La massiccia protesta degli iracheni contro l’ambasciata USA a Baghdad fa infuriare Trump e Pompeo



La massiccia protesta degli iracheni davanti all’ambasciata americana a Baghdad ha fatto infuriare le autorità americane, da Donald Trump a Mike Pompeo che non si aspettavano la reazione popolare.

In un messaggio pubblicato su Twitter, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha esortato martedì il governo iracheno a “usare le sue forze per proteggere l’ambasciata americana” dai manifestanti iracheni che chiedono la chiusura di questo centro dopo l’attentato lanciato da Washington contro varie posizioni delle Unità popolari di mobilitazione dell’Iraq (Al-Hashad Al-Shabi, in arabo), che fanno parte delle forze armate irachene.

Il presidente degli Stati Uniti ha difeso l’aggressione sostenendo che si è verificata in risposta alla morte di un appaltatore americano in un attacco missilistico, non rivendicato, ma attribuito senza alcuna prova da Washington al movimento di resistenza islamica dell’Iraq, noto come Kataeb Hezbollah, un membro di Al-Hashad Al-Shabi.
Dopo aver accusato il governo di Teheran di essere stato dietro l’attacco , Washington ha rincarato la dose accusando l’Iran di essere stato il mandante delle proteste presso la sua ambasciata a Baghdad.
In pratica, qualsiasi cosa accade in Medio Oriente, in qualunque paese, anche se causata dagli stessi statunitensi, per Trump e per Pompeo è sempre colpa dell’Iran. Accuse considerate “risibili” da parte del governo di Teheran che le ha rigettate e rispedite al mittente.
Secondo vari osservatori il gioco degli Stati Uniti, lanciando queste accuse infondate contro l’Iran, è quello di cercare di sfruttare gli incidenti in Iraq per continuare con la loro politica di massima pressione contro il paese persiano.
Inoltre, si possono considerare queste misure di Washington un balzo in avanti, poiché la posizione americana nel territorio iracheno è minacciata e contestata.

Funerali vittime attacco USA contro Hezbollah Iraq

Gli “Stati Uniti agiscono unilateralmente quando si sentono minacciati o quando cercano una giustificazione per mantenere un po’ sotto pressione i loro nemici “, ha detto un analista .

Il recente attacco americano è stato condannato dalle autorità irachene. Sia il parlamento del paese arabo che i movimenti iracheni hanno richiesto l’immediata espulsione delle truppe statunitensi “occupanti” dal loro territorio.
Da parte loro, le forze popolari hanno affermato che “l’attacco codardo” contro le loro posizioni spianerà la strada alla fine della presenza americana in Iraq . Inoltre, hanno promesso di dare una “risposta dura” alle violazioni statunitensi.

Attacco all’Ambasciata USA a Baghdad

Va notato che le forze popolari irachene hanno svolto un ruolo decisivo nella lotta contro il terrorismo e la sconfitta della banda terroristica dell’ ISIS (Daesh, in arabo), creata dagli stessi responsabili della Casa Bianca in Iraq.
Con gli incidenti di martedì, gli Stati Uniti sono stati costretti a ordinare l’evacuazione della loro ambasciata nella capitale irachena , Baghdad, mentre migliaia di persone hanno manifestato di fronte alla missione diplomatica per condannare la recente violazione perpetrata da Washington contro la sovranità del paese arabo.
Durante la protesta, alcuni manifestanti indignati sono riusciti a entrare con la forza nel complesso della missione degli Stati Uniti dopo aver distrutto la porta principale e dopo aver dato fuoco a un’area di accoglienza, mentre altre persone hanno alzato la bandiera delle forze popolari irachene all’ingresso del complesso USA .

Assedio all’Ambasciata USA a Baghdad


I manifestanti hanno anche cantato slogan contro gli Stati Uniti e il presidente Trump, e hanno chiesto che il governo iracheno espella al più presto le truppe americane dal paese.
Anche il Parlamento iracheno si è pronunciato chiedendo con forza al governo di decretare l’espulsione delle truppe USA la cui presenza non è giustificata nel paese.

Fonte: Hispan Tv

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

2 Commenti

  • Albert Nextein
    1 Gennaio 2020

    Gli Usa non avrebbero mai dovuto scatenare la guerra in Iraq.
    Ora, pagano.

  • amadeus
    1 Gennaio 2020

    Sono Ridicoli, applicano le stesse logiche che applicavamo da bambini quando giocavamo alla guerra, e di queste fa parte la logica dell’occupazione forzata imposta con la minaccia delle armi, tipica della mentalità sionusa gangsteriana da autoproclamati padroni del mondo, poi mostrano finta indignazione quando gli occupati si rompono i c…..ni e li sbattono fuori. Finquando saranno in medioriente, quei popoli non avranno mai pace.

Inserisci un Commento

*

code