La NATO cerca il Conflitto

di Finian Cunningham (*)

” L’alleanza militare NATO guidata dagli Stati Uniti è come un drogato di guerra – ha bisogno di iniettare conflitti e tensioni per ottenere una “giustificazione” per la sua esistenza.

La dipendenza patologica della NATO è stata tanto più evidente con la pubblicazione del suo documento di missione la scorsa settimana dal titolo “NATO 2030 – Uniti per una nuova era”.

Leggendo tra le righe, è evidente che i pianificatori dell’alleanza stanno cercando disperatamente una logica pubblica “per rimanere rilevanti” – più di 70 anni dopo la fondazione del blocco militare nel 1949 all’inizio della Guerra Fredda con l’Unione Sovietica.
E i loro dirigenti trovano quella “giustificazione” per l’esistenza parlando delle presunte minacce rappresentate da Russia e Cina. La guerra fredda deve essere mantenuta, altrimenti la NATO diventerà la Turchia fredda. E i drogati guerra-dipendenti non possono permetterlo.

Il leader civile della NATO, Jens Stoltenberg, nei suoi discorsi,ha ingigantito la minaccia di aggressione accusando Russia e Cina di “avvicinarsi a noi” dall ‘”Artico all’Atlantico”. Convenientemente, secondo il capo della NATO, il rimedio per affrontare questa “sfida” è che l’alleanza dispieghi ancora più forze e basi militari ai confini della Russia e presumibilmente anche della Cina.

NATO Secretary General Jens Stoltenberg addressing cadets at the Maritime Academy

A titolo di controllo della realtà, questa settimana il comando della flotta baltica russa ha rilasciato dati che mostrano che negli ultimi 12 mesi gli Stati Uniti hanno aumentato di cinque volte i voli dei bombardieri strategici vicino ai confini occidentali della Russia rispetto all’anno precedente. Questi aerei sono in grado di lanciare armi nucleari. Questo era sotto la sorveglianza del presidente Trump che avrebbe dovuto essere “morbido” con la Russia e cercare di “normalizzare” le relazioni bilaterali (secondo i suoi critici liberals).

Inoltre, i membri degli Stati Uniti e della NATO, Polonia e Romania, stanno dispiegando missili balistici in grado di colpire la Russia entro pochi minuti dal lancio.
Nel frattempo, Washington ha demolito un’altra istituzione per il controllo degli armamenti, il Trattato sui cieli aperti, il che significa che alla Russia è stato impedito di condurre voli di sorveglianza programmati per monitorare il possibile accumulo militare degli Stati Uniti.

Quanto sopra segue lo scorso anno la distruzione da parte dell’amministrazione Trump del trattato sulle forze nucleari a raggio intermedio (INF) dell’era della Guerra Fredda che potrebbe aprire la strada agli americani che dispiegano le cosiddette armi nucleari “tattiche” in Europa dirette contro la Russia. Ancora una volta, Trump avrebbe dovuto essere un “tirapiedi” della Russia. Dateci una pausa con la propaganda!

Anche gli Stati Uniti e i loro alleati della NATO intendono schierare più armi nucleari tattiche vicino al territorio cinese. Questo spiegherebbe perché Washington ha abbandonato il trattato INF. Mentre gli americani accusavano la Russia di violare quel trattato, la vera ragione era che Washington si stava dando mano libera per schierare armi altrimenti vietate in posizioni offensive verso la Cina.

Nato raffronto basi militari

Allora, chi sta minacciando chi? La “dichiarazione d’intenti” della NATO che accusa Russia e Cina di rappresentare sempre più una minaccia è palesemente assurda. Sta capovolgendo la realtà e articolandola con uno sfacciato doppio pensiero, o una totale doppiezza.
La NATO è dipendente dalla creazione di nemici perché ha bisogno di trovare un modo per giustificare la spesa di quasi 1.000 miliardi di dollari all’anno in armamenti militari. Questa è la spesa combinata per la “difesa” degli Stati Uniti e dei suoi alleati della NATO. Tale spesa rappresenta circa 20 volte quello che la Russia spende e per le sue forze armate e cinque volte quella della Cina.

