La Libia sull’orlo di un enorme conflitto per conto della NATO, della UE, dell’Italia e di Tobruk. Sarà inevitabile?

14.000 truppe jihadiste sostenute dalla Turchia in Libia sono pronte a attaccare Sirte per conto della lobby delle armi degli Stati Uniti, del Deep State, della NATO e del NWO

di Fabio G. Carlo Carisio

L’ultimo rapporto preparato il 15 giugno dal (SOHR) riporta l’arrivo in Libia di 13.800 jihadisti mercenari reclutati in Turchia. Tra loro ci sono anche migliaia di terroristi dell’ISIS, Al Qaeda e Hayat Tahir al Sham, la fazione qaedista che ha incorporato il Fronte di Al Nusra a Idlib ed è già stato incluso nell’elenco delle organizzazioni terroristiche delle Nazioni Unite. Almeno 200 di loro hanno lasciato la costa libica su imbarcazioni per attraversare il Mediterraneo, nascoste tra gli altri migranti in cerca di fortuna in Europa. O forse per qualche missione segreta come è successo in passato …

L’esercito di assassini inviato in Libia a soli 260 miglia nautiche dall’Italia ricorda l’incubo dei massacri, degli stupri e delle incursioni commesse contro la popolazione civile laziale dall’orda marocchina del Corpo dei Expeditionaries francesi (CEF o CEFI) contratta. dagli alleati per liberare la penisola dall’occupazione nazista nel 1944.

Tuttavia questo evento, nelle sue trame politiche sotto l’egida di una cospirazione internazionale, ricorda la Spedizione dei Mille guerriglieri Garibaldini in Sicilia, insieme ai volontari della Legione britannica con finanziamenti da parte della massoneria di rito scozzese e della mafia dei “picciotti / mafiosi”, fatto questo che ha prmesso di stabilire le loro radici indissolubili nel sud dello stivale corsivo, come abbiamo narrato in un recente rapporto storiografico.

Tuttavia, la missione jihadista in Libia ha ricevuto elogi dalla massima autorità diplomatica italiana sul posto, sebbene fosse considerata un’operazione illegale a livello internazionale che solo la Turchia, affiliata dei Fratelli Musulmani avrebbe potuto svolgere.

Per una provvidenziale coincidenza, infatti, durante la stesura di questo rapporto sull’allarme di SOHR per l’ascesa dei jihadisti in Libia, il suo collega Giampaolo Musumeci sui microfoni di Radio24 (Emittente di Sole 24Ore – Confindustria) durante la sua trasmissione del Nel pomeriggio geopolitico “Non c’è posto lontano” Venerdì 19 giugno, ha condotto una lunga e interessante intervista con l’ambasciatore italiano in Libia, Giuseppe Maria Buccino Grimaldi, che ha implicitamente ammesso la natura “illegale”, ma secondo la sua visione, necessaria dell’operazione di Ankara.

I turchi sono intervenuti. Il governo (GNA di Serraj – ed) ha chiesto ai turchi quello che altri paesi non potevano dare da un punto di vista costituzionale, da un punto di vista legislativo, da un punto di vista generale. I turchi hanno avuto un ruolo importante. Sono un paese della NATO, sono il secondo esercito della NATO, ma i libici sono perfettamente consapevoli che devono rafforzare le relazioni con altri paesi tradizionalmente amici: quindi, certamente con l’Italia, quindi, certamente con gli Stati Uniti, solo per evitare di finire legati ad un solo a un paese. . Non vedo alcun problema particolare. Sono convinto che l’immagine si stabilizzerà gradualmente anche da questi punti di vista. ”

Il diplomatico Buccino è stato inviato alla guida dell’Ambasciata di Tripoli il 1 ° febbraio 2019 dall’allora Ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi (ex ministro con Mario Monti e uomo di fiducia anche dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella) in virtù della sua esperienza precedente a Tripoli (2011-2015) e le eccellenti relazioni coltivate con politici legati alla Fratellanza Musulmana a Doha, in Qatar, dove è stato ambasciatore dal 2004 al 2008.

Nel 2009, Buccino divenne assistente consigliere del presidente italiano Giorgio Napolitano, uno dei difensori della guerra del 2011 che portò all’assassinio violento dell’ex dittatore Muhammar Gheddafi, tanto desiderato dal presidente francese Nicolas Sarkozy e dagli Stati Uniti d’America. Il presidente Barack Obama, a cui non importava del premio Nobel per la pace ricevuto nel 2008, aveva scatenato la furia delle “primavere arabe” finanziando e armando jihadisti ovunque. Da questi preamboli è emersa anche la guerra civile libica nel 2014.

L’intervista non ha rivelato la minima preoccupazione per la presenza dei mercenari jihadisti, definiti semplicemente dal giornalista “siriani ottomani”, sebbene, come riportato in un precedente rapporto di Gospa News, almeno 229 di loro fossero stati identificati da una denuncia di fonte curda perché questi sono già interessati da un mandato di arresto internazionale come terroristi islamici estremisti.

In effetti, molti militanti della Bandiera Nera dello Stato Islamico sono stati rilasciati dalle carceri turche per combattere l’offensiva della Primavera della Pace lanciata da Ankara nell’ottobre 2019 in Rojava controllata dai nemici curdi dell’Amministrazione autonoma della Siria nord-orientale ( AANES), in conformità con il piano di arruolamento di prigionieri condannati per crimini molto gravi già applicati dall’Arabia Saudita in Yemen e Siria per rafforzare le truppe di al-Qaeda.
Altri estremisti islamici arrestati per terrorismo sono stati rilasciati dai jihadisti dell’esercito nazionale siriano turco (TNSA) mentre erano detenuti dalle milizie curde SDF in campi di prigionia come Al Hol.
Una grande organizzazione per i diritti umani ha esortato la NATO a indagare a fondo sulla morte di civili negli attacchi aerei in Libia l’anno scorso.

Human Rights Watch ritiene che gli attacchi aerei della NATO abbiano ucciso almeno 72 civili e afferma che l’organizzazione dovrebbe assumersi la responsabilità quando corrisponda.
“Chiediamo indagini rapide, credibili e complete”, ha dichiarato a BBC News Fred Abrahams di HRW.
La NATO insiste sul fatto che ci sono volute attenzioni senza precedenti per ridurre al minimo le vittime civili (si è visto).
Sostiene che non può assumersi la responsabilità perché non ha avuto una presenza sul terreno per confermare le morti.
Gli aerei degli Stati Uniti, del Regno Unito e della Francia hanno effettuato la maggior parte dei 9.658 raid di attacco dell’anno scorso, colpendo le forze fedeli al leader libico Col Muammar Gheddafi.
A marzo, un’altra organizzazione per i diritti umani, Amnesty International, ha dichiarato di aver documentato 55 casi di civili nominati, tra cui 16 bambini e 14 donne, uccisi in attacchi aerei.
Ha descritto l’incapacità della NATO di indagare a fondo su questi casi come “profondamente deludente”.

Miliziani filo turchi in Libia

La pandemia ha aiutato i jihadisti
“Diverse migliaia di combattenti dell’ISIS hanno lasciato Idlib attraverso la Siria attraverso il confine settentrionale e sono finiti in Libia. Questo è qualcosa che noi nella regione, ma anche i nostri amici europei, dovremo affrontare nel 2020 “, ha dichiarato Abd Allah II, re di Giordania, a febbraio prima che la pandemia distogliesse l’attenzione dal conflitto libico in cui l’esercito dal governo nazionale, l’accordo del presidente Fayez Al Serraj, non solo ha rotto l’assedio del generale Khalifa Haftar, comandante dell’esercito nazionale libico che controlla Bengasi e Cirenaica, ma, grazie all’aiuto dei jihadisti filo-turchi, mirava al Golfo di Sirte ricco di giacimenti di petrolio e gas

L’epidemia di SARS-CoV-2, innescata da un ceppo di CoronaVirus che 15 scienziati già credono sia stato creato in laboratorio, ha dimostrato di essere provvidenziale per l’avanzata turca in Libia che ha avuto luogo sotto gli occhi distratti dell’Occidente, dei compiacenti membri della NATO e di tutti coloro che gongolano per i proventi della prossima Lobby delle Armi e hanno incuriosito i Fratelli Musulmani, come riportato in una precedente indagine della Gospa News anche sulle relazioni tra Italia e Qatar.

