La guerra in Ucraina per tenere sotto tutela l’Unione Europea

di Thierry Meyssan

Difficile ammetterlo, ma gli anglosassoni non lo nascondono. Per parafrasare una famosa citazione del primo segretario generale dell’Alleanza, la NATO è stata concepita per “tenere fuori la Russia, dentro gli americani e fidarsi dell’Unione europea”.

Non c’è altra possibile interpretazione del perdurare delle inutili “sanzioni” contro Mosca e delle futili lotte omicide in Ucraina.

È passato quasi un anno da quando l’esercito russo è entrato in Ucraina per applicare la risoluzione 2202 del Consiglio di sicurezza. La NATO, respingendo questa ragione, ritiene invece che la Russia abbia invaso l’Ucraina per annetterla. In quattro oblast, i referendum sull’adesione alla Federazione Russa sembrano confermare l’interpretazione della NATO, tranne per il fatto che la Storia della Novorossia conferma la spiegazione russa. Le due narrazioni proseguono in parallelo, senza mai sovrapporsi.

Da parte mia aver curato un bollettino quotidiano durante la guerra in Kosovo1 , ricordo che la narrazione della NATO all’epoca era contestata da tutte le agenzie di stampa balcaniche, senza che potessi sapere chi avesse ragione. Due giorni dopo la fine del conflitto, i giornalisti dei paesi membri dell’Alleanza Atlantica hanno potuto recarsi sul posto e constatare di essere stati ingannati. Le agenzie di stampa regionali avevano ragione. La NATO ha sempre mentito.

Più tardi, quando ero un membro del governo libico, la NATO, che aveva un mandato dal Consiglio di Sicurezza per proteggere la popolazione, l’ha usata per rovesciare la Jamahiriya Araba Libica, uccidendo 120.000 persone che doveva proteggere. Queste esperienze ci mostrano che l’Occidente mente spudoratamente per coprire le sue azioni.

Oggi la Nato ci assicura che non è in guerra perché non ha schierato uomini in Ucraina. Eppure stiamo assistendo, da un lato, a giganteschi trasferimenti di armi in Ucraina affinché i nazionalisti integrali ucraini , addestrati dalla NATO, resistano a Mosca e, dall’altro, una guerra economica, anch’essa senza precedenti, per distruggere l’economia russa. Data la portata di questa guerra da parte degli intermediari ucraini, uno scontro tra NATO e Russia sembra possibile in qualsiasi momento.

L’ennesima guerra mondiale è altamente improbabile, almeno a breve termine: in effetti, le azioni già contraddicono la narrazione della NATO.

La guerra va avanti e si intensifica. Non che i due campi siano uguali, ma questo perché la NATO non vuole confrontarsi direttamente con la Russia. Lo abbiamo visto tre mesi fa al vertice del G20 a Bali. Con il consenso della Russia, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky è intervenuto nei dibattiti in video, da Kiev. Ha chiesto l’esclusione della Russia dal G20, come lo era stata dal G8 dopo l’adesione della Crimea alla Federazione Russa. Con sua sorpresa e quella dei membri della NATO presenti a questo vertice, gli Stati Uniti e il Regno Unito non lo hanno sostenuto. Washington e Londra hanno convenuto che c’era una linea da non oltrepassare. E per una buona ragione: le moderne armi russe sono di gran lunga superiori a quelle della NATO, la cui tecnologia risale agli anni 90. In caso di scontro, non c’è dubbio che la Russia ne risentirebbe certamente, ma che schiaccerebbe gli occidentali in pochi giorni.

Alla luce di questo evento, dobbiamo rileggere ciò che sta accadendo sotto i nostri occhi.

L’afflusso di armi in Ucraina è solo un’esca: la maggior parte delle attrezzature inviate non raggiunge il campo di battaglia. Abbiamo annunciato che sarebbero stati inviati per iniziare un’altra guerra nel Sahel, che il Presidente della Nigeria, Muhammadu Buhari, ha pubblicamente confermato attestando che molte armi destinate all’Ucraina erano già in mano a jihadisti africani . Inoltre, costruire un arsenale di cianfrusaglie, aggiungendo armi di epoche e calibri diversi, è inutile. Nessuno ha una logistica sufficiente per fornire ai combattenti più munizioni. Si deve quindi concludere che queste armi non vengono date all’Ucraina per vincere.

