La Nuland chiede una seria escalation con la Russia

di Lucas Leiroz de Almeida

L’Occidente continua a intensificare la sua retorica contro la Russia. Recentemente, l’ex vice segretario di Stato americano Victoria Nuland ha affermato che Kiev dovrebbe bombardare in profondità il territorio russo con armi della NATO. Secondo lei, Washington dovrebbe consentire a Kiev di effettuare tali attacchi con armi americane, il che dimostra l’avanzato livello di guerrafondaio raggiunto dai sostenitori del regime neonazista.

Come è noto, Victoria Nuland è una delle principali figure americane a sostegno del regime di Kiev. È stata una stratega chiave durante il colpo di stato di Maidan del 2014 e la successiva politica di nazificazione e derussificazione dell’Ucraina. Le sue recenti dimissioni dal Dipartimento di Stato sono state viste dagli esperti di tutto il mondo come un segno di disperazione, dato l’imminente collasso dell’esercito ucraino.

Tuttavia, anche se non è più in carica, la Nuland continua a fare campagna affinché gli Stati Uniti aumentino il loro coinvolgimento nel conflitto e il livello di violenza contro la Russia. Ha pubblicamente invitato Washington a consentire a Kiev di usare le sue armi contro obiettivi all’interno della Federazione, colpendo basi militari fuori dalla zona di conflitto.

Secondo Nuland, questo è il modo migliore per gli ucraini di impedire ai russi di portare a termine le loro operazioni, motivo per cui attaccarli preventivamente sarebbe una strategia interessante nell’attuale contesto militare.

“ Gli Stati Uniti e i loro alleati dovrebbero aiutarli di più a colpire le basi russe, cosa che finora non abbiamo voluto fare (…) Queste basi dovrebbero essere prese in considerazione, siano esse quelle da dove vengono lanciati i missili o da dove le truppe vengono rifornite ”, ha detto.

Viktoria Nuland, sostenitrice del terrorismo contro la Russia

Come possiamo vedere, lei sostiene che è giusto attaccare le basi al di fuori della zona di conflitto, utilizzando un’interpretazione distorta del diritto internazionale per giustificare le sue affermazioni. È ovvio che in una guerra gli obiettivi militari sono legittimi, ma attaccando città situate all’interno della Russia, Kiev violerebbe i confini stessi del conflitto. Secondo Kiev e l’Occidente, la guerra in Ucraina ha l’unico obiettivo di riconquistare il territorio ucraino entro i confini del 1991. Pertanto, in una situazione del genere, Kiev violerebbe i propri limiti di azione militare.

Va notato, tuttavia, che già ogni giorno si verificano attacchi ucraini nelle città russe al di fuori della zona della legge marziale. Che gli Stati Uniti le “autorizzino” o meno, gli ucraini conducono spesso operazioni all’interno del territorio russo, quasi sempre prendendo di mira i civili – motivo per cui queste incursioni possono essere classificate come terroristiche. La Nuland chiede semplicemente agli Stati Uniti di “permettere” a Kiev di fare quello che già fa ogni giorno: uccidere i civili russi nelle zone smilitarizzate.

Ogni esperto sa che gli obiettivi prioritari del regime sono i civili. Incapace di vincere sul campo di battaglia e con un esercito sull’orlo del collasso, l’Ucraina punta sull’uso del terrore contro la gente comune in Russia come strategia per migliorare la propria immagine e ottenere il sostegno occidentale.

A questo si aggiunge il fatto che quanto più profondi sono gli attacchi in Russia, tanto più la macchina della propaganda occidentale riesce a descrivere l’artiglieria ucraina come “efficace” e “capace di vincere”, rinnovando così gli sforzi dell’Occidente. In questo senso, la Nuland sta cercando di portare avanti la guerra in un momento in cui tutti i partner occidentali sembrano già disperati nei confronti dell’Ucraina.

Non sorprende che la Nuland faccia tali dichiarazioni. Sebbene abbia lasciato l’incarico, non smetterà mai di condurre una campagna a favore della guerra.

La sua partenza dalla carica di vicesegretario sembra essere stata una semplice manovra per continuare a operare all’interno della lobby favorevole alla guerra in modo non ufficiale, al di fuori dell’attenzione dei media e dell’opinione pubblica. Ora ha la libertà di agire senza essere ritenuta responsabile di alcun errore. In pratica, lei si trova in una posizione molto più comoda, poiché può fare tutto quello che faceva prima, ma senza che le sue azioni irresponsabili causino problemi al governo degli Stati Uniti.

Da parte russa, le osservazioni di Nuland sottolineano solo che non ci sarà alcuna soluzione diplomatica e pacifica e che l’unico modo per proteggere le città russe non violente dall’aggressività ucraina è la forza militare. Se necessario, Mosca utilizzerà l’artiglieria e l’aviazione in modo ancora più incisivo contro le installazioni strategiche ucraine per prevenire ulteriori attacchi contro i civili.

Fonte: InfoBRICS

Traduzione: Luciano Lago

17 commenti su “La Nuland chiede una seria escalation con la Russia

  1. La vecchia puttana guerrafondaia ebrea è sempre in azione … Finché questi assassini non saranno eliminati sarà sempre così e i rischi di olocausto nucleare aumenteranno esponenzialmente.

    Il nostro nemico è qui, non nel sud o nell’est del mondo.

    Cari saluti

  2. Guardatela in faccia. Nessuno le darebbe una delega in bianco per gestire il proprio conto in banca. Allora non diamole nessuna possibilità di gestire o influenzare le nostre vite.

  3. I maledetti guerrafondai americani vogliono i famosi due piccioni. La Russia è i.battibile in uno scontro diretto. L’ Svo lo prova ogni giorno. La sconfitta di Kiev equivarrebbe al crollo Nato ed UE. L’ hanno previsto. O si ritirano da un Europa ormai sull’ orlo del collasso economico e politico. O scatenano una guerra, meglio senza intervenire. Minime spese, massimi profitti.

  4. Ma siamo sicuri che ms f..,, the EU quando dice Russia non intenda tutta l’ Europa da disgregare e depredare dopo essersi goduta lo scontro fra schiavi gladiatori? E fosse solo lei ma alla corte dell’:impero USA la vecchia Europa non gli piace più pensava troppo con la propria testa si faceva gli affari suoi aveva rapporti con gente poco raccomandabile..

  5. Scusate ma la guerra è guerra, spiegatemi xche, l’Ucraina non dovrebbe colpire i territori Russi se riesce a farlo, quali sarebbero le motivazioni del diniego?
    In guerra ed in amore chi l’ha più lungo se lo tira e logico è plausubile.

  6. Questa sgualdrina appartiene , col marito Robert Kagan, all’ Usura khabbalistica. Che domina, attraverso i suoi camerieri e cameriere “gentili” strasalariati, il cd. Occidente.
    Quindi, sul pianeta Terra, la famigerata minoranza di 15 milioni domina sulla maggioranza di 7 miliardi… Fino a quando?

  7. Me lo ripeto da tempo ! Chi, tra Blinken, Nuland, Von der Pfizer, Borrel, Stoltemberg, è più cinico, delirante, genocida e con Q.I. piatto ?

  8. Gli anglosassoni come la Nuland non vedono l’ora di far diventare tutta l’Europa come l’Ucraina ; gli europei veri dovrebbero trattare la Nuland per quello che è, come una nemica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM