APPELLO RACCOLTA FONDI! MANTIENI IN VITA UNA VOCE LIBERA!

La lobby sionista di Francia passa le “istruzioni” a Macron

di Alain Soral

Mai come stavolta è palese la dimostrazione simbolica ed il simbolismo di questa 33 ° edizione della cena del CRIF(*) che si è tenuta Mercoledì 7 marzo 2018 a Parigi, sotto la piramide del Louvre, che è stata la prima di Emmanuel Macron come presidente.

Come al solito, il” Consiglio di Rappresentanza delle istituzioni ebraiche di Francia”, il corpo principale della lobby israeliana in Francia, ha approfittato di questo gala annuale per dare “istruzioni” al presidente e rivendicare impegni. Nel menu: repressione della libertà di espressione e di opinione su Internet, opposizione alla riedizione degli opuscoli di Louis-Ferdinand Celine e riconoscimento di Gerusalemme come capitale d’Israele.

Non bisogna fraintendere: il rapporto tra Emmanuel Macron e il CRIF riflette le relazioni tra Attali e Bernard-Henri Lévy(BHL), il noto intellettuale ultrasionista, tra la rete euromondialista e la rete atlantico-sionista. Nei guai negli Stati Uniti dopo l’elezione di Trump e del Medio Oriente dopo l’intervento russo, i sionisti “duri” si sono visti obbligati a passare il testimone e la Francia di Valls è diventata la Francia di Macron . Se la tenuta oligarchica è la stessa, il posizionamento è diverso. Durante questa 33a cena del CRIF, i rappresentanti di Israele in Francia hanno ricordato con forza le loro principali preoccupazioni: il rappresentante di Rothschild in Francia era strettamente allineato con queste richieste?

La lotta contro il “cyberattacchi”

La repressione della libertà di espressione e di opinione su Internet è un importante punto di accordo tra il presidente Macron e il presidente Kalifat. In tempi di crisi sociale e geopolitica, l’Impero non può sopportare la sfida, premessa della rivolta. Non dovrebbe essere il caso che le persone stabiliscano un legame tra la predazione bancaria, fiscale e legale e il desiderio di dominio globale della Grande Israele, tra progetto transatlantico e sionismo, tra globalizzazione e Jihavismo …

Macron con gli esponenti sionisti francesi

Il capo dello Stato, istituito con Patrick Drahi, Alain Minc e Jacques Attali è dichiarato pronto a legiferare ” quest’anno, a livello europeo, per obbligare gli operatori di ritirare tempestivamente contenuti odiosi su Internet ” . ” Dobbiamo andare oltre ” , ha detto a migliaia di ospiti, tra cui una quindicina di ministri e venti ambasciatori. ” Nessun sistema sarà respinto “, ha assicurato citando come ” esempio ispiratore ” legislazione tedesca che minaccia pesanti multe alle piattaforme Internet per la diffusione di messaggi di odio.

“Questa lotta non deve coinvolgere solo le autorità pubbliche, ma anche la società civile e le piattaforme internet. L’antisemitismo è l’opposto della Repubblica e rappresenta il disonore per la Francia. ”

In Francia, una missione sarà quindi affidata dal governo al vicepresidente del CRIF, Gil Taïeb, e allo scrittore franco-algerino Karim Amellal sulla lotta contro il razzismo e l’antisemitismo su Internet.

Inoltre, Francis Kalifat ha affermato che il CRIF installerebbe un ” osservatorio dell’odio in rete “.

“Quando il nostro strumento rarà dimostrato efficace, potremo estenderlo al razzismo, alla xenofobia, all’omofobia, all’odio nei confronti dei musulmani e, inoltre, all’odio per la Francia. Se andiamo a costruire questo osservatorio, è perché le aziende Internet non lo fanno da sole. Forse è necessario costringerle? ”

Il presidente della CRIF aveva infatti desiderato in precedenza che le società di Internet ” assumessero le stesse responsabilità degli editori di stampa “, nel rispetto di un rigido quadro giuridico.

Silenziare Louis-Ferdinand Céline … e Alain Soral

Per ricordare al presidente della Repubblica che Louis-Ferdinand Céline è un precedente, una brochure denominata “Celine contro gli ebrei o la scuola dell’odio” è stata distribuita a tutti gli ospiti al gala. Nel momento in cui l’amministratore delegato delle Edizioni Gallimard ha detto di non aver rinunciato al progetto di ripubblicare gli opuscoli del più grande scrittore francese del XX secolo, Emmanuel Macron ha dovuto decidere sulla questione.

