La Nato accusa la sconfitta nella “sua” guerra di Crimea


di Karine Bechet-Golovko.

Le esercitazioni militari, condotte sotto l’egida della NATO su territori terzi, in questo caso in Ucraina, sono un’opportunità per testare scenari di conflitto – ai confini della Russia, che rimane il nemico.1, qualunque cosa possa fare. Sea Breeze 2021 (il nome dell esercitazioni) prometteva di essere molto denso e non contraddice le aspettative.

Come ha sottolineato il viceministro degli Esteri Sergei Riabkov, Stati Uniti e Gran Bretagna lo hanno utilizzato tali esercitazioni per testare il sistema di difesa della Russia nel Mar Nero. E la risposta è stata ricevuta: né la NATO né gli Stati Uniti possono battere la Russia nel Mar Nero. Ciò non impedisce che la lotta continui …

Fin dall’inizio, le esercitazioni della NATO Sea Breeze 2021 in Ucraina, vicino alla linea del conflitto nel Donbass, hanno suscitato qualche preoccupazione. Da parte delle repubbliche del Donbass, DNR e LNR, se non un tentativo di invasione del Donbass , ci si aspettava almeno una destabilizzazione della regione.

Gli atti sono stati all’altezza delle aspettative. Questi esercizi sono stati annunciati dagli Stati Uniti come di particolare portata:

” L’edizione di quest’anno ha il maggior numero di nazioni partecipanti nella storia dell’esercitazione, con 32 paesi di sei continenti che forniscono 5.000 soldati, 32 navi, 40 aerei e 18 operazioni speciali e squadre di immersione . “

È vero che il Mar Nero è un crocevia strategico e la posizione di forza storicamente esercitata dalla Russia è inquietante. Con il cambio dell’Ucraina nel 2014, gli Stati Uniti stanno cercando di cambiare le regole di presenza e movimento, anche se il ritorno della Crimea in Russia complica il compito. Per questo, vengono regolarmente eseguite varie manovre e aumenta il grado di provocazione. Questi esercizi assumono qui il loro pieno significato.

Fin dall’inizio, le navi hanno tentato di pescare informazioni alla periferia della Crimea. Il 17 giugno, due navi da guerra , una britannica, la Defender e una olandese, l’Evertsen, hanno visto sospeso il loro sistema di autenticazione automatica.

Navi russe Mar Nero

Ma la reazione russa è stata chiaramente troppo delicata e questo stesso Defender, il 23 giugno, ha violato consapevolmente il confine russo. Come ha detto il presidente Russo, la Russia era consapevole di quello che stava succedendo. In primo luogo, un aereo stealth americano ha lasciato la sua base a Creta ed è stato avvistato. La Russia ha lasciato perdere, per vedere come si evolveva lo scenario. Ma quando il cacciatorpediniere britannico Defender è entrato a 3 km nelle acque territoriali russe in Crimea, la Guardia Costiera ha reagito e ha sparato un colpo preventivo, mentre il SU-24M ha effettuato un bombardamento preventivo seguendo la rotta seguita dalla nave britannica. Il luogo della violazione non è insignificante, Crimea – l’obiettivo era quindi affermare, in maniera piuttosto cruda, che i paesi della NATO sostengono l’Ucraina e non riconoscono come russe queste acque territoriali.

Alla fine Defender ed Evertsen hanno lasciato le acque del Mar Nero il 2 luglio – è vero che la loro missione è compiuta, la loro presenza non interessa più.

Secondo Sergei Riabkov , viceministro degli Esteri, Stati Uniti e Gran Bretagna stavano quindi cercando informazioni sulla determinazione della Russia a difendere i propri confini con la forza, informazioni che hanno ottenuto:

“ Washington e Londra erano profondamente consapevoli della profondità delle conseguenze e della gravità di questo tipo di azione, naturalmente capivano la natura della nostra reazione e tuttavia decisero di mettere alla prova in questo modo la nostra determinazione a rispondere con la forza se necessario e provarono per scoprire il nostro sistema di difesa costiera ”.

Il messaggio sembra essere passato. Secondo un articolo pubblicato sul quotidiano National Interest , comincia a prendere piede l’idea che la Russia non possa essere battuta nel Mar Nero, né dalla Nato, né dagli Stati Uniti. Tuttavia, la NATO intende dimostrare, con queste esercitazioni, che non sta abbandonando il Mar Nero alla Russia, cosa che pubblica il Washington Post :

” Le esercitazioni militari della NATO e degli Alleati sono generalmente presentate come difensive, progettate per portare all’“interoperabilità” di forze diverse. Ma qualsiasi esercitazione militare su larga scala condotta vicino ai confini di un avversario invia un messaggio geopolitico – nel qual caso la NATO non consentirà a parti del Mar Nero di diventare uno “stagno” russo. L’esercitazione offre anche sostegno all’Ucraina, impegnata in un conflitto con i separatisti sostenuti dalla Russia nell’Ucraina orientale. “Stiamo mostrando al mondo che il Mar Nero è un mare internazionale. È aperto e disponibile per il trasporto gratuito del commercio, della navigazione, per tutte le nazioni, e non è di proprietà di una sola nazione”,…”

Se queste esercitazioni sono davvero una dimostrazione di forza, segnano anche il possibile limite di azione dei paesi della Nato: finché la Russia è pronta a reagire… non possono andare oltre lo stadio delle manifestazioni. Ma guardano per il minimo momento, quando la Russia abbassa la guardia…

Karine Bechet-Golovko

fonte: http://russiepolitics.blogspot.com

Traduzione: Gerard Trousson

18 Commenti
  • Monk
    Inserito alle 16:13h, 07 Luglio Rispondi

    La nato meriterebbe una sculacciata dai russi, come? Semplice: affondare cinque unità navali degli inutili froci italioti, quattro francesi, otto inglesi e tre olandesi. Così, solo per fargli capire chi comanda in quella zona. Putin, sveglia è ora di attaccare il Re.

    • atlas
      Inserito alle 16:21h, 07 Luglio Rispondi

      froci hai scritto ? Con Zan e la Segre finirai in galera. Ora il gruppo di omofili ti segnalerà alla polizia postale, addio alle belle ragazze

      • filiberto
        Inserito alle 11:28h, 08 Luglio Rispondi

        froci o omosessuali?

        • Hannibal7
          Inserito alle 15:14h, 08 Luglio Rispondi

          Minchia ricominciamo…..

  • ARMIN
    Inserito alle 18:20h, 07 Luglio Rispondi

    Come volevasi dimostrare. La NATO, poveraccia, è una tigre di carta. KAPUTT.
    NON SERVE A NULLA. POSSONO SCIOGLIERLA,

  • Manente
    Inserito alle 18:58h, 07 Luglio Rispondi

    Questi cialtroni sono gli stessi che armavano le navi dei pirati che attaccavano i galeoni spagnoli di ritorno dalle Americhe con il loro carico di oro, salvo poi sottrarsi con la fuga allo scontro navale con la “Invincibile Armata” che il re di Spagna aveva inviato in Inghilterra per annientarne la flotta una volta per tutte. L’errore che commisero gli spagnoli fu quello di non mettere a ferro e fuoco Londra e tutte le città portuali della perfida Albione, Putin conosce bene la Storia e credo che non commetterà lo stesso errore.

  • Antonio
    Inserito alle 19:04h, 07 Luglio Rispondi

    Il Mar Nero aperto ai “flussi commerciali’ di tutti i Paesi? Ossia navi che entrano ed escono dal Mar Nero? Ma dovrebbe valere anche per la Russia! Dovrebbe valere anche il reciproco!

  • eusebio
    Inserito alle 19:12h, 07 Luglio Rispondi

    Mentre la NATO scappa a gambe levate dall’Afghanistan, e al governo fantoccio filo USA restano solo poche settimane di vita, e mentre le poche truppe USA rimaste in Irak vengono bersagliate da droni e missili, con molti feriti, e sempre mentre nel Pacifico la defunta potenza militare USA scarica sul Giappone l’onere simbolico di difendere militarmente Taiwan in caso di attacco cinese, con la conseguenza che per poco la Cina non attaccava il Giappone, chissà perchè la NATO si ostina a difendere un regime defunto sul piano economico e del consenso interno come quello ucraino.
    Il presidente comico giudeo era stato eletto con un programma di riconciliazione interna e con la Russia, essendo lui stesso russofono e parlando poco ucraino, pur essendo etnicamente israelita, peccato poi che abbia fatto arrestare i politici russofoni, proibito la vendita di libri e periodici in russo, chiuso i media russofoni, proibito l’uso del russo e perfino fatto passare una legge che dichiara l’etnia russa non originaria dell’Ucraina.
    Questo gli ha precluso ogni accordo con la Russia e la sua probabile punizione da parte dell’FSB non appena non sarà più presidente, sostituito da un filo russo, e filo cinese.

  • antonio
    Inserito alle 19:41h, 07 Luglio Rispondi

    Sea Skoreeze

  • Padova
    Inserito alle 20:21h, 07 Luglio Rispondi

    Io non sottovaluterei la Nato, ha forze enormemente superiori alla Russia specie quali navi di superfice, inoltre possiede molti aerei da combattimento in più della Russia e anche forze terrestri superiori. La forza della Russia è solo nella sua detterenz a nucleare e, per fortuna ha questa deterrenza! Altrimenti l’avrebbero già fatta a pezzi, causa l’avidità dell’occidente ( USA in primis) di materie prime e risorse, per fare sopravvivere ancora un po’ il suo sistema economico e turbo finanziario. Speriamo che la Russia regga l’urto e non vada a pezzi così com’è andata a pezzi URSS. Se andasse a pezzi chi fermerebbe più un simile sistema ” mostruoso”! Solo un’implosione dall’interno, ma i tempi quali saranno?

    • Atlas
      Inserito alle 20:55h, 07 Luglio Rispondi

      A livello di informazioni militari, temo proprio tu sia rimasto agli anni 80…
      Faresti meglio ad aggiornarti.

      • atlas
        Inserito alle 22:17h, 07 Luglio Rispondi

        questo atlas non sono io, ma qualcuno del gruppo di omofili infiltrato

    • stefano
      Inserito alle 21:52h, 07 Luglio Rispondi

      se davvero, come sembra, la russia ha sistemi elettronici capaci di mettere fuori uso quello delle navi, la nato, non potrebbe che essere perdente in qualsiasi scontro! la crimea oramai è diventata una vera e propria fortezza …sai quanti missili partirebbero contro le navi nato nel mar nero? Non credo, quindi, che la russia abbia niente da temere da un qualsiasi attacco nato nel mar nero…anzi, magari ci provassero! finalmente la russia avrebbe tutto il diritto di rispondere in modo da inabissare per sempre ogni velleità nato almeno nel mar nero!

      • ARMIN
        Inserito alle 17:30h, 08 Luglio Rispondi

        Per Stefano. Ciao.
        Li hanno i sistemi avanzati di guerra elettronica! E come!
        Nel 2012, la Siria per dimostrare la potenza ……….in pieno giorno, verso le 12,
        5 cacciabombardieri Siriani, sorvolarono Tel Aviv, a scopo DIMOSTRATIVO, senza sganciare bombe o missili, ………………………………… NON ci fu risposta nè da terra né dall’aria ……………………………………….
        Come mai? Perché non comparvero nei radar!

    • Hannibal7
      Inserito alle 01:23h, 08 Luglio Rispondi

      La Russia non ha nulla da temere dall’aeronautica della Nato
      Hanno testato gran parte dei loro caccia e cacciabombardieri in Siria ottenendo risultati più che soddisfacenti
      Addirittura i più anziani cacciabombardieri SU24 sono ancora temibili
      Per non parlare del più nuovo SU34
      I generali Nato solo al sentire parlare di un MiG31 ,una cellula il cui primo volo risale praticamente a 40 anni fa,armato di missile Kinzhal si cagano nei pantaloni
      Con la scorta di caccia Su30 praticamente è infallibile
      Vogliamo parlare del bombardiere TU22 Backfire???
      Anche questo ha destato non poche preoccupazioni quando 3 velivoli sono atterrati in Siria
      E non sarebbe finito qui l’elenco…
      Dico solo che la Germania ,nel 2014 se non erro, ha mandato a difendere i cieli della Estonia dei vecchi, a dir poco, F4 Phantom….risalenti alla guerra del Vietnam ziofà!!!
      E quest’anno l’Italia ci ha mandato invece i nuovissimi F35….con l’ordine di ripiegare qualora avessero incontrato nei cieli baltici i SU30 se non ricordo male
      Per non parlare dei sistemi di difesa missilistica S400 e S500 …è quasi impossibile sconfinare senza essere abbattuti
      La probabilità che in uno scontro qualsiasi per mare,cielo o terra la Nato prevalga sulla Russia è pari a ZERO
      Dasvidania egregio

      • ARMIN
        Inserito alle 17:39h, 08 Luglio Rispondi

        Par Hannibal7.
        Ciao. Condivido pienamente. L’occidente crede alle proprie favole di superiorità,
        si è ipnotizzato da solo e si crogiola in questa superiorità fasulla.
        Se le cantano e se le suonano!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
        HA HA HA HA HA HA HA HA HA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
        La Realtà li brucia!

  • Hannibal7
    Inserito alle 00:53h, 08 Luglio Rispondi

    La Nato non ha NESSUNA possibilità di vittoria in caso di scontro con la Russia
    Che questo avvenga nel Mar Nero, Mar Mediterraneo, Mar Baltico, Europa o Medio Oriente
    NESSUNA
    Se ci provano sarà un suicidio
    Dasvidania gente

    • ARMIN
      Inserito alle 17:46h, 08 Luglio Rispondi

      Per Hannibal7.
      Ciao, amico Hannibal7.
      Sono sconfitti, senza prospettive, senza speranze. I blasfemi padroni del vapore
      hanno già l’INFERNO!
      HA HA HA HA HA HA HA HA HA HA HA HA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Inserisci un Commento