un gruppo “terrorista”. Il documento lo afferma a pagina 67,

“Gli Stati Uniti terranno pienamente conto di qualsiasi stato, gruppo terroristico o altro attore non statale che sostenga o consenta agli sforzi terroristici di ottenere o impiegare dispositivi nucleari. Sebbene il ruolo delle armi nucleari statunitensi nel contrastare il terrorismo nucleare sia limitato, per un’efficace deterrenza i nostri avversari devono capire che un attacco terroristico contro gli Stati Uniti, i suoi alleati e partner, si qualificherebbe come “circostanze estreme” in base alle quali gli Stati Uniti potrebbero prendere in considerazione l’ultima forma di rappresaglia. ”

Dato che sappiamo che gli Stati Uniti hanno usato le false flag come pretesto per la loro aggressività, questa è una posizione molto pericolosa perché significa che gli Stati Uniti potrebbero semplicemente accusare la Corea del Nord di fornire armi nucleari o parti di armi a qualche gruppo e usarlo come il loro  pretesto e la giustificazione per lanciare un attacco nucleare sulla Corea del Nord.
Non c’è una sola parola di realtà nell’intero documento, nessuna ammissione che il mondo stia armando contro di loro perché in realtà sono gli USA quelli che  hanno attaccato o minacciato quasi tutti i paesi del mondo da quando hanno preso il potere sul sangue di milioni di morti indigeni e sul le loro prime guerre di conquista. Non c’è una sola menzione circa i loro attacchi nucleari contro il Giappone, il loro attacco alla Corea, al Vietnam, a Grenada, America latina e America centrale, contro l’Iraq, contro la Siria, contro il Libano, il Ruanda, il Congo, la Jugoslavia, Afghanistan, Cina, Venezuela, rovesciamento del governo in Ucraina, sostegno a tutti i dittatori militari e, beh, posso continuare a elencare i loro crimini contro nazioni, popoli, società e culture in tutto il mondo, ma rischierei di stancare sia me stesso che il lettore.

Come Jan Oberg, capo della “Transnational Foundation for Peace and Future Research” in Svezia, ha sottolineato che i media occidentali sono rimasti criminalmente in silenzio su questo che è il”più pericoloso” dei documenti, incapaci di elogiarlo, e hanno paura di criticarlo, o hanno ordinato di non farlo rendendosi così complici dei piani criminali degli Stati Uniti e dei loro alleati. Solo la BBC aveva riportato un articolo sulle condanne della minaccia americana da parte di Cina, Russia e Iran, ma, per ridurre l’effetto, metteva le loro parole tra virgolette.

La Cina ha dichiarato che si oppone fermamente alla politica e ha respinto la caratterizzazione americana della Cina come una minaccia nucleare e ha chiarito che la politica americana è una negazione del trattato di non proliferazione nucleare. Il ministero degli Esteri russo ha giustamente affermato che gli Stati Uniti erano guerrafondai e avrebbero adottato le misure necessarie per contrastare la minaccia. L’Iran ha anche dichiarato che la politica era una violazione del diritto internazionale. Ma forse la dichiarazione più forte è arrivata dal ministro degli Esteri tedesco Sigmar Gabriel che ha affermato che:

“La nuova postura nucleare del governo degli Stati Uniti mostra che la spirale di una nuova corsa agli armamenti nucleari è già in corso. Come ai tempi della Guerra Fredda, ciò rappresenta una seria minaccia per noi in Europa. Invece di nuovi sistemi d’arma, abbiamo bisogno di nuove iniziative di disarmo “.
Ma poi i tedeschi, i francesi e gli inglesi, sono sempre più stufi delle politiche americane. Il ministro degli Esteri tedesco ha invitato la Germania a intraprendere una politica estera più aggressiva e ha affermato che l’Europa deve proiettare il proprio potere (sotto il controllo tedesco), che gli americani si stanno allontanando dall’Europa e si stanno isolando, sono ora visti come rivali economici invece di partner e, quindi, non sono più visti come un affidabile partner per la sicurezza, e invece rappresentano un pericolo per l’Europa intrappolata tra Stati Uniti e Russia.

Il presidente Trump ha detto, come se fosse ignaro di tutto questo e con tutto il fascino di Mac The Knife, che la disponibilità americana a utilizzare nuove e più piccole armi nucleari non garantisse l’uso di queste armi da parte di altri, in altre parole la preparazione americana alla guerra globale ci porterà tutti i miracoli della pace globale, a patto che, naturalmente, le altre nazioni del mondo facciano esattamente quello che dicono.

Portaerei USA R. Reagan

Ma, per citare John Galtung, l’illustre professore di studi sulla pace a Oslo:

“Un motivo molto importante per vietare armi nucleari e altre armi di distruzione di massa è che aumentano la soglia per ciò che è accettabile. Una guerra convenzionale viene spesso difesa dicendo che non è diventata nucleare. Il quadro legale internazionale per la guerra è già vittima di armi nucleari e può solo riguadagnare la sua validità proibendo quell’insulto perpetrato sull’umanità “.

Stiamo già vedendo che il giudizio del dottor Galtung è corretto per la reazione delle nazioni minacciate, naturalmente, non per inchinarsi, ma per resistere e rafforzare i propri sistemi di armi nucleari e cambiare le loro politiche di uso di armi nucleari per abbinare quella degli americani. Il mondo si trova sul precipizio della catastrofe finale.

Come disse Albert Einstein nel 1950 “È impossibile raggiungere la pace fintanto che ogni singola azione viene intrapresa con un possibile conflitto futuro in vista. L’armamento competitivo non è un modo per prevenire la guerra. Ogni passo in questa direzione ci avvicina alla catastrofe. La corsa agli armamenti è il peggior metodo per prevenire conflitti aperti. Al contrario, la vera pace non può essere raggiunta senza un disarmo sistematico su scala sovranazionale. Ripeto, l’armamento non è protezione contro la guerra, ma conduce inevitabilmente alla guerra “.
Ma questo è stato detto quando ero un bambino e ora ci troviamo in una situazione peggiore che mai. Il 25 gennaio, il Bulletin of the Atomic Scientists ha ripristinato il suo Doomsday Clock da due minuti e mezzo a mezzanotte a due minuti a mezzanotte a causa delle loro preoccupazioni sulla minaccia della guerra nucleare, dei cambiamenti climatici e delle tecnologie utilizzate dai governi contro la cittadinanza.

Questo era prima del rilascio della politica nucleare americana che ci colloca ancora più vicino a mezzanotte. Eppure anche loro adottano la retorica e la propaganda del governo americano nelle loro dichiarazioni sull’aggressione russa e sulla presunta minaccia della Corea del Nord. Quindi dov’è la speranza quando la verità è soppressa e la realtà è capovolta anche da coloro che ci avvertono della nostra situazione.

È un mondo terribile in cui viviamo e non cambierà se non lo facciamo cambiare. Ho scritto l’ultima volta sulla nostra lettera aperta alla Corte penale internazionale chiedendo al procuratore di aprire un fascicolo sulla leadership degli Stati Uniti e dei suoi alleati per aver cospirato per commettere un genocidio contro il popolo della Corea. Il rilascio di questo documento può essere considerato la prova di una cospirazione per commettere un genocidio istantaneo contro la popolazione mondiale. È il modo del gangster americano di dire a tutti noi: “Fai quello che ti diciamo o sarai travolto”.

È passato molto tempo da allora o per alzarsi, scendere in strada, far sentire la nostra voce, non sgattaiolare nell’ombra, lamentare il nostro destino mentre c’è un modo per vincere la lotta per il disarmo, per la pace, per mettere il potere sotto il nostro controllo, dopotutto facciamo tutto il lavoro, perché no? Se ci limitiamo a entrare nella luce, così possiamo vedere la realtà delle cose, se entriamo in azione; perché se non lo facciamo, allora per citare le parole di Mack the Knife, di Bertolt Brecht, di cui sopra,

“Ci sono alcuni che sono nell’oscurità

E gli altri sono nella luce
E vedi quelli in luminosità

Quelli nelle tenebre cedono alla vista. ”

Fonte: New Eastern Outlook

Traduzione: Alejandro Sanchez

*

code