La guerra di Israele a Gaza in diretta: nessun accordo di tregua ancora mentre Rafah attende una svolta

Il numero di prigionieri palestinesi che Hamas vuole rilasciare è ora il “divario principale” mentre i negoziati di tregua continuano, dicono funzionari statunitensi e israeliani al quotidiano israeliano Walla.
La Corte internazionale di giustizia (ICJ) ha ricevuto la richiesta urgente del Sudafrica di intervenire per richiedere il blocco del previsto attacco di terra israeliano a Rafah.
Medici Senza Frontiere (Medici Senza Frontiere, o MSF) ha chiesto un passaggio sicuro per coloro che desiderano lasciare l’ospedale Nasser mentre Israele chiede l’evacuazione del complesso medico. Il Ministero della Sanità di Gaza afferma che i cecchini israeliani hanno ucciso tre persone all’ospedale di Khan Younis.

Nel frattempo continuano le operazioni di resistenza dei gruppi palestinesi a Gaza.

La resistenza palestinese continua a confrontarsi con le forze di occupazione nel sud della Striscia di Gaza, in particolare a Khan Yunis, effettuando operazioni specifiche contro le forze israeliane, lasciando morti e feriti tra i soldati occupanti.
Varie fazioni della resistenza palestinese sono impegnate in violenti scontri contro le forze di occupazione israeliane nella città di Abasan al-Kabira, a est di Khan Yunis, nel sud della Striscia di Gaza, secondo quanto riferito dal corrispondente di Al-Mayadeen a Gaza.

Gli attacchi israeliani a Gaza hanno ucciso almeno 28.473 palestinesi e ferito altri 68.146 dal 7 ottobre. Il bilancio delle vittime in Israele degli attacchi guidati da Hamas del 7 ottobre è pari a 1.139.

Fonti: Al JazeeraAl Mayadeen

Traduzione e sintesi: Fadi Haddad

2 commenti su “La guerra di Israele a Gaza in diretta: nessun accordo di tregua ancora mentre Rafah attende una svolta

  1. Fate saltare i cavi di comunicazioni internazionali sottomarini nello stretto o vicino allo Yemen e c’è la fate finisce la carneficina.

  2. Israele ha un paura che i paesi USA-UK-UE-NATO complici del Genocidio -Massacro-Strage di Massa di almeno 60 mila civili Palestinesi inermi e disarmati possano decidere di NON AIUTARE più ISRAELE NEL SUO NUOVO MASSACRO DI PALESTINESI INDIGENI E DI PROFUGHI SCAMPATI DAL MASSACRO NEL” ALTRO CAMPO PROFUGHI RASO AL SUOLO DA ISRAELE !
    Non

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM