La nuova grande idea della NATO: “Cominciamo una guerra con la Cina!”


di Ron Paul

La storia della NATO dopo la Guerra Fredda è quella di un’organizzazione che ha superato da tempo la sua data di scadenza. Alla disperata ricerca di una missione dopo la fine del Patto di Varsavia, la NATO ha deciso alla fine degli anni ’90 di diventare la forza trainante dietro la militarizzazione dei “diritti umani” sotto l’amministrazione Clinton.

Scomparsa la “minaccia del comunismo mondiale” che era servita a giustificare i 40 anni di esistenza della NATO, la NATO si è reinventata come un gruppo di supereroi atlantisti armati. Ovunque ci fosse “ingiustizia” (come definita dai neoconservatori a Washington), la NATO era pronta con cannoni e bombe.

Il complesso militare-industriale americano non avrebbe potuto essere più felice. Tutti i think tank di Beltway, quelli che finanziano pesantemente l’apparato militare industriale hanno finalmente escogitato una soluzione vincente per mantenere il flusso di denaro. Si è sempre trattato di soldi, non di sicurezza.

Il banco di prova per la NATO come supereroe dei diritti umani è stata la Jugoslavia nel 1999. Per tutti, tranne la NATO ei suoi manipolatori neoconservatori a Washington e in molte capitali europee, è stato un disastro orribile e ingiustificato. Settantotto giorni di bombardamenti su un paese che non rappresentava una minaccia per la NATO hanno provocato la morte di centinaia di civili, la distruzione di infrastrutture e l’avvelenamento del paesaggio con munizioni all’uranio per le generazioni a venire.

La scorsa settimana, la leggenda del tennis Novak Djokovic ha ricordato come si è sentito fuggire dalla casa di suo nonno nel cuore della notte mentre le bombe della NATO cadevano e la distruggevano. Che cosa orribile!

La NATO ha poi partecipato al rovesciamento del governo di Gheddafi in Libia. La stampa specializzata ha rigurgitato menzogne ​​neoconservatrici secondo cui bombardare il paese, uccidere la sua gente e rovesciare il suo governo avrebbe risolto tutti i problemi dei diritti umani in Libia. Com’era prevedibile, le bombe della NATO non hanno risolto i problemi della Libia, ma li hanno aggravati. Caos, guerra civile, terrorismo, mercato degli schiavi, povertà schiacciante: non c’è da stupirsi che Hillary Clinton, Obama ei neoconservatori non vogliano parlare di Libia in questi giorni.

Lo staff della Nato con i funzionari UE

Dopo una serie di fallimenti più lunghi di quanto abbiamo spazio qui, la NATO controllata da Washington ha deciso nel 2014 di andare fino in fondo e prendere di mira la stessa Russia per un “cambio di regime”. Il primo passo è stato rovesciare il governo ucraino democraticamente eletto, di cui si sono occupati Victoria Nuland e il resto dei neocon. Poi, per otto anni, la NATO ha fornito massicci aiuti militari al governo golpista dell’Ucraina nel tentativo di combattere la Russia. Infine, c’è stata la bocciatura nel 2022 della richiesta della Russia di negoziare un accordo di sicurezza europeo che impedisse agli eserciti della NATO di aggirare il suo confine.

Nonostante i media mainstream e la propaganda del governo degli Stati Uniti, la NATO ha avuto lo stesso successo in Ucraina che in Libia. Centinaia di miliardi di dollari sono stati inghiottiti, con una massiccia corruzione documentata da giornalisti come Seymour Hersh e altri.

L’unica differenza questa volta è che l’obiettivo della NATO – la Russia – ha armi nucleari e considera questa guerra per procura vitale per la sua stessa esistenza.

Così, nonostante la sua eredità di fallimenti, la NATO ha deciso di iniziare un conflitto con la Cina, forse per distogliere l’attenzione dal suo disastro in Ucraina. La scorsa settimana, la NATO ha annunciato che avrebbe aperto il suo primo ufficio asiatico in Giappone. E l’adesione di Taiwan alla NATO? Taiwan sarà la nuova “Ucraina” della NATO, che si sacrificherà per la Cina in nome dell’apparentemente infinito appetito di conflitto della NATO?

Possiamo solo sperare che l’America eleggerà un presidente nel 2024 che metterà finalmente fine al tour mondiale mortale della NATO.

Fonte: The Ron Paul Institute via Arret sur Info

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM