La guerra del 2023 – ‘Impostare il teatro’

di Alastair Crook (*)

L’asse Cina-Russia sta accendendo i fuochi di un’insurrezione strutturale contro l’Occidente in gran parte del resto del mondo. I suoi fuochi mirano a “bollire lentamente la rana”

Un alto generale della marina statunitense, James Bierman, in una recente intervista al Financial Times, ha spiegato in un momento di franchezza come gli Stati Uniti stiano “preparando il teatro” per una possibile guerra con la Cina, pur ammettendo casualmente come i pianificatori della difesa statunitensi erano stati impegnati in Ucraina anni fa, “preparandosi seriamente” per la guerra con la Russia – fino al “pre-posizionamento dei rifornimenti”, identificando i siti da cui gli Stati Uniti avrebbero potuto fornire supporto e sostenere le operazioni. In poche parole, erano lì, preparando lo spazio di battaglia da anni.

Nessuna sorpresa in realtà, poiché tali risposte militari derivano direttamente dalla decisione strategica centrale degli Stati Uniti di attuare la “Dottrina Wolfowitz” del 1992 secondo cui gli Stati Uniti devono pianificare e agire preventivamente, per disabilitare qualsiasi potenziale Grande Potenza – ben prima che raggiunga il punto in cui può competere o compromettere l’egemonia degli Stati Uniti.

La NATO oggi è passata alla guerra con la Russia in uno spazio di battaglia, che nel 2023 potrebbe o meno rimanere limitato all’Ucraina. In poche parole, il punto è che il passaggio alla “Guerra” (incrementale o meno) segna una transizione fondamentale da cui non si può tornare indietro ab initio – le “economie di guerra” in sostanza, sono strutturalmente diverse dalle “normali” da cui ha avuto inizio l’Occidente, e al quale si è abituato negli ultimi decenni. Una società di guerra — anche se solo parzialmente mobilitata — pensa e agisce in modo strutturalmente diverso da una società in tempo di pace.

La guerra non riguarda nemmeno la condotta da gentiluomo. L’empatia per gli altri è la sua prima vittima: quest’ultima è un requisito per sostenere uno spirito combattivo.

Tuttavia, la finzione attentamente curata in Europa e negli Stati Uniti continua che nulla è realmente cambiato o “cambierà”: siamo in un temporaneo “blip”. È tutto.

Zoltan Pozsar, l’influente “oracolo” finanziario del Credit Suisse, ha già sottolineato nel suo ultimo saggio su Guerra e pace ( solo in abbonamento ) che la guerra è ben avviata, semplicemente elencando gli eventi del 2022:

Il blocco finanziario della Russia da parte del G7 (L’Occidente che stabilisce lo spazio di battaglia)
Il blocco energetico russo dell’UE (la Russia inizia a preparare il suo teatro)
Blocco tecnologico della Cina da parte degli Stati Uniti (pre-posizionamento americano di siti per sostenere le operazioni)
Blocco navale cinese di Taiwan, (la Cina dimostra preparazione)
Il “blocco” statunitense del settore dei veicoli elettrici dell’UE con l’Inflation Reduction Act. (I pianificatori della difesa degli Stati Uniti si preparano per le future “linee di rifornimento”)
Il “movimento a tenaglia” della Cina attorno a tutta l’OPEC+ con il crescente trend di fatturare le vendite di petrolio e gas in renminbi. (Lo “spazio di battaglia delle merci” Russia-Cina).
Questo elenco equivale a un importante “sconvolgimento” geopolitico che si verifica, in media, ogni due mesi, allontanando decisamente il mondo dal cosiddetto “normale” (per il quale così tanti nella classe dei consumatori bramano ardentemente) verso uno stato intermedio di guerra.

L’elenco di Pozsar mostra che le placche tettoniche della geopolitica sono seriamente “in movimento” – spostamenti, che stanno accelerando e diventando sempre più intrecciate, ma che sono ancora lontane dall’arrivare a un luogo stabile. La ‘Guerra’ sarà probabilmente un grande disgregatore (come minimo), fino a quando non sarà stabilito un certo equilibrio. E questo potrebbe richiedere alcuni anni.

Alla fine, “War” ha un impatto sulla mentalità pubblica convenzionale, anche se lentamente. Sembra che ci sia la paura dell’impatto su una mentalità impreparata alla base della decisione di prolungare le sofferenze dell’Ucraina, e quindi di innescare la guerra del 2023: si ritiene che un’ammissione di fallimento in Ucraina rischi di spaventare i mercati occidentali volatili (cioè tassi di interesse più elevati per più a lungo). E parlare con franchezza rappresenta un’opzione difficile da prendere per un mondo occidentale – abituato a “decisioni facili” che “può calciare” – da prendere.

Pozsar, essendo un guru della finanza, è comprensibilmente concentrato nel suo saggio sulla finanza. Ma plausibilmente, il riferimento a Manias, Panics and Crashes di Kindleberger non è quindi stravagante, ma incluso come accenno al possibile “colpo” alla psiche convenzionale.

In ogni caso, Pozsar ci lascia quattro punti chiave economici (con l’aggiunta di brevi commenti):

Sfilata missili nucleari cinesi

La guerra è il motore principale della storia dell’inflazione e della bancarotta per gli stati. (Nota: l’inflazione guidata dalla guerra e l’inasprimento quantitativo (QT) emanato per combattere l’inflazione , sono politiche che lavorano in radicale opposizione l’una all’altra. Il ruolo delle banche centrali si attenua nel sostenere le esigenze di guerra – a scapito di altre variabili – in tempo di guerra.
La guerra implica una capacità industriale effettiva ed espandibile per la produzione di armi (rapidamente), che, di per sé, richiede linee di approvvigionamento sicure per alimentare tale capacità. (Una qualità che l’Occidente non possiede più, e che è costoso ricreare);
Le merci che spesso fungono da garanzia per i prestiti diventano scarse e, con quella scarsità, si presentano come “inflazione” delle merci;
E infine, War taglia nuovi canali finanziari, ad esempio “il progetto m-CBDC Bridge” (vedi qui ).
Il punto deve essere sottolineato ancora una volta: la guerra crea dinamiche finanziarie diverse e modella una psiche diversa. Ancora più importante, la “Guerra” non è un fenomeno stabile. Può iniziare con piccoli attacchi tit-for-tat sull’infrastruttura di un rivale e poi – con ogni “passo di missione” incrementale – scivolare lungo la curva verso la guerra totale.
La NATO non è solo una missione che si insinua nella sua guerra alla Russia, è una missione che fa esercizio – temendo un’umiliazione dell’Ucraina sulla scia della precedente débacle in Afghanistan.

L’UE spera di fermare questo slittamento ben prima della guerra totale. È comunque un pendio molto scivoloso. Lo scopo della guerra è infliggere dolore e logorare il nemico. In questa misura è aperto alla mutazione. Sanzioni formali e limiti energetici si trasformano rapidamente in sabotaggio di oleodotti o sequestro di petroliere.

La Russia e la Cina, tuttavia, non sono certo ingenue e sono state impegnate a creare il proprio teatro, in vista di un potenziale scontro più ampio con la NATO.

Cina e Russia possono ora affermare di aver costruito una relazione strategica, non solo con l’OPEC+, ma anche con l’Iran e i principali produttori di gas.

La Russia, l’Iran e il Venezuela rappresentano circa il 40% delle riserve petrolifere accertate del mondo e ciascuno di loro sta attualmente vendendo petrolio alla Cina in cambio di renminbi con un forte sconto. I paesi del GCC rappresentano un altro 40% delle riserve petrolifere provate – e vengono sollecitati dalla Cina ad accettare il renminbi per il loro petrolio – in cambio di investimenti trasformativi .

Questo è un nuovo e significativo spazio di battaglia che viene preparato: porre fine all’egemonia del dollaro facendo bollire lentamente la rana.

La parte contestante ha fatto l’attacco iniziale, sanzionando metà dell’OPEC con quel 40% delle riserve mondiali di petrolio. Quella spinta era fallita: l’economia russa è sopravvissuta – e non sorprende – le sanzioni “hanno fatto perdere” quegli stati all’Europa, “consegnandoli” invece alla Cina.

La Cina intanto corteggia l’altra metà dell’OPEC con un’offerta difficile da rifiutare: “Nei prossimi “tre-cinque anni”, la Cina non solo pagherà più petrolio in renminbi – ma, cosa più significativa, ‘pagherà’ con nuove investimenti nelle industrie petrolchimiche a valle in Iran, Arabia Saudita e più in generale nel CCG. In altre parole, costruirà l’economia della generazione successiva “per questi esportatori di combustibili fossili la cui data di scadenza dell’energia si avvicina.

Il punto chiave qui è che in futuro molto più “valore aggiunto” (nel corso della produzione) verrà catturato localmente, a spese delle industrie occidentali . Pozsar lo chiama sfacciatamente: “La nostra merce, il tuo problema… La nostra merce, la nostra emancipazione”. O, in altre parole, l’asse Cina-Russia sta accendendo i fuochi di un’insurrezione strutturale contro l’Occidente in gran parte del resto del mondo.

I suoi fuochi mirano a “far bollire lentamente la rana” – non solo quella dell’egemonia del dollaro, ma anche quella di un’economia occidentale ormai non competitiva.

Emancipazione? Sì! Ecco il punto cruciale: la Cina sta ricevendo energia russa, iraniana e venezuelana con un grande sconto del 30%. Nel frattempo, l’Europa ottiene ancora energia per la sua industria, ma solo con un grande costo e basso margine. In breve, più, e occasionalmente tutto il valore aggiunto del prodotto sarà catturato da stati “amici” a basso costo energetico, a spese degli “ostili” non competitivi.

“La Cina – la nemesi – paradossalmente è stata un grande esportatore di GNL russo ad alto mark-up in Europa, e l’India un grande esportatore di petrolio russo ad alto mark-up e prodotti raffinati come il diesel – in Europa. Dovremmo aspettarci di più [di questo in futuro] su più prodotti – e fatturati non solo in euro e dollari, ma anche in renminbi, dirham e rupie”, suggerisce Poszar.

Potrebbe non sembrare così ovvio, ma è una guerra finanziaria. Se l’UE è contenta di prendere la “via facile” per uscire dalla sua caduta nella mancanza di competitività (tramite sussidi per consentire importazioni ad alto margine), allora come osservò una volta Napoleone osservando un nemico che commetteva un errore: Osserva il silenzio!

Per l’Europa, questo significa molta meno produzione interna e più inflazione, poiché le alternative di inflazione dei prezzi vengono importate dall’est. L’Occidente che prende la “decisione facile” (dal momento che la sua strategia rinnovabile non è stata ben ponderata), probabilmente troverà l’accordo a scapito della crescita in Occidente – un corso che prefigura un Occidente più debole , nel prossimo futuro.

L’UE sarà particolarmente colpita. Ha scelto di diventare dipendente dal GNL statunitense, proprio nel momento in cui la produzione dai giacimenti di scisto statunitensi ha raggiunto il picco, con la produzione probabilmente destinata al mercato interno statunitense.

Così, come il generale Bierman ha delineato come gli Stati Uniti hanno preparato lo spazio di battaglia in Ucraina, Russia e Cina e i pianificatori dei BRICS sono stati impegnati a preparare il proprio “teatro”.

Naturalmente, non deve essere come “è”: l’inciampare dell’Europa verso la calamità riflette una psicologia radicata dell’élite dirigente occidentale. Non c’è alcun ragionamento strategico, né ‘decisioni difficili’ prese in Occidente. È tutto Merkelismo narcisistico (decisioni dure rinviate e poi “fuggite” attraverso sovvenzioni). Merkelismo è così chiamato dopo il regno di Angela Merkel all’UE, dove la riforma fondamentale è stata invariabilmente rinviata.

Non c’è bisogno di pensare a fondo, o di prendere decisioni difficili, quando i leader sono sostenuti dall’incrollabile convinzione che l’Occidente È il centro dell’Universo. Basta rimandare, aspettando che l’inesorabile si dispieghi.

La storia recente delle guerre eterne guidate dagli Stati Uniti è un’ulteriore prova di questa lacuna occidentale: queste guerre di zombi si trascinano per anni senza alcuna giustificazione plausibile, solo per essere abbandonate senza tante cerimonie. Tuttavia, le dinamiche strategiche erano più facilmente soppresse e dimenticate, quando si combattevano guerre di insurrezione, invece di combattere due stati rivali ben armati e alla pari.

La stessa disfunzionalità è stata evidente in molte crisi occidentali a rotazione lenta: tuttavia, persistiamo … perché la protezione della fragile psicologia dei nostri leader – e di un settore influente del pubblico – ha la precedenza. L’incapacità di tollerare la sconfitta spinge le nostre élite a preferire il sacrificio della propria gente, piuttosto che vedere smascherate le proprie delusioni.

Quindi, la realtà deve essere abiurata. Quindi, viviamo un nebuloso tra i tempi: così tanto accade, ma così poco movimento. Solo quando lo scoppio della crisi non potrà più essere ignorato, nemmeno dai censori MSM e Social, si potrà fare uno sforzo reale per affrontare le cause alla radice.

Questo enigma, tuttavia, questo pone un enorme fardello sulle spalle di Mosca e Pechino per gestire l’escalation della guerra in modo attento, di fronte a un Occidente per il quale perdere è intollerabile.


*Alastair CROOK
Ex diplomatico britannico, fondatore e direttore del Conflicts Forum con sede a Beirut.

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago


4 Commenti
  • angelosanto
    Inserito alle 20:32h, 14 Gennaio Rispondi

    Ottima analisi, espressa in modo comprensibile. Mi pare, purtroppo, che non vengano prospettate vie di uscita all’attuale escalation della guerra a causa dell’ottusa cecità delle elites che governano il mondo.

  • Nuccio Viglietti
    Inserito alle 10:33h, 15 Gennaio Rispondi

    Beh se questi sono risultati di guerra meticolosamente preparata in Ucraina… forse qualcosina dev’essere andato storto!…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

  • Paolo
    Inserito alle 15:17h, 15 Gennaio Rispondi

    Il punto e’ proprio questo: USA e colonie UE non possono perdere, perché non hanno profondità strategica di alcun tipo, essendo società di consumi e basta. Russia e Cina invece possono permettersi rovesci, perché hanno profondità strategiche: la Russia, profondità territoriale e di materie prime; la Cina, profondità demografica ineguagliabile

  • Casinista
    Inserito alle 01:01h, 16 Gennaio Rispondi

    La storia insegna che tutti gli imperi coloniali e militari grossi e prepotenti quando sono in declino a causa del loro malgoverno misto a corruzione , lussuria beghe politiche , eccetera tentano di ritornare a galla bleffando di essere pronti a fare una grande guerra di invasione militare contro altri imperi nascenti oppure fanno una guerra contro piccole nazioni per invaderle e depredarle !
    Dal 1980 USA-UK-UE-ISRAELE hanno fatto guerre ed invaso nazioni per depredarle e rapinarle !
    Purtroppo a causa delle guerre perse e del malgoverno della casta dei Gerarchi Politici e Finanziari di USA-UK-UE-ISRAELE le casse delle TESORERIE OCCIDENTALI sono vuote !
    Con le casse vuote di USA-UK-UE-ISRAELE non si possono fare guerre lunghe né possono usare armamento convenzionale se vogliono vincerle USA-UK-UE-ISRAELE devono usare le armi nucleari e sperare che non ci sia una risposta Nucleare !

Inserisci un Commento