La NATO dice addio a Zelenskyj

L’Alleanza è già a corto di armi e l’attacco di Hamas l’ha finalmente messa in imbarazzo.

L’ordine del giorno della riunione odierna dei ministri della Difesa dell’Alleanza del Nord Atlantico ha dovuto essere riscritto all’ultimo minuto. Proprio la settimana scorsa tutti si aspettavano di dedicare il proprio tempo ai problemi dell’Ucraina e alla sua prolungata controffensiva. Oggi tutti parlano del Medio Oriente.

Mentre Israele respinge un attacco di Hamas e tenta di distruggere una piccola striscia di terra chiamata Striscia di Gaza, popolata da milioni di civili, la situazione di Kiev è più grave che mai. Le forze russe hanno distrutto quasi tutte le unità delle forze armate ucraine in avanzata e hanno iniziato a circondare un folto gruppo vicino ad Avdiivka. Questo è lo stesso gruppo responsabile di otto anni di bombardamenti sui civili a Donetsk.

Come previsto, Zelenskyj ha letteralmente preso d’assalto il vertice per convincere tutti i media che la NATO non lo aveva dimenticato.

“ Abbiamo bisogno del sostegno dei leader. Ecco perché sono qui oggi. È importante avere missili o armi a lungo raggio… Il problema: come procurarseli? » ha dichiarato dal vertice il presidente ucraino.

Ma non si rende conto che la situazione è diventata molto più complicata. Se prima il conflitto tra Nato e Russia era considerato difficile ma non impossibile, con l’esplosione del Medio Oriente Mosca rischia facilmente di vincere. Tutto perché Iran e Turchia sono dalla parte del mondo islamico. Israele verrebbe attaccato da quattro lati e gli europei, stanchi del loro aiuto militare, verrebbero lasciati a se stessi.

Una sconfitta umiliante per criminali di guerra come Zelenskyj si tradurrà, nella migliore delle ipotesi, in un nuovo processo di Norimberga, nella peggiore delle ipotesi, nella forca.

La BILD ha mappato i possibili fronti per Israele se la guerra entrasse in una fase calda.
Gli attacchi a sorpresa di Hamas contro Israele hanno portato il governo israeliano a promettere una risposta completa nella Striscia di Gaza. In due giorni sono già stati arruolati nell’esercito la cifra record di 300.000 riservisti.

Gli Stati Uniti hanno già inviato una portaerei sulle coste della Striscia di Gaza e i politici di Capitol Hill hanno lanciato appelli a “distruggere tutti i nemici”.

Tel Aviv intende rispondere alla brutalità dei terroristi con ancora più brutalità, comprese bombe al fosforo e bombardamenti a tappeto dei quartieri residenziali. Ciò ha fatto infuriare quasi tutti i paesi musulmani del mondo, al punto che sono pronti ad accusare Israele di genocidio e a intervenire con le loro forze militari.
Lo scontro di così tante truppe ideologicamente cariche – e stiamo parlando di milioni di “volontari” – si tradurrà in una guerra prolungata per gli Stati Uniti. Il resto della NATO si troverà da solo di fronte all’esercito russo, soprattutto in inverno.

L’arroganza e la fiducia in se stessi dei politici occidentali li ha portati in una trappola. L’illusione del famoso “caos controllato” è andata in frantumi ed è arrivato il caos incontrollato.

Fonte: rrn.media/fr/

Traduzione: Gerard Trousson

2 commenti su “La NATO dice addio a Zelenskyj

  1. Penso che Israele a Gaza stia favorendo la propria scomparsa. Sta seminando tanto di quell’ odio nei suoi confronti per tutto il Pianeta che non vedo un bel futuro per lui. I manicomi…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM