LA GUERRA CON HUAWEI PUÒ ROVINARE L’ECONOMIA AMERICANA E IL MERCATO GLOBALE

Grazie al populismo di Trump, gli Stati Uniti possono subire enormi perdite. Huawei ha già affermato che la ragione per includere la compagnia sulla lista nera è completamente inventata e la risposta sarà molto dura.
La guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina rischia di trasformarsi in un collasso dei mercati mondiali. Quindi, in risposta alla decisione spericolata di Donald Trump e del Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti di aggiungere Huawei alla lista nera, i cinesi stanno per rispondere duramente.

La ragione dell’inserimento della Huawei e delle sue 70 sottodivisioni nella lista nera era per la loro attività, presumibilmente “contraria alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti”. Secondo gli americani, Huawei stava spiando per Pechino. Ma l’azienda cinese risponde con l’accusa di concorrenza sleale sul mercato.

Ora alcune società statunitensi hanno cessato le loro transazioni commerciali con Huawei. Tra queste aziende ci sono giganti del mondo come Google, Qualcomm, Intel, Xilinx e Broadcom.

Questo significa che queste società bloccheranno la possibilità di utilizzare il proprio software e hardware per i prodotti fabbricati dalla Huawei. Nuove consegne non saranno effettuate “fino a nuovo avviso”, riferisce RT. Anche se Google ha dichiarato che “osserva l’ordine e considera le conseguenze” del divieto introdotto da Trump, ma non ha ancora fatto un annuncio ufficiale. Ciononostante, c’è una grande percentuale della probabilità che Huawei non abbia più accesso agli aggiornamenti del sistema operativo Android e dei servizi di Google, e i prodotti futuri non avranno accesso a loro affatto.


Chi sta spiando qualcuno?
Non per la prima volta, gli americani stanno già muovendo per incolpare gli altri di fare confusione con se stessi. Sul chi sia quello che spia chi, si sono accesi i riflettori.

Le uniche accuse fatte di cercare di influenzare le elezioni negli Stati Uniti valgono qualcosa! Sebbene sulla Terra non siano rimasti quasi più stati su cui gli Stati Uniti non abbiano cercato di interferire, per più di due anni gli americani hanno preso serio l’accusa del tentativo russo di influenzare le loro scelte.

L’azienda americana Facebook ha lanciato un’intera macchina di censura, sospettando che i russi stiano usando una fittizia fabbrica di troll per influenzare gli stati d’animo delle persone, mentre loro stessi hanno divulgato dati riservati sui loro utenti a Cambridge Analytica, che ha una forte influenza sulle elezioni.

Ora i sospetti di spionaggio sulla Huawei si sono aggiunti a queste storie piccanti. E questo è proprio in quel momento molto storico, in cui il mondo intero sa già perfettamente che le compagnie americane uniranno i loro dati forniti al loro governo con un semplice clic.

Telefoni HUAWEI Sanzioni


Cosa succederà a Huawei
Huawei era generalmente preparata per questo scenario. La società è presente sul mercato da più di 20 anni e fornisce servizi di comunicazione e internet a più di un terzo della popolazione mondiale in oltre 170 paesi. Contemporaneamente all’uso di prodotti americani, come il sistema operativo Android e i processori Qualcomm, la società era impegnata nello sviluppo e nelle sue controparti. Quindi, anche l’anno scorso all’IFA di Berlino, Huawei ha presentato il suo nuovo processore di punta Hisilicon Kirin 980. È fatto di migliore tecnologia di processo 7-nm. Questa tecnologia offre prestazioni migliori con un minore consumo di energia, oltre a una nuova grafica più potente e meno energivora. Otto processori. Cioè, in generale e in termini pratici, i cinesi hanno imparato a fare a meno di Qualcomm.

E il sistema operativo? Insieme allo sviluppo del processore Kirin, i cinesi erano impegnati nello sviluppo di un nuovo sistema operativo. E hanno creato KirinOS.

Il fatto è che KirinOS, come il sistema operativo russo Aurora (precedentemente noto come Sailfish OS), così come il sistema operativo Android è basato sul kernel Linux. E OS Aurora funziona alla grande con la maggior parte delle applicazioni scritte per Android. Molto probabilmente, KirinOS funziona egregiamente con le applicazioni rilasciate per Android. Inoltre, l’origine comune del sistema operativo consente di trasferire le applicazioni da un sistema operativo a un altro senza grandi sforzi. Quindi anche i cinesi non avranno problemi con il sistema operativo. Lo stesso accade con i servizi di cui Google vuole privare Huawei.

Apple molto usato in Cina


Cosa succederà alle aziende americane
Tuttavia gli americani potrebbero subire enormi perdite. Huawei ha già dichiarato che la ragione per includere la compagnia sulla lista nera è completamente inventata e ci sarà una risposta. Ad esempio, le azioni delle società americane Qualcomm e Xilinx – i principali partner di Huawei, dopo l’annuncio delle restrizioni di Washington, sono crollate drasticamente. Le aziende stanno perdendo uno dei maggiori consumatori dei loro prodotti e, di conseguenza, anche le entrate. Anche la quota di Google si riduce drasticamente. A proposito, se il motore di ricerca e le mappe di Google non saranno presto disponibili per gli smartphone Huawei, la loro nicchia sarà presto presa da qualcun altro. Perché non Yandex, ad esempio?

