"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

La guerra su Assange è una guerra alla libertà di stampa

di   Chris Hedges

“La persecuzione di Assange è parte di un vasto attacco contro le organizzazioni di notizie anticapitaliste e antimperialiste”.
L’autore è ex corrispondente estero del New York Times, dove ha vinto un premio Pulitzer, fino a quando è stato licenziato per aver criticato Israele e la guerra in Iraq. È un autore più venduto del New York Times, ex professore alla Princeton University, attivista politico di sinistra e ordinato ministro presbiteriano.

Ospita uno spettacolo eccellente su RT chiamato “On Contact”. Parla arabo, francese e spagnolo e ha studiato classici, tra cui greco antico e latino, all’Università di Harvard.

Il fallimento da parte dei media dell’establishment nel difendere Julian Assange, che è rimasto intrappolato nell’ambasciata ecuadoriana a Londra dal 2012, a cui è stato negato la comunicazione con il mondo esterno da marzo e sembra essere di fronte a un’imminente espulsione e arresto, è sorprendente. L’estradizione dell’editore – l’obiettivo maniacale perseguito dal governo degli Stati Uniti – avrebbe creato un precedente legale che avrebbe criminalizzato qualsiasi supervisione o indagine giornalistica dello stato aziendale. Questo trasformerebbe le perdite e le denunce in tradimento.
La soppressione di Assange quale voce libera, avrebbe avvolto in totale segretezza le azioni delle élite globali dominanti. Se Assange fosse estradato negli Stati Uniti e condannato, il New York Times, il Washington Post e ogni altra organizzazione dei media, non importa quanto tiepida la loro copertura dello stato delle corporations , sarebbe soggetta alla stessa censura draconiana. Sotto il precedente, la Corte Suprema di Donald Trump avrebbe sostenuto con entusiasmo l’arresto e l’imprigionamento di qualsiasi editore, produttore o giornalista in nome della sicurezza nazionale.

Ci sono segni crescenti che il governo ecuadoriano di Lenin Moreno si stia preparando a sfrattare Assange e consegnarlo alla polizia britannica. Moreno e il suo ministro degli Esteri, José Valencia, hanno confermato di essere in trattative con il governo britannico per “risolvere” il destino di Assange. Moreno, che visiterà la Gran Bretagna in poche settimane, definisce Assange un “problema ereditario” e “una pietra nella scarpa” e lo ha definito “un hacker”. Sembra che, sotto un governo moreno, Assange non sia più il benvenuto Ecuador. La sua unica speranza ora è un passaggio sicuro nella sua natia Australia o in un altro paese che vuole dargli asilo.
“L’Ecuador ha cercato una soluzione a questo problema”, ha commentato Valencia in televisione. “Il rifugio non è per sempre, non puoi aspettarti che duri per anni senza che noi riesaminiamo questa situazione, anche perché questo viola i diritti del rifugiato”.

Il predecessore di Moreno come presidente, Rafael Correa, che ha concesso asilo all’Asange nell’ambasciata e lo ha reso un cittadino ecuadoriano lo scorso anno, ha avvertito che i “giorni di Assange” erano numerati. “Ha accusato Moreno, che ha interrotto le comunicazioni di Assange il giorno dopo che Moreno ha dato il benvenuto a una delegazione dal Comando Sud degli Stati Uniti – avrebbe “buttato fuori l’ambasciata alla prima pressione dagli Stati Uniti”.

Assange, che secondo come riferito è in cattive condizioni di salute, ha preso asilo all’ambasciata per evitare l’estradizione in Svezia per rispondere alle domande sulle accuse di reato sessuale . Temeva che, una volta in custodia svedese per queste accuse, che secondo lui erano false, sarebbe stato estradato negli Stati Uniti.

L’ufficio dei pubblici ministeri svedesi ha concluso la sua “indagine” e la richiesta di estradizione in Gran Bretagna nel maggio 2017 e non ha presentato accuse di reato sessuale contro Assange. Ma il governo britannico ha detto che Assange sarebbe comunque stato arrestato e incarcerato per aver violato le condizioni della sua libertà su cauzione.

La persecuzione di Assange fa parte di un vasto assalto contro le organizzazioni di notizie anticapitaliste e antimperialiste. Le élite dominanti, che rifiutano di assumersi la responsabilità di profonde disuguaglianze sociali o dei crimini dell’impero, non hanno lasciato alcuna impiallacciatura ideologica per giustificare la loro avidità, inettitudine e saccheggio.
Il capitalismo globale e la sua giustificazione ideologica, il neoliberismo, sono screditati come forze per la democrazia e l’equa distribuzione della ricchezza. Il sistema economico e politico controllato dalle corporations  è odiato dai populisti di destra come lo è il resto della popolazione. Questo rende i critici del capitalismo  e dell’imperialismo – giornalisti, scrittori, dissidenti e intellettuali già messi ai margini del panorama dei media – quali elementi pericolosi e li rende obiettivi primari. Assange è in cima alla lista.

Ho partecipato a dozzine di altre persone, tra cui Daniel Ellsberg, William Binney , Craig Murray , Peter Van Buren , Slavoj Zizek, George Galloway e Cian Westmoreland , una settimana fa in una veglia internazionale di 36 ore che chiedeva la libertà per l’editore WikiLeaks. La veglia è stata organizzata dal leader del partito Internet neozelandese Suzie Dawson . Era la terza veglia da quando tutte le comunicazioni di Assange con il mondo esterno sono state troncate dalle autorità ecuadoregne e le visite con lui sono state sospese a marzo, in parte per la crescente pressione che gli Stati Uniti hanno portato al governo ecuadoriano. Da marzo Assange è stato autorizzato a riunirsi solo con i suoi avvocati e funzionari consolari dell’Ambasciata australiana.

La Corte interamericana dei diritti umani ha dichiarato venerdì che coloro che cercano asilo politico hanno il diritto di rifugiarsi nelle ambasciate e nei complessi diplomatici. La corte ha dichiarato che i governi sono obbligati a fornire un passaggio sicuro dal paese ai richiedenti asilo. La sentenza non ha dato il nome ad Assange, ma è stato un potente rimprovero al governo britannico, che si è rifiutato di consentire al co-fondatore di WikiLeaks il passaggio sicuro all’aeroporto.

Le élite al potere non hanno più un controargomento per i loro critici. Hanno fatto ricorso a forme di controllo più rozze. Questi includono la censura, la calunnia e l’assassinio di personaggi (che nel caso di Assange ha avuto tristemente successo), la lista nera, lo strangolamento finanziario, l’intimidazione, la reclusione sotto lo Spionage Act e critici e dissidenti di branding come agenti di una potenza straniera e fornitori di notizie false.
(…………….)

L’ironia è che ci fosse grave ingerenza nelle elezioni presidenziali, ma non è venuta fuori dalla Russia. Il Partito Democratico, superando uno dei trucchi sporchi impiegati da Richard Nixon, ha eliminato dalle liste centinaia di migliaia di elettori primari, negando a quelli registrati come indipendenti il ​​diritto di votare nelle primarie, usato i superdelegati per far oscillare il voto a Hillary Clinton, dirottato il Il comitato nazionale democratico per servire la campagna di Clinton, ha controllato il messaggio dei media come MSNBC e The New York Times, ha rubato il caucus del Nevada, ha speso centinaia di milioni di dollari di denaro “oscuro” per la campagna di Clinton e ha fissato i principali dibattiti . Questa intromissione, che ha rubato la nomina a Bernie Sanders, che probabilmente avrebbe potuto sconfiggere Trump, non è menzionata. La gerarchia di partito non farà nulla per riformare il suo processo di nomina corrotto.

Wikileaks ha rivelato gran parte di questa corruzione quando ha pubblicato decine di migliaia di messaggi violati dall’account di posta elettronica del presidente della campagna di Clinton John Podesta. I messaggi hanno messo in luce gli sforzi compiuti dalla dirigenza del Partito Democratico per contrastare la nomina di Sanders, e hanno svelato gli stretti legami di Clinton con Wall Street, inclusi i suoi lucrosi discorsi di Wall Street. Hanno anche sollevato seri interrogativi sui conflitti di interesse con la Clinton Foundation e se Clinton ha ricevuto informazioni anticipate su questioni di discussione primaria.

Il Comitato Nazionale Democratico, per questo motivo, sta guidando l’isteria della Russia e la persecuzione di Assange. Ha intentato una causa che chiama WikiLeaks e Assange come co-cospiratori con la Russia e la campagna Trump in un presunto tentativo di rubare le elezioni presidenziali.
Ma non sono solo Assange e WikiLeaks ad essere attaccati come pedine russe. Ad esempio, The Washington Post, che si è schierato con il Partito democratico nella guerra contro Trump, senza analisi critica ha pubblicato un rapporto su una lista nera pubblicata dal sito web anonimo PropOrNot. La lista nera era composta da 199 siti che PropOrNot sosteneva, senza prove, “riecheggiano in modo affidabile la propaganda russa”. Più della metà di quei siti erano di estrema destra, guidati dalla cospirazione. Ma circa 20 dei siti erano importanti punti vendita progressivi tra cui AlterNet, Black Agenda Report, Democracy Now !, Naked Capitalism, Truthdig, Truthout, CounterPunch e il World Socialist Web Site. PropOrNot, abbreviazione di Propaganda o Not, ha accusato questi siti di diffusione di “notizie false” per conto della Russia. Il titolo del Post era inequivocabile:

Oltre a non offrire alcuna prova, PropOrNot non ha mai nemmeno divulgato chi gestisce il sito web. Anche così, la sua accusa è stata utilizzata per giustificare l’imposizione di algoritmi da parte di Google, Facebook, Twitter e Amazon per indirizzare il traffico lontano dai siti target. Questi algoritmi, o filtri, supervisionati da migliaia di “valutatori”, molti assunti dall’apparato militare e di sicurezza e sorveglianza, cacciano parole chiave come “esercito USA”, “disuguaglianza” e “socialismo”, insieme a nomi personali come Julian Assange e Laura Poitras . Le parole chiave sono conosciute come “impressioni”.

Prima dell’imposizione degli algoritmi, un lettore poteva digitare il nome Julian Assange ed essere indirizzato a un articolo su uno dei siti presi di mira. Dopo che gli algoritmi furono messi in atto, queste impressioni indirizzarono i lettori solo verso siti mainstream come The Washington Post. Il traffico di referral proveniente dalle impressioni nella maggior parte dei siti target è crollato, spesso di oltre la metà. Questo isolamento sarà aggravato dall’abolizione della neutralità della rete.

Verranno prese di mira tutte le notizie o gli sbocchi mediatici che affrontano la realtà della nostra democrazia fallita e espongono i crimini dell’impero. Il direttore del National Intelligence Report del gennaio 2017 ha speso sette pagine su RT America, dove ho uno spettacolo, “On Contact.” Il rapporto non accusa l’America del Sud di diffondere la propaganda russa, ma sostiene la rete sfrutta le divisioni all’interno della società americana dando tempo di trasmissione ai dissidenti e ai critici, inclusi gli informatori, gli anti-imperialisti, gli anti-capitalisti, gli attivisti di Black Lives Matter, gli anti-fracking e i candidati di terze parti che l’establishment sta cercando di disattivare.

Se gli Stati Uniti avessero un sistema di radiodiffusione pubblica libero da denaro aziendale o una stampa commerciale che non era sotto controllo aziendale, queste voci dissidenti sarebbero state incluse nel discorso principale. Ma noi no. Howard Zinn, Noam Chomsky, Malcolm X, Sheldon Wolin, Ralph Nader, James Baldwin, Susan Sontag, Angela Davis e Edward Said sono apparsi regolarmente sulle emittenti pubbliche.
Ora i critici come questi sono banditi, sostituiti da cortigiani insipidi come l’editorialista David Brooks. RT America è stata costretta a registrarsi ai sensi del Foreign Agent Registration Act (FARA). Questo atto richiede agli americani che lavorano per una parte straniera di registrarsi come agenti stranieri. La registrazione FARA è parte del più ampio assalto su tutti i media indipendenti, incluso lo sforzo di silenziare Assange. (……)

La pubblicazione di Vault 7 ha visto gli Stati Uniti aumentare significativamente la pressione sul governo ecuadoriano per isolare ed espellere Assange dall’ambasciata. Mike Pompeo, allora direttore della CIA, ha detto in risposta alle fughe di notizie che il governo degli Stati Uniti “non può più permettere ad Assange e ai suoi colleghi di usare i valori della libertà di parola contro di noi”. Il Procuratore Generale Jeff Sessions ha affermato che l’arresto di Assange era una “priorità”. ”

Sta a noi mobilitare per proteggere Assange. La sua vita è a rischio. Il governo ecuadoriano, violando i suoi diritti fondamentali, ha trasformato il suo asilo in una forma di carcere. Tagliando il suo accesso a Internet, lo ha privato della capacità di comunicare e seguire eventi mondiali. L’obiettivo di questo isolamento è quello di fare pressione su Assange fuori dall’ambasciata per poter essere sequestrato dalla polizia di Londra, gettato in una prigione britannica e poi consegnato nelle mani di Pompeo, John Bolton e il torturatore capo della CIA, Gina Haspel.

Assange è un editore coraggioso e senza paura che viene perseguitato per aver denunciato i crimini dello stato corporativo e dell’imperialismo. La sua difesa è all’avanguardia nella lotta contro la soppressione del governo dei nostri più importanti e fondamentali diritti democratici. Il governo del primo ministro Malcolm Turnbull dell’Australia, dove è nato Assange, deve essere sottoposto a pressioni per fornirgli la protezione a cui ha diritto come cittadino. Deve intercedere per fermare la persecuzione illegale del giornalista da parte dei governi britannico, americano ed ecuadoriano. Deve assicurare il suo sicuro ritorno in Australia. Se non riusciamo a proteggere Assange, non riusciamo a proteggere noi stessi.

Fonte:

Traduzione: Alejandro Sanchez

*

code

  1. geometrio 3 settimane fa

    assange libero èsignifica la liberta’ per tutti.
    non voglio che nessuno dimentichi quanto è bello sguazzare
    nella libertà, ma se accettiamo che la libertà di questo uomo
    , gia compromessa da piu’ di 5 anni , venga terminata , allora non siamo degni si questa nobile condizione. almeno fatelo sapere con le parole,a chi è distratto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Mardunolbo 3 settimane fa

    assange è un simboloper tutti coloro che godono internet e la possibilità di istruirsi su storia e su avvenimenti mondiali.
    Spero che il minimo di coscienza rimasta ai capi delle nazioni che hanno la sua sorte in mano, possa raggiungere la dignità di mantenerlo libero !

    Rispondi Mi piace Non mi piace