LA GUERRA IBRIDA ISTIGATA DAGLI STATI UNITI CONTRO CINA E RUSSIA SI EVOLVE IN UNA GUERRA DI VACCINI “MORTALE

placeholder

di Shabana Syed

Esistono marcate somiglianze tra la paura internazionale generata dalla Guerra al Terrore in Medio Oriente e il Covid-19. Il primo ha generato la paura dei musulmani come potenziali “bombe ad orologeria” che “odiano il nostro modo di vivere”, mentre il secondo ha generato paura contro i “cinesi mangiapipistrelli” accusati dello scoppio di un virus mortale. Tuttavia, come questo articolo esporrà, entrambi sono collegati, insieme all’obiettivo degli Stati Uniti di vaccinare il mondo con vaccini “approvati dagli Stati Uniti”.

L’infinita guerra al terrorismo ha assunto molte forme, ha ucciso milioni di persone e destabilizzato molte nazioni tra cui Iraq, Afghanistan, Siria, Libia, ora gli Stati Uniti si stanno preparando per destabilizzare la Cina e la sua Belt Road Initiative, insieme agli alleati della Cina Russia, Pakistan e Iran. L’alleanza tra questi paesi e il futuro mondo multipolare che stanno presentando è la più grande minaccia che gli Stati Uniti stanno affrontando alle loro ambizioni di dominio globale unipolare.

Tuttavia, si può solo supporre che sia stata una coincidenza che l’epidemia di Coronavirus abbia avuto luogo per la prima volta in due paesi che gli Stati Uniti considerano “una minaccia esistenziale” Cina e Iran. Quello che è più casuale è che l’epidemia si è verificata in uno sfondo di alti livelli di attività militare degli Stati Uniti nel Pacifico asiatico, parte della strategia “Pivot to Asia” degli Stati Uniti delineata da influenti think tank con sede a Washington e Israele, come Atlantic Council e RAND.
Il rapporto RAND formulato con l’esercito americano intitolato “War with China: Thinking the unthinkable” (2016) ha mostrato come i massimi livelli delle forze armate americane stiano pianificando la guerra. Il giornalista veterano John Pilger sottolinea come ci siano oltre 400 basi militari statunitensi che circondano la Cina con missili, navi da guerra e armi nucleari. “Dall’Australia settentrionale attraverso il Pacifico al Giappone, alla Corea e attraverso l’Eurasia fino all’Afghanistan e all’India, le basi formano “il cappio perfetto”.

Il professor David Vine, autore di “Island of Shame: The secret history of the US Military base in Diego Garcia” (2009) afferma che gli Stati Uniti controllano circa 800 strutture all’estero in più di 70 paesi che includono armi nucleari e basi paramilitari della CIA, incluso il “sito nero” “prigioni. La maggior parte di queste basi circondano la Cina, la Russia e l’Iran, con 60.000 soldati americani di stanza nella regione dell’Iran. A questo si aggiungono centinaia di laboratori di guerra biologica approntati in tutto il mondo, molti in Ucraina oltre il confine con la Russia.

Dopo quasi 18 mesi di negazione dei rapporti di scienziati e specialisti in malattie secondo cui il Covid 19 potrebbe essere il risultato di una guerra biologica, il presidente Biden ha sollevato speculazioni chiedendo alla CIA di indagare sull’epidemia in una perdita di laboratorio a Wuhan. Il suo scopo potrebbe essere quello di incolpare la Cina come hanno fatto i media occidentali negli ultimi 18 mesi, ma invece è successo il contrario. Gli Stati Uniti e le loro attività di guerra biologica sono sotto i riflettori, inoltre, sotto i riflettori c’è il passato genocida degli Stati Uniti mascherato da “esportazione di democrazia e diritti umani”.

US. Power

Il paese è stato in uno stato di guerra perpetua sin dalla sua ‘esistenza. E secondo il Ron Paul Institute, esaminando solo un periodo di 54 anni dopo la seconda guerra mondiale, gli Stati Uniti hanno interferito nelle elezioni e nelle tattiche segrete di cambio di regime in 81 paesi e in molti omicidi.

Pertanto, non è inconcepibile che l’epidemia di Coronavirus, che inizialmente ha colpito Cina e Iran ed è riapparsa in Russia, faccia parte della guerra biologica scatenata dagli Stati Uniti.

Il ‘Progetto sionista neo-conservatore per il nuovo secolo americano’ che in seguito cambiò nome in Foreign Policy Initiative, di cui furono autori gli architetti della guerra al terrore, nel loro rapporto Rebuilding of America’s Defenses (2002) delinearono una strategia basata sul dominio globale attraverso guerre perpetue. Elliot D. Cohen (PhD) autore di The Last Days of Democracy afferma che il motto di questo gruppo è “il fine giustifica i mezzi”, che significa qualsiasi cosa, dal controllo militare sulle informazioni su Internet all’uso di armi biologiche genocide.
Un fatto più preoccupante sono i rapporti che gli Stati Uniti stanno sperimentando con germi che prendono di mira determinate etnie e un certo genotipo.

Il che potrebbe spiegare che gli effetti del Coronavirus su paesi come Cina, Iran, Russia, India, Pakistan, Brasile, Sud America sono particolarmente diversi rispetto ai paesi occidentali. Public Health England ha scoperto che le persone di gruppi etnici neri sono più gravemente colpite da Covid-19 e i tassi di mortalità erano più alti tra i gruppi etnici neri e asiatici rispetto ai bianchi. I milioni di morti per Covid previsti nel Regno Unito non si sono mai verificati, con la conseguente chiusura di ospedali come il Nightingale, originariamente allestito per un’alluvione di pazienti. Sebbene sia difficile ottenere il giusto numero di decessi, dal momento che agli ospedali negli Stati Uniti e nel Regno Unito sono state pagate ingenti somme per certificare qualsiasi morte, anche da incidente stradale, come a seguito di Covid.

Iran e Cina sono stati i primi paesi a suggerire che l’epidemia fosse un attacco biologico. Dalla rivoluzione islamica del 1979, l’Iran è stato l’obiettivo principale di gruppi statunitensi e pro-Israele come PNAC, FPI e National Endowment for Democracy (NED). Il paese è soggetto a pesanti sanzioni economiche e mediche e gli Stati Uniti hanno così paura della narrativa antimperialista e antiisraeliana dell’Iran che hanno sequestrato 36 siti Web collegati a Iran, Iraq e Yemen.

Il massimo generale iraniano ha dichiarato che l’epidemia globale di coronavirus è stata il risultato di un attacco di guerra biologica statunitense alla Cina e all’Iran, che si è diffuso nel resto del mondo. Mentre i media mainstream hanno deriso le affermazioni dell’Iran, hanno anche ignorato la notizia che nel marzo 2020 un medico del West Erbil Hospital aveva accusato l’ambasciata statunitense in Iraq di diffondere il virus nelle parti settentrionali dell’Iraq e nel Kurdistan iracheno. Il dottor Al-Hadidi, il cui video era diventato virale, ha accusato l’ambasciata americana di aver inviato un carico di berretti da distribuire ai giovani iracheni contaminati dal coronavirus. Esperimenti di laboratorio sui cappucci hanno rivelato un campione di coronavirus sviluppato inserito nel rivestimento.

La tempistica dell’epidemia di Covid-19 è interessante, poiché è avvenuta in un momento in cui influenti think tank come l’Hudson Institute stavano sollecitando il governo degli Stati Uniti ad agire rapidamente mentre la regione dell’Asia Pacifico si stava trasformando con tassi di crescita economica drammatici guidati dalla Cina; gli economisti occidentali annunciavano l’emergere del “Nuovo Secolo Asiatico”. Hanno anche sottolineato la minaccia posta all’egemonia degli Stati Uniti dalla pianificata Belt and Road Initiative della Cina che indebolirà la presa degli Stati Uniti sulle economie dell’Asia meridionale e del Pacifico.

La prima risposta di Trump all’epidemia di Coronavirus è stata “La Cina comprerà da noi”. Non appena Trump è salito al potere, la sua retorica “America first” è stata parte della strategia di guerra commerciale degli Stati Uniti contro la Cina. L’obiettivo principale è la Belt and Road Initiative cinese che ha già collegato circa 70 paesi attraverso il commercio e il commercio. Gli Stati Uniti hanno usato l’epidemia di Covid per diffamare la BRI; La rivista Foreign Policy ha affermato che “l’agenda politica di Xi Jinping potrebbe rivelarsi la causa principale dell’epidemia ” e che la sua Belt and Road Initiative ha “reso possibile che una malattia locale diventi una minaccia globale”.

È interessante notare che il rapporto della RAND del 2016 richiede “un attacco preventivo, una forma di deterrenza strategica”, che gli Stati Uniti devono adottare, affermando che nel tempo “gli Stati Uniti saranno meno sicuri che una guerra con la Cina sarà conforme ai loro piani”. Sollevare la domanda è stato il Covid-19 il tanto necessario “attacco preventivo”?

Portaerei USA

Ian Greenhalgh un analista politico scrive: ” le mani nascoste che controllano praticamente l’intero globo e la sua economia non erano preparate a permettere ai cinesi di diventare la potenza economica, industriale e militare dominante” , quindi hanno intrapreso una guerra ibrida contro la Cina “vediamo la Cina subendo varie epidemie”, dall’epidemia di influenza suina alla guerra commerciale di Trump alle proteste di Hong Kong sponsorizzate dalla CIA, il CEO di Huawei accusato di racket, influenza aviaria e infine coronavirus che ha bloccato la maggior parte della Cina”.

Il consiglio del presidente Putin agli Stati Uniti durante la conferenza di Mosca sulla sicurezza internazionale a giugno sembra essere ignorato: aveva chiesto la cooperazione pacifica e l’allentamento della corsa agli armamenti, un risultato che ha detto degli Stati Uniti che circondano Russia e Cina con armi nucleari. Invece il Regno Unito alleato alla strategia “Pivot to Asia” degli Stati Uniti ha inviato una nave da guerra britannica nelle acque territoriali russe rifiutandosi di andarsene sostenendo che gli Stati Uniti e il Regno Unito non riconoscono l’antica pretesa della Russia sulla Crimea, fino a quando i russi non l’hanno cacciata via.

Mentre gli Stati Uniti e i loro alleati europei impongono continuamente un blocco draconiano ai propri cittadini, migliaia di truppe statunitensi “senza maschera” e senza “distanziamento sociale” vengono inviate in Yemen, Siria, Ucraina e svolgono esercitazioni militari provocatorie vicino ai confini della Russia .

Ora la guerra ibrida degli Stati Uniti contro Cina e Russia si è evoluta in una corsa per vaccinare il mondo con vaccini “approvati dagli Stati Uniti”, impedendo ai vaccini cinesi e russi (approvati in 56 paesi) di entrare nelle nazioni occidentali. Alcuni alleati degli Stati Uniti come il Canada e l’Arabia Saudita sono arrivati ​​al punto di consentire l’ingresso nel paese solo a quelli vaccinati con Pfizer o AstraZeneca.

La comunità internazionale è preoccupata dopo che Biden ha annunciato che gli Stati Uniti vogliono vaccinare il mondo e ha inviato 20 milioni di vaccini approvati dagli Stati Uniti ai paesi poveri oltre a 60 milioni di dosi di AstraZeneca già inviate. Inoltre, non aiuta le loro preoccupazioni quando le élite globali dietro la campagna di vaccinazione includono i Rockefeller, Bill e Melinda Gates Foundation, tutti sostenitori del nuovo ordine mondiale attraverso l’eugenetica.

Secondo un rapporto di The Defender, il Center for Disease Control ha rilasciato dati dal Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) che hanno mostrato un totale di 387.087 segnalazioni di effetti avversi da tutte le fasce d’età a seguito dei vaccini Covid “approvati negli Stati Uniti”, inclusi 6.113 decessi e 31.240 lesioni gravi tra il 14 dicembre 2020 e il 18 giugno 2021.

AstraZeneca che ha causato coaguli di sangue e decessi è stato vietato in alcuni paesi come la Norvegia. Mentre Pfizer è stato citato in un rapporto di J. Bart Classen MD in “Microbiologia e malattie infettive” che afferma che il vaccino Pfizer può avere effetti sulla salute a lungo termine non precedentemente divulgati, tra cui “SLA, Alzheimer e altre malattie degenerative neurologiche”. Afferma inoltre “Il vaccino potrebbe essere un’arma biologica e persino più pericoloso dell’infezione originale”.

Fonte: Geopolitica.ru,en

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus