La grande rapina e le banche d’affari Rothschild & Co. e Lazard Brothers


di Marc Gabriel Draghi

Per questo sistema basato sul debito, che come abbiamo detto sembra inaugurare una nuova era del capitalismo finanziario, proprio il debito è il problema principale. È anche il vizio che porta a tutti gli altri: disintegrazione e distruzione dello Stato, massiccia immigrazione clandestina, mediocrazia generalizzata, repressione sociale, distruzione dell’apparato produttivo, ecc.

Ma come puoi immaginare, alcune persone hanno tutto l’interesse a perpetuare e persino a sviluppare questo sistema del debito.

In effetti, dall’inizio dell’estate, una musica soft viene ascoltata nei circoli superiori della Elite e inizia a essere trasmessa dai circoli dei media. Gli addetti ai lavori non si nascondono per dirci che il Debito, per noi popolo, non è un nostro problema e che è ancora una volta la soluzione è nelle loro mani.

Così, le nostre due maggiori banche di investimento in Francia, di fama mondiale e che come diceva un famoso cantante non conoscono la crisi, spingono i nostri leader politici ad indebitarci. Il successore di Mathieu Pigasse, il banchiere Jean-Louis Girodolle, amministratore delegato di Lazard frères, ci spiega quindi che “sarebbe assurdo non indebitarsi ” e che i grandi paesi come la Francia non avranno problemi per finanziare il loro rilancio …

È chiaro che la situazione del debito globale in continua crescita e la probabile bancarotta degli Stati sembrano fare gli affari di alcuni. I Lazard, i Rothschild e le società si stanno preparando ad affrontare un aumento di parte della loro attività, in particolare con future politiche di ristrutturazione del debito sovrano e fusioni / acquisizioni di società in difficoltà.

Inoltre, un inserto pubblicato in un articolo del quotidiano Les Échose, trattando con le banche d’affari Rothschild and Co e Lazard, riassume perfettamente questo fenomeno: “L’abbandono di Matthieu Pigasse non ha impedito a Lazard di vincere due prestigiosi mandati nel Consiglio degli States. La banca è stata scelta da Argentina e Libano, due paesi sull’orlo della bancarotta. Secondo il quotidiano libanese “L’Orient-Le Jour”, non meno di dodici oganismi erano in corsa per sostenere il governo di Hassan Diab.

Schiavitù del debito

Il grande concorrente di Lazard, Rothschild & Co, era tra i candidati, così come il Global Sovereign Advisor – creato un anno fa da Anne-Laure Kiechel, il “banchiere di Grecia”, che in precedenza aveva prestato servizio presso Rothschild. Lazard ha beneficiato della sua presenza di lunga data in Libano e del lavoro svolto da François Kayat, questo franco-libanese che è diventato co-presidente non esecutivo della banca in Francia lo scorso anno. Anche l’Argentina, che si avvia verso il nono default della sua storia, ha scelto la banca con la maggiore esperienza nelle operazioni di debito. Sia Buenos Aires che Beirut hanno assunto come consulente legale il famoso studio americano Cleary Gottlieb, che ha aiutato quasi tutti gli stati finanziariamente asfittici. “

Il Covid-19 ha sicuramente ucciso come un’influenza, ma è la crisi che ne deriverà che porterà all’uccisione di un gran numero di piccole e medie strutture economiche (in Francia come nel sud Europa) che compongono il nostro fragile tessuto economico, quel Capitale che l’apolide desidera liquidare per aumentare ulteriormente i propri guadagni.

Tuttavia, la disoccupazione non interesserà tutti i settori. Le banche d’affari, sin dal confino, temono di non trovare abbastanza “manodopera”. Così, ogni volta, la crisi costringe le grandi banche di investimento a reclutare massicciamente nuovo personale(così è stato anche nel 2009). Come quello che è stato detto, forse in buona fede da Emmanuel Macron, quando ha spiegato a un giovane disoccupato che in tempi di crisi basta “attraversare la strada” per trovare un lavoro. È vero che quando hai il tuo profilo (cioè quello di un parassita terziario predatore), in un periodo di predazione finanziaria generalizzata, l’accesso al lavoro è sicuramente un po ‘più facile …

Possiamo quindi porci questa domanda: è una coincidenza che le grandi banche di investimento sopravvivano e persino diventino sempre più potenti dopo ogni grande crisi sistemica?
La risposta è ovviamente no.

Il debito struttura il potere bancario e dissolve gradualmente uno degli ultimi meccanismi di protezione contro il mondo del denaro: la Nazione.

Jacques Attali super massone ed agente dei Rothshild

Debito prima della guerra
Per distruggere una nazione ci sono ovviamente i mezzi militari, ma l’attacco finanziario può anche rivelarsi altrettanto efficace e devastante.

Il caso della Grecia dopo la ristrutturazione del debito da parte della Troika (FMI, BCE, Commissione) è il miglior esempio. Solo due anni dopo che la Grecia si era accordata con i suoi creditori, la mortalità infantile salì alle stelle (+ 47%), gran parte del popolo greco non aveva più accesso a cure mediche e farmaci, il tasso di investimento è diminuito da quasi 2/3 da 57 miliardi di euro a 18 miliardi, la disoccupazione è aumentata notevolmente, i beni nazionali sono stati venduti (isole, edifici, porti, ecc..). Questo paese, a cui l’iperclasse eurolatra si proponeva di dissanguarsi per guarire, in verità è crollato, sin dalla sua acquisizione da parte dei suoi creditori!

Tuttavia, il suo debito (che era il suo problema principale nel 2015) non è diminuito, è addirittura esploso (187% del PIL e sarà al + 200% nel 2022). La Grecia sta quindi sprofondando nella povertà, perché tradita da politici traditori dei suoi interessi nazionali come Tsipras e Syriza.

E in verità, il decennio che abbiamo appena trascorso (era dell’austerità) è la prima fase di un attacco delle élite transnazionali al nostro paese e, su scala più ampia, al nostro continente. Il nostro futuro a breve termine è quello dei Greci, anche se la Francia ha infinitamente più margini di manovra e risorse della nazione Ellenica.

L’iperclasse ha da tempo voluto allineare la Francia, ma più in generale l’Europa (classi lavoratrici e classi medie) con il resto del mondo (in particolare Medio Oriente, Africa, ma anche Cina e India)

L’Ordo liberalismo, promotore del libero scambio inegualitario, sembra aver guidato il primo assalto di questo attacco dal 2008 al 2019. Ma sembra che l’uccisione delle classi popolari lavoratrici e delle classi medie produttive si apra con questo anno post-scolastico covidiano.

Non pensate che con la crisi sanitaria l’ondata di repressione sociale si fermerà. Al contrario, il golem Macron, ex Rothschild and Co, ha una missione e ha intenzione di attuarla … Le riforme verranno riattivate e saranno ancora più letali …

La distruzione del bene comune e la spoliazione del maggior numero di persone non si sono fermate durante questa vera e falsa crisi sanitaria. L’attenzione dell’opinione pubblica è stata appena deviata principalmente dalle tensioni razziali e comunitarie. La crisi progressiva e la guerra civile organizzata latente (lotta orizzontale) indeboliranno i popoli per farli passare a questo Nuovo Mondo, voluto dall’establishment: questo del famoso giorno dopo.

Per uscirne e non morire, non abbiamo mille soluzioni davanti a noi, dobbiamo combattere questo sistema finanziario transnazionale di estorsione e abbracciare veramente questo problema del debito perpetuo.

A livello nazionale mediante un ritorno al franco, alla lira e alla peseta e alla sovranità monetaria e, a livello internazionale, promuovendo un ritorno al bimetallismo oro / argento. Infine, non dimentichiamo che l’oro e l’argento, a differenza della nostra valuta attuale, non sono legati a un debito. E che anche se ai vampiri piace l’oro, un proiettile d’argento nel cuore può bastare per annientarci.

Marc Gabriel Draghi

Vedi articolo precedente : Debito infinito e morte delle nazione

Fonte: Geopolitique Profonde

Traduzione: Luciano Lago

7 Commenti

  • Sandro
    9 Settembre 2020

    Si, è vero, questi sistemi sono di certo vincenti, quelli cioè di mette alla fame il prossimo per piegarlo alla proprie necessità (ho detto necessità, non volontà, di cui essi stessi – gli ideatori – sono alla berlina) Il debito è stato creato ad arte, come ad arte si impoverisce preventivamente colui di cui si teme la difesa per il maltolto che può essere messa in atto solo attraverso una consolidata finanza.

    • atlas
      10 Settembre 2020

      ►Sceglieremo fra il pubblico amministratori che abbiano tendenze servili. Essi non avranno esperienza dell’arte di governare, e perciò saranno facilmente trasformati in altrettante pedine del nostro giuoco; pedine che saranno nelle mani dei nostri astuti ed eruditi consiglieri, specialmente educati fino dall’infanzia nell’arte di governare il mondo. [Protocollo II]

      ►La stampa è una grande forza nelle mani dei presenti Governi, i quali per suo mezzo controllano le menti popolari. La stampa dimostra le pretese vitali della popolazione, ne rende note le lagnanze e talvolta crea lo scontento nella plebe. La realizzazione della libertà di parola nacque nella stampa, ma i governi non seppero usufruire di questa forza ed essa cadde nelle nostre mani. Per mezzo della stampa acquistammo influenza pur rimanendo dietro le quinte. [Protocollo II]

      ►Determineremo una crisi economica universale con tutti i mezzi clandestini possibili coll’aiuto dell’oro, che è tutto nelle nostre mani. In pari tempo getteremo sul lastrico folle enormi di operai, in tutta l’Europa. [Protocollo III]

      ►I governi li abbiamo trasformati in arene dove si combattono le guerre di partito. Fra poco il disordine ed il fallimento appariranno ovunque. Chiacchieroni irrefrenabili trasformarono le assemblee parlamentari ed amministrative in riunioni di controversia. Giornalisti audaci, e sfacciati scrittori di opuscoli, attaccano continuamente i poteri amministrativi. L’abuso del potere preparerà definitivamente il crollo di tutte le istituzioni e tutto cadrà sotto i colpi della popolazione inferocita. [Protocollo III]

      ►Tutti i cosidetti “diritti del popolo” possono esistere solo in teorie le quali non sono praticamente applicabili. Qual vantaggio deriva ad un operaio del proletariato, curvato dalle sue dure fatiche ed oppresso dal destino, dal fatto che un ciarlone ottiene il diritto di parlare, od un giornalista quello di stampare qualsiasi sciocchezza? A che giova una costituzione al proletariato, se da essa non riceve altro benefizio che le briciole che gli gettiamo dalla nostra tavola quale ricompensa perché dia i suoi voti ai nostri agenti? [Protocolo III]

      ►Essi tollerano da parte dei loro attuali dittatori, Presidenti dei Consigli e Ministri, degli abusi per il più piccolo dei quali avrebbero ucciso cento re. Come si spiega questo stato di cose? Perché le masse sono tanto illogiche nel farsi un concetto degli avvenimenti? La ragione è che i despoti persuadono il popolo, per mezzo dei loro agenti. [Protocollo III]

      ►Chi o che cosa può detronizzare una potenza segreta? Ebbene tale è appunto il nostro Governo. La loggia massonica in ogni parte del mondo agisce inconsciamente da maschera al nostro scopo. Ma l’uso che faremo di questa potenza nel nostro piano di azione, come i nostri quartieri generali, restano perpetuamente sconosciuti all’universo. [Protocollo IV]

      ►La libertà potrebbe non essere danno e sussistere nei governi e nei paesi senza pregiudicare il benessere del popolo, se fosse basata sulla religione, sul timore di Dio e sulla fratellanza umana, scevra da quei concetti di uguaglianza che sono in contraddizione diretta con le leggi della creazione che hanno ordinato la sottomissione. Retto da una fede simile, il popolo sarebbe governato dalle parrocchie e vivrebbe tranquillamente ed umilmente sotto la tutela dei suoi pastori spirituali, sottomettendosi all’ordinamento da Dio stabilito sulla terra. Ed è perciò che dobbiamo cancellare persino il concetto di Dio dalle menti dei Cristiani, rimpiazzandolo con calcoli aritmetici e bisogni materiali. Questa società diventerà completamente indifferente e persino nemica della religione e disgustata dalla politica. La bramosia dell’oro sarà l’unica sua guida. E questa società lotterà per l’oro, facendo un vero culto dei piaceri materiali che esso può procacciarle [Protocollo IV]

      ►Oltre a ciò, fra le nostre doti amministrative contiamo quella di saper governare le masse e gl’individui per mezzo di fraseologie astute, di teorie confezionate furbamente, di regole di vita e di ogni altro mezzo d’inganno allettante. [Protocollo V]

      ►Al mondo, in fin dei conti, importerà poco se diventerà suo padrone il capo della Chiesa Cattolica, oppure un tiranno del sangue di Sionne. Ma per noi “popolo prediletto” la questione non è indifferente. [Protocollo V]

      ►Noi siamo troppo potenti; il mondo intero deve fare i conti con noi. I Governi non possono fare il più piccolo trattato senza il nostro intervento segreto. “Per me reges regunt” – i sovrani regnano per mezzo mio -. Leggiamo nella Legge dei Profeti, che siamo prescelti da Dio per governare il mondo. [Protocollo V]

      ►Quando raggiungeremo una simile posizione, potremo immediatamente assorbire tutti i poteri governativi del mondo e formare un Super-governo universale; al posto dei governi ora esistenti, metteremo un colosso che si chiamerà l’”Amministrazione del Supergoverno”. Le sue mani si allungheranno come immense tenaglie e disporrà di una tale organizzazione, che otterrà certamente la completa sottomissione di tutti i paesi. [Protocollo V]

      ►Il principale successo in politica consiste nel grado di segretezza impiegato nel conseguirlo. Le azioni di un diplomatico non devono corrispondere alle sue parole. Per giovare al nostro piano mondiale, che si avvicina al termine desiderato, dobbiamo impressionare i governi dei Gentili mediante la cosidetta pubblica opinione, che in realtà viene dovunque preparata da noi per mezzo di quel massimo fra i poteri che è la stampa, la quale – fatte insignificanti eccezioni di cui non è il caso tener conto – è completamente nelle nostre mani. In breve: per dimostrare che tutti i governi dei Gentili sono nostri schiavi, faremo vedere il nostro potere ad uno di essi per mezzo di atti di violenza, vale a dire, con un regno di terrore (Notate lo stato attuale della Russia). [Protocollo VII]

      ►Le plebi proclamano a gran voce la necessità di risolvere il problema sociale, mediante l’internazionale. I dissensi fra i partiti li danno nelle nostre mani, perché, per condurreun’opposizione è essenziale aver del denaro, e questo lo controlliamo noi. [Protocollo IX]

      https://infoalternativablog.wordpress.com/2014/10/18/la-questione-dei-protocolli-dei-savi-anziani-di-sion-verita-o-falsi-clamorosi-giudicate-voi/

      tu non devi preoccuparti sandro. Tu non sei un’operaio. Tu fai parte di un illustre consesso di giureconsulti

      continua

  • Marte
    9 Settembre 2020

    Non durerà. I parassiti continueranno a gonfiarsi sino a scoppiare e ne uscirà solo carta e carta. Non durerà. La guerra arriverà come un ladro di notte e li ghermirà. Si arricchiscono con la guerra? Solo se potranno operare protetti fisicamente e strutturalmente a sufficienza. Quando gli States e l’Inghilterra riceveranno sul loro territorio la giusta mercede per le loro mascalzonate e salteranno le reti elettroniche, quando assaggeranno la devastazione sul loro stesso territorio, i parassiti potranno anche nascondersi nei loro bunker, ma la gente inferocita li seppellirà vivi e non potranno mai più uscire dalle loro tombe. Moriranno coi loro soldi.

  • Giorgio
    9 Settembre 2020

    Supplizio di Tantalo per gli anglo sionisti e la finanza global liberista …….

  • Alvise
    9 Settembre 2020

    Sinceramente non capisco che minchia centri la foto delle mani del negro in catene., completamente fuorviante rispetto al contenuto dell’articolo. Fino a prova contraria, siamo noi bianchi europei nel mirino della finanza apolide globalista. Solita propaganda del cazzo che fa anche controinformazione.info.

  • Eugenio Orso
    9 Settembre 2020

    Nel mondo antico era in vigore la schiavitù per debiti, che coinvolgeva il debitore insolvente e il suo nucleo familiare.
    Era un modo per procurare braccia a basso costo per il lavoro, naturalmente coatto.
    La presenza e in certi periodi l’abbondanza degli schiavi, per guerre ma anche per debiti, assieme all’utilizzo dell’energia animale, ha impedito lo sviluppo delle macchine.
    Oggi, che la crematistica e l’usura hanno definitivamente vinto, pur in forme molto più sofisticate rispetto a quelle originarie dell’epoca di Aristotele. la schivitù per debiti che si pratica, per saccheggiare le risorse dei popoli e delle nazioni, è quella del debito pubblico.
    Il debito pubblico di oggi corrisponde alle catene che, almeno simbolicamente, mantenevano in una situazione di costrizione gli schiavi del mondo antico …

    Cari saluti

  • antonio
    9 Settembre 2020

    hanno rovinato il Monte Paschi, con complicità interne appioppandogli un Antonveneta zeppa di debiti ad una cifra sconsiderata, ed ora se lo vorrebbero riacquistare a 2 euro, tattica disonesta e truffaldina, e purtroppo i complici sono i nostri bei governatori di Bankitalia del passato ( c’ è pure il morto ammazzato sucidato il povero David Rossi )

Inserisci un Commento

*

code