La lotta per il Donbass raggiunge l’Iran: Mosca e Londra, in contrasto a Teheran

L’ambasciata russa a Teheran afferma che l’Occidente, coinvolto in innumerevoli invasioni in tutto il mondo, non ha l’autorità morale per condannare la Russia sull’Ucraina.

La missione diplomatica della Federazione Russa a Teheran ha respinto sabato, tramite Twitter , le critiche dei paesi occidentali, tra cui l’ambasciatore britannico nella capitale iraniana, Simon Shercliff, per l’operazione militare compiuta dalla Russia da giovedì in Ucraina.

” Coloro che hanno bombardato città pacifiche in Serbia nel 1999, hanno invaso illegalmente l’Iraq nel 2003, che hanno distrutto la Libia, la Siria e sono fuggiti vergognosamente dall’Afghanistan, non hanno l’autorità morale per condannare la Russia “, si legge in un tweet dell’ambasciata russa.

La missione diplomatica russa ha reagito con queste parole a un tweet realizzato lo stesso giorno da Shercliff, che ha pubblicato un’immagine della facciata dell’ambasciata britannica a Teheran con una bandiera ucraina lì collocata.

Il diplomatico britannico ha definito l’operazione militare russa in Ucraina “non provocata e illegale” e ha affermato che il Regno Unito “sostiene il popolo ucraino” contro la Russia.

L’ambasciata russa ha poi ritwittato un’immagine, precedentemente condivisa da Zhao Lijian, portavoce del ministero degli Esteri cinese, che elenca i paesi che sono stati bombardati dall’Occidente, con gli Stati Uniti avanti, dalla seconda guerra mondiale. “Non dimenticare mai chi è la vera minaccia per il mondo”, ha detto Zhao mercoledì.

Elenco dei paesi attaccati o invasi dagli USA

“ Dei 248 conflitti armati avvenuti tra il 1945 e il 2001 in 153 regioni del mondo, 201 sono stati avviati dagli USA, che rappresentano l’81% del totale ”, secondo i diplomatici cinesi dalla Russia.

Raisi chiama la Nato una ‘seria minaccia’ in una telefonata con Putin
Gli Stati Uniti hanno trascorso in guerra 222 dei loro 243 anni di esistenza .
Cosa succede in Ucraina?
Le tensioni tra Russia e Ucraina hanno preso un altro corso da giovedì, quando il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato la sua decisione di avviare un’operazione speciale nel Donbas (Ucraina orientale) per difendere i cittadini delle Repubbliche popolari di Dontesk e Lugansk, le cui autorità avevano formalmente chiesto l’aiuto di Mosca per respingere le aggressioni del governo ucraino ed evitare una catastrofe umanitaria.

La Russia imputa l’escalation della tensione nell’Ucraina orientale all’Occidente, guidato dagli Stati Uniti, e considera l’espansione dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) nell’area come la principale causa di crisi e insicurezza.

Fonte: Hispan Tv

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM