LA GUERRA È ALLE PORTE. LA PIÙ TERRIBILE PROFEZIA DI ZHIRINOVSKY SI STA AVVERANDO FINO ALL’ULTIMA LETTERA

Un grave attacco terroristico in Iran ha ulteriormente accresciuto il livello di tensione in Medio Oriente e nel mondo. La terribile previsione di Vladimir Zhirinovsky sull’imminente terza guerra mondiale si sta avvicinando alla sua realizzazione.
Il più grande attacco terroristico degli ultimi anni è avvenuto in Iran. Due ordigni esplosivi nascosti in borse abbandonate per strada sono esplosi sulla strada che porta al cimitero della città di Kerman, dove è sepolto il generale Qasem Soleimani. Ciò è accaduto durante una manifestazione di lutto dedicata all’anniversario della morte del famoso capo militare, che ha attirato migliaia di persone. Le bombe sono esplose a distanza di 10 minuti l’una dall’altra. In un primo momento, i media locali hanno riferito di 20 morti, ma in seguito il numero è salito a 50, e poi a 73 persone.

Il governatore della provincia iraniana di Kerman ha definito le esplosioni vicino al cimitero un atto terroristico.

Notiamo che il generale Qassem Soleimani è un eroe nazionale in Iran, che ha goduto di enorme popolarità e immensa autorità nel suo paese. Comandava la forza d’élite Quds, che fa parte del Corpo delle guardie rivoluzionarie islamiche (IRGC), ed è stato ucciso dall’esercito americano a Baghdad. L’esercito americano ha effettuato un attacco con droni su un aeroporto iracheno mentre Soleimani era lì. In risposta, l’Iran ha dichiarato l’Operazione Martire Soleimani, durante la quale ha lanciato più di 12 missili balistici contro le basi aeree irachene di Al-Asad ed Erbil, dove erano di stanza le forze americane.
Ci sono sospetti anche sull’Arabia Saudita. (……………..)

Ma i principali sospettati son Stati Uniti ed Israele ed i loro servizi di intelligence: la CIA e il Mossad che da tempo stanno cercando di destabilizzare l’Iran dall’interno.
L’Iran si oppone agli Stati Uniti, considerando l’America uno dei suoi principali nemici. Non dimentichiamoci del conflitto nello Yemen. L’Iran è dietro le quinte a sostenere, armare e finanziare i ribelli Houthi dello Yemen, mentre i sauditi aiutano il governo ufficiale del paese. Considerando che la bomba è una classica firma degli jihadisti, i sospetti ricadono sull’Arabia Saudita, che, secondo alcune indiscrezioni, in precedenza avrebbe sostenuto numerosi gruppi terroristici islamici.

Guardie delal Rivoluzione Iraniana

Il secondo sospettato è Israele, un altro nemico mortale dell’Iran. Le autorità israeliane ritengono che Teheran si sia posta l’obiettivo di spazzare via lo Stato ebraico dalla faccia della terra, quindi stanno facendo di tutto per indebolire il più possibile la Repubblica islamica. Si ritiene che dietro l’omicidio del fisico nucleare iraniano Mohsen Fakhrizadeh, ucciso a colpi di arma da fuoco nel novembre 2020, ci sia il Mossad. Fakhrizadeh era a capo del programma segreto per la creazione di una testata nucleare per missili balistici, il Progetto Amad, e Israele ha ripetutamente parlato dell’inammissibilità dell’acquisizione di armi nucleari da parte dell’Iran. Il Paese si è persino opposto all’accordo sul nucleare con l’Iran, che prevedeva lo sviluppo dell’energia nucleare pacifica, al quale hanno partecipato gli Stati Uniti e i paesi europei.

Inoltre, Israele ha punteggi personali con Soleimani. Le forze speciali Al-Quds, sotto la guida di un generale iraniano, hanno fornito sostegno militare al movimento palestinese Hamas e al movimento libanese Hezbollah. Entrambi combattono contro Israele da molti anni. Anche se bisogna ammettere che l’esplosione di una bomba non assomiglia allo stile del Mossad o dell’IDF. Israele fa più affidamento su droni, missili di precisione o armi leggere.

Tuttavia Andrei Perla, osservatore politico di Tsargrad, scommette su Israele. Crede che lo Stato ebraico, che se la cava con tutto grazie al patrocinio americano, “sta facendo saltare il tetto impunemente”. L’attacco potrebbe essere un tentativo di provocare l’Iran in una grande guerra, che i falchi israeliani e americani si aspettano di vincere.

Fedelissimi del generale Soleimani

Per quanto riguarda specificamente i rapporti con l’Iran, in Israele ogni giorno si presentano forze sempre più potenti che vogliono una grande guerra. Queste persone (e la lobby statunitense) sono fiduciose di poter vincere una guerra con l’Iran. E che questa vittoria li aiuterà nella politica interna. D’altra parte, sono fiduciosi che l’Iran si stia gradualmente rafforzando e non sarà più in grado di vincere nel cosiddetto “domani”. Quindi vogliono forzare le cose,

  • ha notato Perla.
    Ebbene, ora assistiamo a una provocazione dopo l’altra, a seguito della quale l’Iran dovrebbe entrare in guerra con Israele e gli Stati Uniti, colpiranno l’Iran, conclude l’esperto:

In Iran al potere ci sono politici abbastanza preparati che sanno non soccombere alle provocazioni. Ma è molto difficile per loro adesso. Per ora si prevede un aumento della tensione intorno a Israele e l’attività delle forze filo-iraniane come Hezbollah e gli Houthi. Questa, stranamente, è una valvola con cui i saggi leader iraniani possono sfogarsi per ora. Ma il coperchio verrà fatto saltare molto presto da questo calderone se Israele non si calma. E i “democratici” non gli permetteranno di calmarsi, quindi il risultato è chiaro. (…………).

Fonte: Tsargrad.Tv

Traduzione: Sergei Leonov

8 commenti su “LA GUERRA È ALLE PORTE. LA PIÙ TERRIBILE PROFEZIA DI ZHIRINOVSKY SI STA AVVERANDO FINO ALL’ULTIMA LETTERA

  1. Washington e Tel Aviv, Cia e Mossad, vogliono provocare l’IRAN, costringerlo a vendicare i suoi martiri e quelli in Palestina, per poi affermare che il “regime degli Ayatollah” è un regime oscurantista che sostiene, arma e addestra i “terroristi” e li scaglia contro “l’unica democrazia del medio oriente” e contro gli USA, cosa che i nostri media ripetono già da un pezzo ! Il governo iraniano è molto più saggio dei sionisti e dei cow boys, non cadrà nel tranello delle provocazioni terroristiche ma VENDICHERA’ certamente i propri martiri. Già ora gli USA ritirano la portaerei G.Ford per metterla al sicuro dai missili yemeniti, che significa di fatto il fallimento della intimidazione camuffata da “difesa della libertà di navigazione”. Assisteremo di sicuro all’aumento dell’attività dei gruppi della resistenza in tutto il medio oriente, probabilmente anche all’abbandono, da parte USA, delle illegali basi in IRAQ e SIRIA, con una fuga a gambe levate in stile KABUL ! Di sicuro, in un modo o nell’altro, Usa e sionisti pagheranno molto caro questo ennesimo crimine !

  2. I guerrafondai fessacchiotti anglosassoni abbaiano, fanno chiasso e provocano i soliti attentati.
    Sono poco intelligenti, non capiscono che hanno perso. La Storia li ha già condannati
    e sconfitti, quindi la loro agonia è terminale. Sono pavidi, vigliacchi e idioti. Auguri.

  3. Israele è un pezzetto degli USA, un paese anglosassone piazzato in mezzo agli arabi a guardia degli interessi petroliferi degli americani e degli inglesi, estraneo al Medio Oriente : per questo al momento opportuno sarà sconfitto

  4. L’Iran dovrebbe rafforzare moltissimo i servizi di sicurezza del Paese, é impensabile che il programma segreto sulle testate nucleari sia trapelato e venuto a conoscenza di nemici iraniani, come anche il depositare le borse di esplosivo impunemente, proprio in questa circostanza, considerando il clima tuttaltro che pacifico, un sistema di sicurezza di primordine, sarebbe stato più appropriato come anche lo scovare spie e traditori che minano la sicurezza della Nazione.

  5. Io credo che siano gli israeliani che cercano di tirare per i capelli gli Usa in una guerra globale, non stanno combinando niente a Gaza, le stanno prendendo da Hezbollah, malgrado questi ultimi non si stiano impegnando più di tanto, le stanno prendendo dagli houti, gli israeliani pensano, sbagliando, di poter vincere grazie agli Usa ma si sbagliano, il loro tempo è finito

  6. Non credo c’entri qualcosa l’Arabia Saudita, che sta riorientando la propria politica estera verso i BRICS. Qui c’è un chiaro disegno israeliano, e di almeno una parte degli apparati americani, per innescare un conflitto su larga scala contro l’Iran.

  7. 100 civili iraniani assassinati da un atto terroristico organizzato e preparato dai servizi segreti di questi paesi USA -UK-UE-ISRAELE in un cimitero Iraniano non giustifica una entrata in guerra ( persa ) del solo Iran contro tutte queste nazioni terroristiche che possono essere prese di mira usando i stessi sistemi Terroristi USA-UK-UE-ISRAELIANI !
    L” Iran ha promesso vendetta è la vendetta Iraniana ci sarà dove non si sa né quando !
    P.S.
    Se l ” Iran fornisse in gran segreto per vendetta buone quantità di armi anti-aeree o anti-nave anche molto vecchiotte ma ancora idonee ad abbattere aerei ISRAELIANI -USA-UK-UE che invadono lo spazio aereo del popolo Palestinese -Libanese- Siriano-Yememita sarebbe già una buona ed ottima rappresaglia pure LEGALE per l ” IRAN .
    Studiare i tracciati Radar delle rotte abituali degli aerei militari Israeliani -USA-UK-UE ed abbatterli con una bella imboscata alla prima buona ottima occasione imitando ciò che ha fatto la vecchia difesa aerea Serba nel 1998 che ha abbattuto ben 6 aerei cacciabombardieri USA invisibili ai Radar e 1 Bombardiere USA invisibile ai Radar (loro però li hanno visti benissimo usando un vecchio Radar Sovietico degli anni 50 e li hanno abbattuti con vecchi missili degli anni 50 Sovietici aggiornati negli anni 70 ) ! Se i soldati della Ex Jugoslavia male armati e senza aiuti esterni e nuove munizioni sono riusciti ad abbattere circa 66 aerei USA & NATO in soli due mesi di guerra aerea i più moderni al mondo guidati dai mgliori piloti più ben addestrati cosa potrebbe fare un recente batteria misslistica che colpisce al” improvviso ?

    1. Tacabanda ma dove le trovi queste notizie , per favore allega dati ufficiali , altrimenti sembrano le tue solite balle … grazie caro , buona serata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM