LA GUERRA DI LOGORAMENTO PER PROCURA DEGLI STATI UNITI IN UCRAINA SI STA RITORCENDO CONTRO, AFFERMA UN DIPLOMATICO STATUNITENSE

L’ex ambasciatore degli Stati Uniti in Finlandia, Earle Mack ha visitato l’Ucraina diverse volte, in missioni umanitarie. Afferma, in un pezzo del 29 marzo per The Hill, che, durante la sua ultima visita, ha potuto vedere in prima persona una mancanza di morale, nella voce dei leader con cui ha parlato. Ancora più importante, Mack afferma in modo pratico che l’Occidente ha “sostenuto l’Ucraina nel combattere una guerra per procura”, che è, di per sé, un’ammissione molto importante da parte di un ex diplomatico statunitense. Aggiunge, tuttavia, che Kiev ha un disperato bisogno di “hardware da combattimento moderno” e afferma che, quando i carri armati americani Abrams raggiungeranno il paese, tra otto o dieci mesi, il conflitto potrebbe già essere terminato con un’Ucraina sconfitta.

Al grande pubblico questo ragionamento potrebbe apparire strano. Dopotutto, tutti sanno che gli Stati Uniti ei loro alleati hanno inviato tonnellate di armi, munizioni e molto denaro in Ucraina. Il costante invio di aiuti a Kiev ha persino causato difficoltà a Washington e alle potenze europee a rifornire le proprie scorte di armi.

È vero che i produttori di armi americani traggono enormi profitti dal conflitto odierno. Più o meno allo stesso modo in cui parte delle somme inviate all’Ucraina (la nazione più corrotta d’Europa ) viene dirottata verso piani loschi , il Pentagono, di fatto, non può rendere conto di armi per un valore di miliardi . Molte di queste armi sono apparse in Medio Oriente e in Africa , trafficate attraverso i mercati neri . Questa però è solo una parte della storia.

Quando il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha visitato Washington, durante una conferenza stampa congiunta del 21 dicembre 2022 , il suo omologo americano, Joe Biden, ha fornito un quadro più chiaro. Per quanto riguarda le insistenti richieste di armi più potenti da inviare a Kiev, il presidente degli Stati Uniti ha affermato che fornire agli ucraini missili a lunga distanza “avrebbe una prospettiva di disgregare la NATO” e “distruggere l’UE e il resto del mondo”. Ha aggiunto che i suoi alleati della NATO “non stavano cercando di entrare in guerra con la Russia. Non stanno cercando una terza guerra mondiale”. Dopo aver detto così tanto, Biden ha “rassicurato” il leader ucraino in piedi accanto a lui, dicendo a Zelensky questo: “come ho detto, signor Presidente, non si deve preoccupare – resteremo con l’Ucraina finché l’Ucraina sarà lì .”

Inavvertitamente, le osservazioni di dicembre di Biden hanno quasi parafrasato la battuta crudele sugli americani disposti a combattere “fino all’ultimo ucraino”. Ancora più importante, la sua risposta schietta equivaleva a un’ammissione indiretta che Washington continua ad armare e ad aiutare Kiev come parte di una guerra di lunga durata per procura. Sembrerebbe quindi che la strategia dell’Occidente non sia quella di dare la vittoria agli ucraini, ma piuttosto quella di logorare Mosca. Il conflitto, tuttavia, sta logorando la stessa Ucraina e persino l’Occidente.

Non è solo l’Ucraina ad essere in cattive condizioni, però: l’Europa deindustrializzata è infatti più che mai dipendente dagli Stati Uniti per la sicurezza, le sue forze armate sono in uno “ stato spaventoso ”, secondo gli esperti. La base di difesa dell’UE è priva di un mercato comune della difesa, nonché delle necessarie capacità di produzione e catene di approvvigionamento. Inoltre, ogni volta che l’UE cerca di articolare una politica industriale, Washington interviene . Questo perché gli interessi americani beneficiano non solo dell’industria della difesa, ma anche della crisi energetica e della deindustrializzazione del continente.
L’obiettivo di Washington di un’Europa NATO è reso impossibile dalle stesse politiche economiche e industriali degli Stati Uniti contro l’Europa , come esemplificato dall’affermazione di Biden nel pacchetto di sovvenzioni .

Earle Mack descrive l’attuale conflitto come una guerra di logoramento, cioè quella che cerca la vittoria militare logorando il nemico. Su scala più ampia, includendo anche i regni della guerra finanziaria ed economica, si potrebbe benissimo sostenere che l’Occidente politico ha effettivamente cercato di “logorare” la Federazione Russa in tutti i modi, armando Kiev e imponendo sanzioni senza precedenti a Mosca.
Le sanzioni hanno rafforzato l’integrazione eurasiatica e in gran parte si sono ritorte contro . Purtroppo, lo stesso si potrebbe dire della strategia di logoramento militare di Washington, che normalmente mira al lungo periodo. Se questa è una guerra di logoramento, sembra che l’Ucraina sia destinata a stancarsi per prima, e si stia già disgregando. Da qui il senso di urgenza di Earle Mack.

Con questo in mente, l’ex diplomatico scrive che gli Stati Uniti e i loro alleati dovrebbero inviare urgentemente a Kiev “armi militari moderne, inclusi più missili Patriot e molti altri carri armati Leopard 2 e Abrams”.

Armi NATO per l’Ucraina

Nel suo pezzo, Earl Mack, giustamente ricorda anche ai lettori che sebbene l’attuale campagna militare russa in Ucraina abbia appena un anno, quella nazione “è stata in un conflitto quasi continuo” dal 2014 – questa, si potrebbe aggiungere, è una situazione che ha stata ampiamente promossa e alimentata dall’Occidente e dall’espansione della NATO . In questi anni, le violazioni dei diritti umani di Kiev contro la popolazione del Donbass sono state insabbiate dalla stampa occidentale, fino al punto, più recentemente, di mascherare il neonazismo del Reggimento Azov . In un pezzo del luglio 2020, ho descritto l’allora combattimento nel Donbass come la guerra dimenticata dell’Europa – e in un certo senso lo è ancora, perché il vasto pubblico pensa ancora che il conflitto militare in Ucraina sia un fenomeno vecchio solo di un anno.

Gli ucraini si stanno quindi avvicinando a “un decennio di morte e caos”, nelle parole di Earle Mack. Oltre 10 milioni di ucraini hanno lasciato il loro paese. È interessante notare che oltre 5,5 milioni , dall’Ucraina e dal Donbass, sono fuggiti in Russia. La perdita di popolazione e le infrastrutture gravemente danneggiate stanno esaurendo il paese.

Una buona diplomazia e molti colloqui a tavola sono più che mai necessari. Invece, Mack afferma che per ottenere la vittoria, “l’Ucraina ha bisogno di tutto, ovunque, tutto in una volta” – e con urgenza. In ogni caso, si può dare solo così tanto. Resta da vedere quanto l’Occidente guidato dagli Stati Uniti sia disposto a dare, mentre il sistema mondiale di Washington crolla .
Questa la vera scommessa, su chi crollerà per primo (N.d.R:).

Scritto da Uriel Araujo , ricercatore specializzato in conflitti internazionali ed etnici

Fonte: South Front

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM