La guerra per procura della NATO contro la Russia è sempre stata essenzialmente terrorismo

Il tentativo degli Stati Uniti e dei partner della NATO di creare una falsa narrativa sull’attacco terroristico di Mosca non fa altro che sottolineare la loro colpevolezza e la profondità della loro depravazione.

L’attacco terroristico in un sobborgo di Mosca la scorsa settimana è stato indiscutibilmente orchestrato e reso possibile dalle potenze occidentali. In molti sensi, ciò non dovrebbe sorprendere, poiché la guerra per procura della NATO contro la Russia è sempre stata essenzialmente “non convenzionale” – o, più chiaramente, terroristica.

La tempistica della mossa per attuare atti di terrorismo più veri e propri riflette il fatto che la guerra per procura della NATO guidata dagli Stati Uniti in Ucraina sta affrontando una sconfitta storica, e quindi i nemici della Russia stanno – per necessità – passando a tattiche terroristiche non convenzionali.

Solo una settimana dopo l’atrocità in cui più di 140 persone sono state uccise da terroristi in un teatro, è stato abbastanza ben valutato chi ha organizzato l’omicidio di massa di cittadini russi.

La guerra per procura della NATO contro la Russia è sempre stata essenzialmente terrorismo.
I responsabili potrebbero essere stati quattro individui del Tagikistan, ma sembra quasi certo che le menti dietro il massacro fossero la CIA e altre agenzie di intelligence occidentali che lavoravano in collusione con il regime neonazista di Kiev.

Quello che resta da determinare è quanto in alto nell’amministrazione Biden sia stato ideato questo piano nefasto. I sospetti puntano sul capo della sicurezza nazionale americana Jake Sullivan e sull’ex funzionario del Dipartimento di Stato Victoria Nuland. Quest’ultima è stata la persona di riferimento per gli sporchi trucchi segreti in Ucraina risalenti al colpo di stato Maidan a Kiev orchestrato sotto la sua sorveglianza insieme alla CIA.
Poco prima di dimettersi dall’incarico il mese scorso, Nuland si era vantata delle “brutte sorprese” che attendevano la Russia.

Viktoria Nuland

Gli investigatori russi hanno stabilito una pista di denaro dal regime di Kiev agli assassini. Già in precedenza si sapeva che gli assassini stavano tentando di fuggire in Ucraina in macchina attraverso il confine russo. Il capo dell’intelligence militare ucraina Kyrylo Budanov è una risorsa americana, così come l’intero regime di Kiev. Collabora strettamente con i servizi segreti americani e britannici. La soddisfazione di Budanov per le atrocità attuate a Mosca implica non solo il suo coinvolgimento in questo orrendo crimine, ma anche i suoi burattinai nella CIA e nell’MI6.

La strana insistenza di Washington e Londra sul fatto che il regime di Kiev non ha nulla a che fare con il crimine e che tutto è stato commesso esclusivamente da terroristi islamici è ridicola ma anche incriminante. I media di propaganda occidentali hanno subito preso spunto per diffondere la versione di Washington secondo cui l’attacco terroristico a Mosca sarebbe stato effettuato da islamisti presumibilmente affiliati a qualche oscuro gruppo (ISIS-Khorasan) con sede in Afghanistan. Inventando questa storia di copertura, l’Occidente presume ingenuamente che ciò tolga dai guai il regime di Kiev e i suoi sponsor della NATO. Inoltre, gli Stati Uniti e i loro alleati europei hanno deriso la Russia per aver ignorato l’identità superficiale dei terroristi e per aver presumibilmente cercato di denigrare l’Occidente.

Se i media occidentali non fossero così saturi di disinformazione e lavaggio del cervello, sarebbe chiarissimo che gli Stati Uniti e i suoi partner della NATO hanno una lunga e ben documentata storia di sponsorizzazione dei cosiddetti gruppi terroristici islamici per fare il loro lavoro sporco di cambio di regime e altre operazioni illegali.

Non c’è assolutamente alcuna contraddizione nell’analisi della Russia secondo cui l’omicidio di massa a Mosca è stato orchestrato da sponsor statali occidentali utilizzando sicari islamici. Al contrario, esiste un ampio collegamento dalle origini di Al Qaeda in Afghanistan negli anni ’80, al dispiegamento di terroristi jihadisti in Cecenia per destabilizzare la Russia negli anni ’90 e all’inizio degli anni 2000, alle guerre di cambio di regime in Medio Oriente nel passato. decennio, esemplificato al meglio in Siria.

Questa settimana, come riportato da Vanessa Beeley, c’è stata un’impennata degli attacchi terroristici contro la città siriana di Aleppo da parte di jihadisti sostenuti da Stati Uniti, NATO e Israele.

Gli stati occidentali sono pienamente coinvolti nel fomentare, armare e dirigere molteplici gruppi terroristici islamici, tra cui Al Qaeda, Stato islamico (ISIS), combattenti ceceni, Hayat Tahrir al-Sham, Jabhat al Nusra, ISIS-K e infinite altre iterazioni.

Terroristi a Idlib (nord Siria) sostenuti da USA, GB e Turchia

Dopo la sconfitta della guerra segreta della NATO per il cambio di regime in Siria, a seguito del sostegno della Russia al governo siriano del presidente Bashar al-Assad, le bande terroristiche jihadiste hanno trovato una nuova arena per il loro impiego omicida nel feudo NATO dell’Ucraina. La giunta banderista con la sua ideologia neonazista di sterminio dei russi trovò uno scopo utile per le armi a pagamento della CIA e dell’MI6. Molti di questi jihadisti sponsorizzati dall’Occidente provenienti dalla Siria, dalla Cecenia e da altri paesi si sono uniti alle legioni straniere della NATO per combattere per il regime di Kiev contro la Russia in Ucraina.

Quest’anno si è assistito ad un aumento degli attacchi terroristici verso il territorio russo provenienti dall’Ucraina, principalmente nelle regioni di Belgorod e Bryansk. Questi attacchi hanno coinvolto squadre neonaziste che lavorano con gli islamisti e sono tutte armate e dirette dalla CIA e dagli inglesi.

È quindi ovvio che questi strumenti terroristici appoggiati dagli Stati Uniti e dalla NATO siano stati impiegati anche per effettuare la sparatoria di massa nel teatro Crocus City Hall, alla periferia di Mosca, la scorsa settimana.

Le uniche persone che trovano tale valutazione “assurda” sono gli sponsor occidentali e i loro media che fanno il lavaggio del cervello e che cercano disperatamente di coprire le loro tracce in un atto di atroce terrorismo.
Le affermazioni di Washington di aver allertato i russi di un imminente attacco terroristico il 7 marzo meritano una menzione speciale con disprezzo. L’avviso era vago e incompleto. Non ha trasmesso il giusto avvertimento, come ha ammesso questa settimana il New York Times . L’allerta terrorismo non è stata di alcun aiuto pratico alla Russia nell’evitare il crimine vicino a Mosca il 22 marzo. Ma ciò che ha ottenuto è stato dare agli americani un’affermazione plausibile che avevano tentato di emettere un’allerta e sembra rafforzare la narrativa dei terroristi islamici. lavorando separatamente e da soli.

Il tentativo degli Stati Uniti e dei partner della NATO di creare una falsa narrativa sull’attacco terroristico di Mosca non fa altro che sottolineare la loro colpevolezza e la profondità della loro depravazione.

È inoltre spaventoso che in Occidente sia stata mostrata così poca simpatia e compassione umana nei confronti del popolo russo. C’è un senso perverso di colpevolizzare le vittime, in gran parte incoraggiato da politici e media russofobi. Si ricorda che quando si sono verificati attacchi terroristici in altre nazioni, ad esempio a Parigi nel 2015, il mondo ha illuminato gli edifici pubblici con i colori francesi per solidarietà. Nessuna compassione simile è stata mostrata verso le vittime russe del terrorismo.

Attentato a Mosca

La guerra per procura che gli Stati Uniti e i loro complici hanno scatenato contro la Russia in Ucraina nel 2014 e culminata nel 2022 è sempre stata una guerra non convenzionale immersa in un conflitto non convenzionale molto più grande.

Quando la Germania nazista fu sconfitta dall’Armata Rossa sovietica nel 1945, gli imperialisti occidentali si mossero immediatamente per schierare alternative terroristiche per sconfiggere la Russia. I resti nazisti in Ucraina furono ridistribuiti per terrorizzare la Russia negli anni ’50 e ’60 con la CIA e l’MI6 che dirigevano il traffico dietro le linee nemiche. Il regime di Kiev che ha preso il potere nel 2014 è una continuazione del modus operandi. La rete terroristica islamica creata da americani e britannici ha aumentato le tattiche non convenzionali, così come la guerra economica attraverso sanzioni, l’esplosione di gasdotti sottomarini, le esercitazioni di guerra della NATO che provano attacchi nucleari contro la Russia, e così via.

La guerra per procura che utilizza l’Ucraina come campo di battaglia ha raggiunto un traguardo storico. La sconfitta è dovuta alle formidabili forze armate russe, alla sfida politica di Mosca e alla tenacia del popolo russo, come si è visto più recentemente nella rielezione estremamente popolare del presidente Vladimir Putin.

Gli Stati Uniti e i loro tirapiedi imperialisti si trovano in un profondo dilemma poiché sono costretti ad affrontare un momento storico di nemesi. I nemici occidentali non possono accettare pubblicamente la sconfitta: politicamente sarà un inferno per questi criminali guerrafondai quando i cittadini occidentali si renderanno pienamente conto delle orribili perdite e della colpevolezza dei loro cosiddetti governi eletti.

I nemici della Russia hanno investito tutto nella guerra per procura dell’Ucraina – oltre 200 miliardi di dollari in armi e sostegno finanziario – e non sono riusciti a realizzare il tanto agognato obiettivo ulteriore di sconfiggere strategicamente la Russia. Sono loro che ora si trovano ad affrontare una sconfitta strategica.

In particolare, questa settimana un alto comandante militare britannico, il tenente generale Sir Robert Magowan, ha ammesso che la Gran Bretagna non resisterebbe due mesi in una guerra convenzionale contro la Russia. La stessa prospettiva abietta si può dire per le forze armate degli Stati Uniti e degli altri membri della NATO.

Gli imperialisti occidentali hanno esaurito i loro arsenali militari sostenendo incautamente il regime neonazista in Ucraina nella futile missione di sottomettere la Russia.
Dato lo stato disperato dei nemici occidentali, stanno ricorrendo a modalità di guerra completamente ibride o non convenzionali nel loro sforzo psicotico di conquistare la Russia e affermare l’egemonia occidentale. Ciò significa che il tipo di attacchi terroristici che abbiamo visto la scorsa settimana a Mosca e nelle settimane precedenti a Belgorod, Bryansk e Kursk probabilmente aumenteranno.

Per lo meno, Mosca deve ora annientare il fronte della NATO noto come regime di Kiev per fermare l’attacco terroristico.


Fonte: Strategic-culture

Traduzione: Luciano Lago

5 commenti su “La guerra per procura della NATO contro la Russia è sempre stata essenzialmente terrorismo

  1. Tutto esauriente, non quadra solo che ZeligSky sia ancora vivo.
    Putin lo sminuzza con una scorreggia, ma lui è ancora lì che parla in pubblico all’aria aperta.
    Non vedo alcun rischio di creare un eroe per cui gli Ucraini combatteranno, lo odiano tutti ormai e ha impedito le elezioni che lo avrebbero certamente destituito. Ma già… è in Russia che c’è il regime. 87%. Putin è il leader mondiale più amato dal suo popolo, che piaccia o meno. ZeligSky cosa fa ancora lì?

    1. Perché la Russia non vuole eliminare il feroce sanguinario dittatore Nazista Ucraino assassino di Zelensky ?
      Zelensky non è altro che un Dittatore Fantoccio Fascista creato e controllato dagli USA !
      Eliminarlo per la Russia sarebbe più un grosso danno che un vero guadagno !
      Sono ormai due anni che le potenti forze armate Ucraine subiscono spaventose e sonore sconfitte militari grazie alle ingerenze militari del dittatore comico ed incapace di Zelensky !
      Il criminale dittatore USA sanguinario e Genocida di Biden perché ha fornito al ” Ucraina a più riprese l” equivalente militare di tre nuovi Eserciti di Zecca ordina al dittatore Fantoccio di Zelensky di attaccare massiciamente i Russi con attacchi disorganizzati e illogici !
      Questi attacchi suicidi ed inutili sono stati fatti perché i cittadini occidentali coglioni si aspettano una rapida vittoria sulla Russia ! Avendo lasciato vivo al potere Zelensky la Russia ha potuto distruggere per almeno ben tre volte gli armamenti pesanti delle potenti forze armate Ucraine forniti dai paesi USA & NATO paesi che oggi sono in bancarotta e sono a corto di armamenti perché hanno finito i soldi per finanziare la guerra contro la Russia !

  2. Credo che l’unico sistema per azzerare la minaccia del terrorismo islamico sia colpire spietatamente di rimando i soliti noti mandanti, e anzi, senza aspettare di lasciare a loro l’iniziativa. Guerra preventiva contro il terrorismo la chiamerei ,ora non serve più giocare di rimessa bisogna annientare le antenne della Cia del mossad e dell’ mi6 in Asia. E questo perché quand’anche la guerra in Ucraina finirà il terrorismo non si fermerà e,anzi,osera di più. È la morte della sovranità russa che vogliono e non molleranno mai. Meglio tenerlo ben presente se si vuole veramente arrivare alla vittoria,niente compromessi dunque,niente trucchi, solo crudeltà e violenza… quella stessa che usano loro, gli occidentali.

  3. Attendo con impazienza che Russia, e paesi resistenti, assestino una mazzata epocale agli anglo sionisti ! Ma sono cosciente che la tattica russa è l’antitesi di quella di quella da far west degli USA ! Lentamente ma inesorabilmente sta facendo franare il terreno sotto i piedi di USA-UK-UE-NATO-sionisti, proprio come si è visto dalle immagini tv, dove alcune voragini apertesi nelle strade delle città italiane, hanno inghiottito, senza preavviso, le auto in sosta, cosi come la storia seppellirà il regime occidentale imperialista, genocida, criminale, guerrafondaio, liberista e globalista !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM