APPELLO RACCOLTA FONDI! MANTIENI IN VITA UNA VOCE LIBERA!

La Monarchia Saudita ed i suoi indissolubili legami con Londra e Washington

Chi sono coloro che amano i monarchi sauditi?

di  Stuart Littlewood (*)

Solo la Theresa May del Regno Unito, il suo ingannevole ufficio estero e gli insensibili mercanti di morte di Washington e Tel Aviv.
È incredibile quello che le persone senza principi ammetteranno quando saranno stuzzicati. Una petizione è stata pubblicata sul sito web del Parlamento che invita il primo ministro Theresa May a ritirare il suo invito al Principe ereditario dell’Arabia Saudita, Mohammad bin Salman, a visitare il Regno Unito. 

Si legge:

“Il regime dell’Arabia Saudita ha uno dei peggiori registri dei diritti umani nel mondo. La tortura e la detenzione arbitraria sono ampiamente documentate. Solo nel 2017 sono state eseguite oltre 100 condanne capitali. ”

Il principe ereditario ha diretto il bombardamento dello Yemen. Decine di migliaia di civili sono stati uccisi o feriti. C’è carestia e colera diffuse, avendo creando la peggiore crisi umanitaria del mondo. Eppure, il Regno Unito vende ancora massicciamente armi all’Arabia Saudita.

Il regime saudita ha sostenuto la repressione sanguinosa in Bahrain, dove i suoi militari sono intervenuti per porre fine alle proteste pacifiche della popolazione nel 2011.

Nel  Parlamento britannico  è stata presentata una mozione Early Day (EDM865) che chiede anche la cancellazione della visita del principe. Rileva che il regime saudita ha effettivamente giustiziato 142 persone l’anno scorso.

Bin Salman arriva a Londra il 7 marzo. Sarà accolto da rabbiose manifestazioni di protesta.

La petizione contro la visita del monarca ha oltre 11.000 firme finora. Naturalmente, la loro richiesta sarà ignorata. Il governo del Regno Unito è un grande ammiratore di regimi terroristi come l’Arabia Saudita e Israele, che ora sono “amici del mondo occidentale”. Londra e Rijad condividono molte ambizioni, come la destabilizzazione e il rovesciamento dei paesi che non gli piacciono con l’aiuto dei loro utili idioti a Washington e Westminster. Gli obiettivi principali sono l’Iran e la Siria. E hanno voglia di annientare gruppi di resistenza come Hezbollah e Hamas, e tutti gli altri che si mettono sulla loro strada.

Londra e Rijad condividono anche il totale disprezzo per i diritti umani e le norme di comportamento internazionali.

I successivi governi britannici hanno fatto di tutto per inventare motivi assurdi per cui adorano e sostengono i criminali che gestiscono Israele, massacrano i palestinesi e minacciano la regione (e in effetti il ​​resto del mondo) con il loro arsenale nucleare non dichiarato e non sottoposto a salvaguardia. Ora Westminster si arrovella con le argomentazioni, cercando di spiegare perché continuiamo ad accovacciarci verso i sauditi che sono desiderosi di unirsi all’asse USA-Regno Unito-Israele.

Non sarebbe bello se i nostri media mainstream, invece di torcersi le mani e diffondere disinformazioni sul Medio Oriente, indagassero e appellassero come guerrafondai i criminali che reclutano, finanziano e armano i regimi corrotti, le milizie ribelli, i mercenari e tutti i banditi che hanno iniziato da tempo a  perpetuare l’orrore e la devastazione in Siria e Yemen?

L’Arabia Saudita sarebbe per voi un partner per “affrontare il terrorismo internazionale e l’estremismo”? Dite sul serio?

Rispondendo alla petizione, il “Foreign Office”, sempre inventivo, afferma che la nostra forte relazione con l’Arabia Saudita “è importante per la mutua sicurezza e prosperità” e include una discussione significativa sulla riforma e sui diritti umani. La dichiarazione afferma che “l’Arabia S. ha contribuito a rendere entrambi i nostri paesi più sicuri e più prosperi”.

“Abbiamo una vitale sicurezza nazionale e interessi economici nel mantenere e sviluppare le nostre solide relazioni, incluso il modo in cui possiamo lavorare insieme per affrontare le sfide internazionali come il terrorismo e l’estremismo”.

E l’intelligence saudita “ha salvato potenzialmente centinaia di vite nel Regno Unito”, secondo la signora May.

Inoltre, il principe ereditario ha intrapreso una serie di riforme per modernizzare la società e l’economia, permettendo alle donne di guidare e assistere alle partite di calcio, riaprire
cinema e impegnarsi affinché le donne facciano un terzo della forza lavoro saudita entro il 2030. ” La visita inaugurerà una nuova era nelle relazioni bilaterali incentrate su una partnership che offre ampi benefici sia per il Regno Unito che per il Regno dell’Arabia Saudita “.

Per quanto riguarda lo spaventoso stato di cose in Yemen, il governo afferma che il Regno Unito:

“È impegnato a garantire una soluzione politica che ponga fine al disastro umanitario” e continuerà a svolgere un ruolo di primo piano nel “sostenere l’ONU nella ricerca di una soluzione pacifica attraverso uno stretto impegno con i nostri partner regionali e internazionali”.

