La leadership dell’Unione Europea ha annunciato una nuova politica di espansione del “Lebensraum”

di Phil Butler

Le élite europee hanno un nuovo, straordinario piano per sconfiggere le temibili orde russe che marciano nuovamente verso l’Europa centrale. I grandi strateghi dell’UE reinventeranno l’idea del “Lebensraum” di Adolf Hitler. Il ministro francese per l’Europa Laurence Boone ha recentemente dichiarato a POLITICO che l’unico modo per combattere il desiderio di conquista di Putin è che il blocco UE si espanda. No, non sto scherzando.

Secondo le notizie, l’UE si sta preparando per una potenziale ondata di espansione che potrebbe espandere il blocco fino a otto nuovi membri, tra cui l’Ucraina e sei paesi dei Balcani. Boone mi ha parlato al telefono e ha detto:

Vladimir Putin, oltre alle sue ambizioni territoriali, mira anche a indebolire l’Unione Europea. Questo è un fattore di cui dobbiamo tenere conto e contro cui combattere”.
Per quanto riguarda il grande piano di Hitler del “Lebensraum”, che espose nel suo libro Mein Kampf (è vietato in Russia), il Reich tedesco avrebbe guadagnato il potere e il controllo delle nazioni a est per colonizzarle con coloni tedeschi. Gli slavi che vivevano in questi territori sarebbero stati spazzati via mediante l’espulsione, la riduzione in schiavitù e il massacro. E gli occidentali continuano a meravigliarsi degli avvertimenti di Vladimir Putin sui nazisti in Ucraina e sulla zona neutrale tra UE e Russia. Russi e ucraini sono fratelli e slavi, geneticamente.

Serbi, bosniaci, bielorussi e ucraini sono nel mirino della presidente dell’UE Ursula von der Leyen (che io chiamo affettuosamente von der Clucky) e dei suoi manipolatori, gli oligarchi occidentali e le case reali dell’Europa centrale e occidentale.

Ursula von der Leyen contro Russia e paesi dell’Est

Bulgari, croati, macedoni, montenegrini e persino gli sloveni sono già stati assimilati in quello che assomiglia sempre più a un Quarto Reich nazista. La disgregazione della Jugoslavia avvenne con l’intento di creare queste nazioni più piccole e dipendenti con poco o nessun potere di resistenza. Non voglio entrare nella storia antica e nella storia della Vistola Veneti. Tuttavia, è giusto dire che il cattolicesimo romano e il cristianesimo ortodosso svolgono un ruolo centrale nella vicenda ucraina.

Parallelamente, Ursula von der Leyen è ora decisa a sradicare il lupo europeo attualmente protetto perché il suo antico pony di 30 anni, Dolly, è stato ucciso da un lupo nella Germania nordorientale l’anno scorso. No sul serio. Lei dice: “La concentrazione di branchi di lupi in alcune regioni europee è diventata un pericolo reale per il bestiame e potenzialmente anche per gli esseri umani”. È interessante notare che non si era allarmata prima che Dolly venisse lasciata al pascolo come un animale da esca per essere uccisa dal lupo in via di estinzione. Ora sta sbraitando con un forte e frenetico accento tedesco, dicendo: “Voglio che siano tutti SDRADICATI”.

Per fortuna gli slavi non sono stati classificati come animali da soma pericolosi per il bestiame e gli esseri umani! Oh, aspetta. Secondo i Neoconservatori e le élite occidentali sì. E Putin, in quanto leader del branco famelico, ha più mirino su di sé di Sylvester Stallone in uno di quei film d’azione sugli eroi. Anche se qui faccio una battuta, c’è ed è sempre stato un piano Lebensraum in atto contro gli europei dell’Est.

Infine, con la candidatura presidenziale europea della dura Margrethe Vestager alle prossime elezioni, ci si può aspettare che i tagliagole uscenti della gerarchia europea si arricchiscano sempre più. Inoltre, non sorprendetevi di vedere una drammatica escalation della situazione in Ucraina una volta che l’ultimo slavo ucraino sarà stato fatto a pezzi sul fronte orientale. Per quanto riguarda il resto dell’Europa orientale, già “germanizzato” alla maniera di Himmler, potrebbe presto essere chiesto loro di assumere posizioni in prima linea per garantire che la patria non perda ulteriore terreno. Mi dispiace, ma come storico, geografo e analista americano, la disuguaglianza provocata dall’UE assomiglia a quello che Hitler chiamava “un nuovo ordine di relazioni etnografiche”. Questo è successo qui in Grecia, in particolare a Creta, da quando l’Operazione Mercury fallì nella Seconda Guerra Mondiale.

Putin è accusato di intenzioni espansionistiche. Nel frattempo, l’Unione Europea e la NATO confessano apertamente l’ampio furto di terre che intendono portare a termine. Che ironia. La Russia, ancora una volta, è stata accusata di essere l’obiettivo.

*Phil Butler, è un investigatore e analista politico, un politologo ed esperto dell’Europa dell’Est, è autore del recente bestseller “ Putin’s Praetorians ” e di altri libri. Scrive esclusivamente per la rivista online “New Eastern Outlook” .

Fonte: Journal Neo

Traduzione: Luciano Lago

6 commenti su “La leadership dell’Unione Europea ha annunciato una nuova politica di espansione del “Lebensraum”

  1. Prima che li faccia Putin, i danni all’Europa e in primis alla Germania li hanno fatti gli anglosassoni con i loro servi ucraini i quali danno loro il sangue.Prima del disastro l’Europa era complementare alla Russia non agli USA e ai britannici. Con gente come gli attuali dirigenti noi europei continueremo la nostra penosa discesa.
    Nel frattempo la Cina lancia le sue proposte per una Comunità Globale del Destino Condiviso, rivolte a tutti, anche agli europei se si affrancassero dalla prigione anglosassone.

  2. Tranquilli marciamo verso la vittoria totale lasciateli sbraitare e dire bugie restiamo determinati a raggiungere la vittoria il fattore X dei russi è la difesa delle loro vite e dei piccoli e piccole russe, e su questo state tranquilli non passerà nessuno.

  3. Caro signor catone, tu non hai studiato la storia, o meglio, l’hai studiata solo come tempo scandito dalle guerre, come alle scuole medie.
    La persecuzione degli slavi, come fatto e non teoria, poteva prevedersi fin dal 2014 e tu ce lo vieni a dire adesso, dopo un decennio disseminato di segnali che ci avvertivano e lo confermavano

  4. a parte la Polonia, all’inizio dell’era moderna le popolazioni slave si sono trovate spalmate in territori di mista cultura ed etnicità. L’impero austroungarico con l’erede al trono il granduca Francesco Ferdinando progettava un modello di stato europeo multietnico con speciali riconoscimenti alle popolazioni slave. Non piaceva ai russi. Sappiamo come è andata. Ma non fu certamente per un progetto di stato multietnico che ci si affrettò dopo il 1989 ad incorporare all’ Europa i paesi già del blocco sovietico. Si temeva forse che, passata l’ubriacatura capital democratica si risvegliassero simpatie panslaviste che li avrebbero riavvicinati alla Russia? E si risvegliarono: quanti furono, stimati e bravi professionisti, ricercatori universitari, ungheresi, polacchi, ucraini, che si ritrovarono nella sbandierata libertà del liberismo poveri e con uno stato sociale declassato. Quanti sono stati costretti a migrare nelle ricche università del Nord America. Si capisce che chi mira al dominio globale si preoccupi di tenere a bada questi paesi di gente colta ed umiliata.

  5. Cari amici del sito … secondo voi si delira più a Washington, Londra o a Bruxelles ?
    Oltre alla miocardite anche la russofobia deve essere una reazione “avversa” dell’intruglio tossico chiamato “vaccino” !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM