La grande Gaffe

di Alastair Crooke .

Contrariamente ai realisti di Washington, l’Europa è tutta mossa da uno “Zelensky scatenato”. Mentre gli europei cercano di trovare una soluzione che corrisponda alla grande ambizione dei leader ucraini, questi si dissociano completamente dalla realtà.

“Per l’amor di Dio, quest’uomo [Putin] non può rimanere al potere”. Non potrebbe essere più chiaro: l’appello di Biden al cambio di regime in Russia e non è stato un “errore” improvvisato. È stato deliberato. È stato dichiarato come il culmine di un discorso accuratamente coreografato che ha definito l’eredità, in un luogo scelto deliberatamente (Polonia) dove la chiamata sarebbe stata ben accolta. Inoltre, siamo stati informati con due giorni di anticipo che Biden avrebbe dovuto fare una dichiarazione importante mentre era a Varsavia.

Inoltre, il discorso di Biden non conteneva nulla di sostanziale, a parte il suo disprezzo del presidente Putin. Quindi, se il cambio di regime non era la sostanza di questa importante affermazione, allora cosa lo era?

Il tentativo della Casa Bianca di fare marcia indietro era comprensibile, visto il clamore che ne è seguito. Ma il “chiarimento” era una sciocchezza. I funzionari hanno affermato che ciò che Biden aveva appena detto non era una politica ufficiale e un editoriale del Wall Street Journal ha raccomandato sprezzantemente che “il presidente dovrebbe evitare di parlare in pubblico”.

Quindi la domanda non è più se Biden sia incline alle gaffe, che sono “vecchie notizie”. Piuttosto, il punto cruciale è: se Biden pronuncia una dichiarazione politica in modo così chiaro e lucido, ed è immediatamente contraddetta da funzionari che dicono “non è la nostra politica”, chi allora definisce e parla per la politica americana? C’è qualcuno più in alto sull’albero?

Naturalmente, il mondo crede esattamente che ci sia qualcuno o un “collettivo” Biden più in alto nell’albero della strategia americana. Ma chi, o quale interesse, è decisivo in questa materia? Questo conta molto quando si tratta della Russia. Biden non ha sbagliato, anzi ha rivelato, in modo non sfumato, che Washington vorrebbe ottenere un cambio di regime, prima a Mosca (poi a Pechino).

In effetti, questa aspirazione è stata trasparente quando “le potenze esistenti” a Washington hanno posto le basi per quella che speravano sarebbe stata la rovina del rublo, una corsa massiccia alle banche russe, un crollo economico e, in definitiva, una crisi politica che culminerebbe con… un cambio di regime, ovviamente.

Beh, non ha funzionato . Il rublo è caduto, ma non è crollato e si sta riprendendo. Ma ecco che arriva: “L’unico finale in città ora”, ha accennato un alto funzionario dell’amministrazione in un evento privato all’inizio di questo mese, “è la fine del regime di Putin”. Fino ad allora, finché Putin rimarrà in carica, [la Russia] sarà uno stato paria che non sarà mai reintegrato nella comunità delle nazioni. La Cina ha commesso un grave errore pensando che Putin l’avrebbe fatta franca”.

Biden non era quindi errato nella sua definizione degli obiettivi americani. Quello di cui Biden è accusato è che, infiammato dal fervore emotivo della guerra liberale contro i “barbari d’Oriente”, lo abbia detto “ad alta voce”.

Questo non ha scioccato i russi, ovviamente. Ma ha fatto venire i brividi ai colleghi più deboli in tutto il mondo, che si sono svegliati con l’idea: se possono farlo in Russia, perché non anche a me?

Quindi la domanda rimane: chi a Washington è decisivo per la Russia: Obama, la “signora”. Clinton, i falchi filo-ucraini al Dipartimento di Stato, i realisti al Pentagono, il Deep state o la lobby degli armamenti? Per ora, potrebbero essere gli astuti realisti del Pentagono, che hanno capito che la Russia sta raggiungendo i suoi obiettivi militari in Ucraina e hanno concluso che è tempo di abbandonare il dosaggio quotidiano delle “false bandiere” delle narrazioni. La realtà improvvisamente entra in scena e il pubblico americano sente l’odore di un’altra grande debacle occidentale.

In Europa la realtà non ha certo “morso”. A loro non piaceva che Biden esclamasse: “Per l’amor di Dio, quest’uomo non può rimanere al potere”. Eppure era stato il ministro delle finanze francese a esultare in precedenza dicendo: “Causeremo il collasso dell’economia russa”, e si vantava che gli equilibri di potere nella resa dei conti delle sanzioni tra l’Unione Europea e la Russia erano “totalmente” a favore dell’Ue, che “sta scoprendo il suo potere economico”.

Beh, anche questo non funziona molto bene. Al contrario, come osserva Ambrose Evans-Pritchard sul Telegraph, “quello che ora è chiaro – è che la politica sanzionatoria occidentale è il peggior mondo possibile. Stiamo subendo uno shock energetico che sta gonfiando ulteriormente le entrate di guerra della Russia… La paura di una rivolta dei Gilet Gialli è diffusa in Europa, così come il sospetto che un pubblico volubile non tollererà lo shock del costo della vita una volta che gli orrori dell’Ucraina avranno hanno perso la loro novità sugli schermi televisivi”.

Tuttavia, a differenza degli astuti realisti di Washington, l’Europa è tutta mossa dallo ” sguinzagliato Zelensky “: gli analisti europei sezionano all’infinito le viscere di una serie di interviste utilizzate da Zelensky per smascherare i compromessi che “sarebbe pronto ad accettare” da Mosca. In queste occasioni, Zelensky avverte severamente Mosca che è nel loro interesse negoziare in modo ragionevole ora, poiché il prossimo leader ucraino potrebbe essere più giovane e meno disposto a scendere a compromessi…

Zelensky cerca la guerra o il negoziato? Dipende da quanto gli ordinano da Washington

Chiaramente, l’Europa è ancora totalmente in preda alla sua stessa febbre bellica emotivamente carica. In teoria – sì – ci può essere un risultato negoziato in Ucraina. Mosca ha ripetutamente ripetuto questa possibilità. Ma questo si può fare solo guardando la realtà “negli occhi”. I diplomatici odiano sentirsi dire questo, ma i “fatti sul campo” possono rendere inutili i negoziati diplomatici. E i fatti parlano da soli.

I fatti sono accertati sul campo dalle forze russe. Se Zelensky vuole imporre le sue condizioni, deve avere il potere di farlo – in caso contrario, Mosca può completare la sua smilitarizzazione dell’Ucraina, porre fine all’operazione militare nel Donbass e lungo la costa del Mar Nero e tornare a casa (con l’avvertimento che qualsiasi tentativo futuro di creare un pantano ucraino sarebbe accolto con un’appropriata risposta “Kinzhal” ipersonic ).

Fonte: Al Mayadeen

Traduzione: Luciano Lago

4 Commenti
  • Gabriella
    Inserito alle 21:46h, 05 Aprile Rispondi

    L’Europa che corre dietro a Zelensky assomiglia ai topi che correvano dietro al pifferaio di Hamelin, e faranno la stessa fine di quei topi: nel burrone
    (la differenza- onorevole per quei topi- è che almeno loro erano incantati da un suonatore di un piffero vero, mentre gli europei sono incantati dal suonatore di un piffero metaforico , a eterna loro vergogna – ci sono ancora i filmati su youtube, della grottesca scenetta)

  • natalino
    Inserito alle 23:59h, 05 Aprile Rispondi

    Non é un piffero metaforico ma un pianoforte che Zelenski suonava con il menbro (comunemente detto caz.zo) durante uno dei suoi spettacoli di successo. L’Europa, eccetto alcuni salvifici casi come Ungheria, Serbia etc, che si fa incantare da un suonatore di pianoforte con il caz.zo mi lascia piuttosto disorientato e ho serie difficoltá a discernere il faro di civiltá nel mondo che si vanta di essere.

  • Giovanni
    Inserito alle 08:58h, 06 Aprile Rispondi

    Caspita sleepy Joe né ha fatta un’altra : ha detto la verità sui desiderata del Deep state. Sono arrabbiati, la rivoluzione colorata in programma non è riuscita. È per questo che quell’ istrione di Zelenski fa la voce grossa. I pupari oltreoceano lo muovono. Poveri Ucraini nelle mani di costui.

  • Nuccio Viglietti
    Inserito alle 09:40h, 06 Aprile Rispondi

    Irragionevole oscuro fremito di mortale autodistruzione attraversante UE da oltre vent’anni… approdato forse a contrazione finale?…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

Inserisci un Commento