Armi USA all’Ucraina

Il New York Times ha lanciato l’allarme spiegando che i produttori occidentali della difesa non erano in grado di produrre armi e munizioni sufficienti. Le scorte sono già esaurite e gli eserciti occidentali sono costretti a cedere l’equipaggiamento indispensabile per la propria difesa. Lo ha confermato il segretario alla Marina degli Stati Uniti, Carlos Del Toro, che ha avvertito dell’attuale smantellamento degli eserciti statunitensi . Lo stesso ha precisato che, se il complesso militare-industriale statunitense non fosse riuscito, entro sei mesi, a produrre più armi della Russia, gli eserciti statunitensi non sarebbero più stati in grado di portare a termine la loro missione.

Prima osservazione: se i politici statunitensi vogliono innescare Armageddon, non hanno i mezzi per farlo nei prossimi sei mesi e probabilmente non lo faranno neanche.

Studiamo ora la guerra economica. Lasciamo da parte il suo camuffamento sotto un vocabolario castigato: “sanzioni”. Ho già affrontato la questione e sottolineato che queste non sono decisioni giudiziarie e sono illegali ai sensi del diritto internazionale. Diamo un’occhiata alle valute. Il dollaro ha schiacciato il rublo per due mesi, poi è sceso al valore che aveva dal 2015 al 2020, senza che la Russia si fosse indebitata in modo massiccio. In altre parole, le cosiddette “sanzioni” hanno avuto solo un effetto trascurabile sulla Russia. Hanno seriamente interrotto il suo commercio durante i primi due mesi, ma oggi non la infastidiscono più. Inoltre, non costano nulla agli Stati Uniti e non li influenzano affatto.

Sappiamo che, pur vietando ai loro alleati di importare idrocarburi russi, gli Stati Uniti li importano attraverso l’India e ricostituiscono così le riserve a cui avevano attinto nei primi mesi del conflitto. .

D’altra parte, osserviamo un tumulto nell’economia europea che è costretta a indebitarsi in modo massiccio per sostenere il regime di Kiev. Non abbiamo né statistiche sull’entità di questi prestiti, né l’identificazione dei creditori. È chiaro, tuttavia, che i governi europei si appellano a Washington ai sensi del Lend-Lease Act degli Stati Uniti ( Ukraine Democracy Defense Lend-Lease Act del 2022 ). Tutto ciò che gli europei danno all’Ucraina ha un costo, ma verrà conteggiato solo dopo la guerra. Solo allora verrà emessa la fattura. E sarà esorbitante. Fin qui tutto bene.

Il sabotaggio dei gasdotti Nord Stream 1 e Nord Stream 2 del 26 settembre 2022 non è stato rivendicato a posteriori, ma prima dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden, il 7 febbraio 2022, alla Casa Bianca, alla presenza del cancelliere tedesco Olaf Scholtz. Certo, si è impegnato a distruggere il Nord Stream 2 solo in caso di invasione russa dell’Ucraina, ma solo perché il giornalista che lo ha interrogato aveva inquadrato l’argomento senza osare immaginare che potesse farlo anche per il Nord Stream 1. Con questa dichiarazione e ancor più con questo sabotaggio, Washington ha mostrato il disprezzo che nutre per il suo alleato tedesco.

Nulla è cambiato da quando il primo Segretario Generale della NATO, Lord Ismay, dichiarò che il vero scopo dell’Alleanza era quello di “tenere fuori l’Unione Sovietica, dentro gli americani e sotto amministrazione fiduciaria i tedeschi” (” tenere fuori l’Unione Sovietica, dentro gli americani, e i tedeschi giù “) . L’Unione Sovietica è scomparsa e la Germania ha assunto la guida dell’Unione Europea. Se fosse ancora vivo, Lord Ismay probabilmente direbbe che l’obiettivo della NATO è tenere fuori la Russia, dentro gli americani e fidarsi dell’Unione Europea.

La Germania, per la quale il sabotaggio di questi oleodotti è il colpo più grave dalla fine della seconda guerra mondiale, l’ha subita senza batter ciglio. Allo stesso tempo, ha inghiottito il piano di salvataggio di Biden per l’economia statunitense a scapito dell’industria automobilistica tedesca. A tutto questo ha reagito avvicinandosi alla Cina ed evitando di arrabbiarsi con la Polonia, nuovo asset degli Stati Uniti in Europa. Propone oggi di ricostruire la sua industria sviluppando fabbriche di munizioni per l’Alleanza.

Di conseguenza, l’accettazione da parte della Germania della sovranità statunitense è stata condivisa dall’Unione Europea controllata da Berlino..

Shltz al servizio degli USA

Seconda osservazione: i tedeschi ei membri dell’Unione europea nel loro complesso hanno preso atto di un calo del loro tenore di vita. Sono loro, insieme agli ucraini, le uniche vittime della guerra in corso e la sopportano.

Nel 1992, quando la Federazione Russa era appena nata sulle rovine dell’Unione Sovietica, Dick Cheney, allora Segretario alla Difesa, ordinò alla Straussian Paul Wolfowitz un rapporto che ci è pervenuto solo ampiamente redatto. Estratti dall’originale pubblicato dal New York Timese e dal Washington mostrano a posteriori che Washington non vedeva più la Russia come una minaccia, ma l’Unione Europea come un potenziale rivale.. Diceva: ” Anche se gli Stati Uniti sostengono il progetto di integrazione europea, dobbiamo fare attenzione a prevenire l’emergere di un sistema di sicurezza puramente europeo che minerebbe la NATO, e in particolare la sua struttura di comando militare integrata “. In altre parole, Washington approva una Difesa europea subordinata alla Nato, ma è pronta a distruggere l’Unione Europea se immagina che questa possa diventare una potenza politica capace di tenerle testa.

L’attuale strategia degli Stati Uniti, che non indebolisce la Russia, ma l’Unione Europea con il pretesto di combattere contro la Russia, è la seconda applicazione concreta della dottrina Wolfowitz. La sua prima applicazione, nel 2003, è stata quella di punire la Francia di Jacques Chirac e la Germania di Gerhard Schröder per essersi opposte alla distruzione dell’Iraq da parte della NATO.12 .

E’ esattamente quanto ha affermato il presidente del Joint Chiefs of Staff Usa, generale Mark Milley, durante una conferenza stampa dopo la riunione degli alleati del 20 gennaio a Ramstein. Pur chiedendo a ciascun partecipante di donare armi a Kiev, ha riconosciuto che ” Quest’anno sarà molto, molto difficile espellere militarmente le forze russe da ogni centimetro quadrato dell’Ucraina occupata dai russi. (” Quest’anno sarebbe molto, molto difficile espellere militarmente le forze russe da ogni centimetro dell’Ucraina occupata dai russi ”). In altre parole, gli Alleati devono dissanguarsi, ma non c’è speranza di vincere nulla nel 2023 sulla Russia.

Terza osservazione: questa guerra non viene condotta contro Mosca, ma per indebolire l’Unione europea.

Fonte: https://www.voltairenet.org/article218695.html

Traduzione: Luciano Lago

4 Commenti
  • Idea3online
    Inserito alle 14:06h, 25 Gennaio Rispondi

    Datemi una leva e vi solleverò il mondo…

    Si legge:

    Questa fu una affermazione di Archimede, scienziato e filosofo nato a Siracusa nel 287 a.C. Dal punto di vista scientifico questo significa, in termini semplici, che non importa avere tanta forza o fare grandi sforzi per muovere oggetti pesanti, ma basta utilizzare bene ed intelligentemente la forza di cui disponiamo.

    Dopo avere ricordato la frase di Archimede…è possibile che la Russia non riesca a far leva su quella parte di Ucraini contrari alla guerra, gli stessi che votarono a Viktor Yanukovych presidente dell’Ucraina dal 2010 al 2014?

  • giuseppe peluso
    Inserito alle 14:52h, 25 Gennaio Rispondi

    Gli USA hanno rotto la sinergia industria tedesca- risorse russe che li faceva tremare, hanno sabotato due gasdotti nord-stream, e la Germania non solo non reagisce , ma esegue l’ordine di fornire i suoi carri armati alla carne da cannone ucraina.Povera Germania,povera Europa !

  • enzo calderini
    Inserito alle 15:29h, 25 Gennaio Rispondi

    Non so casa ci sia sotto, solo che osservando il tutto, concludo che la classe politica europea sia una grande testa di ca.. e vada sostituita al pi presto.

  • antonio
    Inserito alle 08:52h, 26 Gennaio Rispondi

    i nuovi mostri

Inserisci un Commento