“La Merkel se ne deve andare! “: L’opposizione inasprisce i toni di fronte al fiasco della dirigenza tedesca per il COVID 19


di Edouard Husson.

Panico in Cancelleria: di fronte all’opposizione che è salita alla quasi totale riconferma del Paese per Pasqua, Angela Merkel ha dovuto fare marcia indietro. Si è scusata pubblicamente. Ma questo non è stato sufficiente per placare il Parlamento. Durante un interrogatorio con la Cancelliera mercoledì 24 marzo nel primo pomeriggio, l’opposizione ha chiesto a gran voce la sua partenza.
Tutto è iniziato con stupore la mattina del 23 marzo . La Germania si è svegliata per scoprire che la Conferenza dei Ministri Presidenti, che decide regolarmente con il Cancelliere sullo sviluppo di misure precauzionali sanitarie, aveva deciso il confinamento più rigoroso dall’inizio dell’epidemia. I negozi sarebbero rimasti rigorosamente chiusi dal giovedì santo al lunedì di Pasqua compreso. I servizi religiosi sarebbero stati inaccessibili al pubblico. E vietato il viaggio dei vacanzieri. L’opinione pubblica è tanto più infiammata contro l’autoritarismo del Cancelliere e dei capi esecutivi regionali secondo cui la vaccinazione procede molto lentamente . È lontana questa primavera del 2020 quando la cancelliera si è congratulata per la sua buona gestione della crisi COVID 19.

Manifestazione contro la Merkel

Panico alla cancelleria e lamentele al Bundestag
Per tutta la giornata di ieri , i presidenti dei gruppo ministri regionali hanno dovuto affrontare critiche molto dure nei rispettivi Länder. In particolare, le Camere di Commercio e Industria hanno segnalato il colpo che sarebbe stato inferto alla crescita economica con la completa cessazione dell’attività per le imprese in un periodo di alta affluenza. Le Chiese hanno anche fatto sapere quanto fossero infelici di trovarsi di fronte a un fatto compiuto, anche se non avevano cessato di prendere precauzioni durante l’epidemia.
Il Cancelliere ha anche ricevuto feedback dalle federazioni locali della CDU sottolineando che il confinamento previsto si aggiungerebbe ulteriormente alla debacle elettorale delle ultime elezioni regionali (nel Baden-Württemberg e nella Renania-Palatinato) allo scandalo delleil continuo declino del partito nei sondaggi . Mentre la successione di Madame Merkel doveva essere “un lungo fiume tranquillo”, i due pretendenti, Armin Laschet, ministro-presidente del Nord Reno-Westfalia e Markus Söder , ministro-presidente della Baviera, iniziano ad essere preoccupati. E questo tanto più dal momento che sono essi stessi una parte interessata nella decisione di riconfigurazione.

Improvvisamente la Cancelliera ha deciso che non poteva lasciare che la situazione degenerasse. Si è scusata pubblicamente: “Un errore deve essere chiamato errore e, cosa più importante, deve essere corretto e, se possibile, in tempo”, ha spiegato sentenziosamente colei che poco prima le aveva imposto la sua volontà senza consultare i suoi concittadini. Ha aggiunto: “So che questa proposta ha causato ulteriore incertezza, me ne rammarico profondamente e per questo chiedo perdono a tutti i cittadini”. Panico, esaurimento psicologico dopo sedici anni a capo del governo, tentativo di vivere un’ultima rinascita di popolarità nei sei mesi rimasti in Cancelleria: tutte queste ragioni concorrono a spiegare una dichiarazione sbalorditiva di un politico che non ha mai riconosciuto il grandi errori che hanno segnato il suo periodo al potere: dalla disastrosa uscita dal nucleare nel 2011 alla mancanza di leadership sull’Unione Europea, compresa la catastrofica apertura delle frontiere a un milione di migranti tra settembre e dicembre 2016.

Bundestag

L’autocritica però non è bastata all’opposizione che, durante una seduta di domande e risposte del 24 marzo nel primo pomeriggio al Bundestag, ha chiesto apertamente al Cancelliera di porre la questione della fiducia alla sua maggioranza. Il conservatore AfD, la sinistra socialista ei liberali hanno trasmesso tutti lo stesso messaggio, ben sintetizzato dal presidente dell’FDP liberale, Christian Lindner in un tweet: “La cancelliera non può più essere certa del pieno appoggio della sua maggioranza. La questione della fiducia al Bundestag sarebbe raccomandata per vedere fino a che punto il governo ha ancora i mezzi per agire ”.

La procedura per la sostituzione di un cancelliere è complicata in Germania poiché una maggioranza di due terzi deve presentare un candidato sostitutivo. Tuttavia, gli ultimi mesi della signora Merkel in Cancelleria assomigliano sempre di più a un percorso disseminato di ostacoli.

Fonte: https://lecourrierdesstrateges.fr

Traduzione: Gerard Trousson

10 Commenti
  • Chicco
    Inserito alle 12:22h, 26 Marzo Rispondi

    Fortunati i tedeschi che hanno un opposizione che non é sensibile al dollaro, da noi questa classe é merce rara, siamo senza speranza, finirà che dovremo importarla.

    • atlas
      Inserito alle 00:53h, 27 Marzo Rispondi

      italiani (e duosiciliani) ? Una palla al piede per i tedeschi. Ondivaghi latini di merda

      • Arditi, a difesa del confine
        Inserito alle 13:01h, 27 Marzo Rispondi

        i peggiori sono quelli che sputano nel piatto dove mangiano.

        come lei.

        la verità è quella detta dall’utente Antonio, vogliono fare fuori la culona perchè non cede sul north stream 2, ma davvero qualcuno crede che se vanno a votare lasciano vincere AfD ?
        in un modo o nell’altro faranno vincere i verdi, stralcio del north stream 2 ed introduzione di politiche ambientaliste del cazzo come eolico che non riusciranno a soddisfare il fabbisogno energetico del paese causando black out ogni 2×3

        lo stesso con conte avvocato di sta ceppa, quello che firmava per il 5G cinese, che apriva le porte alla via della seta, che faceva atterrare i russi a Bergamo un anno fa; appena è stato possibile è stato fatto fuori su ordine del servo degli americani il buffone di firenze amico del negro sposato col travestito

  • mario
    Inserito alle 12:37h, 26 Marzo Rispondi

    ebrei sionisti + americani = il male assoluto………………………………………………………………………………………..

  • Giorgio
    Inserito alle 19:12h, 26 Marzo Rispondi

    Anche i rigorosi tedeschi perdono la bussola ….. ultimamente sempre più spesso …….
    la degenerazione delle classi politiche, nei paesi liberal democratici, colpisce praticamente tutti i paesi Ue …….

  • antonio
    Inserito alle 21:49h, 26 Marzo Rispondi

    la realtà è che la vogliono togliere di mezzo perchè non vuole fermare il contratto con i russi del Nordsteam, i ladroni yankee-jewish sono drogati in overdose, inoltre han tolto Conte e messo Goldfinger Goldmann per bloccare il contratto italo-cinese della Via della Seta

  • antonio
    Inserito alle 21:56h, 26 Marzo Rispondi

    la AFD non la lasciano andare al governo, così come il FP in Francia e la Lega-M5S quando erano filo russo-cinesi, li hanno castrati mettendo prima il gesuita Conte, poi non bastando mettendo Golfinger Contabilegolmann,
    ho paura che tolgano la Merckel sì va bene, ma per mettere un maniaco filo atlantista guerrafondaio paranoide e sarà un altro passo verso la terza guerra mondiale dei Rockfeller-Blackrock-Rotschield
    noi cittadini europei dovremmo manifestare contro la una NATO guerrafondaia in mano a sionisti delle banche e delle industrie della morte d delle droghe pesanti-Afgane-Colombia

  • antonio
    Inserito alle 21:58h, 26 Marzo Rispondi

    che sono pure i signori del covid

    • atlas
      Inserito alle 02:06h, 27 Marzo Rispondi

      TUTTO IL MONDO GIRA INTORNO A STA PROTEINA SPIKE DI MERDA. EBBENE, STA VERAMENTE SPAKKANDO IL CAZZO

  • atlas
    Inserito alle 02:33h, 27 Marzo Rispondi

    ma se io faccio un test sierologico (PRELIEVO DEL SANGUE NO TAMPONI DEL CAZZO) e gli anticorpi al covid li ho, e anche in quantità…probabile che in giro ci siano più di 800.000 tipi di virus, devo fikkarmi nelle vene 800.000 sieri di merda ?

Inserisci un Commento