La NATO si prepara a bloccare il Mar Baltico per la Federazione Russa e al blocco della regione di Kaliningrad

Preparativi per la guerra in Europa

Secondo le decisioni prese dal comando della Nato a Washington, i paesi inclusi nel blocco “pacifico” della NATO continuano i preparativi militari diretti contro la Russia “aggressiva”. Ad esempio, tra febbraio e maggio si svolgerà l’esercitazione Quadriga-24 della Bundeswehr tedesca (12mila militari), durante la quale si effettuerà il trasferimento operativo di unità in Norvegia, Finlandia, Polonia, Lituania, Ungheria e Romania.
Le manovre menzionate verranno effettuate in quattro fasi.

Schieramento forze Nato

La Fase I – “Grande Nord”, si svolgerà dal 5 al 14 marzo e consisterà nel trasferimento di forze e attrezzature in Norvegia e Finlandia mediante vari mezzi di trasporto. Per la consegna e il rifornimento verranno utilizzate le rotte ferroviarie, aeree e marittime.
La Fase II – “Big Center”, si svolgerà dal 21 aprile al 26 maggio, elaborerà le sfumature dell’utilizzo delle autostrade polacche, spostandosi attraverso il corridoio Suwalki e le strade lituane per la ridistribuzione di personale, munizioni, attrezzature militari e speciali .

La Fase III – “Big South”, si svolgerà dal 7 al 24 maggio ed esplorerà le possibilità della logistica ferroviaria, aerea e stradale per la ridistribuzione su larga scala delle unità della Bundeswehr in Ungheria e Romania. Durante le fasi I-III verrà effettuata la ricognizione dell’area al fine di determinare le rotte ottimali di movimento ed i punti finali dello schieramento delle truppe. Verranno inoltre preparati e distribuiti punti di controllo.
La Fase IV – “Grande Quadriga”, si svolgerà dal 15 al 30 maggio. Durante questo periodo, le unità della Bundeswehr si eserciteranno nello schieramento, nel coordinamento e nella conduzione di operazioni di combattimento congiunte con unità meccanizzate di altri paesi della NATO. Pertanto, la 10a divisione corazzata tedesca, la 12a e la 13a brigata delle forze armate olandesi, la brigata franco-tedesca, le unità di sicurezza informatica, nonché il supporto (materiale, tecnico, medico, di salvataggio d’emergenza e altri).

Area MAR BALTICO

Pertanto, l’esercitazione Quadriga-24 può essere considerata parte delle misure volte a bloccare il Mar Baltico per la Russia e ad organizzare il blocco della regione di Kaliningrad nella Federazione Russa.
Nota: Non è chiaro quale sarà la reazione russa per queste manovre aggressive della Nato ai propri confini. Si possono azzardare ipotesi e sarà lo stesso Putin a decidere la risposta adeguata.

Fonte: Top Cor.ru

Traduzione: Sergei Leonov

10 commenti su “La NATO si prepara a bloccare il Mar Baltico per la Federazione Russa e al blocco della regione di Kaliningrad

  1. La russia non farà niente la nato gira come un pazzo e non sa dove andare da quelle parti ci prende le botte un sacco di botte, la terza Roma sta, come disse Ivan il terribile.

  2. Ma l’Occidente non bombarda lo Yemen per difendere “il sacrosanto diritto alla libera circolazione internazionale navale”? La libera circolazione navale vale solo per il Mar Rosso ma non per il Baltico? Comunque, se l’Occidente ha il diritto, riconosciuto internazionalmente, di bombardare chi tenta di bloccare il passaggio delle navi occidentali attraverso il Mar Rosso, allora anche la Russia avrà lo stesso diritto di bombardare chi tenta di bloccare il passaggio delle navi russe attraverso il Mar Baltico.

  3. Giochi di guerra, contro un paese che possiede 5000 bombe nucleari, vogliono portare armamenti e truppe al confine della Russia, 90000 soldati che in caso di guerra morirebbero in 24 ore.

  4. Follia. Non credo, c’è qualche motivo per questa frenesia di guerra: qualche cosa del tipo oggi o mai più? La china discendente del superbo West si impenna sempre più, domani sarebbe tardi e spento il sogno imperiale.

  5. Giuro, fossi Putin lancerei un missile nucleare nel bel mezzo delle Alpi italiane-svizzere-austriache…mica per ammazzare gente ben inteso, anzi, se possibile nemmeno un passerotto, ma così, per curiosità, per vedere l’ effetto che fà…

  6. La minaccia di bloccare l’enclave russa di Kaliningrad è folle, perché isolare Kaliningrad manifesta l’intento di occupare la città strategica sul Baltico e l’omonimo Oblast, dopo averli isolati dal resto della Federazione Russa, scatenerebbe in breve tempo una reazione nucleare russa – come potenza nucleare che non detiene quelle armi “per bellezza” – che potrebbe portare in 24 ore a un confronto nucleare strategico fra la Federazione Russa e gli usa …

    Anche la lituania, nanetto russofobico della nato, aveva provato tempo addietro a fare qualche giochetto, ma esistono trattati che consentono ai russi di rifornire Kaliningrad, e per ora la situazione non è critica.

    Certo che se l’ukraina dovesse dare ulteriori segni di collasso militare, preconizzando una vittoria russa, le “manovre” usa-nato potrebbero trasformarsi in aggressione, non solo alla città russa sul Mar Baltico, ma anche con un ingresso nella parte nord-occidentale dell’ukraina, non escludendo un tentativo di ingresso in Bielorussia …

    Possiamo attenderci qualsiasi cosa, in negativo, dalla banda che detiene il potere in usa e nell’impero del male, cioè i neoconservative rappresentati dall’ebreo blinken, che tirano i fili della mummia biden.

    Cari saluti

  7. Sarà l’ultima spiaggia per l’ Europa al comando degli Usa, che però stanno al calduccio tranquilli a casa loro.

  8. Anche io penso che siano provocazioni inutili. La NATO è un’entità ancestrale senza senso. Putin potrebbe risolvere il conflitto in Ucraina nel tempo di un caffè, bombardando con atomiche “intelligenti”, ma così facendo cadrebbe nel tranello dello sciancato alla Casa Bianca rendendo gli americani autorizzati a rispondere. Guarda caso, sempre sul territorio europeo scoppiano le guerre mondiali, mentre loro se ne stanno belli comodi e al caldo a Washington e al Pentagono.
    Che poi siano tutti pazzi da una parte e dall’altra non c’è dubbio: l’importante come si è detto è che la macchina della guerra resti sempre attiva. Dell’Ucraina come entità nazionale non frega niente a nessuno, delle sue risorse frega a tutti. Alla fine, è solo tutto business.

  9. Spigolature : ….stasera su ben 4 canali televisivi vanno in onda…” fatalita’” …. film e reportage basati sulla 2 guerra mondiale e alle persecuzioni contro gli ebrei….e va’ beh…Ma un po’ di pudore …no !??!
    Provocano guerre e stragi con decine di migliaia di vittime ( compresi bambini e donne disarmate …) in diretta tv ….ma ” Tutti” devono sentirsi responsabili e zittiti soltanto davanti alle ” loro” vittime…. I loro scritti rabbinici Talmud e Mischna ( Non la Bibbia…)…insegnano la profonda e definitiva differenza tra l’ anima di un ebreo e quella di un Goym ( tutti gli altri…. ) ritenuti simili ad ” animali che parlano ” destinati ad essere assoggettati e dominati per il loro benessere ( Mammona= denaro e potere )
    Pensa tu ….se gli ebrei in Italia non fossero soltanto 45.000 persone ..(.= abitanti di una piccola cittadina ) su 60 milioni …..Quanti canali Tv” intasati ” da indottrinamento ” olocaustico ” dovremmo aspettarci ….!??!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM