La mossa della Germania per diventare una potenza militare sarà una pillola suicida sia per Berlino che per l’UE

di Martin Jay

Scholz e i suoi colleghi non sono preoccupati per la vittoria di Putin. Sono preoccupati per l’impensabile. Se Putin perde.

La questione del ruolo della Germania in un’Europa militarizzata non passerà. Continua a spuntare o tornare come una brutta eruzione cutanea assistita dal gruppo di commentatori geopolitici che possono vedere ciò che molte persone comuni non possono: la Germania che torna alle sue radici una volta di superpotenza militare.

Una tale idea che la Germania abbia un esercito potente è stata contrastata per decenni, data l’enorme ondata di opinioni nel paese contro il ripetersi dei guai della storia che tormentano le generazioni più anziane fino ad oggi, che sono turbate non tanto dall’orrore del Terzo Reich ma soprattutto dalle sconfitte sul campo di battaglia che hanno lasciato ancora oggi cicatrici che non solo sono visibili, ma hanno bisogno di essere graffiate ogni tanto.

Olaf Scholz appartiene sia a una generazione che a un’élite politica che non può dimenticare l’umiliante sconfitta sia alla periferia di Mosca come poi a Stalingrado. Il ruolo della Germania nel supportare l’Ucraina sul campo di battaglia con l’equipaggiamento porta quelle sconfitte precedenti proprio in primo piano nella mente di Scholz come se fosse ieri.

E quindi armare l’Ucraina è quasi un dovere pubblico nei confronti di Putin, che è visto più come un leader sovietico legato alla storia piuttosto che come un premier moderno che costruisce uno stato moderno. Ma andare oltre e riuscire a riarmare la Germania sembra un gigantesco atto suicida sia per lui come cancelliere – e capo di un governo di coalizione confuso dalla politica internazionale – sia per la generazione politica che rappresenta.

È stata la guerra in Ucraina che ha permesso di mettere in pausa la consueta resistenza all’idea del “riarmamento” per permettere a un parlamento di cani da guerra di scagliarsi contro il loro leader con il suo piano da 100 miliardi di euro per potenziare l’esercito. Il settore militare tedesco non è solo afflitto da problemi di corruzione, ma è anche un’area insolitamente sovrappeso e ingombrante da gestire e potrebbe volerci del tempo prima che questo piano possa concretizzarsi. Inoltre, alcuni sosterranno che 100 miliardi di euro non sono molti soldi quando si tratta di modernizzare quella che comunque è sempre stata una parte fatiscente della spesa pubblica. Non sono i soldi che contano, ma le idee che ne derivano.

von der Leyen con militari tedeschi

La Germania ora sta usando la guerra in Ucraina per fare l’impensabile, secondo molti, e per guidare un programma per dare all’UE un proprio esercito, un esercito che probabilmente non sarà chiamato “esercito dell’UE” in quanto non sarà gestito da Bruxelles ma da Berlino. Con questa nuova mossa, che rappresenta un tale cambiamento sismico per i leader tedeschi, la Germania inizierà a pensare di spiegare le sue ali e agire come una mini superpotenza nei punti caldi del mondo in Africa e Medio Oriente. E ci sono già altri stati membri dell’UE che invieranno le loro truppe, per sostenere una tale nuova iniziativa militare tedesca, motivo per cui l’esercito dell’UE di nome meno, ma in pratica, si evolverà dando a entrambi l’UE l’unica cosa che ha sognato da quando il blocco è emerso negli anni ’60 ma anche la madre di tutti gli incubi allo stesso tempo.

Uno dei motivi per cui la Germania ha bisogno di spendere questi soldi in primo luogo per l’esercito è che le sue scorte stanno finendo a causa dell’invio di molti kit in Ucraina e anche delle promesse fatte ai paesi vicini di fornire loro nuovi carri armati nel caso loro che hanno inviato i loro vecchi dell’era russa/sovietica a Kiev. E poi ci sono le promesse che la Germania ha fatto di inviare nuovi carri armati Leopard al regime ucraino.

Quindi, sulla carta ci sono molte promesse che vengono già infrante. Secondo i rapporti, le promesse di inviare armi a lungo raggio in Ucraina sono già state infrante, quindi c’è da chiedersi se le promesse di inviare i carri armati siano quelle che possono essere prese sul serio. La Germania è confusa sull’Ucraina e su quali dovrebbero essere i suoi obiettivi, il che spiega la natura capricciosa delle decisioni di Scholz e le promesse che spesso si rivelano false.

Ma la vera decisione alla base della spesa riguarda la difesa della Germania. Scholz e i suoi colleghi non sono preoccupati per la vittoria di Putin. Sono preoccupati per l’impensabile. Se Putin perde. In questo caso, i tedeschi sono preoccupati per un attacco alla stessa patria tedesca con la sola Polonia che divide la Russia e la Germania.

A prescindere dal sollevare l’ovvia questione di una totale mancanza di fiducia nella NATO per prevenire o scoraggiare una tale mossa di Putin, questo non fa ben sperare per l’Europa, o del resto, per il futuro della NATO. Se un tale attacco dovesse accadere, forse anche dal suolo polacco, e la NATO non agisse rapidamente, la credibilità di questa organizzazione crollerebbe in pochi minuti e la Germania combatterà ancora una volta una guerra con la Russia, con le probabilità che oggi non sembrano buone, basandosi sulle lezioni della storia.

La decisione della Germania di staccarsi dalla NATO e formare la propria cosiddetta organizzazione di mantenimento della pace che i funzionari dell’UE a Bruxelles chiameranno un esercito dell’UE – o un “pilastro” all’interno della NATO – presenta una serie di problemi per la maggior parte degli stati come organizzazione guidata dagli Stati Uniti . Biden potrebbe benissimo accogliere con favore un’iniziativa del genere in quanto potrebbe essere considerata un modo per sollevare gli americani dal dovere di un conflitto, certamente in Europa e sicuramente nel peggiore dei casi con la Russia in cui ha già indicato che non impegnerà truppe statunitensi – uno dei i motivi per cui non vuole provocare Putin inviando artiglieria a lungo raggio in grado di raggiungere la stessa Russia. Ma a lungo termine, un esercito dell’UE dentro o fuori una struttura della NATO può solo diventare un problema più grande piuttosto che una soluzione al conflitto globale in generale e certamente in Ucraina.

Non è un’idea nuova avere un tale contingente “separatorio” di paesi della NATO. Ironia della sorte, è l’America che ha mostrato al mondo di essere in grado di farlo da sola in Afghanistan, dove non è mai stato riferito che gli Stati Uniti avevano un proprio contingente di soldati indipendente non NATO, cosa che ho scoperto quando ho lavorato lì nel 2008 e su cui gli ufficiali statunitensi erano sempre imbarazzato a parlarne; erano lì nel caso in cui l’operazione guidata dalla NATO – chiamata ISIF – non andasse sempre esattamente come voleva Washington, mi è stato detto dai generali statunitensi.

Quindi gli americani difficilmente possono puntare il dito contro la Germania e accusarla di essere l’unico neo se porta avanti le sue ambizioni militari. Ma certamente metterà a dura prova le relazioni USA-UE poiché gli Stati Uniti non saranno più una forza dominante. Inoltre, l’operazione guidata dalla Germania potrebbe avere obiettivi diversi rispetto alla NATO negli hotspot del mondo, il che metterà a dura prova le relazioni commerciali, sia a livello multilaterale che unilaterale con l’UE.
Finora, l’UE segue in gran parte Washington in quasi tutte le grandi iniziative politiche e quindi questo è davvero un passo nel buio, ma che molti federalisti irriducibili a Bruxelles accoglieranno con favore. Per la stessa Germania, la mossa è irta di insidie ​​poiché ci sono così tanti scenari oltre al semplice mantenimento della pace in Africa in cui l’intera idea può esplodere in faccia a coloro che la sostengono, compresi i cani da guerra a Bruxelles che sentiranno una nuova ondata di tipo Brexit di Stati membri che hanno perso un’identità all’interno dell’UE, probabilmente a partire dall’Ungheria. “Più grande sei, più forte cadi” non è solo un adagio che si applica a Putin. Sarà più adatto alla croce tedesca sulle divise, più quelle che hanno la fascia azzurra di Bruxelles.

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

5 Commenti
  • Nuccio Viglietti
    Inserito alle 10:07h, 24 Settembre Rispondi

    Passano anni decenni secoli ma… indole profonda di popoli forgiatasi chissà come… sempre tende rinascere da sue stesse ceneri…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

  • andrearossidevrgnano
    Inserito alle 16:45h, 24 Settembre Rispondi

    i conti tornerebbero… sul dollaroUSA si dice che sarebbe rappresentato simbolo degli ILLUMINATIdiBAVIERA((iutiub)”Weird Al” Yankovic – Foil (Official Video) 1:28(/2:33)), negli USA non pôchi hanno antenati tedeschi (sia puo’ dare occhiata sù wikipedia a “List of German-Language newspapers published in the United States”), circolano da tanti anni teorie cospirazioniste riguardanti ipotetico passaggio da USA a Germania come guida ordine mondiale

  • Maurizio
    Inserito alle 08:48h, 25 Settembre Rispondi

    Ma tu dai i numeri. Hai descritto esattamente il contrario di quello che sta accadendo e di ciò che pensano le parti belligeranti.

  • andrearossidevrgnano
    Inserito alle 13:16h, 25 Settembre Rispondi

    commento diMAURIZIO rivolto a mè? e allora do i numeri. pianetaX.wordpress.com -> ”’ In codice ASCII il nome dell’anticristo è “Bergoglio” ”’ -> (routes)66 69(no!comment) 82 71 79 71 76 73 79 (+sommati+ six six six (seX seX seX)) -> BERGoglio continuazione +-germanica del bavarese BenedictusXVI -> BERG è “monte” in tedesco e simbolicamente rappresentarebbe il trionfo della Germania negli U.S.A. che prima o poi dovrebbe arrivare (infatti simbolicamente sarebbe il trionfo di BERG(=Germania) sull’AMERICA(n Standard Code 4 Information Interchange)

  • Aplu
    Inserito alle 13:57h, 25 Settembre Rispondi

    Tedeschi che non cambiano mai! Benedetto quel buon muro di Berlino! Solo con la Germania tornata al 1700 e divisa in tanti stati indipendenti, si avrà un’Europa migliore….a patto che si levi dagli zebedei anche lo zio Sam!

Inserisci un Commento