La NATO e la CIA stanno preparando l’opinione pubblica per un attacco sotto falsa bandiera


di Bruno Bertez

Esiste un rischio significativo che l’Ucraina, il Regno Unito o gli Stati Uniti lanceranno un attacco sotto falsa bandiera in Ucraina.

La gente ha iniziato a prendere atto dell’allarmismo direzionale proveniente da vari funzionari “occidentali”.

Preparare il terreno per una falsa bandiera:

Presidente polacco: “ Se Putin usa armi di distruzione di massa in Ucraina, la Nato dovrà pensare seriamente a cosa fare ”.

La stampa britannica ha preso atto:

• Vladimir Putin potrebbe rilasciare un’arma biologica dal laboratorio ucraino sequestrato, temono gli esperti

Dovresti avere un QI inferiore a 100 per non vedere cosa sta succedendo.

Questo è il messaggio che sentiamo su tutti i canali.

A mio modesto parere, un imminente tentativo di false flag mirerà a coinvolgere la NATO nella lotta.

Lo storico e specialista russo Gilbert Doctorow concorda :

Attenzione: è “altamente probabile” che gli Stati Uniti stiano per effettuare un’operazione “falsa bandiera” in Ucraina in cui accuseranno i russi di utilizzare armi chimiche…

USA Today : “ La Russia potrebbe prepararsi per un attacco con armi chimiche; 35 morti in un attacco alla base vicino a Leopoli: aggiornamenti in tempo reale »

Ora, perché la Russia dovrebbe organizzare un attacco con armi chimiche o biologiche in Ucraina? L’idea sfida ogni ragione.

La Russia ha vaste possibilità di distruggere l’Ucraina con armi che che finora non ha dispiegato proprio per evitare vittime civili.

Questi includono attacchi informatici, impulsi elettromagnetici (EMP) e un uso più intenso della sua potenza aerea che è stata limitata a causa della carenza di bombe intelligenti e della riluttanza a usare munizioni che potrebbero causare danni collaterali più importanti.

Dati questi chiari segni di moderazione russa nell’organizzazione della guerra, anche a costo di maggiori perdite tra le proprie truppe e di progressi più lenti in una campagna molto sensibile al tempo, si dovrebbe essere completamente matti se si pensa di utilizzare armi e prodotti chimici universalmente proibiti.

Sono sicuro: qualsiasi cosiddetto attacco chimico/biologico che potrebbe essere organizzato in Ucraina nei prossimi giorni non può che essere il lavoro sporco dei servizi di intelligence e dei loro agenti.

Abbiamo visto quanto sia stato facile ingannare i media “occidentali” inscenando un falso attacco a un ospedale, possiamo facilmente capire come un falso “attacco chimico dalla Russia” avrebbe portato a pressioni pubbliche che avrebbero spinto la NATO nella guerra contro l’Ucraina.

Alastair Crooke: “ Scrivere la sceneggiatura di una nuova sceneggiatura; dirigerne la produzione; quindi mettilo in scena in video. Molti potrebbero non credere al pezzo che gli viene mostrato, ma non importa, va per la sua strada.

Il presidente Joe Biden ha avvertito venerdì che la Russia pagherebbe un “prezzo pesante” se il paese utilizzasse armi chimiche in Ucraina.

Consigliere per la sicurezza nazionale: la Russia che afferma che Stati Uniti e Ucraina usano armi chimiche è “un suggerimento” La Russia potrebbe “prepararsi a farlo”

Il segretario di Stato americano Blinken ha avvertito di un “falso” attacco chimico provocatorio da parte della Russia prima che invadesse l’Ucraina nei “prossimi giorni”.

L’ambasciatore degli Stati Uniti alle Nazioni Unite, Linda Thomas-Greenfield, ha accusato la Russia di aver convocato l’udienza del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite venerdì per diffondere bugie e disinformazione sull’Ucraina e sulle armi chimiche.

Greenfield ha detto all’organismo internazionale che gli Stati Uniti ritengono che la Russia possa utilizzare agenti chimici o biologici per omicidi in un incidente sotto falsa bandiera o per supportare operazioni militari tattiche.

E siamo profondamente preoccupati per il fatto che la richiesta della Russia per questo incontro sia un potenziale tentativo di false flag – esattamente il tipo per cui abbiamo messo in guardia, incluso dal Segretario Blinken qui al Consiglio di sicurezza il mese scorso”, ha affermato. C’è il rischio di attacco chimico russo in Ucraina, dicono i funzionari

Dopo più di due settimane dalla guerra in Ucraina, e non solo si pensa all’impensabile, ma si dice ad alta voce: “Putin potrebbe usare armi nucleari? La tenacia delle forze ucraine nel reagire è stata straordinaria, ma questo potrebbe rendere Putin ancora più pericoloso? E se fallisse con le armi convenzionali? Userà quindi prodotti non convenzionali? »

Nel frattempo, l’osservatore della buona credibilità Patrick Lancaster riferisce da Donetsk:

“ Decine di morti nell’attacco con bomba a grappolo ucraino nel centro di Donetsk ”. Il resoconto completo sarà presto disponibile in video .

Gli Stati Uniti stanno cercando di fare pressione sulla Cina affinché si unisca alla sua campagna anti-russa.

Ieri ‘funzionari anonimi’ hanno affermato, senza prove, che la Russia aveva chiesto alla Cina aiuti militari ed economici.

La Russia esporta armi in Cina , non le importa. La Cina ha ora confermato che non ci sono richieste russe del genere: Pechino ha chiamato disinformazione le recenti accuse di Washington secondo cui la Russia ha richiesto assistenza militare alla Cina per svolgere la sua operazione speciale in Ucraina, ha affermato lunedì il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian in una conferenza stampa .

” Le accuse al riguardo diffuse dagli Stati Uniti sono false informazioni “, ha affermato il diplomatico.

Gli Stati Uniti hanno torto nei loro tentativi di dissuadere la Cina dal lavorare con la Russia.

Jake Sullivan, il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, ha incontrato lunedì a Roma Yang Jiechi, membro del Politburo d’élite del Partito comunista cinese e direttore della Commissione centrale per gli affari esteri del partito.

Sullivan ha inteso avvertire il signor Yang che qualsiasi futuro sforzo cinese per sostenere la Russia nella sua guerra o minare l’Ucraina, gli Stati Uniti ei loro partner sarà sanzionato.

” Stiamo comunicando direttamente, privatamente a Pechino che ci saranno assolutamente conseguenze per gli sforzi di eliminazione delle sanzioni su larga scala o il sostegno alla Russia per soddisfarli “, ha detto domenica Sullivan alla CNN .

” Non permetteremo che questo continui e che ci sia un’ancora di salvezza per la Russia da queste sanzioni economiche di qualsiasi paese, in qualsiasi parte del mondo “, ha affermato.

Naturalmente, la Cina ha risposto che continuerà a mantenere buone relazioni con la Russia. Non spetta agli Stati Uniti “consentire” o vietare alla Cina di commerciare con la Russia. (“Gli USA non sono Dio”, ha risposto con sarcasmo un alto funzionario della RPC).

Caschi bianchi e terroristi (stessi soggetti) in Siria

Fonte: Bruno Bertez

Nota: Si ripete la stessa strategia già utilizzata dagli Stati Uniti e dai loro alleati in Siria: provocare un attacco sotto falsa bandiera nelle zone occupate dai terroristi sostenuti dall’occidente per poi giustificare una operazione di risposta dell’aviazione USA utilizzando i missili cruise. Questo avvenne con l’attacco nel Goutha siriano nell’Aprile del 2018, con una sceneggiata messa in atto dai “White Elmets” (un gruppo al servizio dell’intelligence britannica) che si occuparono poi di filmare le scene ad uso delle TV occidentali. Il tutto si dimostrò un falso. La stesso vogliono fare in Ucraina. Cambiano i luoghi ma strategia rimane la stessa.

Traduzione e nota: Luciano Lago

5 Commenti
  • Giorgio
    Inserito alle 18:33h, 16 Marzo Rispondi

    Semplice ricetta per prevenire attacchi sotto falsa bandiera ……
    Eliminazione fisica degli occidentali presenti in Ucraina ….. a cominciare dalle (presunte) organizzazioni “umanitarie” ….

    • Ubaldo Croce
      Inserito alle 20:33h, 16 Marzo Rispondi

      Assolutamente d’accordo caro Giorgio. Mi pare piu’ che evidente la tua osservazione.

  • Vindelp
    Inserito alle 23:11h, 16 Marzo Rispondi

    La follia guida gli yankee e alleati…non considerano che un solo sommergibile russo piazzato nell’Oceano Atlantico può distruggere gli USA e l’Europa?

    • Pippo
      Inserito alle 00:04h, 17 Marzo Rispondi

      Se funzionano tutti come il K-141 Kursk affondato nel mare di Barents, siamo apposto…

      • Nessuno
        Inserito alle 00:27h, 17 Marzo Rispondi

        Infatti fu silurato, e “l’incidente” insabbiato da una Russia ancora inadeguata a rispondere.

Inserisci un Commento