La Nato teme un aumento della presenza militare russa nel Mar Baltico

placeholder


La messa in servizio del gasdotto Nord Stream 2 creerà presumibilmente un “mal di testa” per i paesi della regione

MOSCA, Istituto RUSSTRAT. L’Alleanza Nord Atlantica teme la crescita della presenza militare russa nel Mar Baltico in relazione alla messa in servizio del gasdotto Nord Stream 2, che creerà un “mal di testa” per i paesi della regione. Lo ha affermato il capo dell’Ufficio di sicurezza nazionale polacco Pavel Solokh dopo una riunione dei capi dei servizi speciali dei paesi della NATO.

“Questa è un’infrastruttura critica che fornisce un sottotesto per aumentare la presenza militare della Russia nel bacino del Mar Baltico, il che è un grattacapo non solo per noi, ma per tutti i paesi intorno – Svezia, Finlandia, Stati baltici ” , ha citato il quotidiano Izvestia Solokh come dire .

Come ha spiegato Solokh, i partecipanti all’incontro durante gli incontri bilaterali hanno discusso la questione della sicurezza nel bacino del Mar Baltico nel contesto del completamento della costruzione del Nord Stream-2.

Allo stesso tempo, il dottore in scienze militari Konstantin Sivkov ha affermato che la Russia, in caso di minaccia al Nord Stream 2, potrebbe utilizzare le navi della flotta baltica per proteggere il gasdotto. “Adotteremo alcune misure di ricerca per monitorare le condizioni di questo tubo. Cioè, ci saranno navi di ricerca. E monitoreremo questo caso”, riporta RIA Novosti .

Secondo Sivkov, “ci saranno malvagi che cercheranno di disabilitare questo tubo”. “Se ci sono minacce a questo tubo, adotteremo misure per proteggerlo”, afferma.

In precedenza, la Federal Grid Agency della Repubblica federale di Germania ha minacciato l’operatore di Nord Stream 2, Nord Stream 2 AG, con “procedimenti immediati” se la società non conferma la conformità del gasdotto alla legislazione dell’UE, anche in termini di “accesso non discriminatorio alla rete e integrazione delle infrastrutture nel mercato tedesco”. In risposta, la società ha indicato che Nord Stream 2 ha ricevuto tutti i permessi necessari ed è conforme alla legislazione nazionale e al diritto internazionale.

Fonte: Russtrat

Trduzione: Sergei Leonov

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM