La guerra in Ucraina finirà con il botto, presto

di Philip Kraske

Tra le reazioni indignate alle rivelazioni dell’ex cancelliere Angela Merkel sugli accordi di Minsk, la preoccupazione per gli americani che “consigliano” gli ucraini in situ e l’andirivieni delle linee di battaglia, è facile dimenticare cosa sia la guerra in Ucraina: la lotta degli Stati Uniti per mantenere il suo status di unica superpotenza mondiale (lotta per l’egemonia). Più esattamente, il tentativo dell’America di sopprimere la Cina come superpotenza rivale è il centro di questa tragedia.

La Cina, alleata con la sua stazione di servizio Russia, è un nemico quasi imbattibile. I porti marittimi cinesi possono essere facilmente bloccati se le navi portacontainer sono minacciate di attraccare lì. La sua porta sul retro (russa) è un’altra questione. Quindi quelle persone dagli occhi duri a Washington, ossessionate dalla Dottrina Wolfowitz , devono eliminare o conquistare la Russia. Questa è la condizione sine qua non della strategia americana. Senza questo passaggio, la strategia va in pezzi.

E il passo deve essere fatto in fretta; già il confronto con la Cina sta prendendo slancio.

Da qui la guerra in Ucraina. Come ha affermato lo stesso presidente Biden , “[Putin] non può rimanere al potere”. In seguito ha corretto il commento, ma il lapsus ovviamente riflette il pensiero nello Studio Ovale.
Il modo carino per rimuoverlo è provocare una sconfitta russa in Ucraina e le dimissioni – o peggio – del suo presidente, sostituito (sperano i neoconservatori) da un docile ubriacone come Boris Eltsin. Immagino che i blobber di politica estera molto tempo fa si siano convinti che sarebbero davvero riusciti in questo, effettivamente, nel loro cuore preferirebbero fare le cose in questo modo. Perché l’altro modo non è carino.

Per niente carino: l’altra opzione è un attacco nucleare. L’invasione della Russia non funzionerà. I russi la vedrebbero arrivare a molte miglia di distanza. E non tollererebbero una guerra convenzionale sul loro territorio perché sanno che perderebbero. Né avrebbero sostenuto un altro Eltsin, né un sovrano straniero che ha fatto a pezzi il paese. Molto prima che gli yankee dovessero arrivare a un tiro di HIMARS da Mosca, la Russia avrebbe fatto ricorso alle armi nucleari.

I sapienti di Washington lo sanno, come hanno sempre saputo che la Russia non potrebbe assolutamente perdere una guerra convenzionale contro l’Ucraina: un paese piatto, al suo confine, con un terzo della popolazione, e nessuna vera risorsa per fare la guerra se non un attore-presidente che – merito del merito – potrebbe vendere sabbia nel Sahara. Gli darei il suo busto nelle sale del Congresso solo per pura faccia tosta.

Missili Sarmat -risposta nucleare russa

Essendo impossibile un attacco convenzionale, Washington ha bisogno di una guerra proprio al confine con la Russia da usare come copertura, come scusa, per un attacco nucleare. Se dubiti della loro determinazione, ricorda che questa spericolata mossa negli affari internazionali è stata costruita attraverso quattro amministrazioni di neocon, che: 1) hanno abolito i relativi trattati sul controllo degli armamenti; 2) hanno rovesciato un regime eletto democraticamente al confine con la Russia; 3) hanno separato l’Europa dalla Russia, distruggendo l’economia europea; e 4) hanno letteralmente distrutto l’oleodotto NordStream per assicurarsi che il relitto rimanesse distrutto.
Immagino che anche tra i più anziani praticanti della politica estera statunitense – Kissinger, Baker e la loro sorte – quelle misure debbano aver sollevato qualche sopracciglio. L’equipaggio di Biden è come quindicenni lasciati liberi nel negozio di dolciumi della politica estera.

Ci sono due modi, a mio avviso, in cui la guerra provoca una crisi nucleare: se gli Stati Uniti e/o la NATO entrano in guerra, o se, in qualche modo, gli ucraini organizzano un attacco con armi chimiche o biologiche contro la Russia, forse una bomba sporca. In entrambi i casi, scoppia una crisi, vengono fatte minacce e gli Stati Uniti hanno una scusa per scatenare un attacco nucleare contro la Russia, magari con un minimo di armi nucleari tattiche per imporre una resa, perché solo Dio e la CIA sanno cosa possono gli americani effettivamente fare.

Il punto è avere una scusa credibile per un primo colpo; senza la guerra in Ucraina, la credibilità sarebbe stata problematica, o almeno più problematica; Non ho dubbi che, in un attimo, gli stessi agili romanzieri che ci hanno regalato l’assassinio Kennedy e l’11 settembre potrebbero inventare una storia valida. Qualunque cosa sia, il pubblico lo accetterà, perché sono state coltivate con cura dalle storie dei media sulla Russia: come Putin si è trasformato in un dittatore, come la comunità LGBT è perseguitata , come gli uomini russi sono fuggiti dal paese per evitare la coscrizione e, soprattutto, ripetutamente, in modo martellante come la batteria su una melodia heavy metal, che Vladimir Putin è un pazzo , un megalomane .

Quando appariranno le prime immagini di Mosca esplosa, il presidente Biden spiegherà a un mondo spaventato la sua straziante decisione di colpire per primo: le coperture dei silos missilistici siberiani erano state rimosse, il traffico radio era inconfondibile, humint ed e-lint confermati sospetti, i vertici militari russi erano tutti improvvisamente scivolati via verso i centri di comando in tutto il paese, e il tocco finale: il recente stato mentale del presidente Putin era “estremamente preoccupante”. La sua affermazione non deve essere che la più semplice scenografia; il pubblico, sebbene atterrito, tirerà un sospiro di sollievo nel sapere che questo pazzo non c’è più.

Il presidente Biden non farebbe mai una cosa del genere? Questo nonno annebbiato potrebbe essere completamente contrario alla terza guerra mondiale , ma la sua squadra di politica estera ha ormai preso le misure di lui e sa esattamente cosa dire per farlo prendere dal panico e farlo agire.

L’equipaggio della politica estera teme una risposta nucleare da parte di Putin? Difficilmente. Sembrano aver preso le misure anche del russo, e ne escono soddisfatti. Putin non ha reagito quando: 1) la Nato si è espansa ancora e ancora ad est; 2) Washington ha organizzato il colpo di Stato a Kiev; 3) Washington (l’unico vero sospettato, in prima persona o meno) ha sabotato il gasdotto NordStream 2; e 4) quando Washington ha assistito l’attacco del governo ucraino al Donbass.
In effetti, Putin ha aspettato otto anni di questa violenza per invadere finalmente, avendo esaurito ogni altra possibilità per evitare la guerra, e anche allora ha lanciato non una guerra ma una debole “operazione militare speciale”.

Aggiungi tutto questo al pio desiderio dei neocon che una volta che la Russia sarà fuori dai piedi, la Cina sarà un pezzo di torta che mangeranno deliziosamente schioccando le labbra; e un primo attacco nucleare attraversa facilmente il loro regno del fattibile. Hitler e Napoleone avrebbero capito.

Sottomarino nucleare russo Belgorod (risposta nucleare russa)

Com’è strano che la spinta alla conquista della Russia ritorni ancora e ancora nella storia; è l’incubo ricorrente dell’Occidente, e lo sarà anche questa volta, sebbene questo aspetto della storia dell’Ucraina sia rigorosamente ignorato dai nostri sciatti media mainstream. Quindi lascio l’ultima parola allo scrittore argentino Jorge Luis Borges , che ha detto: “Il passato è indistruttibile; prima o poi tutto torna e una delle cose che tornano è il progetto di abolire il passato».

Commento: Articolo eccellente, ma ciò che manca è che la Russia è stata impegnata dal 2014 a rafforzare il suo deterrente nucleare. Quindi, sebbene i neocon abbiano indubbiamente puntato a un attacco nucleare a sorpresa contro la Russia, quel progetto potrebbe essere diventato un fallimento. (Kevin Barret)

Fonte: UNZ.com

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM