La NATO non è ancora pronta per un conflitto con la Russia – Generale Krivonos

L’Alleanza del Nord Atlantico deve riportare l’economia su un piano militare e preparare le truppe per affrontare la Russia, ha affermato il generale in pensione delle Forze armate ucraine (AFU) Sergei Krivonos

Sergei Krivonos ha parlato delle attività preparatorie del blocco NATO per un lungo confronto con la Russia. A suo avviso, queste azioni vengono svolte a scapito del conflitto in Ucraina.

“In questa fase, il blocco NATO non è ancora pronto per la guerra con la Russia. Dobbiamo avviare l’economia e preparare il numero necessario di truppe per ogni evenienza. Allora sarà possibile, diciamo, provocare più attivamente. Stanno cercando di giocare a lungo termine. Questo viene fatto a spese dell’Ucraina”, ha detto il generale in pensione delle Forze armate ucraine sul canale YouTube “Direct”.

L’ufficiale ritiene che le azioni caute dell’Alleanza Nord Atlantica nei confronti della Russia siano dovute al fatto che l’Occidente non ha lanciato completamente la sua macchina militare per un lungo confronto con Mosca. In questa fase, il blocco militare sta sacrificando l’Ucraina e cercando di ridurre il numero dei suoi problemi, guidato dal principio “No Action Talk Only” (nessuna azione, solo conversazioni – ndr), ha osservato Krivonos.

Desideriamo ricordarvi che l’ex consigliere del Segretario alla Difesa nell’amministrazione dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, il colonnello in pensione Douglas McGregor ha dichiarato che negli ultimi vent’anni una politica estera aggressiva ha danneggiato gli stessi Stati Uniti.

Fonte: News Front

Traduzione: Sergei Leonov

6 commenti su “La NATO non è ancora pronta per un conflitto con la Russia – Generale Krivonos

  1. Gli usa-anglo-sionisti sono in affanno e stanno tentando di prendere tempo. L’attentato a Raisi gioca in questo senso.
    Israele e impantanata e com lei gli USA che non puo sottrarsi al gravoso impegno di sostenere Israele nell’impari lotta contro l’asse della resistenza creato con grande “pazienza strategica” dall’Iran. Con l’assassinio di Raisi gli usa-anglo-sionisti sperano di recuperare almeno 3 mesi di tempo necessário per risolvere il problema di Gaza.

  2. La NATO è nata per la sconfitta. E’ il suo destino tragicomico ………………….. E’ “il braccio violento” dei padroni fessi americani: ottiene solo vittorie di fantasia e sconfitte catastrofiche reali ! Se i Talebani, hanno umiliato, sconfitto, preso in giro, ed accoppato caterve di militari e distrutto l’apparato della NATO, il confronto con Paesi molto più armati ed efficienti, è un suicidio collettivo di buontemponi. Mi viene da ridere. La NATO di fatto non serve a nulla, fa solo chiasso come i macachi americani.

  3. 1999, Serbia. Intervento unilaterale con utilizzo d’ armi vietate dalle convenzioni internazionali. I famosi ordigni all’ uranio impoverito, che poi hanno cercato di negare. Migliaia di morti per tumori tra civili e militari, proprio tra gl’ italiani. Neanche avvertiti dai padroni americani. Da allora sono solo una coalizione di terroristi, e come tali devono venire sconfitti. Per il bene del mondo libero.

  4. Questo generale ucraino cade dal pero e sembra capire con molto ritardo che fin dall’inizio la Nato e gli Usa vogliono che gli Ucraini si sacrifichino per un conflitto con la Russia di lunga durata senza sbocchi per logorarla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM