LA NUOVA DOTTRINA MILITARE DELLA BIELORUSSIA CONSENTE LA PARTECIPAZIONE DEL PAESE ALLE OPERAZIONI NEL DISTRETTO MILITARE SETTENTRIONALE

La Bielorussia ha prescritto assistenza militare alla Russia e ai suoi alleati nella nuova dottrina di sicurezza.

L’Assemblea popolare panbielorussa (VNA) ha approvato la dottrina militare modificata della Repubblica di Bielorussia.

Secondo il documento pubblicato, d’ora in poi la repubblica ritiene possibile “fornire assistenza militare agli stati amici <…>, compreso l’invio di contingenti militari per partecipare ad attività rilevanti per il mantenimento della pace e della sicurezza internazionale”.

La Bielorussia non ha escluso l’uso di tutti i mezzi del suo arsenale in caso di aggressione contro gli Stati membri dell’Unione degli Stati, di cui fa parte, oltre alla Bielorussia, anche la Russia.

La nuova dottrina conferma anche che la Bielorussia considera l’aggressione contro uno degli Stati membri della CSTO come un’aggressione contro tutti i paesi dell’organizzazione.

Lukashenko passa in rivista le sue forze

Il documento rileva che le azioni della NATO nell’Europa orientale aumentano la probabilità che la Repubblica di Bielorussia sia coinvolta in un conflitto armato internazionale.

Nota: La Bielorussia ospita molte testate atomiche fornite dalla Russia in difesa della propria sovranità nazionale. Un chiaro avviso a quanti vogliono il rovesciamento del regime è stato dato dal suo presidente, Alexander Lukashenko, stretto alleato di Putin. Il conflitto in Europa, come previsto, si allarga sempre di più.

Fonte: Tsargrad

Traduzione: Mirko Vlobodic

5 commenti su “LA NUOVA DOTTRINA MILITARE DELLA BIELORUSSIA CONSENTE LA PARTECIPAZIONE DEL PAESE ALLE OPERAZIONI NEL DISTRETTO MILITARE SETTENTRIONALE

  1. Lo prevederebbe anche la mia. Ma è una dottrina pericolosa. Poi si rischia un allargamento del conflitto a tutta Europa. Certo nel caso che i polacchi provassero a fare i furbi ed ad entrare in Ucraina; bene farebbe Lucashenko ad attaccarli per proteggere l’ avanzata russa.

  2. Al “dittatore” della Bielorussia sig. Lukashenko darei l’ onorificenza massima mondiale per aver resistito alle pressioni della congrega massonica finanziaria di Davos alla fregnaccia pandemica COVID 19. Da ricordare sempre le sue parole nelle quali dichiara di aver ricevuto offerte da parte del FMI di 1 miliardo di euro per reggere lo show pandemico. OFFERTE RIFIUTATE! Di contro noi italiani ci siamo ritrovati il ministro Speranza con “tachipirina e vigile attesa” a fare il criminale stragista sostenuto dal governo e da PDR Mattarella responsabile massimo, secondo me, delle misure restrittive e sanitarie COVID. Da ricordare SEMPRE che queste sono costate agli italiani 3.000 morti immediati (i poveri vecchietti del Bergamasco e Bresciano) per mancanza di cure e chissà quanti altri nei tempi a seguire a livello nazionale per gli affetti avversi dei vaccini. Caro Mattarella, cosa Vi siete detti con i sig. Bill Gates e Soros nell’ autunno 2019? Avete parlato della sottoscrizione dei BTP italiani o altro? …

    1. Sulla truffa e strage del COVID e vaccinazione plurima, Annibal61, Lukashenko e la Bielorussia sono la prova provata che l’emergenza pandemica è stata, appunto, una truffa e il più grande, di dimensioni planetarie, esperimento di controllo sociale condotto sulla pelle di popoli e nazioni. Uno sterminio di vite umane da processare come crimine contro l’umanità: invece, sembra proprio che i responsabili politici, i profittatori economici e i pianificatori davosiani la faranno franca. Un motivo in più per stare dalla parte di chi combatte contro questo Occidente e questa UE: la Russia, malgrado si sia attenuta ai protocolli OMS, non ha mai creduto alle responsabilità cinesi, dove l’epidemia è esplosa in circostanze molto dubbie: e ha scoperto l’esistenza in Ucraina, che ha rinunciato alla sovranità sanitaria, di laboratori di aziende farmaceutiche che erano il paravento dei servizi segreti occidentali. Anche per questo,
      SLAVA ROSSII!

    2. Ciao Annibal. Io lavoro in ospedale, come testimone oculare diretto e senza nessun interesse recondito nascosto, posso dichiarare ufficialmente che i morti COVID sono stati delle panzane. Nel bergamasco abbiamo la più alta concentrazione di RSA d’ europa, ovvio che in qualsiasi pandemia influenzali li muoiano decine di vecchietti. Hanno falsificato e plagiato, comuni e regioni, il numero facendo passare per morti COVID anche chi moriva di tutt’ altro. Quindi uno schifo ancora maggiore di quello che credete, tutto per sierare la popolazione e fare miliardi. Nei due anni di pandemia hanno vietato alla nostra gente di stare vicina ai loro cari defunti. Questi avanzi di galera vanno rovesciati e presi a calci. Altro che civiltà. Saluti

  3. Scegliere come nickname una bestemmia o in insulto non è una dimostrazione di civiltà, di rispetto dovuto sia al blog che a altri commentatori, che non sono qui per discutere su questioni che riguardano le rispettive convinzioni religiose. Spero che lei se ne renda conto e avrà il buon senso di rendersene conto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM