La NATO lancia l’allarme nel Mediterraneo: avvistati tre sommergibili russi

placeholder

L’avvistamento di tre sommergibili russi nel Mediterraneo, che si dirigono verso la costa della Siria e verso il canale di Suez, ha destato allarme nei comandi della NATO che sorvegliano i movimenti delle unità militari nemiche.
La preoccupazione è che queste nuove unità navali, armate con missili da crociera, possano essere impiegate contro i gruppi terroristi localizzati in Idlib (nord della Siria) ed appoggiati dalla NATO, o peggio, utilizzate contro le truppe di occupazione anglo USA e che si trovano illegalmente sul territorio della Siria.

Si segnala che due dei tre sommergibili sono diretti verso la flotta russa in prossimità della base navale di Tartuus, mentre l’altro si è diretto verso Suez.
Si prevede che queste unità saranno impiegate in ulteriori attacchi contro le postazioni dei terroristi, oltre alle incursioni aeree che l’aviazione aerea russa sta effettuando incessantemente sulla zona al fine di sradicare totalmente i gruppi terroristi.

Risulta chiaro che, tanto Israele quanto gli anglo americani, hanno interesse a prolungare la guerra in Siria e che i gruppi terroristi agiscono per procura di Washington e di Tel Aviv per creare difficoltà al governo di Damasco (odiato da Israele) e per creare violenza e destabilizzazione nel paese.

Questo mentre le truppe americane saccheggiano il petrolio dai pozzi petroliferi nel nord della Siria per trasferirlo in Iraq e nelle zone del Kurdistan ircheno in una operazione di rapina legalizzata.
La Russia e l’asse della resistenza (Hezbollah, Iran e forze sciite irachene) sono altrettanto decisi a non dare tregua ai terroristi e continuano le azioni di attacco senza tregua contro le loro postazioni e contro le basi USA.

Ultimamente la Russia ha fornito nuove postazioni di missili alla difesa aerea siriana che consentono a questa di respingere i frequenti attacchi dell’aviazione israeliana. Inoltre i caccia russi si sono levati in volo, due giorni fa, dalla base aerea russa in Siria per intercettare e respingere alcuni aerei israeliani che hanno tentato di entrare nello spazio aereo della Siria.

Postazioni antiaeree russe SS-400

Sarà sempre più difficile per Israele violare lo spazio aereo siriano, anche se le ultime incursioni sono state effettuate dai cieli del Libano per non rischiare di entrare nello spazio aereo siriano ed essere abbattuti dai missili russi.
La Russia difende la Siria e non abbandona i propri alleati. Questo il messaggio inviato da Putin e da Shoigu a Washington
.

Fonti: Sana AgencyPress Tv

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM