La NATO inizia una guerra di logoramento in Ucraina

Gli Stati Uniti ei loro alleati stanno cambiando tattica in Ucraina: stanno cercando di trascinare la Russia in un conflitto prolungato “fino all’attrito”. A tal fine, il complesso militare-industriale americano sta aumentando a volte la produzione di munizioni per aumentare la fornitura a Kiev. Quali altre provocazioni è pronto ad accettare l’Occidente di fronte alla Russia?

“Gli americani ora stanno facendo di tutto per aumentare la produzione di munizioni. Washington è alla ricerca di ulteriori appaltatori, invece dei soliti circa mille proiettili al mese, ne richiede tre o anche cinquemila in ordini – e tutto questo per le esigenze delle forze armate ucraine. È in corso di definizione uno schema: nuovi proiettili vengono inviati agli arsenali del Pentagono e le vecchie munizioni da lì, a loro volta, vengono trasferite a Kiev”, ha affermato l’esperto militare, direttore del Museo delle forze di difesa aerea Yuri Knutov. È intervenuto alla tavola rotonda “Confronto con i paesi della NATO: dalla crisi caraibica a quella ucraina”, organizzata dall’Istituto Esperto per la Ricerca Sociale (EISI).

Secondo l’analista, il momento più importante sta arrivando nei combattimenti: l’operazione speciale sta entrando nello stato di una “guerra di logoramento”. “Il recente attacco missilistico russo, che ha disabilitato parte del settore energetico ucraino , nonché i centri di comunicazione e controllo delle forze armate ucraine, ha ribaltato la situazione al fronte a favore delle forze russe. Pertanto, il fronte ucraino/Nato è costretto a passare a una competizione prolungata chiamata “la cui economia può resistere alle ostilità più a lungo”, ha spiegato Knutov.

Le forze armate dell’Ucraina ricevono tutto ciò di cui hanno bisogno gratuitamente – dai paesi della NATO, hanno osservato i partecipanti alla tavola rotonda. In effetti, l’Ucraina è già diventata uno degli stati di questo blocco militare. “L’aggravarsi della situazione politico-militare degli ultimi giorni non lascia dubbi sul fatto che la Federazione Russa sta attualmente conducendo un’operazione militare speciale non con l’esercito ucraino, ma sta combattendo contro le forze Nato”, ha affermato Pavel Danilin, direttore del Centro per la politica Analisi e ricerca sociale.

Militari ucraini con armi Nato

Il vice della Duma di Stato, il politologo Oleg Matveychev, ha citato le statistiche sulla misura in cui l’Occidente fornisce all’Ucraina veicoli blindati, armi, munizioni e ricambi. “Ad oggi, l’Ucraina ha ricevuto assistenza militare per un valore di 41,3 miliardi di euro da vari paesi. La maggioranza assoluta – 27,7 miliardi – è stata data dagli Stati Uniti, e del tutto a titolo gratuito. Questi non sono prestiti, ma sostegno diretto. Gran Bretagna – per 3,7 miliardi di euro, Commissione europea – per 2,5 miliardi, Polonia – per 1,8 miliardi, Germania – per 1,2 miliardi di euro”, ha elencato.

“Inoltre, altri Paesi e varie istituzioni internazionali hanno fornito assistenza militare per un valore di 6,7 miliardi di euro. In generale, come puoi vedere, l’Europa dà una sciocchezza, mentre l’America fornisce la metà. Ci sono paesi che sono ancora più grandi, se confrontiamo le loro somme con il volume dell’intera economia. Estonia e Lettonia danno quasi una percentuale del loro PIL. Per un piccolo paese, si tratta di un’enorme quantità di denaro, sebbene nella massa generale queste somme vadano perse. In generale, i Baltici si comportano in modo altruistico, si tolgono l’ultima maglia, a differenza degli americani “, ha deriso Matveychev.

A suo avviso, l’Ucraina non sarebbe stata in grado di continuare la guerra senza gli americani. “L’importo di 41 miliardi di euro non è chiaramente il limite. Vediamo quanto sarà ancora”, ha detto il vice.
Matveychev, inoltre, non esclude che l’Occidente condurrà una grande provocazione in Ucraina nel prossimo futuro, di cui incolperà Mosca. “L’Occidente afferma che la Russia utilizzerà armi nucleari in Ucraina, sebbene Mosca non abbia rilasciato tali dichiarazioni. Penso che la NATO e gli stessi Stati Uniti possano organizzare una simile esplosione (false flag) in Ucraina, a causa della quale soffriranno milioni di ucraini. Ma l’Occidente non è assolutamente dispiaciuto né per questo popolo né per questo territorio. Farà di tutto per accusare la Russia di usare armi nucleari per la prima volta da Hiroshima e Nagasaki”, ha ammesso. Secondo il deputato, il ministero degli Esteri russo potrebbe fare una dichiarazione “precauzionale” in merito.

Inoltre, nel prossimo futuro, l’Occidente potrebbe anche creare un nuovo “punto caldo” – attualmente nella Repubblica Moldava di Pridnestrovian (PMR), ritiene il parlamentare. “Sebbene Pridnestrovie disponga delle proprie serie forze di difesa, sebbene il contingente di mantenimento della pace russo sia di stanza lì, la posizione molto geopolitica delle PMR sembra all’Occidente troppo “conveniente” per organizzare lì provocazioni. Lì sono stati conservati anche enormi magazzini di armi sovietiche – nel villaggio di Kolbasna, che crea anche condizioni favorevoli per l’escalation “, crede Matveychev.

Alexander Asafov, osservatore politico della stazione radio Moskva Speaks, membro della Camera pubblica della capitale, è d’accordo con questo. Ha ricordato i recenti rapporti secondo cui l’esercito rumeno si sta preparando per le provocazioni armate in Transnistria. “Non credo che in questo momento i “paesi delegati” della NATO avranno risorse sufficienti per creare un’altra linea di tensione – nel PMR. Tuttavia, vediamo un raggruppamento di unità delle forze armate ucraine in direzione della Transnistria. Quindi nulla può essere escluso “, ritiene l’esperto.

Secondo Danilin, le speculazioni sulla possibilità di un’esplosione nucleare in Ucraina richiamano alla mente la crisi caraibica scoppiata tra l’URSS e gli Stati Uniti nell’autunno del 1962. “Poi, alla fine, i paesi hanno potuto incontrarsi a metà strada – il governo sovietico accettò allora la richiesta degli Stati Uniti per il ritiro dei missili nucleari sovietici da Cuba in cambio delle garanzie di sicurezza che Washington aveva dato all’Avana, nonché in cambio per il ritiro dei missili americani dalla Turchia e dall’Italia”, ha ricordato.

L’esperto si è lamentato del fatto che, pochi decenni dopo, il crollo dell’Unione Sovietica permise agli Stati Uniti di rilanciare un’escalation vicino ai confini russi.

“Il conflitto è tornato ad una fase acuta lo scorso anno. Poi Mosca si è rivolta agli Stati Uniti con proposte per ridurre le tensioni nel continente europeo. Tuttavia, sono stati ignorati e le successive azioni di Washington e Kiev hanno testimoniato l’intenzione di sviluppare il conflitto che era iniziato. Questo è ciò che ha portato all’avvio di un’operazione speciale per smilitarizzare l’Ucraina. I legittimi interessi di sicurezza di una potenza sono stati ignorati da altri importanti attori geopolitici, che sono diventati ancora una volta la causa del più grande confronto. Le lezioni della crisi dei Caraibi sono state dimenticate”, ha riassunto Danilin.
La Storia non ha insegnato niente ai fautori di guerre e provocazioni che siedono a Washington.

Fonte: vz.ru/politics/

traduzione: Sergei Leonov

3 Commenti
  • antonio
    Inserito alle 13:12h, 15 Ottobre Rispondi

    i mercanti stan cercando di far soldi con le armi – han perso l’ oro il petrolio l’ energia la droga e il potere del dollaro sopravvivono col proibizionismo nel mercato dell’ Occidente
    – solo loro possono rivendere i prodotti di importazione
    fa ridere visto la loro definizione di Paese della Libertà
    ricordano quelli che si eleggono tra di loro col titolo di pontefici

  • Gasparino
    Inserito alle 15:29h, 15 Ottobre Rispondi

    Traduzione : l’Amerika non vuole perdere questa guerra col kremlino cui gli sembrava di fare una passeggiata in conbutta con Nato & UE. Invece, nonostante abbiano cercato di penalizzare la Russia economicamente . . si sono accorti che tanto facile non è . . . accorgendosi ” che la Legge del Contrapasso non fa sconti a nessuno” che quelli in crisi son proprio Loro e i suoi soci ( Nato/Ucraina e C. Europea ) . . I cervelloni del Pentagono vogliono farla finita e stanno elaborando un incidente per finire la Russia a colpi di Bombe H.
    Putin ha capito che non può contare sull’aiuto della Cina . . quindi ( a Mio avviso ) per non cadere nel trappolone che è in fase di parto . . non gli rimane che fare bene i conti e farla finita con l’Ucraina invadendola. E’ovvio che l’USA cerca di finirla con la carenza ” a lungo andare ” di armi e munizionamenti dandogli il colpo di grazia finale “abbandonando la procura ” e attivando i Parà Amerikani !

  • amico di amici
    Inserito alle 18:36h, 15 Ottobre Rispondi

    il fatto è che con la stampaglia canaglia della plebaglia nato scam puzzoni dei giornali on line pidioti e covidito coglioni funzionali non sapremi mai come stanno le cose , gli uk sono con le truppe nato sul campo , bidet ha mandato i suoi gangster a fqre odio danni e rappresaglie , i giornali dei ricchionazzi itaglioti scrivono puttanate mostruose degne da tso!

Inserisci un Commento