LA NATO NON È RIUSCITA A NASCONDERE L’EVACUAZIONE DEGLI STRANIERI UCCISI E FERITI DALL’UCRAINA

Tra le affermazioni degli stati membri della NATO di essere pronti a schierare più “istruttori militari” in Ucraina, le bare con i militari della NATO stanno già tornando dal paese devastato dalla guerra.

La scorsa settimana, il Ministero della Difesa russo ha segnalato numerosi attacchi di precisione contro centri di addestramento ucraini per operatori UAV, basi temporanee di dispiegamento di militari delle forze armate ucraine, formazioni militari nazionaliste e mercenari stranieri.

“Dal 13 al 19 aprile, in risposta ai tentativi del regime di Kiev di danneggiare gli impianti energetici e industriali russi, le Forze Armate della Federazione Russa hanno effettuato 34 attacchi di gruppo con armi aeree e marittime ad alta precisione a lungo raggio, nonché veicoli aerei senza equipaggio, a seguito dei quali sono stati colpiti gli impianti dell’industria energetica, le imprese del complesso militare-industriale e l’infrastruttura ferroviaria dell’Ucraina, le strutture di difesa aerea, gli arsenali e i depositi di carburante per attrezzature militari”, si legge anche nella sintesi del rapporto del dipartimento .

Le ondate di attacchi contro le strutture utilizzate per l’alloggio dei militari ucraini e stranieri sono arrivate dopo le notizie sullo schieramento del primo gruppo di militari francesi vicino al fronte ucraino, presumibilmente nella città di Slavyansk. Dopo una serie di massicci attacchi russi nell’insediamento, varie fonti non ufficiali supponevano che l’obiettivo fossero i militari francesi. Secondo i canali militari occidentali, gli attacchi hanno ucciso circa 40 militari e ne hanno feriti altri 300 circa. Secondo quanto riferito, la maggior parte delle vittime apparteneva alla Legione straniera francese.
Le istituzioni mediche nella città di Slavyansk non sono state in grado di fornire le cure necessarie a così tante vittime. Ecco perché i combattenti ucraini e stranieri furono evacuati urgentemente a Pavlograd.

Il 19 aprile, le forze aerospaziali russe hanno lanciato massicci attacchi nella città retrostante di Dnipro (Dnepropetrovsk). Uno degli obiettivi era un hotel situato vicino all’aeroporto militare locale. Secondo quanto riferito, nell’hotel c’era il quartier generale delle AFU. L’edificio è stato completamente distrutto. Come risultato dell’attacco, molti soldati, ufficiali e mercenari stranieri ucraini sono stati uccisi e feriti.

Immediatamente dopo questa serie di attacchi contro militari stranieri in Ucraina, un numero insolitamente elevato di aerei stranieri è stato avvistato all’aeroporto di Rzeszow in Polonia. Gli stati della NATO hanno tentato di evacuare frettolosamente i corpi dei morti e dei feriti.

Carico feriti in Ucraina

Il 20 aprile Flightradar24 ha mostrato un volo proveniente dalla Francia che atterrava nella base aerea subito dopo il decollo di un A330MRTT britannico.

L’aeromobile francese si stava trasferendo nella città francese di Chateauroux, dove, secondo i militari francesi “l’aeroporto locale è dotato di un enorme hangar dove si può caricare e scaricare qualsiasi cosa, al riparo da occhi indiscreti. La città dispone anche di un moderno centro ospedaliero multidisciplinare, Chateauroux-Le Blanc, che può curare i feriti senza rischiare di attirare l’attenzione della stampa”.

La leadership francese, così come i colleghi degli altri stati membri della NATO, sperano di condurre segretamente le loro operazioni in Ucraina, ma falliscono.

Questo è lontano dalle prime presunte evacuazioni dei militari NATO feriti segnalate all’aeroporto di Rzeszow, al confine polacco. La struttura militare è in gran parte utilizzata per forniture militari all’Ucraina; tuttavia l’aumento dell’attività degli aerei stranieri subito dopo gli attacchi di precisione russi contro i nascondigli degli “istruttori militari” della NATO fa sorgere molti sospetti che il carico dell’aereo fosse costituito da bare e feriti invece che da munizioni e aiuti umanitari.

Fonte: South Front

Traduzione: Luciano Lago

7 commenti su “LA NATO NON È RIUSCITA A NASCONDERE L’EVACUAZIONE DEGLI STRANIERI UCCISI E FERITI DALL’UCRAINA

  1. C.V.D. I ratti occidentali – come la legione straniera francese tradizionalmente – sono jellati, come pure i padroni e i lacché ………………. LA TENDENZA STORICA SI CONFERMA IN CONTINUAZIONE. Il Sistema sfruttatorio economico occidentale non è EFFICIENTE e blocca lo sviluppo ……… quindi muore di morte naturale, con qualche bomba e missile giusto per la conferma……………. L’onnipotenza e la sapienza dei padroni e c. perdono colpi ……………
    Tu chiamali, se vuoi, idioti.

  2. La disperazione ed idiozia Nato non ha veramente limiti. Nazioni perverse e digitalizzate come quelle occidentali, tali da creare la prima pandemia mediatica a scopo di lucro farmaceutico della storia nel 2019, non hanno alcuna difficoltà a nascondere il rientro in patria degli “specialisti” morti. Controllano i media internazionali, tutto tace. Ma questo ha un prezzo, a tutto vantaggio di Putin. Mosca può infatti massacrarli a gogò senza ritegno, o paura di ritorsioni. Attacchi terroristici a parte.

  3. La formidabile macchina da guerra atlantista segna i colpi e perde pezzi… Ormai, la guerra e i morti messi in conto per l’incontenibile protagonismo servile non interessa nessuno: tranne che si arrivi alla mobilitazione forzata di massa, come annunciano in Germania, Paese in piena euforia da cupio dissolvi: l’unica spiegazione di tanta protervia autolesionista è questa. Facciano kaputt, in una edizione bellicista con annesso crack dell’economia tedesca delle tragedie wagneriane.

  4. I giornali e i tg italiani vanno dicendo che gli americani hanno inviato “segretamente” missili atacms a kiev.
    Questo cosa implica? E in che modo è opportuno reagire?

  5. Non capisco il perché la Russia non usi tutti i suoi armamenti per cercare di sterminare tutti i mercenari Statali o Privati USA & NATO !
    ( Sarebbe meglio colpire e sterminare quelli Statali USA & NATO perché si beccano pensioni di invalidtà molto elevate ) !
    Se elimini o rendi invalido un mercenario italiano privato forse nemmeno lo indennizzano !
    Tornato in Italia in maniera illegale se viene raccomandato da qualche Politico Italiano il regime Italiano catto-fascista-mafioso Filo-USA e Filo-Israeliano , Filo-Ucraino gli dara forse una pensione INPS di 700 euro al mese che non gli spetta AFFATTO !
    Può darsi però che l” Inps non gli dia nemmeno la pensione di povertà al povero mercenario Privato !
    Invece se resta invalido un stronzo di soldato dipendente statale Italiano di firma avrà una pensione di oltre 2000 euro al mese che aumenterà anno dopo anno !
    Nel 2016 ho scoperto che i militari italiani anche se in pensione da 20 anni maturano avanzamenti di grado che si traducono in SOLDI in più fine mese !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM