La lunga attesa del processo a Salvini e le decisioni di Conte

di Luciano Lago

Fra meno di 24 ore inizierà in Parlamento la discussione sulla fiducia o meno al governo Conte ma, in realtà, non lasciamoci ingannare, sarà l’occasione per iniziare il processo a Salvini. Sarà il momento della verità visto che tutti i giochi di palazzo, gli intrighi, la manovre dei partiti e delle correnti, si evidenzieranno domani nella sede Parlamentare, nel Senato prima e nella Camera poi a stretto giro.

Inutile ripercorrere qui la sequela di accuse, illazioni e polemiche che in queste ore si rinfacciano fra i vari esponenti politici, i giornali ne sono pieni e non vale la pena neppure parlarne.

Le questioni essenziali sono le seguenti:

In Primis, il Governo Giallo/Verde lacerato dalle molte contraddizioni e ambiguità e dissidi interni non poteva durare così come era strutturato, quindi qualcuno doveva prendere l’iniziativa e aprire la crisi. Lo ha fatto Salvini, forse nel momento meno opportuno, ma in realtà era nell’aria date le differenze fra i programmi dei 5 Stelle e della Lega. Probabilmente la goccia che ha fatto traboccare il vaso non è stata, come si potrebbe pensare, la TAV ma piuttosto il voto dato dal gruppo dei 5 Stelle in Europa all’elezione della Ursula von der Leyen.

Ursula von der Leyen

Non è un caso se, una delle soluzioni proposte per uscire dall’impasse è quella di un “fronte Ursula” ovvero di una aggregazione di tutti coloro che hanno eletto la tedesca alla Commissione UE e che si riconoscono nelle oligarchie di Bruxelles, affidandosi a quelle per la gestione dell’economia e delle scelte politiche dell’eventuale nuovo governo di coalizione italiano. Naturalmente questa coalizione dovrebbe essere quella proposta dal vecchio Romano Prodi, un personaggio che ogni tanto viene riesumato nonostante i danni che ha prodotto in passato. L’idea di Prodi equivale a un commissariamento di fatto che potrebbe produrre gli stessi “successi” prodotti in Grecia.

Si può intuire a favore di quali interessi operi Prodi, gli stessi che lui ha favorito con le privatizzazioni, l’IRI, e l’ingresso dell’Italia nell’euro alle condizioni imposte dalla Germania.

I fautori dell’Euro: Prodi, D’Alema, Veltroni, Ciampi

La condizione di base tuttavia è quella di “fare fuori Salvini” prioritariamente, mettere fuori lui dal Governo e la Lega nonostante abbia un consenso maggioritario nel paese. Non si devono più tollerare i sovranisti ovvero quelli che non rispettano abbastanza le direttive di Bruxelles e che vogliono condurre una politica in controtendenza, riducendo le imposte, bloccando l’arrivo dei migranti e riformando il settore della giustizia.

Le politiche le decidono Bruxelles e Berlino, questa la lezione che la Ursula, in accordo con la Merkel, vuole impartire all’Italia.

14 Commenti

  • amadeus
    20 Agosto 2019

    Siamo nella merda 3 metri sopra la testa ! I 5 stalle ci hanno fregato di brutto, la devono pagare.

  • atlas
    20 Agosto 2019

    la lega è sempre stato cmq un partito liberista

    la mia posizione non cambia, l’unica soluzione per me è tornare indietro per andare avanti

    https://www.facebook.com/LambrenedettoXVI/videos/1156719787872243/

  • Sed Vaste
    20 Agosto 2019

    Minkia ci mancava lambrenedetto I’ll Guru del “. Vel chi al tumbin ” andiamo proprio bene se son questi I genii del web che seguite adesso so Comprende xche’ da 10 anni siete caduti in un coma profondo irreversible vi svegliera’ il Principe negro di turbo dall’afrika che arriva a prendervi col gommone , Su salvini e renzi ecc non sta a me dirvelo xche’ lo capirebbe anche un ubriacone per Terra finito spiaccicato sui propri liquami ma ve lo dico lo stesso e’ tutto teatro koscher per intrattenere le masse di Beoti immersi giornalmente in una panacea d’ignoranza avvolgente che va da internet all cinema alle TV ecc ecc. Tutto e’ gia’ stato deciso I savi di sion controllano tutti I governi , chi sgarra finisce in bancarotta salvini a cui piace sventolare I’ll Rosario si compri pure intanto che c’e’ un Bell’inginocchiatoi per pregare gli ebrei banksters

  • robyt
    20 Agosto 2019

    secondo me salvini sarebbe stato depotenziato e disinnescato come era sempre più evidente. Andare avanti coi 5 pelle avrebbe avuto senso solo per tenersi lo stipendio e le poltrone. Tra la 30 e conte (che poi sono solo la quinta colonna delle istituzioni nel governo, (visto che la 30 si è candidata solo nel 2018 nei 5 pelle e non fu eletta, in pratica è stata scelta da mozzarella, come tria e moavero), il governo era ormai ai ferri corti. Salvini passava come quello cattivo, mentre conte e la 30 voleva spacciarsi per quelli responsabili che “mettevano a posto i casini combinati da salvini”, (es. la 18i e la gregoretti della nostra guardia costiera) mentre le navi delle rack(i)ette, della oceanviking della openarms della mareionio sono tutte mandate da O(N)G solo per mettere bastoni tra le ruote, con l’avvallo della nostra magistratura “democratica”. Se sopportare le ridicole accuse della 30 e di conte per altri x mesi si poteva fare, aspettare la prossima mossa della magistratura non aveva senso: la sea watch è stata liberata dalla procura di Agrigento a giugno, e poi la rackietta è stata liberata sempre dal GIP di agrigento a fine missione. La rack(i)etta ha ammesso in una intervista di essere stata motivata da niente di meno che il governo crucco a fare quello che ha fatto.

    https://www.youtube.com/watch?v=-XgTMwVsokA

    Ora la procura di agrigento ha fatto liberare anche la mare ionio. Senza contare che la procura di agrigento ha fatto anche sollevare l’accusa ridicola di “sequestro di persona” per il caso 18i l’anno scorso. Infine la procura di agrigento già faceva le stesse cose ben prima, poiché l’inchiesta del procuratore di catania (Zuccaro) sulla collusione ONG trafficanti, venne fatta spostare dal CSM alla procura di afgrigento, che puntualmente archiviò il tutto nel 2017. Ora la procura di agrigento si appresta anche a sollevare nuovo caso di sequestro di persona ( per la open arms).

    Ora è chiaro che non c’è solo la procura di agrigento ma ce ne sono molte alre, io ho citato solo quella più attiva sui giornali. Visto che dopo un anno di governo pentaleghista non ce assolutamente nessuna volontà di mettere un freno con una seria riforma della giustizia a queste istituzioni e dare una sonora pedata a tutti i traditori infiltrati, è chiaro che restare in quella posizione di disequilibrio, a lungo andare sarebbe stato distrutto il vero partito del cambiamento, che è la lega. I 5 pelle hanno solo dimostrato di essere fedeli servi delle istituzioni (quelle europee in primis mai veramente messe in discussione in oltre 10 anni di votazioni europarlamentari sono sempre stati allineati con tutte le vonderleyen del caso) e di essere facilmente ricattabili per il loro attaccamento alle poltrone.

    Questo non vuol dire che con la fine del governo la situazione possa migliorare, poiché c’è una BANDA DI CRIMINALI asserragliati nelle istituzioni nazionali pronti a tutto pur di continuare questo sistema di svendita e autodistruzione della penisola.

  • cimabue
    20 Agosto 2019

    Per Luciano Lago:
    il voto dato dal gruppo dei 5 Stelle in Europa all’elezione di Ursula von der Leyen era stato concordato preventivamente con la Lega e gli altri partiti sovranisti (partito di Orban compreso, che infatti l’ha votata).
    Solo che la Lega all’ultimo momento si è tirata indietro, proprio con lo scopo di delegittimare Giuseppe Conte.
    Quella volta andò male alla Lega.
    Ma quello non fu il primo e nemmeno l’unico tentativo di far saltare questo governo, alla faccia de “prima gli italiani”.
    Il processo andrebbe fatto prima di tutto al Cardinale Richelieu padano: Giancarlo Giorgietti, che infatti ha prontamente scaricato Salvini (“ha fatto tutto da solo”).
    La Lega ha più di una quinta colonna al suo interno: Rinaldi è una di queste.
    Ma chi ci rimette siamo NOI.
    Salvini ingenuo e sleale, hanno sempre mandato avanti lui e adesso hanno pure il capro espiatorio pronto.
    Uno schifo. E di questo schifo ringraziamo esclusivamente la Lega.
    Questa crisi non era necessaria come scrive Luciano Lago.
    E’ un vero peccato, perché le commissioni parlamentari stavano lavorando bene. Grillini e leghisti stavano – finalmente – facendo qualcosa per gli italiani.
    GRAZIE SALVINI.

  • Eugenio Orso
    20 Agosto 2019

    Otto anni fa, quando l’élite inviò monti in Italia, con la complicità di napolitano, avevo predetto che dopo una serie di governi Quisling o di governicchi innocui (per l’élite), dopo un lungo periodo di continuità nelle politiche neoliberiste, si sarebbe arrivati al “governo troika definitivo”, forse commissariale (per la presenza di qualche straniero), che avrebbe rappresentato la pietra tombale per l’Italia e per tutti noi …
    E’ possibile che sia questo il momento, dopo il vicolo cieco del governicchio falso rivoluzionario e la beffa delle europee, che avrebbero dovuto cambiare – secondo gli imbroglioni, fra i quali salvini – gli assetti di potere nell’unione europoide.
    Siamo arrivati al dunque?
    Lo vedremo nelle prossime settimane.

    Cari saluti

  • amadeus
    20 Agosto 2019

    Le vacche non si ribellano quando entrano nel macello, il popolo italiano é di gran lunga peggio, durante il tragitto si fa anche sodomizzare !

  • Giacomo
    20 Agosto 2019

    secondo me e’ solo un “teatrino all’italiana” per continuare a fomentare una guerra tra poveri..

  • amadeus
    20 Agosto 2019

    Perché Salvini dovrebbe essere processato, per aver difeso il suolo italiano da un invasione programmata per destabilizzare la nazione secondo programmi di potenze straniere che si fingono alleati mentre invece ci vogliono a 90° a loro bisogno, se per essere processati sul serio ci sarebbe un lungo elenco di traditori che si sono macchiati di colpe gravissime verso il popolo e la nazione, roba da legge marziale che sono inpuniti, quindi lasciamo perdere Salvini che non ha fatto altr che il suo dovere di Italiano e di ministro.

    • atlas
      20 Agosto 2019

      stranieri senza documenti in regola non devono entrare in Europa, se no è come se entrassero anche quì, smettiamola con queste prese in giro sulla ridistribuzione

      • Silvia
        20 Agosto 2019

        certamente la redistribuzione e’ una presa in giro, ma non e’ colpa di Salvini se non si puo’ fare altro. PS. Chi ha eliminato il rato di immigrazione clandestina?

  • Max Dewa
    20 Agosto 2019

    I’ll reato d’immigrazione clandestina e’ stato abolito ? Ohibo’ questa non LA sapevo e da quando ? Allora quel terone di mimmo lucano perche’ e’ finito in galera e agli arresti domiciliari forse per favoreggiamento di immigrazione di bambole gonfiabili dall’afrika , ma lei Silvia in poche righe riesce Sempre a sintetizzare un mucchio di cazzate e’ peggio di Atlas che di solito una ne pensa e cento ne fa di cazzate

    • atlas
      21 Agosto 2019

      redazione per favore, non si tratta di censurare o reprimere chi è in dissenso o in disaccordo, cosa che quì non esiste, ma questo commentatore è palesemente solo provocatorio e aggressivo nei confronti degli altri utenti e tenta costantemente di portare le discussioni a livelli bassissimi e offensivi per sua evidente strategia ormai corroborata dai fatti. Posso solo consigliare per il bene e il prestigio del sito di prendere i provvedimenti che più riterrete opportuni

      si presenta anche sotto innumerevoli nomignoli scorrettamente. Non merita di stare su questo sito, non perchè ha idee contrarie alla linea editoriale o in disaccordo con altri commentatori che potrebbe essere normale, ma perchè è palesemente quì solo per disturbare

  • Sed Vaste
    21 Agosto 2019

    Uhhh atlas quanto LA fa lunga quando non ha argomenti per rispondere se ne scappa dalla radazione fa come quei bambini che vengono suonati da uno piu Forte non bisogna mettersi contro I piu Grandi Ma dai che in fondo le sto simpatico abbiamo solo qualche divergenza non bisogna prendersela per cosi poco e poi entries NeL merito LA Silvia ha scritto che I’ll Reato d’immigrazione clandestina e’ stato eliminato ma quando mai !!!

Inserisci un Commento

*

code