La militarizzazione delle vie navigabili strategiche: contemplati i giochi di guerra USA-India. Segnale Aggressivo contro la Cina


prof. Michel Chossudovsky
Chiunque raggiunga la supremazia marittima nell’Oceano Indiano sarebbe un attore di primo piano sulla scena internazionale”. (US Navy Geostrategist Rear Admiral Alfred Thayus Mahan (1840-1914))

Tra gli obiettivi strategici di Washington vi è la militarizzazione delle principali rotte marittime, che si estende dal Mediterraneo all’Asia meridionale e all’estremo oriente, attraverso il canale di Suez, il Mar Rosso, il Golfo di Aden, il Mar Arabico, il Golfo del Bengala, il Malacca-Singapore stretto verso il Mar Cinese Meridionale e il Mar Cinese Orientale. (vedi mappa sotto).

Questa rotta marittima è fondamentale per lo svolgimento del commercio marittimo di merci tra Asia orientale, Africa, Medio Oriente ed Europa occidentale. Le guerre guida statunitensi sia nello Yemen (Mar Rosso, Golfo di Aden) che in Somalia (Golfo di Aden, Oceano Indiano) sono strategiche in questo senso.
Gli Stati Uniti esercitano anche la loro presenza strategica nell’Oceano Indiano dalla base militare di Diego Garcia.

L’obiettivo non detto di queste rotte marittime militarizzate è quello di minare la via della seta marittima cinese della Belt and Road Initiative (BRI) di Pechino.

L’alleanza USA-India contro la Cina

Un gioco pericoloso si sta attualmente svolgendo nell’Oceano Indiano. Sono previste operazioni navali congiunte USA-India nel Mare Adaman. Il Times of India ha confermato la pianificazione dei giochi di guerra USA-India in prossimità dell’arcipelago di Nicobar.

Questi giochi di guerra si svolgono in un momento di confronto politico, con persistenti minacce del presidente Trump dirette contro la Cina:
Un gruppo di attacco di una portaerei statunitense guidato dalla portaerei USS Nimitz (a destra) è pronto a condurre un esercitazione con navi da guerra indiane vicino all’arcipelago delle Andamane e di Nicobar.

… Il gruppo di attacco della USS Nimitz e un altro guidato dall’USS Ronald Reagan hanno appena completato una missione di spiegamento operativo e “libertà di navigazione” nel Mar Cinese Meridionale. Questo è visto come un grande spettacolo di supporto per alleati e partner statunitensi …

Diverse navi da guerra indiane stanno prendendo parte all’esercizio guidato dal comandante della flotta navale orientale ammiraglio posteriore Sanjay Vatsayan. Comprendono navi da guerra, cacciatorpediniere con velivoli imbarcati, fregate, sottomarini e velivoli da pattugliamento marittimo sia del Comando Andaman e Nicobar (ANC) che del Comando navale orientale (ENC) con sede a Visakhapatnam. (S Venkat Narayan: L’isola )

Mappa Indo Pacifico

L’India sotto il Primo Ministro Modi è stata risucchiata nell’agenda imperiale degli Stati Uniti. Inoltre, il Giappone e l’India hanno anche effettuato un esercizio navale vicino allo Stretto di Malacca alla fine di giugno in ritardo, in collegamento con Washington.
L’Australia è anche coinvolta in giochi di guerra sponsorizzati dagli Stati Uniti diretti contro la Cina:

“Si ritiene che l’India stia pianificando di invitare l’Australia a prendere parte all’esercizio di Malabar. Se la mossa si traduce in realtà, un costrutto militare verrà saldamente aggiunto ai cosiddetti paesi “Quad”: India, Giappone, Stati Uniti e Australia …
Questi giochi di guerra consistono nel militarizzare vie navigabili strategiche e rotte commerciali marittime. Intendono minare le relazioni Cina-India sotto gli auspici della Shanghai Cooperation Organization (SCO).

(La strategia USA intende inoltre compromettere le relazioni bilaterali, compresi gli scambi commerciali tra Cina e Giappone, nonché l’Australia).

I giochi di guerra sono parte integrante di un “pacchetto” di minacce e sanzioni contro Pechino, comprese le restrizioni commerciali e la lista nera degli uomini d’affari cinesi eleborata da parte dell’amministrazione Trump.

Premier indiano Modi con Trump

Per più di 20 anni, gli Stati Uniti hanno assicurato la militarizzazione dei mari della Cina orientale e meridionale, estendendosi dalla penisola coreana allo stretto di Taiwan. Quello a cui mira il segretario di Stato americano Mike Pompeo è il fatto che Pechino accetti una ” Dottrina in stile Monroe” dell’egemonia navale americana nel Mar Cinese Meridionale, intimidendo Pechino con l’affermare che “la Cina dovrebbe ritirarsi dal Mar Cinese Meridionale”

“… Abbiamo reso cristallina la nostra politica sul Mar Cinese Meridionale. Non è l’impero marittimo cinese. ” ( Conferenza stampa Pompeo )

*La fonte originale di questo articolo è Global Research
Traduzione: Luciano Lago

2 Commenti

  • atlas
    27 Luglio 2020

    altro articolo molto interessante dal sito aurora. Non posso postarlo in molte sue parti perchè evidentemente vi sono parole chiave che il sistema informatico impedisce di pubblicare, ma consiglio di leggerlo

    La causa uigura, cara all’occidente

    La stampa occidentale denuncia i campi di rieducazione cinese, ma osserva un silenzio complice quando la CIA crea campi di addestramento per i terroristi. In Cina, la repressione dell’estremismo ha la schiacciante approvazione pubblica e questa politica portò alla fine delle violenze armate.

    http://aurorasito.altervista.org/?p=13071

  • eusebio
    27 Luglio 2020

    Che gli frega ai cinesi, se gli tagliano le vie marittime si espandono via terra, la nuova capitale birmana è semivuota e a due passi dal confine cinese, e può essere popolata da 1 0 2 milioni di cinesi, come la nuova capitale kazaka, oppure creando parchi industriali e nuove aree residenziali in piccoli paesi confinanti come il Kirghisistan o il Laos, poco popolati e ricchi di risorse naturali.
    I cinesi hanno le industrie, i capitali, una popolazioni 1,4 miliardi di persone, possono espandersi senza difficoltà nei piccoli paesi vicini.
    La Cina è la nuova Roma e gli USA la nuova Cartagine, gli ammerecani farebbero meglio a sbarazzarsi dei loro padroni sionisti e pensare a ricolonizzare il loro enorme paese.

Inserisci un Commento

*

code