La Nato si dice pronta a “proteggere” gli alleati da Minsk e da Mosca


Il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg ha dichiarato, in un’intervista al quotidiano « Welt am Sonntag», che l’alleanza è pronta a difendere qualsiasi alleato contro qualsiasi pericolo «proveniente da Minsk o da Mosca».

La Nato è molto preoccupata dagli sviluppi politici in Bielorussia. Il segretario generale Jens Stoltenberg, in un’intervista alla Welt am Sonntag, assicura che l’Alleanza è pronta a difendere ogni proprio membro da eventuali minacce.

“La NATO è un’alleanza di difesa, ma siamo in allerta e ovviamente pronti a difendere ciascuno dei suoi membri in caso di emergenza contro qualsiasi minaccia da Minsk o Mosca”, ha affermato Stoltenberg.

“Siamo vigili e seguiamo con molta attenzione quello che succede in Bielorussia”, ha aggiunto, sottolineando che la Bielorussia “è sempre più dipendente” dalla Russia. Nell’intervista Stoltenberg ricorda: “In passato abbiamo dovuto apprendere che la Russia ha violato l’integrità territoriale di Paesi come Ucraina, Georgia e Moldavia”.

La principale minaccia è “il rafforzamento della cooperazione tra Russia e Cina a livello politico e militare” e l’intensificarsi di forme di terrorismo e attacchi informatici.
Il senatore della Federazione Russa Alexei Pushkov ha commentato la dichiarazione del Segretario generale della NATO sul suo canale Telegram.

A suo avviso per Stoltenberg “non è più sufficiente una “minaccia russa” e ha deciso di inventarsi qualcosa di nuovo per giustificare le enormi spese dell’alleanza.
«Poiché in realtà nessuno minaccia la NATO e solo l’alleanza stessa che minaccia tutti coloro che può minacciare (l’aggressione contro la Jugoslavia, la Libia, la guerra in Afghanistan, lo stazionamento di truppe ai confini con la Russia, ecc.), Stoltenberg ha deciso di urgentemente … Basta Minsk! La “minaccia russa” da sola non gli basta più. Devi inventare qualcosa di nuovo per giustificare l’enorme spesa per la NATO.
Era la prima volta che le persone in Europa e nel mondo sentivano che la Bielorussia rappresentava una minaccia militare per qualcuno. Il segretario generale della NATO ha chiaramente visto una crisi del genere “, ha affermato Pushkov.

Il senatore russo Pushkov.


Secondo il senatore russo, Stoltenberg ha necessità di compiacere i suoi referenti di Washington e per questo motivo deve continuamente suonare l’allarme, inventandosi continuamente minacce vecchie e nuove.
Nota: Se i russi muovono le loro truppe all’interno dei propri confini con l’Ucraina, quella è una “seria minaccia”. Se statunitensi, Britannici, Canadesi e altre truppe della NATO arrivano in massa con i loro mezzi ed attrezzature militari e si attestano ai confini della Federazione Russa, lo fanno perchè si sentono “minacciati” dalla Russia. In effetti si vede che Stoltenberg, frequentando l’ex comico ucraino Zelensky, ha acquisito anche lui una qualche comicità di rilievo. (nella foto in alto: Stoltenberg con Zelenskyj)

Fonte: Swiss InfoNew Front

Traduzione e nota: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM