La Nuova Normalità”: Autocrazia, Autoritarismo e Ristrutturazione Economica Mondiale

  1. UNIVERSITÀ CHE PUNISCONO STUDENTI NON VACCINATI

Le università degli Stati Uniti stanno emettendo multe a tutti gli studenti che si sono rifiutati di prendere il “vaccino” contro il Covid, secondo un rapporto di Zero Hedge .

West Virginia Wesleyan College, ha annunciato poche settimane fa che multerà di 750 dollari gli studenti non vaccinati. Mentre la Quinnipiac University, con sede nel Connecticut, li multerà di $ 100 a settimana con incrementi di $ 25 (pari a $ 2250 per il primo semestre).

Non solo, ma anche agli studenti non vaccinati verrà negato l’accesso a Internet. Nell’era moderna, tentare di funzionare in un’istituzione accademica senza accesso a Internet, e-mail o risorse di apprendimento digitale è quasi impossibile. Quindi questo è essenzialmente un mandato di ricatto sotto qualsiasi altro nome.

Alcuni college più grandi hanno già iniziato a mettere in atto mandati completi .

Altri campus stanno istituendo “tasse di test” di oltre $ 1500 , ma solo per i non vaccinati. Questo nonostante il fatto che le persone vaccinate siano in grado di risultare positive al Covid.

  1. “IL GRANDE LAVORO RESET

Il World Economic Forum (WEF) è il grande patron quando si tratta di spingere il Grande Reset, dopotutto è un’idea del loro presidente Klaus Schwab, e la scorsa settimana hanno svelato il loro ultimo progetto. Si chiama “Jobs Reset Summit” .

Il vertice discute, tra l’altro, del presunto “impatto della pandemia” sull’occupazione. Deplorando la perdita di circa 255 milioni di posti di lavoro a tempo pieno stimati dall’economia globale, senza mai menzionare (naturalmente) che queste perdite di posti di lavoro non avevano nulla a che fare con il Covid, e tutto a che fare con le politiche di blocco che non sono mai state destinate a fermare la diffusione di qualsiasi virus .

La posizione più allarmante emersa da questo vertice, tuttavia, è stato sicuramente un tweet che affermava:

Ottieni il tuo jab COVID-19 o potresti affrontare le conseguenze dal tuo datore di lavoro #COVID19 #JobsReset21

Sostenendo chiaramente l’idea che le persone non vaccinate debbano affrontare la censura, o addirittura il licenziamento, dai loro datori di lavoro. Proprio come hanno fatto con il loro articolo “Non possiedi niente e sarai felice”, hanno cancellato il tweet e rinominato l’articolo dopo una reazione un po’ negativa.

Fortunatamente, una volta che qualcosa è su Internet, è lì per sempre .

  1. ANCORA PI SOCIETÀ SENZA CONTANTI BS

La marcia verso una società senza contanti continua a ritmo sostenuto. Ci è già stato detto che i contanti fanno male all’ambiente e sono anche contaminati da germi e droghe . Ora la stampa sta semplicemente trattando il futuro senza contanti come un fatto compiuto.
Solo questa settimana ci sono articoli su Brasile , India e Arabia Saudita saranno tutti senza contanti nel prossimo futuro. La Cina non è molto indietro .

Gli editorialisti indimenticabili del Guardian stanno scrivendo pezzi di finta nostalgia sui soldi mancanti quando sono scomparsi. Le parrocchie stanno abbandonando i piatti di raccolta per i codici QR .

Sembra che la fase di discussione sia finita definitivamente. E cosa l’ha portato? Beh il Covid, certo. Molteplici pubblicazioni sono state più che chiare sul fatto che la “pandemia” ha prodotto una “diffusione virale della società senza contanti” e che una “società senza contanti è più vicina grazie al corona” .
Sembra che la pandemia del tutto reale (e per nulla guidata dall’agenda) abbia accidentalmente facilitato l’ascesa di una politica governativa altamente controllante, che esisteva circa anni prima che esistesse il “Covid”.

Strano quante volte è successo negli ultimi 18 mesi.

  1. NESSUN TRAPIANTO PER I NON VACCINATI

Questa settimana gli ospedali sia negli Stati Uniti che in Irlanda hanno ammesso di rimuovere i pazienti non vaccinati dalla lista d’attesa di organi donatori.

Il Beaumont Hospital in Irlanda ha inviato lettere raccomandando ai medici di rimuovere tutti i pazienti non vaccinati dalla lista d’attesa per il trapianto di rene. Mentre a un uomo nello stato di Washington è stato detto che non sarebbe stato preso in considerazione per un trapianto di cuore fintanto che avesse rifiutato il vaccino contro il Covid. Secondo quanto riferito, altri pazienti nello stesso ospedale, l’Università di Washington Medical Center, sono nella stessa posizione .

La buona notizia è che l’indignazione pubblica è stata così intensa che l’ospedale Beaumont è stato costretto a cambiare decisione pochi giorni dopo la notizia. Ma questa politica non scomparirà e diventerà solo più segreta man mano che si diffonde.

BONUS: DISCORSO INCREDIBILE DELLA SETTIMANA

Chiunque gestisca il burattino aziendale che vive nella pelle di Justin Trudeau ha chiaramente deciso che è tempo per lui di scuotere la sua immagine piuttosto inefficace e cercare di diventare un oratore pubblico energico. In un discorso da “uomo forte” alla vigilia delle elezioni canadesi, Trudeau si è scatenato in una frenesia sulla vaccinazione:
“Se non vuoi farti vaccinare, è una tua scelta. Ma non pensare di poter salire su un aereo o un treno accanto a persone vaccinate e metterle a rischio!”

Tuttavia, un consiglio per il futuro: se vuoi che l’uomo più blando del mondo cerchi di entusiasmare una folla, dagli più di 80 persone con cui lavorare. Detto questo, per quanto mal consegnato e per quanto tiepida l’accoglienza, il sentimento stesso è molto inquietante. Pieno di segregazione in Canada. Come qualcuno ci ha fatto notare su Telegram, “invece del retro dell’autobus, ora non c’è più alcun autobus”.

NON È TUTTO MALE…

Questa settimana abbiamo le solite proteste in Francia, Australia e in tutto il mondo. È anche nelle notizie che la Danimarca abbandonerà tutte le misure contro il Coronavirus dal primo ottobre… ma resta da vedere se questa è davvero una buona notizia.

Tuttavia, la voce principale di questa settimana per INAB si presenta sotto forma di un video musicale che racconta l’intera storia:

Ricordiamo anche a tutti nel Regno Unito che sabato prossimo, il 28 agosto, si terrà la protesta del “Carnevale della libertà” di Unite for Freedom a Londra (e forse in altre città del paese). Puoi anche seguire il loro canale Telegram per gli aggiornamenti.


Tutto sommato una settimana piuttosto frenetica per la nuova folla normale, e non abbiamo nemmeno menzionato il Dipartimento per la sicurezza interna e il Consiglio per le relazioni estere che hanno chiamato la “minaccia terroristica” o il nuovo “centro nazionale di resilienza” dell’Australia .

C’è molto cambiamento nell’aria, molte agende in lavorazione, se vedi un titolo, un articolo, un post o un’intervista che pensi sia un segno dei tempi, pubblicalo nei commenti, inviaci un’e-mail o condividilo sui social media e lo aggiungeremo alla prossima edizione.

*Fonte: Global Research

Traduzione: Gerard Trousson

2 Commenti
  • Farouq
    Inserito alle 21:43h, 24 Agosto Rispondi

    Mi sono appena riscritto ad Ingegneria, mi hanno tenuto buoni gli esami che avevo fatto annissimi fa ed avevo calcolato di laurearmi (è un debito personale) tra un paio d’anni ma con questo casino! maledetti.,..
    La frequenza non è obbligatoria, andrò a fare gli esami dopo il tampone, internet con il vaccino!!!??? per ora non c’è in Italia
    Il cappio si stringe sempre di più!!

  • Farouq
    Inserito alle 21:50h, 24 Agosto Rispondi

    Chiaramente il tutto è un 11 settembre mondiale, nessuno ha voluto andare fino in fondo per conoscere la verità sull’11 settembre e quelli di sono fatti coraggio e lo hanno esteso all’intero pianeta, si potevano fermare prima

Inserisci un Commento