Abbiamo già sentito questo schifo di parole molte volte, specialmente in relazione ai crimini senza fine contro i palestinesi.

Cos’altro dice il nostro governo onesto? “Il Regno Unito sostiene l’intervento militare della Coalizione guidata dai sauditi [nello Yemen] …. Aumentiamo regolarmente l’importanza del rispetto del diritto internazionale umanitario con il governo dell’Arabia Saudita e altri membri della Coalizione militare. L’Arabia Saudita ha dichiarato pubblicamente che sta indagando sulle segnalazioni di presunte violazioni del diritto internazionale umanitario e che le segnalazioni verranno prese in considerazione. ”

Quindi, perché non aspettare una vera prova di ciò prima di tirare fuori il tappeto rosso e far infuriare le persone oneste permettendo al Principe ereditario di questo odioso regime di posare i piedi sui gradini di Downing Street per i media del mondo e farsi filmare con la nostra famiglia reale? Dal suo curriculum, Bin Salman comprende  anche troppo bene il valore delle  PR, che sfrutta per tutto il suo potenziale, mentre effettua piccoli cambiamenti preziosi sotto l’elaborata veste di ‘modernizzatore’.

Colpevole come l’inferno di complicità

Da quando la campagna di bombardamenti di Bin Salman nello Yemen è iniziata tre anni fa, il Regno Unito, invece di condannare un’aggressione così sanguinosa, ha fatto piovere sull’Arabia Saudita miliardi di sterline di forniture di aerei e altre armi per contribuire alla morte e alla distruzione. Tutti i principi vengono abbandonati, a quanto pare, e tutte le preoccupazioni per le sofferenze umane vengono dimenticate, così che gli avidi affari possono mungere l’oscena ricchezza di quella parte del mondo.

La scorsa estate la Campagna contro il commercio di armi (CAAT) ha intentato un’azione legale contro il Segretario di Stato per il commercio internazionale per continuare a concedere licenze di esportazione per le armi in Arabia Saudita, sostenendo che si trattava di una violazione della politica del Regno Unito secondo cui il governo deve rifiutare tali licenze se esiste il chiaro rischio che le armi possano essere utilizzate per commettere gravi violazioni del diritto internazionale umanitario.

Era ormai innegabile che le forze saudite avessero usato armi fornite dal Regno Unito per violare il diritto internazionale umanitario nella loro guerra contro lo Yemen. Secondo le Nazioni Unite, ben oltre 10.000 persone erano state uccise fino a quel momento, la maggior parte dei bombardamenti guidati dai sauditi che avevano anche distrutto infrastrutture vitali come scuole e ospedali e contribuito alla crisi del colera. 3 milioni di yemeniti sono stati sfollati dalle loro case e 7 milioni erano sull’orlo della morte per carestia. L’UNICEF riferiva che un bambino è morto nello Yemen ogni dieci minuti per cause prevenibili, tra cui la fame e la malnutrizione.

Un paralizzante blocco navale aiutato e sostenuto dagli Stati Uniti è stato una delle cause principali della crisi umanitaria. Il Parlamento europeo e numerose ONG umanitarie hanno condannato i raid aerei sauditi come illegali. E 18 mesi prima un gruppo di esperti delle Nazioni Unite aveva accusato le forze saudite di colpire ampiamente e sistematicamente i civili.

A quel tempo il governo del Regno Unito aveva concesso licenze per 3,3 miliardi di armi come aerei, elicotteri, droni, missili, granate, bombe e veicoli blindati al regime saudita e si era rifiutato di sospendere questo lucroso commercio anche quando gli orrori li hanno visti fissi in faccia. È stato affermato che il governo ha ignorato gli avvertimenti di alti funzionari statali e dei propri esperti in materia di controllo degli armamenti e che alcuni documenti di preoccupazione espressi erano scomparsi.

Nonostante i fatti lampanti, l’Alta Corte ha deciso di consentire al governo britannico di esportare armi in Arabia Saudita per l’utilizzo contro gli yemeniti.

Bin Salman con premier britannica

Il sito Web CAAT riporta oggi che il Regno Unito ha concesso in licenza oltre £ 4,6 miliardi di armi in Arabia Saudita dall’inizio dell’attentato a marzo 2015:

£ 2,7 miliardi di licenze ML10 (Aerei, elicotteri, droni)
£ 1,9 miliardi di licenze ML4 (granate, bombe, missili, contromisure)
£ 572.000 di licenze ML6 (veicoli corazzati, carri armati)
E il governo britannico ammette che l’Arabia Saudita ha usato armi del Regno Unito nei suoi attacchi allo Yemen. Gli aerei Typhoon e Tornado, prodotti da BAE Systems, sono stati al centro degli attacchi. Il governo conferma che sono stati schierati in missioni di combattimento nello Yemen e che sono stati consegnati ulteriori Typhoon. Nel frattempo, BAE e il governo britannico stanno spingendo per un nuovo contratto, quindi chissà quale annuncio trionfante che comporterà questi crimini contro l’umanità sarà fatto durante la visita del Principe ereditario?

Il governo ha anche ammesso che le armi a guida di precisione fornite dal Regno Unito sono state utilizzate nello Yemen e che “ha accelerato la consegna di bombe Paveway guidate con precisione ” in risposta alle richieste saudite.

All’inizio del conflitto, nel marzo 2015, l’ex ministro degli esteri Philip Hammond ha dichiarato:

“Se ci viene richiesto di fornire loro un supporto migliorato – parti di ricambio, manutenzione, consulenza tecnica, rifornimento – cercheremo di farlo. Supporteremo i sauditi in ogni modo pratico, senza impegnarci in combattimento “.

A settembre 2016 i comitati di Business, Innovation & Skills e International Development House della Camera dei Comuni hanno commentato: “Dato che il Regno Unito ha una lunga storia di esportazioni della difesa in Arabia Saudita e nei suoi partner di coalizione, e considerando le prove che abbiamo ascoltato, sembra inevitabile che eventuali violazioni del diritto internazionale umanitario e dei diritti umani da parte della coalizione hanno coinvolto le armi fornite dalla U K. ”

E a dicembre 2016, il governo britannico ha finalmente ammesso che bombe a grappolo prodotte nel Regno Unito  (proibite) erano state utilizzate nel conflitto .

Quanto è malato il Governo di questo paese?

*Stuart Littlewood- Scrittore, editorialista britannico, fotografo, specialista in questioni medioorientali.

Fonte: Veterans Today

Traduzione: Luciano Lago

*

code

  1. NESSUNO 7 mesi fa

    Brrrrr briividi di schifo nel vedere quelle facce da pedofili sodomiti !!!
    Il governo italiano anche lui complice vendendo bombe prodotte in Sardegna,
    e da sganciare sulle teste Yemenite,
    nostri ministri con le mani in pasta con governi sporchi fino al midollo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. NESSUNO 7 mesi fa

    Per chi fosse interessato aggiungo un il link ad un interesante articolo riguardo il tema dal titolo:

    Come la Gran Bretagna divenne un cliente dei Sauditi dopo la guerra del Kippur

    https://mondoinformazionegeopolitica.wordpress.com/2018/03/03/come-la-gran-bretagna-divenne-un-cliente-dei-sauditi-dopo-la-guerra-del-kippur/

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. claudio 7 mesi fa

    Cosa non si fa per compiacere le fabbriche di armi…
    a me vien da chiedermi: ma chi sono i proprietari di tali fabbriche??? Vuoi vedere che son giudei?? I sauditi pompano petrolio e guadagnano su di noi, i giudei gli fottono i soldi vendendogli armi che i sauditi utilizzano in guerre contro i nemici dei giudei.. tutti e 2 hanno guadagni enormi a costo zero, tipico dei giudei, ma i sauditi, a differenza degli ebrei, si stanno svenando per niente.. e isauditi sono bei pollastri in carne.. pieni di soldi… cui prodest infatti.. voglio infatti tralasciare gli aspetti umanitari in questa mia minima analisi, infatti io non capisco infatti il vantaggio che possono avere gli arabi dalla guerra in yemen… è lo stato più povero della regione, sono mussulmani e tra l’altro hanno leggi che ti ammazzano se fai proselitismo cattolico, non è strategicamente importante e non ha pozzi petroliferi, almeno che io sappia.. quindi perchè sta guerra?? È solo per far spendere montagne di dollari ai saud e utilizzarli per gli interessi di israele..per distruggere un potenziale alleato iraniano vista la vicinanza con la parte sciita dello yemen..e quindi, in nome dell’interesse di israele, tutti i burattini al governo nei paesi ” occidentali ” scattano in piedi come un sol uomo incuranti delle figure demmerda che fanno con i propri concittadini ed elettori… e mi riaggancio al discorso elezioni.. quando poi gli elettori saranno delusi e stufi del politico di turno i giudei gli forniranno un altro burattino vestito meglio… e tutto cambia per non cambiare mai…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Fabio franceschini 7 mesi fa

    Che dire?cose note ed evidenti ma la prova della cattiva fede dei governi occidentali.personalmente non ho parole per descrivere i miei sentimenti verso i pedocammellieri. e neppure per descrivere il disgusto e il disprezzo verso quei governi e politici che in occidente collaborano ampiamente con questi repellenti criminali non tanto perché fanno affari con questi cialtroni ,questo lo reputo normale per me pecunia non olet ma trovo insopportabile che si facciano intese politiche e si consenta la diffusione delle loro malsane idee attraverso il finanziamento di moschee e movimenti ispirati al wahabismo e spesso terroristi mentre al tempo stesso si stracciando le vesti di dosso se altri governi si difendono dalla diffusione di questi movimenti ChE combattono massacrano stuprano torturano per affermare la sharia e le ideologie takfire. Ma cosi è! Onore a tutti coloro che hanno il coraggio di criticare e combattere in qualsiasi modo questi repellenti personaggi e loro viscidi sodali occidentali.

    Rispondi Mi piace Non mi piace