La Libia sta diventando la nuova Siria


Secondo il Washington Post, l’intrattabile guerra civile che ha distrutto il paese ricco di petrolio del Nord Africa è in realtà una partita a scacchi su più fronti tra una varietà di attori esterni, dalla Turchia agli Emirati Arabi Uniti, alla Francia e all’Egitto.
Se l’Afghanistan è chiamato un cimitero di imperi, la Libia sta diventando un melting pot per potenziali conflitti di potenze regionali, afferma il Washington Post.

L’intrattabile guerra civile che ha distrutto il paese ricco di petrolio del Nord Africa è in realtà una partita a scacchi su più fronti tra una varietà di attori esterni, dalla Turchia agli Emirati Arabi Uniti, alla Francia e all’Egitto.
Sul campo, la battaglia coinvolge migliaia di miliziani siriani, mercenari sudanesi e appaltatori russi.
Lo spazio aereo è coperto da un numero crescente di droni, jet da combattimento e missili.
All’inizio di questo mese, il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha avvertito che le interferenze straniere stavano raggiungendo livelli senza precedenti.


Il più grande vincitore, al momento, sembra essere la Turchia, che è venuta in soccorso del governo riconosciuto dalle Nazioni Unite con base a Tripoli e ha ritardato l’offensiva di mesi lanciata dalle forze del generale rinnegato Khalifa Haftar.
Adesso il governo dell’Accordo nazionale, o GNA, sostenuto da Ankara, occupa l’ovest del paese (con Tripoli) e mira a strappare il controllo della mezzaluna strategica del paese, un arco di città costiere e strutture petrolifere tra Tripoli, la capitale e la città orientale di Bengasi.

Se avrà successo, il GNA si sarà consolidato e la Turchia acquisirà le posizioni geopolitiche in nord Africa.

“Erdogan e alcuni dei suoi alleati credono che la Turchia stia ripristinando la sua importanza agli occhi dei suoi alleati occidentali”, ha detto al quotidiano britannico Financial Times Ozlem Kaygusuz, professore associato di relazioni internazionali all’Università di Ankara.

“Credono che più la Turchia avrà un ruolo da protagonista, più sarà prezioso e impossibile ignorare il paese ottomano per gli interessi occidentali nella regione”, ha affermato.

Ma c’è ancora molto in gioco, perché il parlamento egiziano ha approvato lo schieramento di truppe al di fuori dei suoi confini, una mossa che potrebbe portare le forze egiziane a entrare nella Libia orientale per aiutare le forze di Haftar.

Tuttavia, ce n’è un’alro problema più grande sul tavolo.
Nell’ambito del suo intervento, il governo turco ha raggiunto un importante accordo con Tripoli sui diritti marittimi e l’accesso alle trivellazioni costiere.
L’accordo ha provocato una reazione critica dell’Unione europea a difesa degli interessi della Grecia e di Cipro nel Mediterraneo orientale.

E questo mentre gli strateghi turchi devono constatare un allarmante asse di rivali, dalla vecchia Grecia avversaria all’Egitto e (Israele).

“Non esiste un singolo politico ad Ankara, compresi quelli che odiano Erdogan, che non è preoccupato per questa idea di essere circondato nel Mediterraneo orientale”, ha dichiarato Soner Cagaptay, un accademico turco presso il Washington Institute for Policy on Vicino Oriente.

Libia: Miliziani filo-turchi

Per quanto riguarda gli Stati Uniti, un funzionario del Dipartimento di Stato considerava questo un problema europeo molto complesso, la sirianizzazione della Libia, in riferimento al sostegno da parte dell’Occidente di oppositori armati contro il governo legittimo di Damasco, il classico schema della guerra per procura che oggi ritorna in Libia.


Nota: Bisogna domandarsi chi ha provocato il caos in Libia, chi ha voluto destabilizzare quel paese e impadronirsi delle sue risorse. La risposta è la NATO, con il suo intervento nel 2011 cuminato con l’assassinio brutale del leader libico Gheddafi. Questo è un fatto che bisogna non scordare per capire la sequenza degli avvenimenti.


Tratto da Al Mayadeen
Fonte: The Washington Post

3 Commenti

  • atlas
    26 Luglio 2020

    dopo l’Eroico Colonnello un Generale meglio del nulla, ma che sta con la Russia. Ma la fratellanza salafita americana MAI. In Tunisia, paese confinante, sarà il Ministro dell’Interno il nuovo Capo del Governo prescelto dal Presidente Costituzionalista, per rimediare ad uno stallo (o stalla, democrazia) che va avanti da 10 anni, da quando fu allontanato il legittimo Grande Presidente Musulmano Ben Ali. E’ un avvertimento, un voler privilegiare una soluzione di sicurezza all’economia tecnica e fredda. Al nahda, fratellanza salafita di merdogan, lì vuole tutto, ma come in Libia c’è almeno più della metà del Popolo che non li vuole, che è Nazionalista. E non li vogliono vicino e al potere nemmeno l’Algeria e l’Egitto. In Marocco stanno tramando per spodestare il Re

    dovesse continuare il prossimo passo in Tunisia sarà di un militare come Al Sisi ? Magari

  • atlas
    26 Luglio 2020

    ” l’asse della resistenza ” non è solo sciita; E’ anche SUNNITA

  • atlas
    27 Luglio 2020

    io avevo già capito, ma per chi vuole capire benissimo c’è quest’ottima analisi sul sito aurora

    CIA e DGSE sostengono gli islamisti (in realtà fratelli salafiti che non hanno nulla di islamico)

    Muhsan Abdalmuman: Perché la Francia tollera la presenza di diversi movimenti jihadisti e terroristi sul suo territorio?
    Dott. Eric Denécé: Sta ponendo una domanda essenziale per la quale non riesco a trovare una risposta valida… La Francia davvero combatte ufficialmente contro estremisti e terroristi islamisti… ma gli consente di sviluppare le loro attività sul nostro territorio. Probabilmente ci sono diverse spiegazioni. Innanzitutto, la scarsa conoscenza dell’Islam della stragrande maggioranza dei nostri capi politici, che non sanno distinguere tra le diverse correnti, rispettabili o che rappresentano un pericolo. Quindi, non va trascurata la strategia dell’entrismo e l’abile propaganda dei Fratelli Musulmani che in parte da frutti, in particolare per l’ingenuità delle nostre élite, che credono che alleandosi con loro avrà “pace” nei sobborghi…

    In uno dei suoi editoriali ha menzionato la Turchia come Stato canaglia. Come spiega l’alleanza dell’occidente con tale Stato canaglia, mentre la Turchia arma e finanzia gruppi terroristici che hanno distrutto Siria e Iraq? Non pensa che l’occidente abbia giocato col fuoco alleandosi con Erdogan, il capo dei Fratelli Musulmani, che ha un solo obiettivo: stabilire un califfato? E come si spiega il gioco oscuro che Erdogan gioca in Libia?
    La Turchia, non solo quella di Erdogan, sicuramente la peggiore, è uno Stato che dal 1974, data dell’invasione di una parte di Cipro, ha infranto le leggi internazionali. All’epoca, i turchi avrebbero dovuto essere cacciati dalla NATO per aver invaso un altro Stato membro. Ma eravamo nel pieno della guerra fredda e non facemmo nulla perché l’Alleanza atlantica, sotto la leadership nordamericana, pensava alla minaccia sovietica. Questa prima codardia fu un vero tradimento dei nostri amici greci e iniziò a far pensare ai turchi che tutto gli fosse possibile. Dall’arrivo di Erdogan, un capo totalmente megalomane e membro dell’ufficio internazionale dei Fratelli musulmani, Ankara continua a perseguire una politica aggressiva e neo-ottomana: cancellare ogni traccia dell’eredità kemalista, attaccare i non musulmani in Turchia, invadere illegalmente, senza proteste della comunità internazionale, parte del territorio siriano, sostenere gruppi jihadisti e terroristi ultraradicali, armare i Fratelli Musulmani egiziani (la cui adesione al potere non aveva nulla di democratico, contrariamente a quanto continuiamo a credere in occidente) e ora sostiene un regime libico sottomesso alla fratellanza terroristica, armandolo e intervenendo militarmente al suo fianco, inviando in particolare mercenari jihadisti che hanno già lavorato sotto il suo controllo in Siria. La Turchia è oggi uno stato malvagio e rappresenta un rischio reale per la pace e la stabilità nel Mediterraneo e Medio Oriente. Ma ancora una volta, l’occidente si rifiuta di prendere le decisioni necessarie, ancora sotto l’influenza di nordamericani e britannici che continuano a vedere Mosca come minaccia e temono che se la Turchia fosse ostracizzata dall’occidente, cosa necessaria, si getterà tra le braccia della Russia.