Inoltre, il principale concorrente di Huawei, la Apple, potrebbe subire forti contraccolpi.. Tutti sanno che la produzione di Apple si trova in Cina e per due motivi. Il primo è che la Cina non consente l’esportazione di metalli delle terre rare come materie prime. Solo i prodotti finiti vengono esportati utilizzando questi elementi. Un 95-97% della produzione di elementi di terre rare si trova in Cina. La seconda ragione è che negli Stati Uniti non esiste semplicemente una risorsa umana sufficientemente qualificata per una produzione così su larga scala. Non c’è nessuno al lavoro, per dirla semplicemente. Inoltre, i cinesi possono dare ai loro compatrioti che lavorano con / su Apple, il punto di partenza per organizzare qualcosa come uni “sciopero tipo italiano” o eseguire contratti correlati sull’orlo del collasso, complicando così notevolmente la vita di Apple.

Nel frattempo, i cinesi hanno già iniziato a boicottare i prodotti Apple. Vale la pena ricordare che la società cinese è capace di consolidamento, cosa che molte altre culture non hanno mai sognato! Di recente, a causa della pubblicità dispregiativa, i cinesi hanno rifiutato di produrre Dolce Gabbana. Le vendite del marchio sono davvero calate, i progettisti hanno dovuto scusarsi. Uno scenario simile sta già iniziando a essere realizzato in relazione a Apple – mentre il calo delle vendite nel più grande mercato cinese, i responsabili della Apple semplicemente non hanno nulla da compensare. Da qui, è la questione di una possibile caduta catastrofica della capitalizzazione, che, insieme ai problemi di Google, Qualcomm, Nvidia, Boeing e Tesla, può portare a una recessione paragonabile alla crisi dei dot-coms alla fine del millennio. Solo allora le risorse virtuali sono state “bruciate” e oggi o domani – lo stesso potrebbe accadere con le produzioni high-tech.

Ma non è tutto. Huawei ha tutte le possibilità di riconquistare completamente gli Stati Uniti, non solo il suo mercato interno, ma anche quello asiatico, poiché non solo ha un’influenza più forte, ma è anche in grado di scaricare il nero. Se prima degli eventi degli ultimi giorni era un po ‘scomodo, ora, supportato da tutta la potenza dello stato cinese, la Huawei può permettersi molto.

E non si parlerà solo di perdite multimiliardarie per le compagnie americane e della minaccia di una grave crisi economica per gli Stati Uniti, ma anche del crollo del mercato globale con conseguenze imprevedibili.

Ksenia Maltseva Fonte: Verità Giornalistica

Traduzione. Segei Leonov

4 Commenti

  • Mario Rossi
    21 Maggio 2019

    Sarà meglio che noi ci facciamo trovare dalla parte giusta perchè la resa dei conti sta arrivando

  • Max Dewa
    21 Maggio 2019

    I cinesi hanno fatto sempre concorrenza sleale LA fanno e LA faranno sempre I diritti dei lavoratori non sanno neanche cosa sono in China sui diritti umani ci sarebbe da chiamarli piuttosto diritti disumani ,hanno I laogai prigioni di uomini che producono a gratis tutto quanto e qiando serve manodopera usano sistemi di deportazione forzata per la manodopera , I cinesi sono gli schiavi per corrispondenza dell’europa e dell’america cio che poveri cinesi producono Va a finire sui banconi dei Wall mart LA catena piu grande di store in America oppure neo 7/11 store mondiale e’ ovunque ,a fare accordi con I cinesi c’ e’ da finire in qualche girone dell’inferno ,Salvini e Di Maio soon da postribolo a fare accordi coi cinesi c’e’ da aver vergogna

  • Woland
    21 Maggio 2019

    I cinesi hanno fatto concorrenza sleale in passato, adesso non ne hanno più bisogno:dovrebbeo forse fare concorrenza a se stessi?
    Semmai sono gli avidi parassiti occidentali che per “guadagnare di più” hanno delocalizzato, cioè hanno smantellato industrie, attività primarie e competenze.
    Queste scelte, miopi e ottuse hanno causato la sconfitta economica dell’occidente (privo di valori e di patriottismo, altrimenti si sarebbero tenuti le industrie) che adesso tenta di usare le minacce la forza e la concorrenza sleale basata su sanzioni menzognere per riconquistare le posizioni perdute.
    Solo che dall’altra parte non c’è un cartello anarchico di ricchi che fa quel che vuole, c’è uno stato organizzato che promuove gli interessi della comunità cinese (il tenore di vita dei cinesi è in crescita costante; dalla classe media in sù è come in occidente (es gli ingegneri guadagnano uguale) è ancora basso per la classe operaia, ma in miglioramento.

  • eusebio
    21 Maggio 2019

    La Cina deve condurre una guerra economica senza quartiere e senza pietà contro gli USA, bloccando la vendita delle terre rare, boicottando i prodotti americani sul suolo cinese, bloccando la produzione in terra cinese di prodotti di aziende USA come Apple e Tesla, e vendendo in massa i titoli di stato USA.
    Ci sono tante aziende estremo-asiatiche, russe ed europee felici di fare affari in Cina, aziende di paesi che non mettono sanzioni e non hanno enormi forze armate con cui bombardano tutto il pianeta.
    Solo il completo collasso economico degli yankee può portare al crollo del complesso militare-industriale.

Inserisci un Commento

*

code