LA GRIGIA REALTÀ DELL’IMPERO DEGLI STATI UNITI IN FASE DI DECADIMENTO

di Dimitry Orlov
Combinato con il collasso finanziario, il decadimento morale e la mancanza di leadership e direzione, dell’unica superpotenza che sta attaccando in tutte le direzioni, diffondendo la distruzione brutale in tutto il mondo per nient’altro che il proprio interesse depravato.

La storia è la stessa ogni volta: alcune nazioni, a causa di una confluenza di circostanze fortunate, diventano potenti, molto più potenti delle altre e, per un certo periodo, sono dominanti. Ma le circostanze fortunate, che spesso rappresentano non più di alcune caratteristiche vantaggiose della geologia, siano esse il carbone del Galles o il petrolio del Texas occidentale, finiranno per concludersi. Nel frattempo, la vecchia superpotenza viene corrotta dal suo stesso potere.

Mentre ci avviciniamo alla fine del gioco, quelli che sono ancora in carica nominalmente mentre si assiste alla frana dell’impero, ricorrono a tutti i tipi di misure disperate, tutte tranne una: si rifiutano di prendere in considerazione il fatto che il loro superpotere imperiale sta per terminare e che loro dovrebbero cambiare di conseguenza i loro sistemi di governo.

George Orwell, una volta, offrì un’eccellente spiegazione per questo fenomeno: quando si avvicina l’ultimo gioco imperiale, diventa una questione di autoconservazione imperiale per creare una classe dominante con uno scopo speciale, quando questa non è in grado di capire che il gioco si sta avvicinando alla sua fine. . Perché, vedete, se avessero un’idea di cosa stia succedendo, non prenderebbero abbastanza sul serio il lavoro per mantenere il gioco il più a lungo possibile.

L’avvicinarsi del collasso imperiale può essere visto nei risultati sempre peggiori che l’impero ottiene dai suoi sforzi di mantenere la supremazia mondiale. Dopo la seconda guerra mondiale, gli Stati Uniti UU. Sono stati in grado di fare un lavoro rispettabile per aiutare a ricostruire la Germania, insieme al resto dell’Europa occidentale. Anche il Giappone ha potuto operare abbastanza bene sotto la tutela degli Stati Uniti, così come la Corea del Sud dopo la fine dei combattimenti nella penisola coreana. Con Vietnam, Laos e Cambogia, tutti paesi che sono stati gravemente danneggiati dagli Stati Uniti, I risultati sono stati significativamente peggiori: il Vietnam è stato una sconfitta assoluta, la Cambogia ha vissuto un periodo di genocidio, mentre il Laos è incredibilmente resistente, il paese più bombardato del pianeta – Si è recuperato da solo.

La prima guerra del Golfo era stata ancora peggiore: temendo di intraprendere un’offensiva di terra in Iraq, gli Stati Uniti non raggiunsero la consueta pratica di rovesciare il governo e installare un regime fantoccio e lo hanno lasciato in un limbo per un decennio. Quando gli Stati Uniti finalmente lo invasero, riuscirono nell’intento, dopo aver ucciso innumerevoli civili e distrutto gran parte delle infrastrutture, lasciando il cadavere smembrato di un paese.

Bombardieri B-52 USA

Risultati simili sono stati raggiunti in altri luoghi in cui gli USA hanno ritenuto opportuno coinvolgersi: la Somalia, la Libia e, più recentemente, lo Yemen. Non andiamo a menzionare nemmeno l’Afghanistan, poiché tutti gli imperi non hanno ottenuto buoni risultati lì. Così la tendenza è inequivocabile: mentre si trova al suo apice, l’impero distrugge per ricostruire il mondo a propria immagine, mentre si avvicina alla sua fine, semplicemente procura maggiori distruzioni, lasciando dietro di sé cumuli di cadaveri e rovine in fiamme .

Un’altra tendenza inequivocabile riguarda l’efficacia della spesa in “difesa” (che, nel caso degli Stati Uniti, dovrebbe essere ridefinita come “crimine”). Avere un esercito profusamente dotato può a volte portare al successo, ma anche in questo qualcosa è cambiato nel tempo. Il famoso spirito americano del “fare” era evidente a tutti durante la seconda guerra mondiale, quando gli Stati Uniti sminuzzavano il resto del mondo con il loro potere industriale, oggi non esiste più. Ora, sempre di più, la spesa militare in sé è l’obiettivo, indipendentemente da quello che raggiunge.

E quello che raggiunge è l’ultimo aereo da combattimento F-35 che non può volare; l’ultima portaerei che non può lanciare gli aerei senza distruggerli se sono equipaggiati con i sistemi armati ausiliari di cui hanno bisogno per volare in missioni di combattimento; il cacciatorpediniere AEGIS tecnologicamente più avanzato che può essere eliminato dall’intrvento di un solo aereo russo disarmato che trasporta un cesto di equipaggiamento di guerra elettronica; e un’altra portaerei che può essere spaventata in acque profonde e costretta ad ancorare da alcuni sottomarini russi in pattuglia di routine.

Ma agli americani piacciono le loro armi e gli piace condividerle come dimostrazione di sostegno. Ma il più delle volte queste armi finiscono nelle mani sbagliate: quelle che sono state consegnate all’Iraq sono ora nelle mani dell’ISIS; quelle date ai “ribelli moderati” in Siria sono ugualmente finite nelle mani dell’ISIS. Quelle che hanno dato ai nazionalisti ucraini, sono state poi vendute al governo siriano; quelle che hanno dato al governo nello Yemen sono ora nelle mani degli Houthi che hanno di recente rovesciato tal governo. E così anche l’efficacia delle spese militari di lusso è diminuita. Ad un certo punto può essere più efficace modificare la stampa dei biglietti del Tesoro degli Stati Uniti per distruggere i fasci di dollari USA nella direzione generale del nemico.

Con la strategia di “distruggere per creare” non è più perseguibile, ma la cieca ambizione di continuare a cercare di prevalere in tutte le parti del mondo, in qualche modo è ancora parte della cultura politica, tutto quello che rimane è l’omicidio mirato. Lo strumento principale della politica estera si tramuta in un assassinio politico: Saddam Hussein, Muammar Gheddafi, Slobodan Milošević, Osama bin Laden, o qualsiasi numero di obiettivi minori, l’idea è semplicemente ucciderli.

Mentre prendere di mira il capo di un’organizzazione è una tecnica preferita, anche la popolazione generale riceve la sua quota di omicidi. Quanti funerali e matrimoni sono stati eliminati dagli attacchi dei droni? Non so che qualcuno negli Stati Uniti lo sappia davvero, ma sono sicuro che quelli che hanno ucciso i loro parenti si ricordano di lui e lo ricorderanno almeno per i prossimi secoli. Questa tattica generalmente non favorisce la creazione di una pace duratura, ma è una buona tattica per perpetuare e intensificare i conflitti. Ma questo è ora un obiettivo accettabile, perché crea la ragione per aumentare la spesa militare, il che rende possibile generare più caos.

Recentemente, un generale in pensione degli Stati Uniti è andato in televisione per dichiarare che ciò che è necessario per risolvere la situazione in Ucraina è semplicemente “iniziare a uccidere i russi”. Contro di lui. Ora questo generale non sarà in grado di viaggiare in un numero crescente di paesi in tutto il mondo per paura di essere arrestato e deportato in Russia per un processo.

Questo è in gran parte un gesto simbolico, ma sicuramente seguiranno gesti non simbolici di natura preventiva. Vedi, l’omicidio è illegale. Nella maggior parte delle giurisdizioni, è illegale anche incitare altri a uccidere. Agli americani è stata concessa la licenza di uccidere senza verificare se potrebbero superare la loro autorità. Dobbiamo quindi sperare che, man mano che il loro potere si esaurirà, la loro licenza di uccidere verrà revocata e si ritroveranno riclassificati dalla egemonia globale ai semplici assassini.

Quando gli imperi collassano, si rivolgono verso l’interno e sottopongono le proprie popolazioni allo stesso maltrattamento a cui sottopongono agli altri. Qui, gli Stati Uniti sono eccezionali: il numero di americani uccisi dalla loro stessa polizia, con ripercussioni minime per coloro che commettono l’omicidio, è piuttosto impressionante. Quando gli americani si chiedono chi sia veramente il loro nemico, non hanno più bisogno di cercare.
Ma questo è solo l’inizio: il precedente è già stato stabilito per schierare le truppe statunitensi sul suolo americano . Mentre la legge e l’ordine si rompono in sempre più posti, vedremo sempre più truppe statunitensi per le strade delle città degli Stati Uniti, diffondendo morte e distruzione come hanno fatto in Iraq o in Afghanistan. . L’ultima licenza per uccidere quella che verrà revocata sarà la licenza per ucciderci.

Fonte: Russia Insider

Traduzione: Luciano Lago

3 Commenti

  • Eugenio Orso
    24 Giugno 2019

    La belva ferita è quella più pericolosa …. aspettimoci il peggio, nei prossimi tre anni.

    Cari saluti

  • michele
    24 Giugno 2019

    gran articolo sulla vera realtà odierna!!!!!!!!!!

  • eusebio
    24 Giugno 2019

    Essere sudditi di un impero moribondo spesso può essere molto costoso, a quanto pare l’Ucraina sta per fallire e questo fallimento sarà pagato sopratutto dagli europei, sia in termini di crediti persi sia in termini di carenza di gas in quanto la Ukrtransgaz, la società di gasdotti ucraina è quasi fallita e non più in grado di manutenere la rete e quindi di spedire il gas russo verso la UE.
    Gli USA per obbedire ad Israele ha distrutto l’Ucraina per indebolire la Russia, e ora i danni li paghiamo noi.

Inserisci un Commento

*

code