    Ho visto una delle sue interviste in cui parlava di un gruppo che formò a seguito della primavera araba e letto il libro collettivo Il volto occulto delle rivoluzione arabe della CF2R e dedicato alla primavera araba, diventata inverno islamista. Lei citava nomi come quelli della nostra amica Anne-Marie Lizin, che intervistai in diverse occasioni, e di Saida Binhabylas. Quest’ultima fu attaccata e accusata di essere un agente dei francesi e il nome della sua famiglia Benhabylès fu infangato sui social network dalle organizzazioni islamiste attive in Europa e da individui legati al terrorismo e alla tesi del “Chi uccide chi”, tesi che prende di mira l’esercito e i servizi segreti algerini. Come spiega che personaggi dubbiosi possano permettersi di attaccare un elemento del suo gruppo e distorcerne le parole, sapendo che tali elementi hanno legami coi servizi di intelligence occidentali, sauditi, marocchini, del Qatar e turco?
    La signora Saida Binhabylas è una donna per cui ho grande rispetto e un’amica che apprezzo molto. Fu vittima nelle ultime settimane di azioni di destabilizzazione orchestrate da individui membri o vicini ai Fratelli Musulmani, con un obiettivo che non vedo ancora. Naturalmente, tutto ciò sono diffamazione e bugie. Ho potuto osservare come tali islamisti hanno falsificato alcune mie interviste, traducendole in arabo con osservazioni completamente false o fantasiose. Ammetto di non misurare i legami tra tali individui e i “promotori” di “chi uccide chi?”. Questi ultimi rimangono attivi in Francia, dopo essere riusciti a dare una visione totalmente distorta della realtà algerina del “decennio nero”. È evidente che gli islamisti, cercando d’imporre i loro “valori” stupidi e infondati agli altri musulmani, hanno sempre cercato di impadronirsi del potere e quindi attaccare tutti coloro che rappresentano un ostacolo alla loro strategia. Fortunatamente, l’Algeria non è caduta, né la Siria e l’Egitto, che grazie al Maresciallo Sisi ha saputo cacciarli dal potere. Ma sono al potere in Turchia e nelle monarchie del Golfo, nonostante le differenze dottrinali, e continuano a diffondere la loro ideologia mortale nel mondo

    Elementi dell’organizzazione Rachad, organizzazione affiliata al congresso Ummah legato alla Fratellanza musulmana di Erdogan con sede a Istanbul, non esitò a incitare gli algerini a prendere le armi contro i loro esercito e Stato. E Muhamad Larbi Zitut, uno dei capi di Rachad, descrive i gruppi terroristici attivi nel Sahel come “gruppi di liberazione nazionale”. Costoro vivono in Paesi come Gran Bretagna e Francia. Come spiega che non ne siano preoccupate, nonostante il proselitismo a beneficio di Erdogan e dei Fratelli Musulmani? Tali persone sono legate al terrorismo e non usano il vostro sistema “democratico” per diffondere le loro idee terroristiche?
    Da un chiaro esempio della loro strategia: proselitismo, propaganda e inganno, appello alla lotta armata e all’omicidio, il tutto col sostegno degli Stati islamisti summenzionati… e la passività totale dell’occidente. Le “élite” europee, e questo è particolarmente vero in Francia, non rispondono per diversi motivi:
    – non sanno come comportarsi di fronte a tale fenomeno, perché sono afflitti da mancanza di visione, cultura, coraggio e dalla loro mediocrità;
    – sono “messi a dormire” da soldi, promesse e menzogne delle monarchie del Golfo… e dei nordamericani che persistono nel sostenerle;
    – vogliono rimanere al potere e dire a se stessi che se hanno il “voto musulmano” (dal 5 al 10% in media in Europa), hanno la probabilità di ottenerlo. Pertanto, chiudono un occhio o accettano comportamenti che violano le nostre regole, valori e leggi;
    – sono ossessionati dal rischio dell’estrema destra che in realtà ha assai meno fondamenta di quanto s’immagini, perché i partiti che la incarnano non saprebbero governare. D’altra parte, in ogni elezione, attirano più voti dagli indignati dall’inazione delle autorità. Questi sono gli ingredienti di una situazione esplosiva.

    http://aurorasito.altervista.org/?p=13095

Rispondi a atlas cancella risposta

*

code