Il complesso militare-industriale è una componente vitale per guidare il capitalismo occidentale. I lobbisti del settore e le donazioni lucrose assicurano che i politici di Washington e dell’Europa vengano comprati per ballare allegramente al loro ritmo e mantenere vivo l’intero racket del denaro militare. Nota. Questo spiega i costosi acquisti di caccia bombardieri F-35 e la sostituzione degli ordigni atomici in Italia, in Belgio e in Germania.

Truppe USA nei paesi del Baltico

Ma oltre a questo, la NATO è la punta di diamante dell’imperialismo statunitense. Senza la copertura politica della NATO, Washington non ha la patina del “multilateralismo” quando vuole lanciare guerre in tutto il pianeta. Tenere unita la NATO, o “restare rilevante” come dicono eufemisticamente i suoi pianificatori, è essenziale per ripulire le operazioni criminali dell’imperialismo americano.

Con audace distorsione orwelliana della realtà, la NATO poi si volta indietro e accusa Russia e Cina di minacciare la pace e la sicurezza globali.

In modo minaccioso, il presidente eletto Joe Biden sta parlando di rafforzare l’alleanza NATO mentre punta il dito contro Russia e Cina. E i lacchè europei americani sembrano svenire alla prospettiva di più avventurismo della NATO. L’America “è tornata”, come dichiara Biden, e i tirapiedi europei sono felicissimi di essere coinvolti in nuove guerre e nuove aggressioni (quelle in Iraq, Afghanistan, Somalia, Libia, Siria, non sono bastate).
I pazzi guerrafondai si stanno scatenando nel manicomio della NATO. I drogati di guerra desiderano ardentemente una soluzione.

Con le economie capitaliste occidentali che vanno a gonfie vele e i problemi sociali in aumento, il pericolo è molto reale che le allucinazioni della NATO su Russia e Cina possano finire per iniziare la guerra.
Nota: I governi imbelli europei sono tutti rigorosamente agli ordini di Washington e delle centrali di comando della NATO, accettano le menzogne propagandistiche e le fanno proprie, capovolgendo la realtà. L’esempio più eclatante è la complicità della NATO con i gruppi terroristi jihadisti nei teatri del Medio Oriente, in particolare in Libia e in Siria, dove la NATO ha utilizzato questi fanatici per rovesciare governi legittimi sgraditi a Washington, salvo poi dover affrontare il rientro di questi terroristi, quelli partiti dall’Europa (foreign fighters) e lanciare l’allarme per il pericolo di attentati, regolarmente avvenuti in Francia, Germania, Belgio e Gran Bretagna. Tuttavia la lezione che si ricava da questi episodi non è mai appresa dai lacchè europei di Washington e della NATO.

*Finian Cunningham ha scritto molto su affari internazionali, con articoli pubblicati in diverse lingue. Si è laureato in Chimica Agraria e ha lavorato come redattore scientifico per la Royal Society of Chemistry, Cambridge, Inghilterra, prima di intraprendere una carriera nel giornalismo di inchiesta. È anche musicista e cantautore. Per quasi 20 anni ha lavorato come redattore e scrittore in importanti organizzazioni di mezzi di informazione, tra cui The Mirror, Irish Times e Independent. – ” –

Fonte : Information Clearing House
Traduzione e nota: Luciano Lago

2 Commenti

  • Giorgio
    9 Dicembre 2020

    Si potrebbe anche dire …… si fabbricano cappotti per smerciare i bottoni …..
    cioè Nato, Usa e complesso militar industriale devono distruggere e riprodurre i loro arsenali (divorando denaro sottratto agli altri e al proprio popolo) fabbricando nemici uno dopo l’altro per giustificare la propria esistenza …..
    e in confronto ai crimini attribuiti (ad alcuni a torto ad altri a ragione, qua ognuno ha i suoi gusti) ad Attila, Gengis Khan, Ivan il Terribile, Robespierre, Stalin, Mao, Pol Pot, Hitler, Mussolini ecc, sono delle punture di zanzara ……

  • Teoclimeno
    9 Dicembre 2020

    Non è certamente un caso il continuo e costante aumento delle spese militari della NATO. È una strategia per indurre la Russia al collasso economico, che ovviamente non è in grado di sostenere una nuova corsa agli armamenti. Gli ameri-cani invece se lo possono permettere, perché il Dollaro è la moneta di riserva mondiale, che possono stampare a piacimento. La fine della NATO inizierà con la fine del Dollaro.

Inserisci un Commento