I leader del Patto atlantista, sebbene non avessero sostenuto l’invasione da un punto di vista militare, in diverse occasioni hanno legittimato la loro azione da un punto di vista politico per contrastare le aspirazioni di Haftar nel paese africano, sebbene il leader di Cirenaica rappresenti, certamente in modo poco diplomatico: le richieste di gran parte del paese.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, attaccato prima dallo scandalo dell’ “Ucraina gate” e poi dal grande massacro di Covid-19, è rimasto alla finestra, già troppo impegnato a difendere le posizioni dell’esercito americano in Iraq, dopo le tensioni con l’Iran sull’assassinio Il generale Qasem Soleimani, comandante delle forze Quds dell’Iran iraniano Pasdaran, e quelli in Siria dove il traffico di petrolio continua dai giacimenti petroliferi sequestrati nell’area di Deir Ezzor.

Ma ora emerge chiaramente l‘ombra del Deep State, quello chiaramente identificato da molti con il Nuovo Ordine Mondiale, dietro le operazioni in Libia e questo rende ancora più inquietante la presenza massiccia di jihadisti alle porte di Italia ed Europa in un paese che, tra il 2012 e il 2015, aveva combattuto per liberarsi dai terroristi dello Stato islamico e ha avuto successo solo grazie alle milizie dell’LNA a Bengasi.

Questo si verifica nel grande disinteresse dei media italiani, sia a destra che a sinistra, perché sono tutti fortemente influenzati da una logica atlantista, anche grazie all’intensa attività di propaganda della “Mercury Public Affairs Society” di Washington, che professa di essere precisamente politicamente bipartisan. Perché sembra essere uno strumento trasversale, tra repubblicani e democratici, dello Stato profondo: il potere tra finanza, massoneria internazionale e intelligence militare che ora avrebbe già segnato l’eliminazione politica di Trump.

Il Mercury P.A.S. è controllato dal Gruppo Omnicom, uno dei giganti della comunicazione mondiale, e si è anche proficuamente impegnato a promuovere le strategie di Big Pharma in quel perfetto intreccio con la lobby delle armi più volte evidenziata dai rapporti di Gospa News sul presenza di fondi di investimento statunitensi, principalmente di origine sionista. come Black Rock, tra gli azionisti di varie società come Omnicom.

CACCIA DELLA TURCHIA PER LE BASI MILITARI IN LIBIA
Prima di analizzare questi intrighi, che saranno anche oggetto di un futuro rapporto sulle relazioni tra la massoneria anglosassone e i fratelli musulmani nella sala delle armi, esaminiamo gli ultimi sviluppi nel teatro della guerra in vista nel mar Mediterraneo.

Mentre il governo Tobruk, dopo aver abbandonato Haftar, cerca una mediazione lontana della pace, le operazioni militari del presidente turco Recep Tayyp Erdogan si sono intensificate con la presunta spedizione di non solo centinaia di altri islamisti sunniti radicali dalla Siria. , ma anche da una colossale offerta. di armi e veicoli militari in chiara violazione dell’embargo delle Nazioni Unite, come accaduto nel dicembre 2019, anche prima che il parlamento turco votasse l’entrata ufficiale del paese nel conflitto a sostegno di GNA, come riportato nell’anteprima di Notizie Gospa.

Ci vorrebbe molto tempo per analizzare lo scenario geopolitico in cui sembra ovvio che la NATO, in parte snobbata dal nazionalista Trump, spera di usare il Sultano di Ankara per annullare il risultato del tentativo di colpo di stato in Medio Oriente, parzialmente fallito proprio a causa del presenza del nuovo zar di Mosca Vladimir Putin, pertanto, ci limitiamo alla notizia con l’attentato in Libia del ministro degli Esteri turco, Mevlut Cavusoglu, che negli ultimi giorni ha annullato gli incontri con il suo omologo russo Sergej Lavrov

“Il lungo intreccio diplomatico tra le due sponde del Mediterraneo ha visto la delegazione di alto profilo di Ankara arrivare all’aeroporto di Mitiga sotto la guida di Cavusoglu, insieme ai ministri delle finanze e della finanza, Berat al Bairak, Difesa Hulusi Akar, Economia Nihat Zeybekci e il capo dei servizi di intelligence (Mit) Hasan Fidan. Il primo incontro ha avuto luogo con il numero uno del Consiglio presidenziale, Fayez al Serraj, a cui hanno partecipato il capo della diplomazia Mohammed Taher Siyala e altri ministri del governo di accordo nazionale (Gna) riconosciuti dalla comunità internazionale, oltre a una serie di personalità e tecnici di entrambe le parti, incluso il capo dell’autorità nazionale petrolifera libica (Noc), Mustafa Sanallah »

Ma ancora più inquietante è la notizia della stessa SOHR sul “battaglione, che opera sotto lo stendardo di” Ahrar Al-Sharqiyyah “e lavora per l’intelligence turca”, che sarebbe composto da quasi 40 combattenti iracheni …

L’Osservatorio siriano conferma quindi i legami tra il famoso MIT (Millî İstihbarat Teşkilatıdi – National Intelligence Organization) di Ankara e gli assassini dello Stato Islamico che sono già al centro di numerosi rapporti di Gospa News basati su più fonti, come i media La comunicazione curda nella Siria nordorientale (Rojava Information Center – RIC e Hawars News Agency) e il nordico monitor svedese, turco e inglese, specializzato nelle indagini di intelligence.

Secondo fonti SOHR, il battaglione lavora nel nord della Siria con “un compito di eseguire esecuzioni e detonazioni” che sono diventati molto più frequenti negli ultimi mesi dopo il ritiro delle truppe statunitensi dalla zona.

Inoltre, hanno il compito specifico di spiare i membri stranieri dell’ISIS che cercano di fuggire nel territorio turco e di membri sotto copertura nel campo di Aleppo, in modo che il battaglione possa arrestarli. Alcuni membri dell’ISIS arrestati furono incarcerati o giustiziati, mentre altri furono portati in Turchia in cambio di ingenti somme di denaro. Le fonti fidate di SOHR hanno confermato che i membri della prigione si sono impegnati a inviare questi elementi a combattere in Libia “.
Ecco un’altra conferma di ciò che è già stato scritto nelle precedenti indagini di Gospa News sul traffico di combattenti dell’ISIS amministrato dalla Turchia.

Dobbiamo ricordare che la fazione jihadista di Ahrar al-Sharqiya è uno dei gruppi islamisti più feroci e spietati. In passato, era considerato vicino ad Al Qaeda, ma con le infiltrazioni di ex leader dell’ISIS amministrate dall’intelligence turca del MIT, le rivalità tra i due gruppi terroristici praticamente scomparvero quando i miliziani estremisti furono reclutati come mercenari da Erdogan per la prima volta nel Missioni di Olive Branch (che perseguono i curdi in Afrin creando un graduale rimpiazzo etnico), poi in quella primavera di pace in tutto il Rojava, parzialmente arrestato per la tregua occasionale con la Russia che detiene l’esercito turco ma non gli jihadisti e infine la cosiddetta Peace Storm in Libia.

I terroristi di Ahrar al-Sharqiya sono anche responsabili del terribile omicidio del giovane pacifista curdo Hevrin Haly Khalaf: sparato a sangue freddo dopo un’imboscata nell’ottobre 2019 perché attraverso il Future Syria Party stava cercando di creare un’alleanza tra la sua origine etnica Musulmani sciiti, sunniti e cristiani nel maltrattato nord-est del paese.

Il battaglione iracheno ha recentemente trasportato prigionieri dalla sua prigione di Al-Bab nella città di Idlib, dove sono stati accolti da un comandante di Hayyaat Tahrir Al-Sham, la formazione qaedista sostenuta dalla Turchia e armata che ha reclutato veterani del fronte sconfitto di Al Nusra. Solo alcuni di questi terroristi islamici sono stati curati presso l’ospedale militare italiano di Misurata, come riportato da Gospa News.

Mercenari filo turchi in Libia

COMPAGNIA STRATEGICA INTERNAZIONALE DEGLI STATI UNITI IN LIBIA
Se Ankara è stata in grado di inviare migliaia di pericolosi jihadisti in Libia, non è solo a causa delle eccellenti relazioni tra Roma e Doha, la capitale del Qatar governata dai Fratelli Musulmani, come la Turchia. È principalmente per la direzione di uno Stato internazionale profondo (Deep State) che opera attraverso società americane in grado di formare alleanze stabili o occasionali per conto del dio del denaro, anche tra parti politiche rivali.

“Nuove registrazioni portate davanti alla Foreign Agents Registration Act (FARA) dalla società di pressione Mercury, che sta lavorando con il governo Fayez Sarraj, mostrano che questi promuove il tedesco Wolfram Lacher come un’autorità” altamente rispettata “in Libia per negare l’influenza della Fratellanza Musulmana all’interno del governo del National Account (GNA) ».

Riferimenti dettagliati e documentati sono stati pubblicati il ​​12 giugno dal sito web di Al Marsad, una ONG per la protezione dei diritti umani che opera nelle Alture del Golan confiscata da Israele dalla Siria e soggetta a continue controversie diplomatiche internazionali, incluse quelle più recenti.

Fonti: Veterans TodayNew Front Gospa Ne

P.S. I media italiani, tutti rigorosamente filo atlantisti, non danno notizia di quanto sta accadendo in Libia, tanto meno della presenza di migliaia di terroristi jihadisti e avanzi di galera vari, pronti ad attraversare il mare e sbarcare in Sicilia per nuove missioni sotto la copertura di Ankara e della NATO.
D’altra parte i media in Italia sono troppo impegnati a dare notizie dei proclami di Conte ed a narrare le vicende della famiglia reale britannica. Su questi fatti l’informazione dei media in Italia è invece molto esauriente.

5 Commenti

  • antonio
    22 Giugno 2020

    Iatlia fuori dalla NATO, una associazioni di aggressori pirati

  • michele
    22 Giugno 2020

    si continua la mattanza dei mercenari islamici,dal teatro siriano alla libia….finisce quando si saranno liberati di questi pericolosi mercenari addestrati dai soliti noti, sembra non siano più necessari…..

  • vlado cremisi
    22 Giugno 2020

    HTS non è sostenuta dalla Turchia, la Turchia sostiene le FSA nel nord siriano.
    Per il resto chiediamo a Sarkozy se conveniva eliminare il vecchio regime. Comunque sia l’appoggio turco ad Al Sarraj è la mancanza di quello UE, Italia in primis…il nostro cortile la nostra sicurezza. Dall’altro lato le solite elite pronte a divorare chiunque

  • Teoclimeno
    23 Giugno 2020

    No! Non abbiamo ancora dimenticato le porcate commesse dai “liberatori”, non solo in Ciociaria, ma lungo tutta la Penisola. È anche per questa e molte altre ragioni, che non vediamo l’ora di liberarcene. Fuck you America! I dislike you very much!

  • giorgio
    23 Giugno 2020

    l’unico rapporto possibile con gli assassini usa nato isis è l’annientamento ….

Inserisci un Commento

*

code