La nuova aggressione israeliana contro Jenin provoca la morte di diversi palestinesi

placeholder

Le forze israeliane hanno lanciato un attacco contro la città di Jenin, a nord della Cisgiordania occupata, uccidendo tre palestinesi lunedì mattina presto.

L’esercito israeliano uccide tre palestinesi, tra cui un bambino, a Jenin

Secondo il ministero della Salute palestinese, uno dei giovani palestinesi uccisi nel raid israeliano è stato identificato come il 21enne Samih Abu al-Wafa, mentre sugli altri due non si hanno informazioni. Sono stati colpiti a morte dopo che un aereo israeliano ha attaccato una casa nel centro del campo profughi di Jenin con almeno sei missili.

Secondo testimoni oculari, mentre gli aerei da guerra israeliani lanciavano una serie di attacchi aerei contro il campo profughi di Jenin, decine di veicoli militari del regime hanno preso d’assalto la città, dopodiché sono scoppiati scontri armati tra combattenti palestinesi e truppe di occupazione.

I media palestinesi riferiscono che l’esercito israeliano ha lanciato un’offensiva su vasta scala contro Jenin e il suo campo profughi, assaltando la struttura da due direzioni, mentre i combattenti della resistenza palestinese hanno attaccato i veicoli militari del regime con ordigni esplosivi fatti in casa.

Oltre alla casa attaccata al centro del campo profughi di Jenin, gli aerei da guerra israeliani hanno bombardato diversi altri punti del campo, provocando feriti tra i suoi residenti, alcuni dei quali versano in condizioni critiche.

Parallelamente al raid aereo, un gran numero di forze israeliane, accompagnate da bulldozer militari, hanno fatto irruzione nella città scortate da elicotteri Apache e aerei da ricognizione del regime usurpatore.

L’esercito israeliano sostiene in un comunicato di aver effettuato gli attacchi al quartier generale delle operazioni dei gruppi armati nel campo di Jenin, in Cisgiordania.

Ore dopo, l’esercito sionista ha annunciato il dispiegamento dei suoi sistemi antiaerei Iron Dome ed è in massima allerta temendo una risposta missilistica da parte della Resistenza palestinese.

“Ci sono bombardamenti dall’aria e un’invasione da terra”, ha detto all’agenzia di stampa francese AFP Mahmoud al-Saadi, direttore della Mezzaluna Rossa palestinese a Jenin . “Diverse case e luoghi sono stati bombardati… il fumo arriva da ogni parte”, aggiunge.

Il canale televisivo israeliano Kan ha affermato che la decisione di lanciare l’aggressione militare a Jenin è stata presa circa due settimane fa, ma è stata rinviata alla fine della festa musulmana di Eid al-Adha o Festa del Sacrificio.

Combattenti dei gruppi di resistenza determinati ad affrontare il nemico sionista
Diversi movimenti di resistenza palestinese hanno reagito rapidamente. La Jihad islamica palestinese, con sede nella Striscia di Gaza bloccata, ha rilasciato una dichiarazione in cui condanna il raid.

” Jenin non si arrenderà e i nostri combattenti sono determinati ad affrontare il nemico sionista ea combattere a prescindere dai sacrifici che devono fare “, si legge nella nota.

Il movimento ha sostenuto che il nemico sionista ha la piena responsabilità delle conseguenze di questa aggressione e ha sottolineato che Israele non raggiungerà i suoi obiettivi, mentre Jenin rimarrà un simbolo di fermezza.

Il FPLP invita i palestinesi a respingere l’attacco terroristico israeliano
Da parte sua, il Fronte popolare per la liberazione della Palestina (FPLP) ha condannato la ferocia israeliana e ha sottolineato che “l’aggressione sionista contro Jenin e i crimini dell’occupazione non faranno che rafforzare la determinazione e la fermezza del nostro popolo nel continuare la resistenza .” .

“Chiediamo alla nostra gente in tutte le città vicine di unirsi alla gente di Jenin per respingere questo attacco terroristico”, ha detto la fazione palestinese.
La Cisgiordania occupata sta vivendo il picco più alto di violenza dalla Seconda Intifada (2000-2005), con dozzine di palestinesi uccisi finora quest’anno, la maggior parte dei quali in brutali raid condotti dalle truppe israeliane nelle città di Nablus e Jenin. .

Fonte: Hispantv

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM