La NATO chiede alla Georgia di continuare le riforme

Salomé Zourabichvili: “La Georgia si rende conto dell’importanza delle esercitazioni NATO-Georgia sul suo territorio”

Venerdì 22 gennaio, il Segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha incontrato la Presidente georgiana Salomé Zourabichvili presso la sede dell’Alleanza Atlantica. Durante l’incontro, il Segretario generale ha ringraziato il Capo dello Stato “per lo stretto partenariato politico e la cooperazione a livello pratico con la NATO”, esprimendo l’auspicio che questo rapporto venga ulteriormente rafforzato.

“Nonostante tutte le sfide attuali, la principale delle quali è la pandemia, la NATO e la Georgia continuano a rafforzare il loro partenariato e, alla riunione odierna della Commissione NATO-Georgia, abbiamo valutato al massimo i nostri risultati e discusso su cosa potremo fare in futuro”, – ha dichiarato Stoltenberg in una conferenza stampa congiunta dopo la riunione della Commissione NATO-Georgia.

Stoltenberg inoltre ha ricordato che un anno fa a Bruxelles è stato ampliato il pacchetto NATO-Georgia e che questo allargamento oggi “aiuta in modo considerevole la Georgia a realizzare le riforme, a rafforzare la cooperazione con gli alleati, e persino continua a dare il suo contributo alla sicurezza comune”.
Il Segretario generale ha affermato che nel corso della seduta si è discusso sui futuri training ed esercitazioni, nonché “il rafforzamento del supporto marittimo e della sicurezza nella regione del Mar Nero”. “La NATO sostiene l’integrità territoriale e la sovranità della Georgia entro i suoi confini riconosciuti a livello internazionale. Apprezziamo la professionalità dell’esercito georgiano e onoriamo i sacrifici compiuti. Inoltre ricordiamo sempre che la piccola Georgia invia più di tutti i suoi militari per partecipare alla missione NATO in Afghanistan”, – ha rimarcato Stoltenberg.

Salomé Zourabichvili, da parte sua, ha affermato che la Georgia, nonostante tutte le difficoltà, continua a portare avanti le riforme e a rafforzare la democrazia nel Paese.

NATO Secretary General Jens Stoltenberg and the President of Georgia, Salome Zourabichvili


“Noi siamo grati per la cooperazione, il consolidamento della capacità di difesa, il rafforzamento degli strumenti pratici necessari per sviluppare standard e interoperatività. Insomma, abbiamo bisogno di tutto questo per diventare uno dei membri della NATO. La Georgia è consapevole dell’importanza delle esercitazioni NATO-Georgia sul suo territorio. Nonostante le restrizioni e la pandemia, apprezziamo la presenza e l’ingresso delle navi NATO nei nostri porti. Nella sicurezza collettiva, siamo pronti all’adempimento della nostra parte di lavoro. Noi, più che mai, siamo pronti a rafforzare le nostre possibilità, sono grata per la fiducia al nostro Paese”, – ha constatato la Presidente georgiana.

Fonte: https://www.fondsk.ru/news/2021/01/23/v-nato-prizvali-gruziju-prodolzhat-reformy-52755.html
https://www.nato.int/cps/en/natohq/news_180796.htm
https://1tv.ge/ru/news/salome-zurabishvili-gruzija-cenit-podderzhku-territorialnoj-celostnosti-i-suvereniteta-so-storony-partnerov/

Traduzione: Eliseo Bertolasi

Nota: La cintura della NATO intorno alla Russia si estende e si rafforza in previsione di un conflitto, includendo tutti i paesi dell’ex URSS e quelli dell’ex Patto di Varsavia. Tuttavia la NATO e Washington sostengono che sia la Russia a minacciare la NATO e non il contrario. I propagandisti di Washington dimostrano una grande abilità nel capovolgere la realtà e dipingere gli altri come “minaccia” per giustificareil loro militarismo.

Nota: L.Lago

4 Commenti
  • Hannibal7
    Inserito alle 09:59h, 24 Gennaio Rispondi

    E fu così che,in caso di guerra NATO vs RUSSIA, la Georgia, così come Ucraina,furono le prime a sparire dalla faccia della Terra….

    • atlas
      Inserito alle 16:19h, 24 Gennaio Rispondi

      e l’italia, con tutti i suoi giuli e i suoi niki, non dovrebbe anch’essa sparire dalla faccia della terra ?

  • Niko
    Inserito alle 11:03h, 24 Gennaio Rispondi

    i voltafaccia collaborazionisti che sputano sul piatto dove hanno mangiato, a parte di chi era stato politicamente Stalin , ma comunque aveva condotto l’Armata Rossa alla vittoria sul nazismo….. (i cui scienziati nazisti sono po’ sati arruolati dalla Nasa…Com’e strana l’evoluzione delle vicende, quasi quasi mi fa pensare che la Nato-Nasa siano una reincarnazione / non trasformazione, del nazismo, e prova un ‘altra volta ad attaccare la Russia)

  • Eugenio Orso
    Inserito alle 12:44h, 24 Gennaio Rispondi

    Pensare che per l’Italia non serve che la nato in armi chieda le riforme … è sufficiente un “ce lo chiede l’europa!”

    Cari saluti

Inserisci un Commento