Se ha lasciato intendere che disapprovava il piano dell’editore, l’attuale presidente ha dichiarato di essere ” felice ” del dibattito.
“Non ci sono esempi nel nostro paese di polizia commemorativa e morale, nel senso che direi” Io proibisco la pubblicazione di questi scritti “. Non accetterò questo dibattito ma voglio dare alcune indicazioni. Celine aveva sperato che questi scritti non venissero ripubblicati perché si vergognava in parte. Abbiamo molte opere di Celine che ci permettono di insegnarlo. Non penso che abbiamo bisogno di questi opuscoli. Ma sono molto felice che nel nostro paese ci possano essere editori che fanno questa domanda senza eliminarla. Ma tu capisci, penso, da che parte stavo inclinando. ”

Un posizionamento che non ha soddisfatto la famiglia Klarsfeld che ha ricevuto alla cena il “premio CRIF 2018”:

Macon a cena con gli esponenti del CRIF

“Gli autori di testi anti-ebraici potrebbero divertirsi quando gli opuscoli di Céline sono stati ristampati e legittimati da un prestigioso editore. Come potrebbero il Soral e il Dieudonné essere sanzionati dalla legge poiché i loro scritti sono lontani dal raggiungere l’abiezione di quelli di Céline? Perché oggi, dopo così tante aggressioni antiebraiche, gettare olio sul fuoco? Gli orfani dei deportati, quelli che nella loro infanzia conoscevano e amavano le vittime della Shoah non sono tutti scomparsi, sono ancora in piedi. Il signor Gallimard, la decenza di aspettare fino alla morte di riprovare a includere questi opuscoli nel catalogo delle Pleiadi con tuo nonno restituito al creatore sotto lo stato degli ebrei! ”

Qualche ora prima, il direttore degli studi del CRIF Marc Knobel ha specificato il contenuto del testo Celine contro gli ebrei o la scuola dell’odio :

“Questa è una prospettiva storica, uno studio edificante e un testo intransigente di cinquantacinque pagine che decifra l’antisemitismo e il filo-hitlerismo di Celine, il suo posizionamento ideologico. Perché non era un intellettuale antisemita ma un antisemita filo-hitleriano. Era anche profondamente razzista. Quello che il testo dice è che è stato in grado di ispirare negatori del dopoguerra come Robert Faurisson o Alain Soral. ”
Dopo l’affare Céline , Macron ha persino voluto menzionare l’affare Maurras :
“Dobbiamo guardare la figura di Maurras come parte della storia della Francia, nasconderlo è voler ricostruire un’altra forma di post-memoria e post-storica rimossa e che dice qualcosa delle nostre debolezze. ”
Non sono sicuro che questa visione delle cose fosse unanime.
Trump e Gerusalemme
Dopo l’indecisione su Celine, il CRIF ha persino criticato l’atteggiamento attendista del presidente Macron riguardo al Medio Oriente.

Francis Kalifat potrebbe aver espresso i suoi desideri:

“Se mi permetti, Presidente della Repubblica, aggiungo un desiderio per il tuo prossimo viaggio in Israele: che la Francia riconosca Gerusalemme come capitale d’Israele. ”

Il presidente francese ha risposto criticando la posizione del suo ” amico Donald Trump “, affermando che il suo annuncio è stato ” un vero errore ” che non ha aiutato ” il miglioramento della situazione della sicurezza “.
“Ad un certo punto del processo, verrà il riconoscimento di Gerusalemme come capitale di Israele e Palestina. Ma deve venire al momento giusto, in un gioco equilibrato. ”
Nonostante il suo promemoria dell’impegno della Francia a prendere il controllo del programma missilistico iraniano e la sua certezza che ” la sicurezza del nostro alleato israeliano è una priorità assoluta, non è negoziabile “, questo rifiuto di riconoscere Gerusalemme come capitale Israele non era certo per i gusti di tutti.
“Lo Stato garantirà inderogabilmente il suo dovere di proteggere persone, luoghi di culto, scuole e asili. Gli aiuti finanziari destinati a garantire questi posti saranno mantenuti al loro livello per tutto il periodo di cinque anni. Non avremo mai esitazioni nella lotta contro il flagello dell’antisemitismo “.

Se rimane l’appuntamento obbligatorio per qualsiasi politico “repubblicano” per dimostrare il suo impegno per il sionismo e Israele, e quindi ricevere il suo certificato di cittadinanza comunitaria, la cena del CRIF sembra perdere il suo splendore (gli anni Sarkozy-Valls ), a immagine dell’influenza della rete atlanto-sionista all’estero.

Ma l’Impero rimane l’Impero e, nonostante le differenze strategiche (i dignitari di CRIF e di Emmanuel Macron probabilmente non agiscono allo stesso tempo) rimane fondamentale la questione della salvaguardia degli interessi oligarchici. È ancora più calda che mai. Gli oppositori coerenti di questa visione del mondo (in primo luogo, Alain Soral e E & R) sono quindi in prima linea e le convergenze Macron-CRIF sulla libertà di opinione (il loro unico margine di manovra?) Possono lasciare la paura il peggio.

*Consiglio di rappresentanza Istituzioni ebraiche francesi

Fonte: Egalitè et Reconciliation

Traduzione: Luciano Lago

*

code

  1. max tuanton 6 mesi fa

    Gli Ebrei sono gli Ebrei il cancro che sta divorando il pianeta ,LA Francia e’Giudeo massonica da secoli adesso poi e’Africa ,LA Francia e’spacciata razzialmente e nell’animo ormai LA francia e’ il Simbolo LA vanagloria dell’imperialismo Ebreo ,in Italia Elkann De Benedetti ecc stanno facendo lo stesso con l’aiuto della Borsa Di Milano in mano al Circonciso raffaele Jerusalmi ,ormai hanno messo in tutte le posizioni piu importanti gente dei loro consimili consanguinei conterranei congeneri senza prepuzio ,questo e’ il Patto che li unisce il marchio LA circoncisione ,I vostri tg quotidianI libri ma anche internet non ve lo verranno mai a raccontare sono tutti dei congiurati dei traditori tutti questi simbolismi cerimonie cosa vi insegna ? Che gli ebrei da questo momento vi inculano Tutti quanti .come vogliono dove vogliono e quando vogliono

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Riki 6 mesi fa

      mi fate morir dal ridere a leggervi: Max T.. con voce grave .. maledetti giudeiii – Atlas con voce squillante .. il tuo kkk cosa ne pensa? ahahahah!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. NESSUNO 6 mesi fa

        mi limito a leggere i commenti e a prenderne atto
        pero’ il riki e’ un grande per d’avvero,hahahahahahah
        l’unico delirium tremens con un suo perche’,chapeau!!!
        p.s.non ti sto paraculando sono serissimo…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Riki 6 mesi fa

          guarda che mi emoziono… mi esprimo e basta, sono me stesso, pieno di sofferenza, per questo pianeta di…. capre!!! capre!!!! capre!!!! capre!!!! capre!!!!!

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. claudio 6 mesi fa

    Caro herzog, si stanno preparando, verranno a cercarci, ci metteranno nella lista nera degli ammiratori di Celine, vedrai.. psicoreato aggravato e reiterato.. colpevoli di letture fuori ordinanza, citazioni di autore antisemita, propaganda di libri vietati..vedrai, tra qualche anno, se riusciremo a campare, ci metteranno un display in fronte con scritto : acthung anti juden.. sempre se non finiremo in qualche manicomio a servire da cavia umana..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. claudio 6 mesi fa

      Questo lo dici te emanuela boccadirosa.. l’unica democrazia che apprezzo è quella diretta.. mentre te lo sappiamo cosa apprezzi, ma stai attento che se ti beccano a 90 gradi ti buttano dai palazzi…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. HERZOG 6 mesi fa

    Riki vi Sara pure da ridere pero prova a guardare LA picconata presa da un piacentino digitate ” veritas vincit freeanimals” 2 cioccolatini impazziti.Siete voi che mi fatepiangere farvi invadere cosi’ …,Claudio le devo pero dire sinceramente che se fossi li non parlerei cosi’ percio onore a lei il bloh a atlas Mardunolbo Tania lister the roman e a tanti di voi che scrivete di quella genia criticandola dimostrate a vostri modo di ribellarvi ,Bravi ! Ma non esagerate sti qui basta vedere il film I 3 giorni del condor con Redford si segnano tutto spie Nate e vendicative per giunta,I 2 minuti di odio come prevede Orwell van bene ma non di piu ,per il resto li siluro io gia abbastanza da qui ho I miei Khmer rouge a difendermi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. claudio 6 mesi fa

      Mi devono ammazzare herzog, se vogliono farmi stare zitto mi devono ammazzare..e non è detto che non ne porto qualcuno con me… 🙂 w Louis Ferdinand Celine che finche è stato in vita nessuno lo ha mai smentito.. w faurisson che han cercato di fermarlo aggredendolo.. ma sta storia dei khmer rossi me la devi spiegare, sei in mezzo ai seguaci di pol pot??

      Rispondi Mi piace Non mi piace