La Guerra in Libia: FRUTTI DEL CAMBIO DI REGIME USA-NATO


Di Tony Cartalucci

La Libia è tornata al centro delle notizie, mentre i combattimenti si intensificano intorno alla capitale, Tripoli.

Le forze sotto il controllo di Khalifa Haftar – un ex generale libico sotto il governo di Muammar Gheddafi – che si era trasformato in oppositore durante l’intervento NATO del 2011 guidato dagli Stati Uniti -si era nuovamente messo all”opposizione” contro il “governo di accordo nazionale” (GNA) appoggiato dall’ONU a Tripoli – tanto da aver di recente raggiunto e preso il controllo dell’aeroporto di Tripoli.

Il confuso caos che ha continuamente travolto la Libia dal 2011 non dovrebbe sorprendere. È il risultato prevedibile che segue qualsiasi intervento politico o militare guidato dagli Stati Uniti. Altri esempi che mostrano il “successo” del cambiamento di regime guidato dagli Stati Uniti sono quelli che includono l’ Afghanistan, l’Iraq e l’ Ucraina.

E proprio come in Afghanistan, Iraq e Ucraina – i media atlantisti occidentali hanno regolarmente omesso la menzione della Libia dai loro titoli, in particolare per mascherare le conseguenze molto prevedibili del cambiamento di regime guidato dagli Stati Uniti mentre gli interventi aggiuntivi contro nazioni come Venezuela, la Siria e l’Iran venivano progettati e perseguiti.

Battaglia della Libia

Nel 2011, la nazione nordafricana della Libia è stata trasformata, da quella che era una nazione prospera e in via di sviluppo, in un campo di battaglia diviso, perpetuo, dove i signori della guerra locali sostenuti da un milieu di oppositori sponsor di interessi stranieri da allora hanno gareggiato per il potere .

Lo stato attuale della Libia come paese devastato e fallito è stato causato interamente all’intervento della NATO guidato dagli Stati Uniti nel 2011, con la complicità di paesi NATO come Francia, Regno Unito, Italia e Olanda.

Basandosi sulle menzogne ​​promosse dalle organizzazioni “per i diritti umani” finanziate dall’Occidente e scatenenado l’aggressione con il pretesto della R2P (responsabilità di proteggere), gli Stati Uniti e i loro alleati della NATO hanno smembrato la Libia portando a un prevedibile e perenne caos che ha colpito non solo la Libia stessa, ma Nord Africa, Europa meridionale e anche il Medio Oriente. Un vero capolavoro di intervento della NATO, ancora oggi esaltata come “alleanza di pace”.

La guerra ha innescato immediatamente non solo un’ondata di rifugiati in fuga dalla guerra stessa, ma il riorientamento di una ondata di rifugiati provenienti da tutta l’Africa che cercavano rifugio e lavoro in Libia, in tutto il Mediterraneo e in Europa.

I miliziani che combattevano come mercenari per la guerra guidata dagli Stati Uniti nel 2011 sarebbero stati armati e ridistribuiti in Turchia, da dove sono entrati in Siria e hanno svolto un ruolo chiave nel prendere le città di Idlib e Aleppo durante le prime fasi di quella guerra per procura guidata dagli Stati Uniti.

Attualmente, la Libia è divisa tra il governo appoggiato dalle Nazioni Unite con sede a Tripoli, le forze orientali fedeli a Haftar, e un mix di altre forze che operano in tutto il paese, con vari gradi di controllo sulle altre principali città della Libia, e gradi ugualmente variabili di lealtà al governo appoggiato dall’ONU, alle forze di Haftar o ad altre fazioni.

Combattere intorno a Tripoli ha persino presumibilmente indotto le forze militari statunitensi di stanza in Libia ad evacuare temporaneamente. CNBC nel suo articolo, “Gli Stati Uniti attirano le forze dalla Libia mentre i combattimenti si avvicinano alla capitale “, riferirebbero:

Gli Stati Uniti hanno temporaneamente ritirato alcune delle loro forze dalla Libia a causa delle “condizioni di sicurezza sul terreno”, ha detto domenica un alto funzionario militare, mentre le forze del comandante libico sono avanzate verso la capitale di Tripoli e si sono scontrate con le milizie rivali. Un piccolo contingente di truppe americane è stato in Libia negli ultimi anni, aiutando le forze locali a combattere i militanti di Stato Islamico e di al-Qaida, oltre a proteggere le strutture diplomatiche.

La presenza delle forze americane in Libia potrebbe essere notizia per alcuni – ed è stato certamente solo un sogno all’interno del Pentagono fino a quando l’intervento NATO del 2011 guidato dagli Stati Uniti alla fine ha rovesciato il governo libico.

La politica estera americana, quella di svolgere il ruolo di incendiari-pompieri l’ha dotata di un’importante impronta militare ancora in crescita in Africa, una impronta che utilizza per proiettare il suo potere e influenzare la geopolitica ben oltre il continente.

Droni in base miltare USA

Impronta crescente dell’America in Africa

Il conflitto in corso in Libia – il flusso di armi provenienti dagli sponsor stranieri – ha anche alimentato il terrorismo regionale che ha colpito i vicini Egitto, Tunisia, Algeria, Niger e Ciad, fino a paesi dell’Africa occidentale come il Mali e la Nigeria, e sud-est fino al Kenya. La guerra è stata un vantaggio per il Comando Africa USA (AFRICOM) che ha utilizzato il caos risultante come pretesto per espandere l’impronta militare di Washington nel continenteafricano.

In un articolo dell’Intercept del 2018 intitolato ” L’esercito americano afferma di avere una” impronta leggera “in Africa. Questi documenti mostrano una vasta rete di basi “, è stato riferito che:

Secondo un briefing del 2018 del consulente scientifico AFRICOM Peter E. Teil, la costellazione di basi militari comprende 34 siti sparsi in tutto il continente, con alte concentrazioni nel nord e nell’ovest e nel Corno d’Africa. Queste regioni, non a caso, hanno visto anche numerosi attacchi di droni statunitensi e incursioni di commando di basso profilo negli ultimi anni.

L’articolo rileva che gran parte dell’espansione di AFRICOM in Africa si è verificata nell’ultimo decennio.

Mentre il pretesto per l’espansione militare USA in Africa è stato quello dell’ “antiterrorismo” , è chiaro che le forze militari statunitensi sono lì per proteggere gli interessi americani e proiettare nel continente il potere degli Stati Uniti, con l’usuale pretesto del “terrorismo” utilizzato per giustificare la militarizzazione del continente da parte di Washington.

Gran parte dell’espansione del terrorismo, che gli Stati Uniti sostengono di combattere, è stata possibile solo in primo luogo attraverso l’inondazione di armi, equipaggiamenti e supporto fornito ai miliziani dagli Stati Uniti e dai loro partner in operazioni di cambio di regime contro nazioni come la Libia.

La guerra NATO in Libia, guidata dagli Stati Uniti, è un perfetto esempio delle organizzazioni terroristiche armate volontariamente dagli Stati Uniti – incluse quelle elencate come organizzazioni terroristiche straniere dallo stesso Dipartimento di Stato degli Stati Uniti – per rovesciare una nazione, destabilizzando prevedibilmente l’intera regione, e usando la conseguente instabilità come un pretesto per espandere massicciamente l’impronta militare americana nella regione.

L’agenda del gioco più ampio è il desiderio di Washington di contrastare gli attuali interessi russi e cinesi sul continente, garantendo il dominio libero degli Stati Uniti.

Frutti del cambio di regime USA-NATO

Mentre la NATO celebra il suo 70 ° anniversario, il Segretario generale della NATO Jens Stoltenberg proclama :

Per più di sette decenni, la NATO si è rafforzata una volta di più per mantenere i nostri popoli al sicuro, e continueremo a operare insieme per prevenire i conflitti e preservare la pace.

Questa “pace” include 8 anni di pesanti combattimenti in Libia a seguito dell’intervento della NATO in quel paese (18 anni in Afghanistan e il disastro del Kosovo e Serbia).

Il Segretario generale della NATO proclama la missione della NATO come unica “per prevenire il conflitto e preservare la pace”, ma paradossalmente e molto intenzionalmente ha progettato la guerra in Libia, rovesciato il governo a Tripoli e innescato il caos regionale che non solo ha afflitto il Nord Africa fino ad oggi – ma inoltre ha fatto inondare l’Europa di profughi in fuga dal conflitto.

L’Europa è uno dei pochi posti in cui la NATO possa reclamare qualsiasi mandato per proteggere o operare, ma le sue guerre di aggressione all’estero compromettono direttamente la sicurezza e la stabilità europee.

Il blackout mediatico che ha avvolto il vero impatto dell’intervento della NATO in Libia negli ultimi 8 anni aiuta a consentire agli Stati Uniti e ai suoi partner della NATO di perpetrare ulteriori guerre per procura e interventi politici altrove.

Mentre gli Stati Uniti perseguono apertamente un cambio di regime aggressivo in Venezuela e si intromettono nella politica interna delle nazioni in tutto il Sud-est asiatico , i “frutti” dell’intervento USA in posti come la Libia dovrebbero sempre essere tenuti in considerazione.

Quello che risulta più allarmante di tutto è il considerare che l’intervento a guida Usa in Libia potrebbe non essere necessariamente un fallimento. È solo un fallimento se si crede che gli Stati Uniti abbiano veramente avuto l’obiettivo di un futuro migliore per la nazione. Tuttavia, se l’obiettivo reale era quello del caos perpetuo come un pretesto ugualmente perpetuo per la militarizzazione degli Stati Uniti in Africa, questi obiettivi furono intenzionalmente stabiliti fin dall’inizio – quindi in molti modi – la Libia rappresenterebbe un successo clamoroso.

A seconda di come si svolgeranno gli attuali combattimenti intorno a Tripoli, se emergerà o meno una Libia unificata, e la cui presenza militare straniera e gli interessi economici permarranno sul suolo libico in seguito, questo contribuirà a determinare quanto successo abbia avuto e quale sia stato il vero programma di Washington in Libia – e in tutta l’Africa .

Tony Cartalucci

Fonte: New Eastern Outlook

Traduzione: Luciano Lago

8 Commenti

  • atlas
    12 Aprile 2019

    la nato ove non è intervenuta militarmente direttamente con la guerra per imporre la democrazia lo ha fatto con la guerriglia. Lo ha fatto qui negli anni’70. Negli anni ’90 ho visto solo l’Algeria reagire e vincere, ma vi erano dissensi tra usa e Francia e i servizi di sicurezza Algerini sono molto forti e preparati. L’Egitto pure è riuscito a superare l’aggressione, ma è da sempre il più forte apparato militare di governo fra tutte le Nazioni Arabe. La Russia dovrebbe prepararsi culturalmente e meglio ad affrontare questo tipo di guerriglia con l’addestramento e il rifornimento alla controguerriglia di Stati se li vuole amici oltre a pensare alla difesa del proprio interno

  • amadeus
    12 Aprile 2019

    Intanto se fossi l’Italia, uscirei dalla Nato perché trovo inammissibile che un paese “alleato” presunto tale, attacchi un altro paese per appropriarsi degli interessi dell’Italia membro dell’alleanza. Che razza di alleanza é ?!!

    • atlas
      12 Aprile 2019

      ma non è un’alleanza. Hanno vinto la guerra e ci hanno inondato di basi militari. La massoneria non è più al bando ed hanno fatto come i romani, ‘dividi et impera’, dividendo le società con la democrazia in tanti parti ti e partitini politici ed arruolando nelle loro forze armate i popoli conquistati. Semplice

  • Max Dewa
    12 Aprile 2019

    Digitate ” Edward Bernays nipote di Freud video” questi son tutti Ebrei talmudici ,58 minuti , gente intelligentissima diabolica non come LA mafia e I massoni dei Beoti analfabeti sui quali Ricadono sempre tutte Le colpe ,si puo essere ricchissimi ed essere dei deficenti invererati vedi berlusca vacchi vieri Lapo ecc

  • Idea3online
    12 Aprile 2019

    Tuttavia, se l’obiettivo reale era quello del caos perpetuo come un pretesto ugualmente perpetuo per la militarizzazione degli Stati Uniti nel Sud Europa, questi obiettivi furono intenzionalmente stabiliti fin dall’inizio – quindi in molti modi – il Sud Italia rappresenterebbe un successo clamoroso.

    La Libia come il Regno delle due Sicilie…..un successo che dura da 158 anni!
    Il Sud Italia diviso grazie all’Isis…….non all’Isis ma grazie ad altre organizzazioni! Ma il burattinaio ha creato entrambe…..

  • Idea3online
    12 Aprile 2019

    E semplice Satana ha reso forte chi doveva con forza allearsi a Dio, in cambio dell’Alleanza ha donato loro i Regni del Mondo, li offrì anche all’ebreo Gesù….Satana ha offerto il potere solo a quelli del Patto Abramico e tutti i Regni della Terra, altro modo per corromperli non potrebbe esistere. Ma un rimanente dopo la tempesta verrà salvato. Purtroppo Satana esiste ed i suoi collaboratori pure, ma in fondo adoriamo tutti Satana e i demoni,solo che solo un piccolo gruppo possiede i Regni del Mondo…….ma quasi tutto il genere umano adora lo sterco del Demonio.

  • Max Dewa
    13 Aprile 2019

    Digitate ” LA piu grande Truffa di tutti I tempi l’olocausto” finche’si lascia ai figli del diavolo ( cosi li chiamava gli ebrei l ‘Altissimo ) le redini Di tutto economic media istruzione holliwood e ‘ naturals che regni Satana .La Depravazione LA confusione LA degenerazione LA calunnia LA corruzione ecc

  • atlas
    14 Aprile 2019

    MAH

    leggendo quello che scrive idea3 mi chiedo: ma c’è un limite al minias e al valium ? Cioè, dico (scrivo), se hai passato una nottata dimmerda, riprenditi, fai un bel respiro profondo, poi vieni qui a scrivere

    conta fino a dieci, conta le pecore … insomma, cerca di pensare positivo ragazzo …

    ho messo su YouTube una conferenza cristiana, l’ho fatto per voi, mica per me, cercate di essere cristiani retti,

    ma così si diventa pazzi

Inserisci un Commento

*

code