La guerra NATO-BRICS

di Jean-François Geneste

La domanda non è posta in modo noioso? Da quasi due anni, infatti, c’è una guerra NATO-Russia, un conflitto totale che, secondo alcuni, mirava a mettere in ginocchio l’avversario. Ma nelle circostanze che conosciamo, è fiorita un’alternativa alla dominazione imperiale anglosassone. I BRICS, che erano solo un’assemblea eterogenea, sono riusciti a convincere un certo numero di attori nel mondo a riunirsi in un sistema meno restrittivo e soprattutto in cui le regole, molto meno numerose, sono fisse e non variano secondo gli umori del paese leader. Questo modello attrae molti paesi inizialmente soggetti all’Occidente che sicuramente non sognavano il suo ideale politico, ma il suo tenore di vita, o addirittura esigevano la sua protezione da interessi divergenti.

Di fronte a questa deriva pericolosa per la sua egemonia, l’Impero sembra aver deciso di agire con forza innescando conflitti che prendono di mira direttamente i BRICS. Ciò che sta accadendo in Israele sembra essere un ulteriore passo avanti su un percorso che potrebbe rivelarsi catastrofico per l’intero pianeta.

Saremo sorpresi, come molti, che i servizi israeliani presumibilmente non si aspettassero nulla. Sappiamo chiaramente che le informazioni sono state trasmesse, ma che non sono state prese in considerazione. Forse un giorno scopriremo esattamente il perché, ma la cosa è tutt’altro che certa e dipenderà, come sempre, da chi sarà il vincitore.

Cosa vediamo? Israele vuole lanciare un’offensiva di terra. L’Iran significa che, se così fosse, sarà costretto a rispondere militarmente. Siamo quindi in una potenziale escalation che potrebbe infiammare l’intero Medio Oriente e coinvolgere numerosi attori. Da parte americana è importante ripristinare la propria immagine che è stata più che offuscata dal conflitto ucraino. Schiacciare, quindi, i palestinesi a Gaza non è un exploit, ma una comunicazione sanguinosa, come al solitom se così possiamo dire (Iraq, Afghanistan, Libia, Serbia, ecc.). Ricordiamoci anche questa volontà, all’inizio degli anni 2000, di ridisegnare l’area e che, ad oggi, si è rivelata un fallimento. Questo è un altro buon motivo per intervenire. Ma rimane un grosso problema che è l’Iran, e che esiste almeno dal 1953. È certo che l’ingresso di quest’ultimo nei BRICS lo normalizzerà e gli consentirà una significativa crescita economica.
Le paranoie anglosassoni e israeliane contro questo Stato (l’Iran) sono tali che possiamo ragionevolmente pensare che si sia trattato di uno straccio rosso sventolato di troppo. Dato che l’arrivo ufficiale avverrà solo all’inizio del 2024, forse pensavamo che ci fosse ancora una possibilità per evitarlo. Siamo quindi sull’orlo di un conflitto che già coinvolge Israele, Usa e Iran e, come si suol dire, non più così simile.
Inutile dire che la NATO sarà mobilitata per questo. Dal lato dei BRICS, a priori, non ci sarà alcuna coalizione, ma l’ironia della storia potrebbe dare all’Occidente il suo conio: russi e/o cinesi che non parteciperebbero allo scontro, ma fornirebbero in massa sofisticate attrezzature belliche senza dimenticare, ovviamente, la fornitura di C4ISR significa guidare droni, missili, ecc., rimanendo in zone internazionali. Essendo la NATO lontana dalle sue basi e dovendo intervenire attraverso le portaerei e i loro gruppi di portaerei, in un contesto di ostilità relativamente lunga in cui gli aiuti al regime dei mullah sarebbero in aumento, potremmo raggiungere un livello in cui la tecnologia ipersonica verrebbe trasferita in modo accelerato ai persiani e questo permetterebbe di distruggere almeno 2 gruppi di portaerei in totale; una sorta di Trafalgar al contrario per l’Anglosassonia.

Tuttavia, non dimentichiamo Taiwan! La sfiducia americana nel futuro di questo territorio si è già espressa in pieno giorno con il rimpatrio di parte del know-how dell’isola nel campo dei circuiti elettronici. Ma forse è stata fatica vana vedere l’ultimo chip di Huawei, sicuramente ancora un po’ in ritardo, ma proveniente da un paese di un miliardo e mezzo di abitanti contro i 24 milioni di Formosa e meno di un miliardo in un’area intellettuale. decadenza.
Ma non importa, i segnali della volontà di iniziare una guerra attraverso l’Atlantico sono numerosi e forti. Alcuni addirittura dicono che il tempo stringe, perché dopo il 2027 gli Stati Uniti avrebbero ceduto la loro cosiddetta superiorità militare.

Se ciò accadesse, avremmo qualcosa che somiglia ad un’operazione NATO contro buona parte dei BRICS e quindi qualcosa di globale. Tutto quello che mancherebbe sarebbe un’infelice azione contro il Venezuela per infiammare la parte meridionale del continente yankee e per finire.

Veniamo alla considerazione di un attore fondamentale in questa potenziale epopea e vediamo il dilemma che lo affronta. Questa è ovviamente la Turchia. Fa parte della NATO, ma non se la cava davvero bene se non aspettando che Erdogan venga sostituito da un fantoccio di Washington, il che resta possibile e forse anche probabile. La posta in gioco è il controllo dell’Asia centrale, di lingua turca e in immediato contatto con Russia e Cina. Alcuni potrebbero ancora prendere in considerazione l’idea di provare a creare un cuneo attraverso la Mongolia.

Diamo un’occhiata alla mappa qui sopra e notiamo, in questo diagramma, l’importanza dell’Iran che rimane una barriera “naturale” all’espansione turca con l’Armenia, un attuale punto caldo se mai ce n’è stato uno, poiché impedisce un ponte diretto con l’Asia centrale via Azerbaigian e Mar Caspio. Del resto non sembra sbagliarsi l’Iran, che non vuole un cambiamento dei confini dell’Armenia, e resta il problema di conoscere esattamente il gioco giocato dall’Occidente che cerca di riunire il più antico Paese cristiano del mondo, che ha appena aderito all’Armenia. ICC. La Turchia cadrà nel campo dei BRICS? Se sì, quale sarà il prezzo per questo sul lato ovest e sul lato BRICS? Oppure cercherà di rafforzare la NATO travestendosi da agnello gentile in attesa di giorni “migliori”?
Qui vediamo chiaramente il carattere incendiario della situazione, che aspetta solo di degenerare di fronte agli appetiti di alcuni.

Naturalmente, in quanto sopra, siamo stati tutt’altro che esaustivi, ci vorrebbe più di un libro per tenere conto di tutti i parametri, se ciò fosse possibile. Ma siamo naturalmente portati a riconsiderare questa strategia della Rand Corporation chiamata “estendere eccessivamente la Russia”. Ne abbiamo già parlato, ma, come abbiamo spiegato a suo tempo, la tattica dei BRICS potrebbe consistere nel creare un effetto boomerang su una “Vera estensione della NATO”. E lì il termine sovraestensione dovrebbe essere preso in un senso molto più ampio di quello di Rand, che considerava solo la geografia. Ciò riguarda lo spazio fisico, certo, ma anche la produzione intellettuale e industriale. In questo gioco, la NATO è “morta cerebralmente” da molto tempo. Non solo, nel breve termine, non può presidiare tre fronti contemporaneamente, se proprio dobbiamo considerarne 3, quando in realtà, in uno scontro NATO-BRICS ce n’è solo uno, ma ha già perso la battaglia industriale. Per l’intelletto, anche qui ne abbiamo ampiamente parlato in precedenti pubblicazioni, il sistema educativo occidentale è sveglio ma non insegna più nulla agli studenti ed è quindi destinato al fallimento.

C’è però un punto essenziale che non abbiamo ancora affrontato e che ci sembra particolarmente importante per noi europei. La NATO è una struttura gerarchica con un unico leader, un’unica mente e un’unica esecuzione. Questa struttura è coerente e appare efficace sulla carta. D’altronde la multipolarità richiede, la diversità che c’è. Ci sono relativamente pochi scontri tra iraniani, cinesi, russi, ecc. Ma se la partita viene giocata bene, tutti, in un’operazione di sostegno, possono portare il proprio contributo. Ad esempio, i droni iraniani prodotti in Russia sono molto efficaci nel conflitto ucraino. Questa diversità, garanzia naturale di una maggiore resistenza a diverse malattie e persino ai parassiti, è completamente assente nell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico. Pertanto, un’ottimizzazione contro un avversario potrebbe rivelarsi un’estrema debolezza contro un altro. E’ serio dottore? Sì, perché allora la tentazione di uscire dal pasticcio in cui ci siamo cacciati è grande con l’aiuto dell’arma assoluta, l’energia nucleare.

Un giorno dovremo giudicare i leader europei del nostro tempo che, essendo deplorevolmente sottomessi a Washington, hanno notevolmente aumentato il rischio di una conflagrazione nucleare globale. È meglio avere una casa piccola che una grande per gli altri, dice il proverbio, soprattutto quando quella grande per gli altri sta crollando o lo farà molto presto.

inviato dal generale Dominique Delawarde

Fonte: Reseau International

Traduzione: Gerard Trousson

Un commento su “La guerra NATO-BRICS

  1. Ribadisco l’urgenza di conoscere quanto è realmente accaduto in ucraina: maliinformati com la 7 e il sig. Mentana vanno dicendo di uso di missili atmas, irregolarmente entrati con il favore del bastardo guerrafondaio biden, avrebbero provocato gravi danni ad aeroporti abbattendo elicotteri russi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM