La Nato teme Kaliningrad perché è il coltello della Russia alla gola dell’Europa


Un editorialista cinese ha affermato che nell’attuale contesto bellico, la regione di Kaliningrad non dovrebbe essere ingannata dalla posizione “schiacciata” dei paesi europei
Ha spiegato che l’accesso al Mar Baltico conferisce all’enclave russa un’importanza strategica nel compito di dissuadere i paesi della NATO nella regione.

L’esperto ha affermato che se la base navale di Baltiysk fosse modernizzata, potrebbe ospitare a lungo termine sottomarini russi con armi missilistiche a bordo. Da questo punto sarebbero in grado di raggiungere qualsiasi Stato membro europeo della Nato anche con missili non nucleari, ha aggiunto l’osservatore.

Ha prestato particolare attenzione al dispiegamento di complessi nucleari tattici mobili “Iskander” nella regione di Kaliningrad che non possono che dare all’Europa e alla NATO motivi di preoccupazione.
L’esperto cinese non ha ignorato il dispiegamento dei sistemi di difesa aerea S-400 Triumph nella regione di Kaliningrad nel 2019, che limita seriamente anche la potenziale attività aerea dell’Alleanza nella regione.

Mappa nord Europa con Kalingrad

L’esperto ha concluso invitando l’UE e gli Stati Uniti a smettere di fare pressioni sulla Russia, poiché in caso di potenziali minacce, la regione di Kaliningrad potrebbe diventare il coltello che pugnalerebbe al cuore i membri europei della NATO.

Fonte: News Front

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM